La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Aggiungi ai preferiti Mappa del sito

Nel 2016 questa pagina ha visto 2.624 visitatori ed ha ricevuto in media circa 7 visite al giorno


pagina precedenteindice precedente

Banner

pagina successiva

La Provincia di Nuoro con i suoi 74 comuni e con la costa centro orientale dell'Isola


Provincia di NuoroStemma della ProvinciaLa Provincia di Nuoro (nome in lingua sarda Provìntzia de Nùgoro) comprende il territorio centro orientale dell'Isola, ed ha una superficie di 5.638 chilometri quadrati, con sommata la ex Provincia dell'Ogliastra e tolto il comune di Seui passato nel 2016 alla Provincia del Sud Sardegna. Comprende 74 comuni per una popolazione complessiva al 31 maggio 2016 di 212.477 abitanti, con una densità della popolazione di 37,69 abitanti per chilometro quadrato. La Provincia di Nuoro è stata istituita nel 1927, ed oggi confina a nord con la Provincia di Sassari, ad ovest con la Provincia di Oristano, ed a sud con la Provincia del Sud Sardegna. Capoluogo della Provincia è la città di Nuoro, e l'amministrazione della Provincia ha sede nel palazzo situato al civico numero 22 di piazza Italia a Nuoro.

La Provincia con le sue coste e l'entroterra

Alla Provincia di Nuoro appartengono territori di diverse regioni della Sardegna. Le principali sono le regioni che appartengono alla Barbagia, che si può distinguere in Barbagia di Ollolai e Barbagia di Belvì, mentre ad essa non appartiene la Barbagia di Seulo. Al di sotto della Barbagia si sviluppa la regione dell'Ogliastra. Tra la Barbagia di Ollolai e la Barbagia di Belvì, verso ovest, si sviluppa la regione del Mandrolisai. Al di sopra della Barbagia si sviluppa la regione del Nuorese, chiamato da alcuni anche Barbagia di Nuoro o Barbagia di Bitti. A ovest del Nuorese si entra nella regione del Marghine, mentre a nord est si sviluppano le Baronie, che si possono distinguere in Baronia Meridionale o di Orosei, e Baronia Settentrionale o di Siniscola.

Le coste della Provincia di Nuoro

La Provincia comprende, a sud, una zona della Sardegna orientale che anticamente era denominata Agugliastra, Oleastra, Ollastra, Olasta, Ullastra. A detta di molti il termine Ogliastra, che oggi indica questa zona, deriverebbe dalla particolarità della zona ricca di olivastri millenari di grande interesse naturalistico, secondo altri, invece, deriverebbe da quello di un enorme monolito che emerge dal mare a nord di Santa Maria Navarrese, denominato appunto Agugliastra e comunemente indicato come Sa Pedra Longa. Le coste della Provincia comprendono, più a nord, il golfo di Orosei, con lo sbocco sul mare della Barbagia caratterizzato da alte falesie a picco sul mare con piccole cale, e delle Baronie con lunghi tratti di costa sabbiosi. Una legge nazionale del dicembre 1982 vi ha previsto la realizzazione del Parco Marino per la protezione della Foca Monaca.

L'entroterra della Provincia di Nuoro

Il territorio della parte meridionale della Provincia è in piccola parte pianeggiante, mentre l'ottanta per cento del territorio della Provincia è collinare e montuoso, comprendendo il Montalbo, la catena del Marghine, il Supramonte. Nella Provincia è compreso anche il massiccio del Gennargentu, che culmina con i suoi 1834 metri. Principale caratteristica del territorio dell'Ogliastra, e, più a nord della Barbagia meridionale nei versanti occidentale, meridionale ed orientale del Gennargentu, sono i tacchi, si tratta di aridi ed isolati altopiani, che contribuiscono con il loro aspetto a rimarcare il carattere aspro del territorio. Sono costituiti da roccia calcarea dolomitica risalente per lo più al periodo Giurassico, appoggiano su una base di argille e conglomerati che, con la loro porosità, raccolgono le acque piovane in piccoli fiumi e laghi sotterranei. Del territorio della Provincia fanno parte il Lago Alto del Flumendosa ed il lago di Gusana. La scarsa presenza dell'uomo e la viabilità ridotta hanno fatto di questi luoghi le zone meno antropizzate di tutta l'Italia, ed, inoltre, la Barbagia è la zona della Sardegna dove maggiormente sono conservate le antiche tradizioni. Una legge nazionale ha previsto la realizzazione del Parco Nazionale del Gennargentu.

