La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Banari che visitiamo con il suo centro ed i dintorni con la Chiesa di Santa Maria di Seve o di Cea

In questa tappa del nostro viaggio nel Meilogu ci recheremo nel paese chiamato Banari, che visiteremo con il suo centro ed i dintorni, con la Chiesa di Santa Maria di Seve o di Cea.

La Regione storica del Meilogu, chiamata anche Mejlogu o Logudoro Meilogu

Il MeiloguIl Logudoro è stato, nel periodo medioevale, uno dei quattro Giudicati che ha avuto come capoluogo prima Porto Torres, in seguito Ardara, ed infine Sassari. Oggi possiamo dividere questa Regione in tre parti: il Logudoro Turritano, il cosiddetto Sassarese, a nord; il Logudoro Meilogu a ovest; ed il Logudoro Montacuto a est. In particolare, il Meilogu ha il nome che deriva dal suo posizionamento in Mediu Logu, vale a dire nel cuore del Giudicato. I comuni che fanno parte del Meilogu sono Ardara, Banari, Bessude, Bonnanaro, Bonorva, Borutta, Cheremule, Cossoine, Giave, Ittireddu, Mara, Mores, Padria, Pozzomaggiore, Semestene, Siligo, Thiesi, Torralba. Il Meilogu è caratterizzato da un territorio prevalentemente pianeggiante, che produce cereali, verdure, ortaggi. Sono fiorenti gli allevamenti ovini, da cui deriva la ricca produzione casearia. Le numerose sorgenti e corsi d'acqua favoriscono questa ricchezza.

In viaggio verso Banari

Arriviamo a Banari partendo da Siligo. Dal centro di Siligo, dove in via Vittorio Emanuele, al civico numero 32, si trova il Municipio di questa cittadina, si procede in direzione nord ovest verso la via Dante Alighieri. Alla rotonda si prende la seconda uscita e si imbocca la SP41 verso sud ovest, che si segue per circa quattro chilometri. Arrivati alle prime case dell'abitato di Banari, si procede lungo la via Vittorio Emanuele, che porta in piazza A. Solinas, dove, al civico numero 1 si trova il Municipio di Banari.

Il paese chiamato Banari Informazioni turistiche

Banari-Veduta dell'abitatoBanari-Stemma del comuneIl paese chiamato Banari (pronuncia Bànari, altezza metri 419, abitanti 606 all'1 gennaio 2011) è un piccolo borgo agricolo nel Meilogu, situato fra l’altopiano di Logudoro e Meilogu. il Comune è raggiungibile tramite la SS131 di Carlo Felice Carlo Felice, che dista sette chilometri dall’abitato. Il territorio comunale, sul quale si alternano alture di trachite e valli percorse da piccoli corsi d'acqua, ha un profilo geometrico irregolare, con variazioni accentuate che vanno da un minimo di 167 a un massimo di 583 metri sul livello del mare.

Origine del nome

Il nome della cittadina, di probabile origine preromana, secondo alcuni studiosi potrebbe derivare dalla voce Fenicia Bana, che stava ad indicare un edificio o un'abitazione, mentre secondo altri potrebbe derivare etimologicamente dal nome della popolazione preistorica dei Balari che avrebbe abitato una zona montuosa nella parte settentrionale dell'Isola.

La sue economia

L'economia del paese è di tipo prettamente agricolo, specializzato nelle colture di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, viti, ulivi e frutta, ed è famoso per la produzione di cipolle dal gusto delicato e profumo persistente. Dal paese prende, infatti, il suo nome la cipolla di Banari. Si pratica, inoltre, l’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini ed equini. Il settore industriale risulta di dimensioni modeste, ed anche il terziario è poco sviluppato. Le strutture ricettive offrono la sola possibilità di ristorazione, non quella di alloggio.

Brevi cenni storici

Il territorio di Banari viene frequentato già in epoca preistorica, come testimoniato dalle diverse tombe neolitiche rinvenute. L'abitato sorge nel I secolo avanti Cristo, durante il periodo dell’occupazione romana. In epoca medievale appartiene al Giudicato del Logudoro, compresa nella curatoria di Meilogu. Successivamente, in qualità di feudo, viene governata dalla famiglia dei Doria. Passata sotto il controllo degli Aragona e successivamente degli Spagnoli, nel diciassettesimo secolo entra a far parte del marchesato di Cea. Dopo il passaggio ai Savoia, con la soppressione del sistema feudale avvenuta nel 1837 viene aggregata alla contea di Villanova-Montesanto.

Principali Feste e Sagre che si svolgono a Banari

Tra le Feste e Sagre che si svolgono a Banari vanno citati, il 9, 10 ed 11 agosto la Festa patronale di San Lorenzo Martire; l'8 settembre, la Festa dedicata alla Madonna di Cea; il 28 e 29 settembre, la Festa in onore di San Michele Arcangelo.

