La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Abbasanta ed i dintorni con il Nuraghe Losa, uno dei quattro complessi nuragici più importanti dell'Isola

In questa tappa del nostro viaggio, proseguiremo la visita del Guilcer sull'altopiano di Abbasanta, dove visiteremo la cittadina di Abbasanta, nei cui dintorni andremo a vedere il grande Nuraghe Losa, uno dei quattro siti nuragici più importanti di tutta la Sardegna.

La Regione storica del Guilcer

Il GuilcerIl Guilcer è un'area geografica situata al centro dell'isola ed è, da secoli, crocevia di attività e commerci, comprende un Altopiano basaltico e la sottostante pianura dove scorre il fiume Tirso e si trova l'invaso artificiale del Lago Omodeo. L'Unione dei Comuni del Guilcier è stata istituita nel 2008 quando i Sindaci di Abbasanta, Aidomaggiore, Boroneddu, Ghilarza, Norbello, Paulilatino, Sedilo, Soddì, e Tadasuni, hanno sottoscritto l'Atto Costitutivo, convalidando la costituzione del nuovo ente. Prima di allora i Comuni venivano considerati appartenenti alla Regione storica del Barigadu. Il Guilcier raccoglie numerosi tesori archeologici, tra i quali ricordiamo per importanza il Nuraghe Losa di Abbasanta, la Chiesa di San Pietro di Zuri, la Torre Aragonese a Ghilarza, il complesso archeologico di Santa Cristina a Paulilatino, la foresta pietrificata a Soddì e la Chiesa dei Templari a Norbello.

Visualizza la mappa In viaggio verso Abbasanta

Dal Municipio di Paulilatino prendiamo in direzione nord ovest il viale della Libertà, dopo quattrocento metri svoltiamo leggermente a destra allo svincolo per Sassari e prendiamo la SS131 di Carlo Felice, la seguiamo per quattro chilometri e, seguendo le indicazioni per Nuoro e Olbia, prendiamo verso destra il raccordo che ci porta sulla SS131 Diramazione Centrale Nuorese, la seguiamo per circa un chlometro e mezzo, poi prendiamo l'uscita verso Abbasanta che in poco più di un chilometro e mezzo ci porta all'interno dell'abitato. Dal Municipio di Paulilatino a quello di Abbasanta si percorrono 8.7 chilometri.

La cittadina di Abbasanta Informazioni turistiche

Abbasanta-Veduta dell'abitatoAbbasanta-Stemma del comuneLa cittadina di Abbasanta (altezza metri 313, abitanti 2.827), che dà il suo nome all'altopiano basaltico posizionato nel centro del Barigadu, sul quale sorge l'abitato, si trova in un territorio ricco di boschi naturali, recentemente diventato anche nodo stradale con il completamento della SS131 di Carlo Felice diramazione, il cui tracciato ne attraversa il territorio. La linea ferroviaria che collega Cagliari con Ozieri Chilivani ha uno scalo sul posto. Il territorio comunale presenta un profilo geometrico irregolare, con i 483 metri di quota, ed è ricco di sorgenti anche se alcune non hanno più acqua a causa del dissesto idrogeologico. La principale caratteristica del suo paesaggio è la stretta connessione tra l'ambiente naturale e la presenza umana, dato che l'uomo ha esercitato un ruolo notevole, condizionando il paesaggio vegetale, sostituendolo con colture agrarie, foreste di sughere, olivastri e rovelle, ma mantenendo sempre vaste superfici a pascolo semi naturale.

Origine del nome

Il suo nome deriva dal sardo abba, ossia acqua, e santa, ossia santa, sacra, salutare, in riferimento alle acque che sgorgavano a poca distanza dal borgo, alle quali era attribuito un potere terapeutico. In età romana era conosciuta con il nome della cittadina di Ad Medias Acquas, mentre il nome della cittadina Aba Sancta viene citato per la prima volta nel dodicesimo secolo nelle «Rationes decimarum Sardiniae», ossia nella descrizione dei pagamenti delle decime ecclesiastiche.

La sua economia

Si tratta di un Comune di collina, che basa la sua economia soprattutto sulle tradizionali attività agricole. Nel settore primario l’agricoltura, basata sulle produzione di ortaggi, foraggi, vite, olivo e frutteti, conserva un ruolo importante, e si pratica anche l’allevamento di bovini, ovini, caprini, equini, e suini. Nel secondario l’industria è costituita da aziende che operano nei comparti alimentare, dei materiali da costruzione, metallurgico, meccanico, tessile e della lavorazione del legno. Il terziario è costituita da una buona rete commerciale. Il bel paesaggio, caratterizzato dalla piatta morfologia degli espandimenti basaltici che si affacciano con una continua parete sulla valle del Tirso, i resti nuragici e le foreste di sughere attirano un discreto flusso turistico sul posto. Le strutture ricettive offrono la sola possibilità di ristorazione.

Brevi cenni storici

l territorio viene abitato già in epoca nuragica arcaica, come è attestato dai resti archeologici. In seguito, subisce numerose devastazioni durante l’invasione cartaginese. Nel periodo della dominazione romana, è una stazione romana situata tra Forum Traiani, oggi Fordongianus, e Molària, oggi Mulargia, e viene chiamata Ad Medias Aquas, data la sua collocazione tra due torrenti. Prende, quindi, il nome Aba o Abba, cui si aggiunge quello di Sancta nel tempo del cristianesimo. In periodo medioevale appartiene al Giudicato di Arborea, nel quale fa parte della curatoria del Guilciber, e per un certo periodo ne è anche il capoluogo. Diviene centro di raccolta per i preliminari della pace del 1388 tra Eleonora d'Arborea e Giovanni I d'Aragona. Dopo il 1478 appartiene alla contrada Ocier Real, ma non è alle dipendenze di feudatari, ma dipende direttamente dalla Corona, di cui segue le sorti fino al diciottesimo secolo. Diviene successivamente, con la dominazione dei Savoia, un feudo regio, che viene riscattato al demanio nel 1838. Il Comune di Abbasanta, nel 1927 viene soppresso ed aggregato al Comune di Ghilarza, che prende il nome di Ghilarza-Abbasanta, dal quale nel 1934 viene nuovamente separato e ricostituito con distacco delle frazioni di Abbasanta, Domusnovas Canales e Norbello dal Comune di Ghilarza. Nel 1946 ne viene staccata frazione Norbello costituita in comune autonomo. Il Comune di Abbasanta nel 1974, dopo la creazione della Provincia di Oristano, viene trasferito dalla Provincia di Cagliari, alla quale precedentemente apparteneva, a quella di Oristano.