Scegli la località da visitare nella Provincia di Nuoro

 

Carta geografica della Provincia di NuoroTerteniaJerzu - PerdasdefoguUlassai - Osini - Gairo - Ussassai - SeuiCardeduBarì Sardo - Loceri - città di Lanusei - Ilbono - Elini - ArzanaCostiera di Tortolì - GirasoleLotzorai - BauneiLa riserva della Foca MonacaDorgaliCala GononeOlienaNuoroI dintorni di NuoroOrgosoloMamoiadaFonniDesuloBelvìAritzoGadoniTonaraSorgonoOrtueriAtzaraMeana SardoAustisTetiTianaOvoddaGavoiLodineOllolaiOlzaiSaruleOraniOniferiOrotelliOttanaNoragugumeDualchiBororeMacomerSindiaBiroriBortigaliSilanusLeiBolotanaOruneBittiOsiddaOnanìLulaLoculiIrgoliOnifaiGaltellìOroseiSiniscolaLodèTorpèPosadaTriei - Urzulei - TalanaTortolì - Villagrande Strisaili

Tutte le tappe del nostro viaggio nella Provincia di Nuoro

freccia1Iniziamo la visita della regione storica dell'Ogliastra.

freccia2Nell'Ogliastra visitiamo Tertenia e la sua costiera con le spiagge Melisenda, Barisoni e Sa Foxi Manna

freccia2Ci rechiamo nell'Ogliastra interna meridionale per visitare Jerzu e da qui proseguiamo verso sud fino a raggiungere Perdasdefogu

freccia2Nell'Ogliastra interna meridionale da Ulassai verso nord ad Osini e poi a Gairo, quindi deviamo verso l'interno e ci rechiamo ad Ussassai

freccia2Di nuovo nell'Ogliastra costiera a Cardedu con le spiagge di Foddini e Sa Perda 'e Pera, Su Sirboni e Coccorrocci

freccia2A Barì Sardo con il Lido di Cea, e l'entroterra di Loceri, Lanusei uno dei due capoluoghi della Provincia, Ilbono, Elini e Arzana

freccia2Visita di Tortolì, l'altro capoluogo della Provincia, e la deviazione a Villagrande Strisaili ed al Lago Alto del Flumendosa

freccia2Da Tortolì ad Arbatax con la sua costiera, fino a Girasole sullo Stagno di Tortolì

freccia2A Lotzorai e Baunei con il suo Supramonte, la costa con l'insediamento turistico di Santa Maria Navarrese e con la Pedra Longa

freccia2La costiera di Baunei nella riserva di protezione della Foca Monaca, da Capo Monte Santu a Cala Goloritzè, da Cala Biriola a Cala Sisine

freccia2Concludiamo il nostro viaggio in Ogliastra, dall'altopiano del Golgo a Triei, Urzulei con il suo Supramonte, e Talana, per poi entrare in Barbagia

freccia1Inizieremo ora la visita della parte orientale della Barbagia di Ollolai.

freccia2Visitiamo Dorgali, capitale dell'artigianato e del turismo estivo in Barbagia, con gli importanti siti archeologici nei suoi dintorni

freccia2Le spiagge di Dorgali e la sua frazione marittima Cala Gonone, con la costa della riserva per la protezione della Foca Monaca e con i suoi siti archeologici

freccia2Dalle fonti carsiche di Su Gologone e dal villaggio Sa Sedda e Sos Carros nella valle di Lanaitto, a Oliena, la città del bandito Giovanni Battista Salis detto Corbeddu

freccia1Entreremo nel Nuorese, dove effettueremo la visita della città di Nuoro, con il suo bel centro storico ed i suoi dintorni.