Visita del centro di Banari

La struttura urbanistica del paese lascia intravedere quella originale medioevale, caratterizzata dalla presenza di due ville, una che sorge veso est, intorno alla Chiesa di San Michele, e l'altra ad ovest, intorno alla Chiesa parrocchiale di San Lorenzo. L'abitato, interessato da forte espansione edilizia, è caratterizzato da un centro storico, nel quale, tra le vestigia del passato di maggiore interesse storico ed architettonico, figurano i bei palazzi signorili, costruiti tra il tredicesimo ed il diciottesimo secolo. È, inoltre, caratterizzato anche da una parte più moderna.

Il Cimitero di Banari

Il Cimitero di Banari si trova fuori dall'abitato, lungo la strada proveniente da Siligo. Circa un chilometro prima di arrivare al Municipio di Banari, alla destra della SP41, si vede l'ingresso dell'area cimiteriale. Proseguendo, la strada arriva all'interno dell'abitato, dove assume il nome di via Vittorio Emanuele.

Il Campo da Calcio di Banari

Dal Cimitero, percorsi 650 metri verso l'abitato, passate le prime case, lungo la via Vittorio Emanuele, si trova sulla sinistra la deviazione sulla via Alfonso La Marmora, che in pochi metri ci porta al Campo da Calcio di Banari, che si trova sulla sinistra.

La Funtana 'e Supra

Proseguendo per circa cinquanta metri sulla via Alfonso La Marmora, prendiamo a sinistra la via Trieste, che seguiamo per circa duecento metri, poi proesguiamo sulla via Mannu che, in poche decine di metri, ci porta, alla sinistra della strada, alla Funtana 'e Supra, ossia la vecchia fontana con lavatoio pubblico che si trova nella parte alta dell'abitato.

Il Campo Sportivo polivalente di Banari

Circa meno di venti metri più avanti della deviazione verso il Campo da Calcio, proseguendo sulla via Vittorio Emanuele, si trova sulla destra una diviazione che, in trenta metri, sbocca sulla via Laconi. Presa verso destra. ci porta all'ingresso del Campo Sportivo polivalente di Banari, un complesso sportivo costituito da Campo da Calcetto, campo da tennis, campo da pallacanestro, ed altro.

La Chiesa di San Michele

Banari: la Chiesa di San MicheleTornati sulla via Vittorio Veneto, duecentocinquanta metri più avanti, prendiamo sulla sinistra la via Mannu che, passata la piazza Umberto I, prosegue. Percordi circa centocinquanta metri, deviamo sulla destra imboccando la via Azuni, dalla quale svoltiamo subito a sinistra, ed arriviamo in una piazza dove troviamo l'ingresso della Chiesa di San Michele. Realizzata nel secolo dodicesimo in forme romaniche, è stata poco dopo donata ai monaci Camaldolesi. Aveva l’impianto a una sola navata, completata dall’abside e con la copertura in legno a capriate. Nel corso dei secoli è andata in rovina, ed è stata completamente ricostruita, nelle sue forme attuali, nel 1892.

Presso questa Chiesa, e all'interno di tutto l'ebitato, si svolge, il 28 e 29 settembre, la Festa in onore di San Michele Arcangelo, con riti sacri seguiti da manifestazioni civili.

Il Municipio di Banari

Tornati sulla via Vittorio Veneto, percorsi meno di cento metri troviamo sulla destra della strada la piazza Antonio Solinas, che si trova a circa un chilometro dalla deviazione che ci aveva portato al Cimitero. Qui, al civico numero 1, si trova il palazzo che accoglie la casa comunale, ossia la sede e gli uffici del Municipio di Banari.

Il Museo Fondazione Logudoro-Meilogu per l'Arte Contemporanea

Dalla piazza Antonio Solinas prendiamo verso nord e svoltiamo a destra in via Architetto Marongiu, che esce a nord dall'abitato. Percorsi meno di cento metri, al numero 30 di via Architetto Marongiu, in un antico palazzo nobiliare in vulcanite rossa, è possibile visitare il Museo della Fondazione Logudoro-Meilogu per l'Arte Contemporanea nel quale è esposta una importante retrospettive di grandissimi artisti che hanno fatto la storia della pittura, con un centinaio di quadri e sculture di importanti artisti italiani degli ultimi cinquant'anni.

La Chiesa parrocchiale di San Lorenzo

Banari: la Chiesa di San LorenzoTornati sulla via Vittorio Veneto e proseguendo verso ovest, la percorriamo per una cinquantina di metri, poi troviamo una deviazione sulle destra in via San Lorenzo Martire, che procede in salita e ci porta alla Chiesa di San Lorenzo, che, dedicata al protomartire, è la Chiesa parrocchiale di Banari. Sebbene manchino documenti che accertino in modo preciso la sua erezione, è però probabile che essa esistesse già nell'undicesimo secolo, sembra, infatti, che il Giudice di Torres Costantino I, nell'anno 1113, abbia donato ai monaci Camaldolesi le Chiese di San Lorenzo e di San Michele di Banari. La primitiva Chiesa era stata edificata in stile romanico, al pari della Chiesa di San Michele. Alla fine del 1597 le è stato aggiunto il massiccio portone centrale. Nel diciottesimo secolo è stata ristrutturata radicalmente la navata. La Chiesa è stata ampliata, nel 1722, con l'aggiunta del presbiterio e della Cappella dei Santi Gavino, Proto e Gianuario; nel 1732 è stata aggiunta la Cappella di Sant'Antonio; ed infine, nel corso del diciannovesimo secolo, sono state aggiunte le altre cappelle. Sempre nel corso del diciannovesimo secolo, la facciata è stata rifatta in forme neoclassiche. Alla Chiesa è annesso un caratteristico campanile a forma ottagonale.