Feste e Sagre che si svolgono ad Abbasanta

Abbasanta-costume tradizionaleAd Abbasanta è attiva l'Associazione Folkloristica Abbasantese, i cui componenti si esibiscono nelle Feste e Sagre che si svolgono nel Comune ed anche in altre località. Tra le Feste e Sagre che si svolgono ad Abbasanta meritano di essere citate, il 17 gennaio, la Festa di Sant’Antonio Abate, preceduta la sera antecedente dall'accensione de sas Tuvas de Sant'Antoni; il 6 febbraio, la Festa di Sant'Amada, preceduta la sera antecedente dall'accensione de Sa Tuva de Sant'Amada; a maggio, la Festa di Sant’Isidoro; a giugno, la Festa di San Giovanni Battista; nella seconda quindicina di luglio, la Fiera del Centro Sardegna; ad agosto, la Mostra Fotografica; il 28 agosto, presso l'omonima Chiesa campestre si svolge la Festa di Sant’Agostino; a novembre, la Mostra dei Vini, la Mostra dei Funghi, ed un Concorso di Pittura; il 25 novembre, si festeggia la Patrona, nella Festa di Santa Caterina.

Visualizza la mappa Visita del centro della cittadina

L'abitato, interessato da una forte crescita edilizia, ha un andamento altimetrico di tipo collinare. Possiede un centro storico molto caratteristico, arricchito dalle tradizionali costruzioni in pietra scura basaltica, ed in esso si possono vedere le caratteristiche di alcune abitazioni del sedicesimo e diciassettesimo secolo, con il solo pianterreno ed una torre a tre piani. Usciti dalla SS131 Diramazione Centrale Nuorese, il raccordo ci fa immettere a sinistra sulla SP23, che, seguita per circa settecento metri, dove si immette dalla sinsitra la via Suiles, ci fa incontrare il cartello segnaletico che indica l'ingresso nell'abitato di Abbasanta. La SP23, all'interno dell'abitato, assume il nome di via Tirso.

La Stazione Ferroviaria di Abbasanta

Seguiamo la via Tirso che ci porta all'interno dell'abitato, dopo seicentocinquanta metri incrocia la via Vittorio Emanuele e continua con il nome di via Cavalier Citzia. Percorsa con trecentocinquanta metri, arriviamo in piazza della stazione, e vediamo alla sinistra della strada, la Stazione Ferroviaria di Abbasanta, una stazione di categoria silver posta sulla linea ferroviaria a scartamento ordinario denominata Dorsale Sarda, dopo la stazione di Paulilatino e prima di quella di Borore. Realizzata dalla Compagnia Reale delle Ferrovie Sarde e inaugurata nel 1880, insieme al tronco tra Oristano e Giave della Dorsale Sarda, l'impianto nel 1920 viene acquisito dalle Ferrovie dello Stato. Durante l'epoca fascista, quando, tra il 1927 e il 1934, il Comune di Abbasanta viene inglobato in quello di Ghilarza, lo scalo muta denominazione in stazione di Ghilarza. Nel 2000 venne dato in gestione dalle Ferrovie dello Stato alla controllata RFI. L'impianto è dotato di tre binari, di cui il primo di corsa, tutti attrezzati per il servizio passeggeri, e, ad est del fascio binari, si trovano il fabbricato Viaggiatori ed altri locali. L'edificio per i passeggeri è una costruzione su due piani a pianta rettangolare, composto da una parte centrale e da due corpi laterali a un solo piano.

Abbasanta-La Stazione Ferroviaria di Abbasanta Abbasanta-La Stazione Ferroviaria di Abbasanta

Ci rechiamo in via Sant'Agostino dove si trova il Ristorante Su Carduleu

Passata la piazza della Stazione, proseguiamo lungo la via Cavalier Citzia per un centinaio di metri, fino a che questa strada termina, qui prendiamo a sinistra e, dopo una cinquantina di metri, prendiamo di nuovo a sinistra la via Giuseppe Garibaldi, che porta verso la periferia occidentale dell'abitato. La seguiamo per trecento metri, fino a che, passato l'incrocio con la via Oristano, questa strada diventa via Sant'Agostino.

Il miglior rapporto qualità-prezzoAlla sinistra della strada, al civico numero 1 della via Sant'Agostino, si trova l'importante Ristorante Su Carduleu, un locale con la cucina moderna in un ambiente accogliente, che viene consigliato dalla Guida Michelin ed indicato come Bib Gourmand per il suo ottimo rapporto tra la qualità ed il prezzo. Si tratta di uno dei locali tra i migliori dell'isola, in virtù di una rivisitazione ingentilita della tradizione locale, sia di terra sia di mare. Tra le sue specialità, la Guida indica le tagliatelline fresche con pecora in umido e timo selvatico, ed il capocollo di maiale stracotto nella birra affumicata.

La Chiesa di Santa Maria delle Grazie

Abbasanta-Chiesa di Santa Maria delle GraziePassata la piazza della Stazione, prendiamo a destra il corso Giuseppe Garibaldi, che porta verso est in direzione del centro dell'abitato. Percorsa per trecentocinquanta metri, prendiamo a destra la via Norbello, la seguiamo per quasi centocinquanta metri, e vediamo, alla destra della strada, uno slargo con la piazza Santa Maria. Nella piazza si affaccia la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, che è intitolata alla Vergine delle Grazie. Posta all'estremità nord orientale del paese, verso Norbello, aveva intorno ad essa alcuni muristenes, che costituivano dimore temporanee per la novena, il cui uso è cessato alla fine dell'800. Non si conosce la data della sua costruzione, nemmeno approssimativa, e si ritiene sia stata edificata probabilmente del XIV secolo, dato che per la cronologia proposta sono stati esaminati gli elementi architettonici databili con una certa sicurezza. La Chiesa è stata anche destinata a cimitero pubblico, come risulta nei Decreti del vescovo Monsignor Cusany nella sua visita pastorale del 1789, da una lettera del Rettore Bua al Vicario generale capitolare in data 24/11/1824, ed anche da alcuni atti testamentari.

La Chiesa di Sant'Antonio Abate

Abbasanta-Chiesa di Sant'Antonio AbateProseguendo lungo il corso Giuseppe Garibaldi dopo la deviazione in via Norbello, percorriamo appena una cinquantina di metri verso est, e prendiamo verso destra la via Vittorio Veneto. Seguita per una novantina di metri, vediamo, alla sinistra della strada, una piazza nella quale si affaccia la Chiesa di Sant'Antonio Abate, che risale alla fine del diciassettesimo secolo. Le poche notizie relative a questa Chiesa risalgono alla fine del Settecento, infatti, nel 1789 il vescovo Monsignore Cusany, nella sua visita pastorale, la trova in stato indecente, ed ordina che rimanga interdetta «se entro un anno non verrà sistemata e dotata». In seguito, la Chiesa viene integralmente restaurata nel 1936, e dopo l'ultima guerra, nel 1947, il parroco la fa di nuovo restaurare utilizzando parte del sussidio concesso dal Ministero della Guerra, per l'uso che ne aveva fatto durante il periodo bellico. Durante la notte del gennaio 1979, crollata una parte del tetto, il Comitato degli Antonio riesce a reperire i fondi necessari per demolire e rifare completamente il tetto,ed inoltre opera un ampio restauro nel gennaio 1982. Sorta ad opera di maestranze locali, non presenta caratteristiche architettoniche peculiari. La facciata, tipica di un'architettura popolare, termina con un timpano percorso da una cornice modanata, sormontando da una croce di pietra. Al centro, si trova un portale di ingresso in asse con una lunetta. alla destra, il prospetto è completato da un campanile a vela staccato dal corpo centrale, modulo di notevole diffusione nel Settecento.