freccia2Nel Nuorese visita della città di Nuoro, capoluogo della Provincia, patria di Grazia Deledda, con tutte le sue bellezze e con le sue principali manifestazioni

freccia2Nei dintorni di Nuoro ci rechiamo sul Monte Ortobene, a Lollove e nelle altre sue frazioni, e poi a visitare i suoi resti archeologici

freccia1Da Nuoro ci recheremo verso sud per continuare la visita della parte orientale della Barbagia di Ollolai.

freccia2Ci rechiamo ad Orgosolo, la città del banditismo divenuta famosa per gli oltre 350 murales che ne abbelliscono il centro storico

freccia2A Mamoiada, il paese della stele di Boeli, famoso per il suo Carnevale caratterizzato dalle maschere tradizionali di Sos Mamuthones e Sos Issohadores

freccia2A Fonni, il paese più alto della Sardegna adagiato sul lato settentrionale del massiccio del Gennargentu, famoso per il suo palio

freccia1Una breve puntata nel Mandrolisai.

freccia2A Desulo dove è nato il poeta barbaricino Antioco Casula noto con lo pseudonimo Montanaru, che visitiamo con il suo centro storico e con i dintorni

freccia1Iniziamo la visita della Barbagia di Belvì.

freccia2Ci rechiamo a Belvì, il paese che ha dato il suo nome a questa Barbagia, che visitiamo con il suo centro storico e con i dintorni

freccia2Ad Aritzo, cittadina famosa per il commercio della neve e per aver dato i natali al poeta barbaricino Bachisio Sulis, che si trova sotto il Tacco Texile

freccia2Ci rechiamo a Gadoni, il paese più a sud della Barbagia di Belvì, che visitamo con la sua frazione Funtana Raminosa

freccia1Ci rechiamo ora a visitare il Mandrolisai.

freccia2Visita di Tonara, il paese del torrone e di Peppino Mereu, dove vistiamo l'abitato ed i suoi dintorni, con i numerosi siti archeologici

freccia2A Sorgono, considerato il capoluogo storico del Mandrolisai, il paese famoso per i duecento menhir presenti nel suo territorio

freccia2Effettuiamo una deviazione fino ad Ortueri, il paese più ad ovest del Mandrolisai in Provincia di Nuoro, che visiteremo con il suo centro abitato ed i suoi bei dintorni

freccia2Ci rechiamo ad Atzara, il paese più a sud del Mandrolisai, che visitiamo con i suoi dintorni

freccia1Concludiamo la visita della Barbagia di Belvì.

freccia2Ancora più a sud, visitiamo Meana Sardo, con il suo centro abitato ed i suoi dintorni con l'imponente reggia nuragica di Nolza

freccia1Torniamo nella Barbagia di Ollolai della quale visitiamo i comuni occidentali.

freccia2Ci rechiamo a visitare Austis ed i suoi dintorni, con i siti archeologici e la bella roccia detta Sa Crabarissa

freccia2Ci rechiamo a visitare Teti, paese famoso soprattutto per gli importanti bronzetti rinvenuti nel villaggio di Abini che si trova nei dintorni

freccia2Risalendo verso nord visitiamo Tiana, il paese conosciuto per la produzione dell'orbace

freccia2Visitiamo Ovodda, cittadina nota per il suo Carnevale e per i suoi dintorni

freccia2Passato il lago di Gusana visitamo Gavoi che si distingue per la sua offerta di qualità turistica ed è famosa per il suo Carnevale

freccia2Da Gavoi ci rechiamo a visitare il piccolo borgo agricolo di Lodine con i suoi dintorni

freccia2Ci rechiamo a visitare Ollolai, il paese che ha dato il nome a questa Barbagia, dove è nato il re pastore Ospitone a cui si deve la diffusione del cristianesimo nell'Isola

freccia2Per concludere la visita alla Barbagia di Ollolai, ci rechiamo a visitare Olzai, dove ha vissuto ed operato il pittore Carmelo Floris

freccia1Ritorniamo nel Nuorese, dove ci rechiamo a visitare i borghi famosi per il loro Carnevale caratterizzato dalle maschere tradizionali.