Durante l'ultimo restauro è stato riportato alla luce uno degli affreschi che abbellivano la Chiesa. La Festa di San Lorenzo Martire, una Festa religiosa che è la Festa patronale di Banari, si svolge il 9, 10 e l'11 del mese di agosto.

L'Oratorio di Santa Croce

Proseguendo lungo la via Vittorio Veneto, circa settanta metri più avanti, si trova, alla sinistra della strada, la via Santa Croce, sulla quale si affaccia la Chiesa ed Oratorio di Santa Croce, nel quale era, fino a una cinquantina di anni fa, la sede della omonima Confraternita, la cui origine risaliva alla prima metà del '500. Dallo statuto della Confraternita, redatto in lingua sarda, si presume che, anche a Banari, fosse presente il movimento laico dei Disciplinanti Bianchi di San Giovanni Battista di Loano, fondato nel 1262. La Chiesa ha una pregevole facciata in trachite rossa di Banari e un bell'interno a una sola navata.

Banari: la Chiesa ed Oratorio di Santa Croce Banari: la Chiesa ed Oratorio di Santa Croce: interno

La Funtana 'e Josso

Presa la via Santa Croce che costeggia a sinistra la Chiesa, la seguiamo per circa sessanta metri, poi svoltiamo leggermente a destra e, dopo altri circa sessanta metri, troviamo alla sinistra della strada la Funtana 'e Josso, una antica fontana in trachite che si trova nella parte bassa dell'abitato, con annesso un ampio lavatoio coperto.

Visita dei dintorni di Banari

Nei dintorni di Banari sono stati portati alla luce i resti dela Necropoli di Ziu Juanne; ed anche dei Nuraghi semplici Buffulinu, Chescos, Corona Alta, Domu Pabaras, Farre, Monte Franca, Sa Tanchitta, Su Crapione .

Resti della Necropoli di Ziu Juanne

Usciamo dal paese da ovest, seguendo la SP41, che è la strada che ci aveva portato da Siligo a Banari. Percorsi poco più di tre chilometri e mezzoin direzione di Ittiri, troviamo una sterrata sulla destra che, superato un cancello, porta sul fianco di una ripida collina, all'interno di un bel contesto naturalistico ambientale. Qui, sul finco della collina, si trova la Necropoli ipogeica di Ziu Juanne, assai difficile da raggiungere, costituita da un gruppo di due tombe ipogeiche.

Il complesso monastico di Santa Maria di Seve con a Chiesa di Santa Maria di Seve o Cea

Percorsi ancora poco più di due chilometri e mezzo, troviamo un bivio, al quale la SP41 prosegue verso sinistra, mentre prendiamo una strada secondaria sulla destra che, in poche decine di metri, ci porta al complesso monastico di Santa Maria di Seve, che si trova in una fertile vallata bagnata dalle acque del Rio Mannu,e a circa sei chilometri dal paese chiamato Banari, dove sorgeva il villaggio medievale Seve, o Sea, o Cea, scomparso alla fine del sedicesimo secolo. Allo stato attuale, il complesso monastico si presenta costituito dalla Chiesa romanica di Santa Maria di Cea, e da un cortile interno recintato, che era stato adibito sino alla seconda metà del Novecento all'allevamento di animali e a colture agricole, nel quale sono presenti alcuni edifici conosciuti come il romitorio dell'antico Monastero di Seve, che si trovano ancora in buono stato di conservazione.

Il Monastero di Seve è uno dei pochi monasteri medioevali giunti quasi intatti fino al ventesimo secolo, quando è stato oggetto di alcune campagne di scavo archeologico che hanno cercato di riportarlo alla luce. La Chiesa di Santa Maria di Seve, o di Cea, edificata in stile romanico nel 1260, dipendeva dal Monastero dei Vallombrosani di San Michele di Salvenero, a Ploaghe, ed è collegata al romitorio. La Chiesa, a navata unica, ha la facciata con tre arcate ed un bel portale.

Banari: la Chiesa di Santa Maria di Cea Banari: la Chiesa di Santa Maria di Cea: facciata Banari: la Chiesa di Santa Maria di Cea: aree di ristoro per i pellegrini

L'8 ed il 9 di settembre si svolge la Festa della Madonna di Cea o di Santa Maria di Seve, una ricorrenza che i banaresi venerano con particolare devozione. I festeggiamenti hanno una durata di due giorni durante i quali si svolgono riti religiosi, seguiti da spettacoli folkloristiche, canti e balli nel Sagrato antistante la Chiesa.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio nel Meilogu ci recheremo nel paese chiamato Bessude, che visiteremo con il suo centro ed i dintorni, con le diverse Chiese campestri e con i suoi siti archeologici.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W