Abbasanta-Accensione de Sas Tuvas de Sant'AntoniPresso questa Chiesa, il 17 gennaio si tiene la Festa di Sant'Antonio Abate, ossia di Sant'Antonio de Su Fogu. In giorno precedente nel piazzale della Chiesa vengono eretti e benedetti sas Tuvas de Sant'Antoni, enormi tronchi cavialti fino a sei o sette metri, privati dei rami, dove al loro posto verranno messe delle fronde di alloro, che sono stati recuperati nei giorni precedenti dal Comitato costituito da gruppi di persone che portano il nome del Santo, ossia dal Comitato degli Antonio. Nella piazza viene, quindi, acceso il fuoco all'interno dei tronchi, al primo segno di campana che annunzia l'inizio della funzione religiosa dei vespri, regalando uno spettacolo unico, alla presenza della folla che commenta e discute, tra fiaschi di vino e di fette di panischedda, un dolce che si usa confezionare solo per l'occasione. Poi, la notte, tutti i gruppi formati da soli uomini si riuniscono per la succhena, una cena a base di agnello arrosto, olive, formaggio e vino in abbondanza. Il focolare deve restare acceso tutta la notte perché è Su Fogu de Santu Antoni.

La piazza della Vittoria con il suo bel murale

Abbasanta-murale di Pina Monne in piazza della VittoriaDopo aver visitato la Chiesa di Sant'Antonio Abate, riprendiamo il corso Giuseppe Garibaldi e lo seguiamo verso est ancora per un'ottantina di metri. Alla sinistra della strada si apre l'ampia piazza della Vittoria, al cui estremo settentrionale si trova un bell'edificio in pietra basaltica, sul quale è presente il più visitato murale di Abbasanta, realizzato nel 2010 dell'artista sarda Pina Monne, un'artista eclettica nata a Irgoli nel 1971, conosciuta come autrice affermata e riconosciuta di numerosi murales.

Il Municipio di Abbasanta

Abbasanta-Municipio di AbbasantaRiprendiamo ancora lungo il corso Giuseppe Garibaldi. Passata la piazza della Vittoria, proseguiamo ancora lungo il corso verso est, e, dopo una sessantina di metri, alla destra della strada, al civico numero 144 del corso Giuseppe Garibaldi, si trova l'edificio nel quale è ospitato il Municipio di Abbasanta, con la sua sede e con gli uffici che offrono i loro servizi ai cittadini ed alle aziende che operano nell'area comunale. La lingua sarda è lingua del Comune di Abbasanta, che ne favorisce l'insegnamento e ne sostiene ogni forma di diffusione e conservazione, e che può essere usata, insieme alla lingua italiana, in forma orale e scritta, nelle cerimonie ufficiali e negli atti del Comune. Nel Municipio di Abbasanta è conservata una copia datata 1794 del regolamento del Corpo Barracellare vigente in Abbasanta alla fine del 1700, uno dei pochi documenti in limba tornato alla ribalta grazie al lavoro di ricerca di Lucio Pinna.

Il Museo Etnografico Comunale

Abbasanta-Museo Etnografico ComunaleAbbasanta-Museo Etnografico ComunalePercorsa un'altra settantina di metri verso est lungo il corso Giuseppe Garibaldi, si arriva a un bivio, dove il corso continua sulla destra, mentre a sinistra parte la via Santa Caterina. Presa la via Santa Caterina, dopo un'altra settantina di metri si vede sulla sinistra della strada, al civico numero 23 della via Santa Caterina, la Casa Aragonese, che si erge ai margini del sagrato parrocchiale, ristrutturato negli anni a cavallo del 2007 e del 2009. All'interno di questa casa di gusto aragonese di grande pregio è stato aperto nel gennaio 2014, da parte dell'associazione archeologica, il Museo Etnografico Comunale, oggi chiamato Museo META ed inizialmente denominato Museo della Civiltà Contadina, realizzato con il sostegno dell'amministrazione comunale e il contributo dei tanti cittadini che hanno ceduto in comodato d'uso gratuito buona parte dei pezzi ora esposti. Il Museo ha ricreato le atmosfere e gli ambienti domestici e di lavoro della società agropastorale di fine Ottocento e primi del Novecento.

Abbasanta-Museo Etnografico Comunale Abbasanta-Museo Etnografico Comunale Abbasanta-Museo Etnografico Comunale

Sia le case con porticati esterni, sia i portali e le finestre ancora visibili e edificati a partire dal Cinquecento fino al Settecento vengono ritenuti di stile Aragonese, dato che, a partire dal 1479, è salito al trono d'Aragonail re Ferdinando II, detto il Cattolico, che anni prima aveva sposato la regina Isabella di Castiglia, e la sua successione al trono d'Aragona ha determinato l'unione delle due corone, facendo diventare la Sardegna, da quel momento, spagnola. Sicuramente alcuni elementi decorativi degli architravi delle finestre e delle porte, dei capitelli a foglioline goticizzanti, le basi sfaccettate e molti altri particolari, sono venuti in Sardegna con l’invasione spagnola.

La Chiesa parrocchiale di Santa Caterina d'Alessandria Vergine e Martire

Pochi metri più avanti lungo la via Santa Caterina, e, alla destra della strada, si apre la piazza nella quale è ospitata la Chiesa di Santa Caterina d'Alessandria Vergine e Martire, che è la parrocchiale di Abbasanta, costruita tra il 1870 e il 1886 secondo schemi rinascimentali su un impianto preesistente. La Chiesa è a pianta a croce latina, a una sola navata che è delimitata da tre cappelle per lato, lunga trentasette metri, larga ventitre col transetto, alta sedici metri e, in corrispondenza della cupola poligonale, si toccano i trentatre metri. La navata è conclusa da un'abside quadrata e dal transetto, che termina con una Cappella per parte. La Chiesa conserva all'interno, sull'altare, la statua di Santa Caterina, in legno bagnato in oro zecchino, risalente al 1500. Le spoglie mortali di Paolo Ponti, originario di Paulilatino, che è stato Reggente della parrocchia dal 1864 1l 1866 e poi suo Rettore dal 1866 al 1900, che ha fatto edificare questa Chiesa, per sua espressa volontà testamentaria riposano nella seconda Cappella a destra, dedicata alla Madonna di Bonaria.

Abbasanta-Chiesa parrocchiale Santa Caterina d'Alessandria: veduta dalla Casa aragonese Abbasanta-Chiesa parrocchiale Santa Caterina d'Alessandria Abbasanta-Chiesa parrocchiale Santa Caterina d'Alessandria: interno Abbasanta-Chiesa parrocchiale Santa Caterina d'Alessandria: statua della Santa

Abbasanta-Manifesto della Festa di Santa CaterinaAd Abbasanta, il 25 novembre, si svolge la Festa patronale di Santa Caterina d'Alessandria, meta di numerosi forestieri, che conserva ancora oggi l'antico fascino di Festa mercato, con la presenza di artigiani del rame, del ferro e del legno, dei dolci più caratteristici dell'isola, e con tutti i giochi e giocattoli che ogni Festa comporta. Ricco è il programma dei tre giorni di festeggiamenti civili e religiosi in onore della patrona, che si concludono il giorno 25 con la processione seguita dalla Santa Messa, dopo la quale si svolge il tradizionale pranzo per gli ambulanti, ed altre numerose manifestazioni civili. È tradizione per gli abbasantesi avere a pranzo per l'occasione uno o più ospiti, e più sono gli ospiti più appare bella la Festa, per la quale in tempi non molto lontani veniva lavorato il pane festivo di fior di farina chiamato simbula.

Dalla parrocchiale arriviamo verso nord alla Chiesa di Sant'Amada

Passata la Chiesa parrocchiale, proseguendo lungo la via Santa Caterina, prendiamo dopo una quarantina di metri a destra la via Sant'Amada e, percorsa per una novantina di metri, arriviamo a un bivio, dove prendiamo verso sinistra la prosecuzione della via Sant'Amada. La seguiamo, dopo una sessantina di metri si incrocia la via Mannu, superiamo l'incrocio e, dopo un'altra quarantina di metri, prima dell'incrocio con la via Giovanni Battista Tuveri, si vede alla destra un sentiero che conduce di fronte alla Chiesa di Sant'Amada, eretta in forme gotico aragonesi nel sedicesimo secolo. Il Rettore della parrocchia dal 1922 al 1939, Salvatorangelo Dessì Ponti, ha lasciato scritto che questa è stata la prima Chiesa edificata ad Abbasanta, come è risultato da un tubetto di pergamena rivenuto nella demolizione dell'altare, che è andato, però, perduto nel tempo. Si tratta di un esempio di semplice architettura spontanea, nata dall'improvvisazione di maestranze locali, che però hanno guardato a moduli catalani soprattutto per quanto riguarda la struttura interna, a tre campate, con bei pilastri. Il prospetto principale ha una modesta facciata irregolare a capanna, il cui tetto presenta due diversi livelli essendo più alta a destra. Sovrapposto ad essa si trova un campaniletto a vela ad una sola luce e con arco a tutto sesto. Caratteristici sono i sedili di pietra, chiamati in lingua istradeddas, che delimitano la piazzetta antistante.

Abbasanta-Chiesa di Sant'Amada Abbasanta-Chiesa di Sant'Amada: interno

Non è chiaro a quale Santa sia dedicata questa Chiesa, dato che la devozione verso questa Santa, a partire da un secolo e mezzo fa, è stata oggetto in più occasioni di alcune congetture che ahnno sollevato dubbi o incertezze sul nome della Martire. È stata identificata dallo storico Vittorio Angius con Santa Dorotea, infatti l'Angius scrive, a proposito delle Chiese di Abbasanta, che «La Chiesa parrocchiale è denominata da Santa Catterina vergine e martire. Governasi da un parroco, che ha il titolo di rettore, il quale viene assistito nella cura delle anime da altri due sacerdoti. Vi è inoltre l'Oratorio di San Martino, dove uffizia la confraternita del Rosario, e le Chiese di sant'Antonio, di Santa Maria, e di Santa Dorotea». Quindi la Chiesa sarebbe stata, quindi, dedicata a Santa Dorotea Vergine e Martire, uccisa in Cesarea di Cappadocia sotto Diocleziano, ed il nome Amada, ossia Amata, sarebbe stato suggerito probabilmente dalla espressione Amada de Deus.

Secondo una interpretazione successiva, Santa Amata sarebbe stata una Santa locale, nata da una famiglia romana od italica, ed avrebbe condotto una vita del tutto simile a quella della generalità degli abitanti del suo ceto sociale, con una storia, martirio a parte, senza episodi di una qualche rilevanza. Non avrebbe avuto la fortuna di essere conosciuta al di fuori del ristretto ambito locale, cristiana perseguitata fra i tanti di quel periodo, senza nessuno che descrivesse la sua breve vita, i momenti del suo supplizio, della sua morte ed il luogo della sua sepoltura. L'unica fonte in grado di dare testimonianza della sua esistenza è costituita dal contenuto delle Laudes a Sant'Amada virgine e martire, componimenti, lavoro di un ecclesiastico rimasto sconosciuto, che raccolgono e riportano una tradizione orale mantenuta da tempo immemorabile, e che vengono cantate in occasione della novena e della Festa in suo onore. Da esse risulta il suo nome, nell'ultimo verso dell'introduzione chiamata S'Isterrida, indicante spesso in queste opere religiose il nome del Santo, dove si legge De Cristos ispos'Amada; e dal secondo verso della prima strofa, dove si dichiara Su nomen bostru est Amada. Inoltre ne attestano la verginità, con i versi Su celestiale gesminu / De sa bostra candidesa / Cunservestis cun puresa / Pro S'altu Isposu Divinu; il suo martirio, attestato dai versi Crudeles arman turmentos / Famosos battin buzinos; e la sua morte, attestata dai versi Finalmente rubrichestis / Cun sa purpura su lizu.

Presso questa Chiesa, il 6 febbraio si tiene la Festa di Sant'Amada, che è preceduta la sera antecedente dall'accensione de Sa Tuva de Sant'Amada, tradizione ancora oggi mantenuta forse dalle origini della sua venerazione, che sembra offrire un'ulteriore conferma nel ritenere appartenente ai primi secoli del Cristianesimo la sua vicenda umana e nel richiamare la contemporanea esistenza di un nucleo di fedeli che la conobbero, la stimarono e costruirono, forse nel luogo del suo martirio, un primo edificio di culto.

Abbasanta-Accensione de Sa Tuva de Sant'Amada Abbasanta-Sa Tuva de Sant'Amada

Il Cimitero di Abbasanta

Abbasanta-Ingresso del Cimitero di AbbasantaArrivati all'incrocio tra la via Sant'Amada con la via Mannu, invece di proseguire dritti verso la Chiesa di Sant'Amada, prendiamo a destra la via Mannu e, dopo quasi duecento metri, al termine della strada vediamo alla sinistra l'ingresso del Cimitero di Abbasanta. Ci saremmo potuti arrivare anche dalla Chiesa parrocchiale, presa la via Sant'Amada fino al bivio, e qui proseguendo verso destra lungo la strada che assume il nome di Passeggiata Sos Molinos, che, dopo duecento metri, ci porta sulla via Mannu, una cinquantina di metri prima dell'ingresso del Cimitero.

Dalla parrocchiale verso sud arriviamo nello spiazzo dove sorgeva la Chiesa o Oratorio di San Martino

Abbasanta-Lo spiazzo nel quale sorgeva la Chiesa di San MartinoNella nostra visita nel centro di Abbasanta, per recarci a visitare il Museo Etnografico Comunale, dal corso Giuseppe Garibaldi, eravamo arrivati a un bivio, dove avevamo preso a sinistra la via Santa Caterina, mentre ora seguiamo il corso che continua sulla destra. Percorsa appena una cinquantina di metri, vediamo sulla destra uno spiazzo nel quale sorgeva la Chiesa o Oratorio di San Martino, che era edificata sopra un ammasso roccioso che dominava la sottostante vallata di Chenale, luogo caro ai vecchi abitanti e passaggio obbligato per le antiche popolazioni del territorio. Non è stato ancora identificato il San Martino al quale era dedicata, ossia non si sa se si trattava di San Martino di Tours oppure di San Martino de Porres. La Chiesa era situata al limitare dell'antico abitato, limitrofa al rione che, trovandosi a maggior altitudine, è ancora popolarmente denominato Montigu. In essa officiava la Confraternita del Rosario, fondata con altri fedeli, intorno al 1640, dal possidente Zuanni Antiogu Brunellu, alla quale è riconducibile la ristrutturazione messa in atto nella seconda metà del diciassettesimo secolo. A questo periodo, baroccheggiante, è sicuramente attribuibile la rifinitura superiore a doppia inflessione, definita dagli studiosi attuali a cappello di carabiniere, largamente adottata nel prospetto frontale di molte Chiese dell'Isola nei decenni di fine Seicento e oltre. La Chiesa è stata demolita nei primi anni settanta del secolo scorso, dopo che era caduta in uno stato di completo abbandono per l'incuria degli amministratori. Non si ricorda la presenza, all'interno, di immagini o statue di San Martino, che non si ricorda venisse festeggiato, mentre si festeggiava principalmente San Domenico di Guzman, con novena, messa solenne, esposizione del Santissimo Sacramento, panegirico, vespri, processione e manifestazioni civili; e, come devozione aggiunta e secondaria, si festeggiava anche San Matteo, con messa, vespro e processione.

Abbasanta-Vecchia foto dello spiazzo nel quale sorgeva la Chiesa di San Martino Abbasanta-Vecchia foto della Chiesa di San Martino Abbasanta-Vecchia foto della Chiesa di San Martino Abbasanta-Vecchia foto della Chiesa di San Martino: interno

Gli Impianti Sportivi di Abbasanta con lo Stadio Comunale Antongiulio Cabras

Proseguendo verso sud con il corso Giuseppe Garibaldi, dopo centocinquanta metri si incrocia la SP15, che assume il nome di via Vittorio Emanuele verso destra, e di via Giacomo Matteotti verso sinistra, che poi prosegue con il nome di via Santa Lucia e conduce in direzione di Ghilarza. Passato l'incrocio, proseguiamo dritti verso sud con la prosecuzione del corso Giuseppe Garibaldi, che diventa il viale Antonio Gramsci, lo seguiamo per una cinquantina di metri, e prendiamo verso destra la via Caprera, che ci porta al parcheggio degli Impianti Sportivi di Abbasanta. Subito più avanti, lungo la via Caprera, si trova l'ingresso, che porta al Campo da Calcio Comunale, il cui nome completo è Stadio Comunale Antongiulio Cabras, con fondo in erba sintetica e dotato di tribune in grado di ospitare 960 spettatori, che ospita le partite interne della squadra G.S.D. Abbasanta, che milita nel Campionato di Prima Categoria, nel Girone C di Sardegna.

Abbasanta-Ingresso degli Impianti Sportivi di Abbasanta Abbasanta-Impianti Sportivi di Abbasanta: lo Stadio Comunale Antongiulio Cabras Abbasanta-Impianti Sportivi di Abbasanta: il campo da Calcio di allenamento Abbasanta-Impianti Sportivi di Abbasanta: il campo da Calcetto Abbasanta-Impianti Sportivi di Abbasanta: il campo da Tennis

Accanto al Campo da Calcio, sono presenti un Campo da Calcio di allenamento, con fondo interra battuta; un Campo da Calcetto, ossia da Calcio a cinque, con fondo in erba sintetica; ed un Campo da Tennis dotato di tribune per 380 spettatori.

Visualizza la mappa I dintorni di Abbasanta Informazioni turistiche

Nei dintorni di Abbasanta si trovano notevoli tracce delle varie civiltà che si sono succedute nel suo territorio, dato che ci si trovano una ventina di Domus de Janas, cinque Dolmen, dieci Tombe di giganti, e numerosi Nuraghi. Vanno citati i resti della Domu de Janas di Bonorchis; dell'area sacro funeraria di Mesu Enas; dell'altare preistorico in località Pispisu; delle Tombe di giganti Aiga, Cannas Mannu, Losa, Mura Tuffau, Perda Crappida, Perda Crappida II, Su Portale Mannu, Su Pranu I, Su Pranu II, Zuras; dei Protonuraghi Mura 'e Lauros, Su Serrau 'e Sa Murrighesa; dei Nuraghi semplici Chirighiddu I, Mandra Edera, Osoddeo, Perda Crappida, Pizzinu, Zuras; dei Nuraghi complessi Aiga, Argiola Lepres, Losa; ed anche dei Nuraghi Cannas, Chenale, Chirigidu II, Corrigas, Izzi, Mura Tuffau, Nurru, Serra Traes, tutti di tipologia indefinita. Il territorio di Abbasanta ospita uno tra i più importanti Nuraghi della Sardegna, l'importante Nuraghe Losa, imponente costruzione di blocchi basaltici, uno dei quattro complessi più importanti dell'Isola.

Resti del Nuraghe Zuras con il fenomeno della Luce del Toro

Abbasanta-Nuraghe ZurasDalla Chiesa parrocchiale di Santa Caterina, proseguiamo verso nord lungo la via Santa Caterina, che continua in direzione nord ovest con il nome di via dei Caduti. Percorsi cinquecento metri, passata la linea ferroviaria, prendiamo a sinistra e poi subito a destra seguendo le indicazioni per la SS131, e imbocchiamo la SP15 in direzione ovest, che conduce verso Santu Lussurgiu. Percorsi quasi tre chilometri, subito prima del cartello indicatore del chilometro 43, prendiamo la sterrata alla sinistra della strada Provinciale, ed, in circa duecento metri, arriviamo a vedere il Nuraghe Zuras, situato a 331 metri di altezza. Si tratta di un Nuraghe monotorre costruito con grossi blocchi di basalto, accuratamente squadrati, disposti a filari regolari. Nel corridoio d'ingresso, piattabandato, sono presenti, sul lato destro un piccolo vano, e sul lato sinistro la scala che conduce al terrazzo superiore. La camera presenta la tholos ancora intatta, ed alle pareti si notano tre vani voltati con una piccola tholos, mentre al centro della stanza si trova una fossa. Altre curiosità nella struttura del Nuraghe sono date dalla presenza, sopra l'ingresso, di due architravi sovrapposti, con due finestrelle di scarico sovrapposte. A un centinaio di metri di distanza verso ovest si trovano i pochi resti della Tomba di giganti di Zuras.

Descrizione del volume La Luce del ToroIl fenomeno della Luce del Toro, così definito dal Gruppo Ricerche Sardegna, si presenta in torri arcaiche dei Nuraghi semplici provvisti di un finestrino di scarico al di sopra della porta di ingresso, ed è prodotto dall'allineamento del sole che genera, al'interno, un fascio luminoso che percorre la sala, ed arriva al massimo quando si realizza l'impatto della luce sulla parete, o dentro una nicchia posizionata di fronte, dove viene realizzata visivamente una forma di testa taurina nitida ed inconfutabile, oppure, in altri casi, una fisionomia soltanto stilizzata.

Abbasanta-Fenomeno della Luce del Toro all'alba Solstizio d'inverno all'interno del Nuraghe ZurasAbbasanta-Fenomeno della Luce del Toro all'alba Solstizio d'inverno all'interno del Nuraghe ZurasLo studioso Piero Zenoni è stato il primo a notare il fenomeno luminoso della Luce del Toro nel Nuraghe Zuras di Abbasanta, all'alba del Solstizio d'inverno, quando si verifica l'illuminazione della camera centrale del Nuraghe attraverso i due finestrini posizionati al di sopra della porta di ingresso, che generano una doppia immagine della testa taurina, quando la nicchietta parietale a sinistra della nicchia centrale viene illuminata dai raggi del sole appena spuntato all'orizzonte. Si tratta dell'unico fenomeno che vede proiettare deu immagini della testa del toro, invece che una sola come negli altri casi.

Resti del Nuraghe Aiga con il fenomeno della Luce dal foro apicale

Abbasanta-Nuraghe AigaPercorsi altri ottocento metri sulla SP15 in direzione ovest, subito dopo l'indicazione per il Ristorante Arzola e Leperes, prendiamo a destra la strada bianca che, percorsa per un chilometro ed ottocento metri, ci fa vedere sulla destra i resto del Nuraghe Aiga, un Nuraghe complesso costituito da una torre centrale realizzata su due piani e tre torri secondarie esterne. Le torri est ed ovest sono raccordate da un muro curvilineo, al cui interno si sviluppa un camminamento. Attualmente è accessibile solo il primo piano della torre centrale, nel quale è possibile entrare tramite una finestra lievemente sollevata dal piano di calpestio formato dal crollo delle altre torri. Le torri laterali si trovano in cattivo stato a causa del crollo e della vegetazione che le ricopre, ma, nonostante lo stato di abbandono, il monumento mantiene inalterato il suo fascino, è facile immaginarlo in tutta la sua originaria maestosità. Tutto intorno al Nuraghe sono presenti resti di un notevole villaggio realizzato in vari periodi. A nord est del Nuraghe, a circa duecento metri, è situata una Necropoli ad urne cinerarie in basalto.

Il fenomeno della Luce dal foro apicale, così definito dal Gruppo Ricerche Sardegna, si verifica nei Nuraghi nei quali il sole, nel giorno del Solstizio d’estate, raggiunge una determinata altezza, un sottile raggio di luce penetra attraverso il foro ricavato dai costruttori all’apice della tholos del Nuraghe, attraversa tutta l’ampia volta e va ad illuminare la base della camera, oppure una nicchia presente nella camera stessa.

Abbasanta-Evento del sole al Solstizio d'estate all'interno del Nuraghe Alga di AbbasantaSono stati gli studiosi Carlo Maxia e Lello Fadda ad aver scoperto anche gli eventi all'interno del Nuraghe Aiga di Abbasanta. Secondo gli studi condotti dal Gruppo Ricerche Sardegna Abbasanta-Evento del sole al Solstizio d'estate all'interno del Nuraghe Alga di Abbasantanel Nuraghe Aiga di Abbasanta, il giorno del Solstizio d'estate, si può osservare il suggestivo fenomeno del sole che, dal foro apicale della camera superiore, al primo piano, e penetra nella stanza circolare illuminandola con un fascio di luce. Il sole entra illuminando la nicchia frontale all'ingresso per alcuni minuti, e successivamente illumina quella posta a lato. E, quando l'astro è allo zenit, il sole illumina la nicchia frontale, nella quale un tempo potesse essere ospitata la sepoltura di una persona importante, forse un eroe nuragico. Si fa anche l'ipotesi che nella nicchia si posizionasse il sacerdote per essere investito dalla luce sacra. Infatti ancora oggi, l'individuo presente nella nicchia è come se brillasse di luce propria, e se poi indossa una maglia colorata, lo stupore è assicurato, dato che la luce, rifrangendosi, dipinge le pareti dell'uno o dell'altro colore.

L'Azienda Agricola Tanca Regia all'interno della quale si trova la Chiesa di San Filippo Apostolo

Percorsi ancora ottocento metri lungo la SP15 in direzione ovest, arriviamo a vedere sulla sinistra della strada l'ingresso della Tanca Regia, che era un'Azienda Agricola già sfruttata fino dal tempo degli aragonesi, già sede di un famoso allevamento delle pregiate razze di cavalli sardi. Chiamata, in passato, Tanca Regia di Paulilatino, è stata per diversi secoli il principale allevamento governativo della Sardegna, abitato da numerose famiglie originarie di quella zona al confine tra il Guilcer e il Montiferru. Nonostante il primo documento che ne attesti la nascita risalga al 1481, pare che le origini della borgata siano ancora più antiche, anche in funzione dell’importanza ascritta dai Giudici d’Arborea al cavallo, tanto da regolamentarne la cura all’interno della Carta de Logu, uno dei più vecchi codici di leggi del continente europeo. I cavalli nati e allevati a Tanca Regia si guadagnarono una meritata fama internazionale e furono donati in omaggio ai principali regnanti d’Europa. Tanca Regia si presenta, oggi, come un agglomerato di strutture accorpate, casette dai tetti bassi, stalle e piccoli box per cavalli, racchiusi all’interno di un alta muraglia quasi a formare un vecchio villaggio fortificato. La famiglia Dalmasso, che la possedeva, la ha venduta alla Regione Sardegna, che la utilizza per studi ed esperimenti nel campo agropastorale. In particolare in essa sono ospitati e tutelati circa 300 soggetti appartenenti alle razze Giara, Giarab, Sarcidano; ed un piccolo nucleo di un'ottantina tra fattrici e puledri di razza Puro Sangue Arabo ed Anglo-Arabo-Sardo, dato che in essa opera l’Istituto di Incremento Ippico, che cura il miglioramento e la valorizzazione del cavallo Anglo-Arabo-Sardo.

Abbasanta-Ingresso dell'Azienda Agricola Tanca Regia Abbasanta-Interno dell'Azienda Agricola Tanca Regia Abbasanta-Le stalle dell'Azienda Agricola Tanca Regia Abbasanta-I cavalli dell'Azienda Agricola Tanca Regia

Abbasanta-Chiesa di San Filippo Apostolo all'interno dell'Azienda Agricola Tanca RegiaUna volta varcato il cancello d'ingresso della tenuta di Tanca Regia, ad accogliere il visitatore si incontra la Chiesetta di San Filippo, e, subito dopo, il grande Dominario sulla sinistra, e le piccole stalle per i cavalli sulla destra. La Chiesa di San Filippo Apostolo era la Chiesetta realizzata, con il suo piccolo cimitero, nel 1781, e dedicata ai Santi Filippo e Giacomo, che erano molto popolari in Spagna. Degna di menzione è la sua storia, fino a quando il suo responsabile, per volontà del Re di Sardegna, non volendo pagare le decime al parroco di Santa Caterina, chiede ed ottiene dal papa l’erezione di questa Chiesa a seconda parrocchiale di Abbasanta.

Le Tombe di giganti di Su Pranu

Percorsi appena duecento metri lungo la SP15 in direzione ovest, prendiamo la deviazione a destra in direzione della località Bonorchis, la seguiamo per un chilometro e novecento metri, ed arriviamo dove si trova l'indicazione per le Tombe di giganti di Su Pranu.

Abbasanta-Le Tombe di giganti di Su Pranu estA breve distanza, alla destra della strada, seguendo il cartello, si raggiunge la Tomba di giganti di Su Pranu est, che si presenta in cattivo stato di conservazione, della quale, comunque, sono leggibili le sue componenti fondamentali. Nella facciata, si trovano nelle posizioni originarie solo pochi blocchi dell'esedra,ed al centro sta la monumentale stele monolitica centinata, che attualmente è spezzata in due, divelta e rovesciata sopra i resti della camera. La stele ha un'altezza di due metri e mezzo, e circa due metri di larghezza. La camera, lunga otto metri e mezzo, è costruita con un doppio paramento di lastre di pietra infisse verticalmente nel terreno, ed all'interno in origine si trovava un riempimento di terra e pietrame più minuto. La copertura era a piattabanda, cioè con lastroni disposti orizzontalmente, dei quali alcuni si conservano ancora al loro posto.

Un poco più avanti, alla sinistra della strada a circa duecento metri di distanza, scavalcando il muretto a secco e camminando ancora una decina di metri, si trova la Tomba di giganti di Su Pranu ovest, che si trova, però, in uno stato di completo abbandono.

L'area sacro funeraria di Mesu Enas

Percorsi ancora circa duecentosettanta metri sulla deviazione per la località Bonorchis, si trova un cartello che indica un sentiero alla destra della strada che conduce a una cascina. Percorso un centinaio di metri, si trova una deviazione sulla sinistra che, in circa tre o quattrocento metri, conduce all'area sacro funeraria di Mesu Enas, nella quale sono presenti un Dolmen, una Domu de Janas con ingresso Dolmenico, ed i resti di un circolo megalitico.

Abbasanta-Area sacro funeraria di Mesu Enas: il Dolmen Abbasanta-Area sacro funeraria di Mesu Enas: la Domu de Janas con ingresso Dolmenico Abbasanta-Area sacro funeraria di Mesu Enas: i resti del circolo megalitico

La Domu de Janas di Bonorchis

Percorriamo la deviazione per la località Bonorchis per altri due chilometri e seicento metri, e vediamo, alla sinistra della strada, l'indicazione che indica il sentiero da prendere per raggiungere, a breve distanza, la Domus de Janas di Bonorchis.

Abbasanta-la Domu de Janas di Bonorchis Abbasanta-la Domu de Janas di Bonorchis: interno

La Chiesa di Sant'Agostino Vescovo

Ritorniamo sulla SP15, che riprendiamo dal cancello d'ingresso della tenuta di Tanca Regia, e procediamo verso ovest per un chilometro e novecento metri, e vediamo, alla destra della strada, l'ingresso della Chiesa campestre di Sant'Agostino, che si trova all'interno del piccolo borgo di Sant'Agostino. Su iniziativa di Paolo Ponti, Rettore della Chiesa parrocchiale di Abbasanta, nel 1872 viene posta la prima pietra per la costruzione della Chiesa dedicata al Santo, voluta per ricordare in perpetuo la conversione di Agostino, ed una lapide posta nel suo centenario ricorda l'episodio. La facciata della Chiesa dedicata a Sant'Agostino presenta una originale forma a semicerchio, con un rosone centrale da cui alza un pinnacolo a forma di cappella, nella cui nicchia al culmine della facciata è stata posta una statua di sant'Agostino. L'immagine del Santo è piuttosto Comune senza particolari tratti di originalità, il viso ha un aspetto giovanile con una folta barba nera, ha in testa una mitra, indossa l'abito vescovile, regge con la mano sinistra un libro, mentre con la destra tiene in mano un cuore fiammante, un attributo abbastanza Comune dal 1600 in poi. L'interno della Chiesa è alquanto semplice, con un solo altare su cui si trova una statua di Sant'Agostino, che ci presenta un Agostino invecchiato con una lunga barba bianca, indossa gli abiti vescovili, in testa ha la mitra, mentre con la mano sinistra impugna il bastone pastorale, e tiene alta invece la mano destra che, con un atto semplice e maestoso, benedice il fedele che gli pone dinanzi. La presenza della devozione agostiniana in Sardegna è ben documentata a Cagliari, dove il suo feretro era stato portato da esuli fuggiti all'invasione vandala del nord Africa, e vi ha riposato per secoli, dopo il 430, anno della sua morte, fino al 718, quando viene fatto trasportare dalla Sardegna a Pavia, ad opera del Re longobardo Liutprando.

Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino: la nicchia al culmine della facciata Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino: la statua del Santo nella nicchia Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino: interno Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino: la statua del Santo sull'altare Abbasanta-Chiesa campestre di Sant'Agostino

Abbasanta-La Festa di Sant'Agostino: esibizioni a cavalloIl novenario di Sant'Agostino, che sorge all'interno del borgo, intorno all'omonima Chiesa campestre, Abbasanta-La Festa di Sant'Agostino: processioneè caratterizzato dalle piccole dimore chiamate muristenes, destinate ad ospitare i fedeli durante i festeggiamenti in onore del santo. La Chiesa campestre di Sant'Agostino, che ha anche un parco giochi, è un animato punto d'incontro, dove si balla e si prega tutte le sere durante il novenario, che si svolge dal 16 al 28 agosto, e, in occasione della Festa di Sant'Agostino del 28 agosto, il Santo viene trasportato su un carro addobbato di alloro e di fiori seguito dai pellegrini a cavallo e a piedi. Durante le novene vengono organizzate anche manifestazioni civili e gare, con tra l'altro corse ed esibizioni a cavallo, che, il giorno della Festa, culminano nelle corse dei cavalli a pariglie, con premi ai cavalieri più capaci.

Resti del Nuraghe Losa che è uno dei più importanti Nuraghi solari della Sardegna

Abbasanta-Nuraghe LosaIl volume Il Nuraghe Losa di AbbasantaIl Nuraghe Losa, anche se meno complesso degli altri, è sempre uno dei quattro complessi più importanti dell'Isola, con la reggia nuragica Santu Antine di Torralba, la reggia nuragica Su Nuraxi di Barumini ed il Nuraghe Arrubiu di Orroli. Ci arriviamo dal centro di Abbasanta, prendendo all'indietro, ossia verso sud, la SS, sulla quale131 Diramazione Centrale Nuorese, che ci conduce sulla SS131 di Carlo Felice, tra il chilometro 123 ed il chilometro 124, si vede l'area archeologica di Losa, che ed è visibile dalla strada, sulla destra se si viene da nord. Il complesso nuragico, edificato con grossi blocchi di basalto, sorge al centro di un vasto altopiano basaltico.

Abbasanta-Nuraghe Losa: muraglia esterna che delimita il bastione trilobato con antemurale ed include l'abitato nuragico perdurato in età romana e altomedievaleÈ costituito da un grande Nuraghe trilobato, con un mastio centrale circondato da un antemurale nel quale sono inglobate altre tre torri realizzate in una seconda fase. Un altro antemurale fascia l'intera costruzione. Alle due torri laterali rispetto all'ingresso si accede dal corridoio centrale, entrambe presentano delle aperture verticali a raggiera nelle pareti, ossia delle feritoie dalle quali, però, non entra la luce. La torre opposta all'entrata è accessibile invece solo dal muro esterno. Queste torri satelliti sono completamente dissociate dalla costruzione centrale, e sono state realizzate per un uso diverso da quello del rito ancestrale che si svolgeva all’interno del Nuraghe canonico. Una particolarità del Nuraghe Losa, che lo differenzia dagli altri grandi Nuraghi, è l'assenza di un cortile interno, ed è quindi privo dello spazio interno scoperto di raccordo fra le camere. Dalla torre centrale, che originariamente era più alta e conserva oggi un'altezza di tredici metri, possiamo salire tramite una scala ricavata nello spessore murario sino al primo piano, l'accesso al secondo piano è invece chiuso. Il complesso nuragico era originariamente difeso da una seconda cinta muraria a forma ovale, lunga circa trecento metri e larga duecento, lungo la quale si possono vedere i resti di tre torri che hanno un ingresso esterno ed uno interno alle mura. Intorno al Nuraghe si trovano i resti dell'ampio Villaggio nuragico formato da capanne circolari, il quale è stato costruito successivamente al Nuraghe, a partire dal Bronzo Recente. Davanti all'ingresso c'è una grande capanna a pianta circolare di otto metri di diametro, con oggi un'altezza residua di oltre tre metri e mezzo. Abitato fino alla tarda età del Ferro, dopo un abbandono di diversi secoli l'insediamento è stato rioccupato in età punica e riabitato ininterrottamente anche in età romana, addirittura fino al settimo secolo dopo Cristo.

Abbasanta-Nuraghe Losa: veduta del Nuraghe trilobato Abbasanta-Nuraghe Losa: veduta del Nuraghe trilobato Abbasanta-Nuraghe Losa: veduta del Nuraghe trilobato Abbasanta-Nuraghe Losa: veduta del Nuraghe e della capanna circolare Abbasanta-Nuraghe Losa: apertura verso l'alto di una delle torri laterali Abbasanta-Nuraghe Losa: ingresso della torre centrale

Abbasanta-Nuraghe Losa durante i primi scaviSono i primi scavi avviati su quella collina dall’appassionato ingegnere minerario e archeologo Leon Gouin a riesumare, negli anni ottanta dell'Ottocento, su una ex collina di pietre che sorgeva vicino al paese di Abbasanta, reperti archeologici e stanze sotterrate dai millenni passati. Nel 1890, gli archeologi Filippo Vivanet e Filippo Nissardi, indagano a fondo quello che verrà ricordato come il Nuraghe Losa, concentrandosi in particolare nella cosiddetta area del bastione. Nel 1915, poi, l’accademico Antonio Taramelli conduce una nuova campagna di scavi riportando alla luce nuove strutture, ed individuando un vasto villaggio circostante. Negli anni cinquanta del Novecento, Giovanni Lilliu esamina i reperti rinvenuti negli scavi precedenti, offrendo alla comunità scientifica una chiave di lettura più moderna, anche alla luce delle sue e delle indagini dei predecessori. Infine, negli anni settanta del Novecento l’archeologo Ferruccio Barreca condusce ulteriori scavi, ai quali fanno seguito gli interventi di restauro che rendono oggi visitabile il monumento.

Recenti studi di archeoastronomia hanno messo in luce come i Nuraghi possiedano un chiaro significato astronomico. In particolare, lo studioso Mauro Peppino Zedda ha effettuato delle osservazioni presso numerosi complessi nuragici ed è giunto alla conclusione che la quasi totalità dei Nuraghi complessi hanno delle linee tangenti alle torri periferiche orientate verso uno dei punti dove sorgono o tramontano il sole e la luna nei Solstizi e nei lunistizi. Tale significato astronomico emerge sia dalle caratteristiche della loro struttura architettonica, che dalla loro dislocazione sul territorio, ed, a seconda che siano allineati con il sorgere o il tramontare del sole o della luna, si possono distinguere i Nuraghi solari ed i Nuraghi lunari.

Il sole non sorge sempre nello stesso punto dell’orizzonte ma, nel corso dell’anno, il punto si sposta ogni giorno dalla posizione più meridionale, nel Solstizio d’inverno oggi intorno al 21 dicembre, a quella più settentrionale, nel Solstizio d'estate oggi intorno al 21 giugno, per poi ripercorrere il medesimo tragitto in senso inverso. A metà del percorso, il sole sorge quasi esattamente ad est, nei due Equinozi, in primavera intorno al 21 marzo, e in autunno intorno al 23 settembre.

Ai Nuraghi solari appartiene il Nuraghe Losa di Abbasanta. Infatti, in questo Nuraghe, al Solstizio d'estate dalla torre nord si vede il sole tramontare dietro la torre sud est, ed al Solstizio d'inverno lo si vede sorgere dietro la stessa torre. E, al Solstizio d'estate, dalla torre sud est si vede il sole sorgere dietro la torre sud ovest, ed, al Solstizio d'inverno, lo si vede tramontare dietro la stessa torre. Il Nuraghe è, quindi, orientato in modo da essere perfettamente idoneo a collimare i punti da cui sorge e tramonta il sole, dato che le torri sono perfettamente orientate in direzione delle albe e dei tramonti in entrambi i Solstizi, un dettaglio che rende il monumento unico in tutta Europa. Tutto questo porta a pensare che i Nuraghi non fossero fortezze, l'ipotesi più probabile è che fossero una specie di santuari. Come rivela una sorta di tabù o timore reverenziale, che ancora oggi i sardi nutrono nei loro confronti. Le campagne sarde sono piene di ovili, costruiti anche a ridosso dei Nuraghi stessi, ma mai ricavati all'interno di essi, come sarebbe stato più comodo.

L'altare preistorico in localtà Pisapia

I ricercatori Carlo Maxia e Lello Fadda, appassionati studiosi di preistoria sarda, hanno effettuato misurazioni geometriche su tre altari in Provincia di Oristano, e ne hanno ipotizzato l'orientamento solstiziale. In particolare, hanno individuato in territorio di Abbasanta l'altare preistorico in località Pispisu, che sembra rivolto verso l'alba al Solstizio invernale, con un errore di circa 3°. La direzione dell'alba al Solstizio d'inverno potrebbe essere ricollegato al culto religioso della resurrezione.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, concluderemo la visita del Guilcer recandoci a visitare Norbello. Da qui andremo a Ghilarza. Fatta una puntata a Zuri, Andremo a visitare i piccoli comuni di Boroneddu, Tadasuni e Soddì. Da qui andremo ad Aidomaggiore, da dove ci recheremo sul lago Omodeo. Qui faremo una visita a Sedilo, e dopo una visita alla cittadina parleremo dell'Ardia di Sedilo.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W