freccia2Ci rechiamo a visitare Sarule, il paese dove è nato il famoso scrittore e poeta Salvatore detto Badore Sini

freccia2Ci rechiamo a visitare Orani, patria del pittore Mario Delitala e del famoso scultore Costantino Nivola, con gli importanti reperti rinvenuti nei dintorni

freccia2Ci rechiamo nel borgo agropastorale di Oniferi, che visitiamo con i diversi siti archeologici che si trovano nei suoi dintorni

freccia2Ci rechiamo a Orotelli, patria dello scrittore Salvatore Cambosu, il paese famoso per il suo Carnevale caratterizzato dalle maschere tradizionali dei Sos Thurpos

freccia2Arriviamo ad Ottana, la cittadina famosa per la Chiesa di San Nicolò e per il suo Carnevale caratterizzato dalle maschere tradizionali di Sos Boes e Sos Merdules

freccia1Entriamo nella regione storica del Marghine.

freccia2Ci rechiamo a visitare Noragugume dove vedremo il suo centro e poi nei dintorni il famoso menhir Sa Pedra 'e Taleri

freccia2Visitiamo Duachi con le numerose Chiese ed i siti archeologici che si trovano nei suoi dintorni

freccia2Visitiamo la cittadina chiamata Borore con il suo Museo del Pane Rituale e con i diversi siti archeologici che si trovano nei dintorni

freccia2Visita della città di Macomer, capoluogo del Marghine, con i suoi siti archeologici, soprattutto la Necropoli ipogeica di Filigosa e l'area archeologica di Tamuli

freccia1Una deviazione nella regione storica della Planargia che si sviluppa quasi interamente nella Provincia di Oristano.

freccia2Ci rechiamo a visitare Sindia con l'Abbazia cistercense di Cabuabbas o di Nostra Signora di Corte

freccia1Completiamo la visita della regione storica del Marghine.

freccia2Da Macomer ci rechiamo a Birori che visitiamo con i siti archeologici che si trovano nell'abitato e nei suoi dintorni

freccia2Ci rechiamo a visitare Bortigali con le sue molte Chiese e con nei dintorni i diversi siti archeologici tra i quali il Nuraghe Orolo

freccia2A Silanus con le sue diverse Chiese e nei dintorni il Nuraghe Corbos con i suoi betili ed il Nuraghe e la Chiesa di Santa Sabina

freccia2Visita del piccolo borgo agro pastorale di Lei con i resti archeologici nei suoi dintorni

freccia2Concludiamo la visita del Marghine recandoci a Bolotana che visiteremo con i suoi dintorni tra i quali l'ampio parco di Badde Salighes e la Chiesa di Santa Maria 'e Sauccu

freccia1Completiamo la visita di quella parte del Nuorese che si sviluppa a nord est della città, al confine con le Baronie.

freccia2Ci rechiamo a Orune, patria di Antonio Pigliaru autore del saggio sulla vendetta barbaricina, e visitiamo la fonte sacra Su Tempiesu

freccia2Ci rechiamo a Bitti, il paese natale di Michelangelo Pira detto Mialinu e dei Tenores, nei cui dintorni si trova il villaggio preistorico chiamato Romanzesu

freccia2Da Bitti effettuiamo una deviazione al piccolo borgo pastorale di Osidda

freccia2Da Bitti proseguiamo per recarci a visitare il borgo pastorale di Onanì

freccia2Concludiamo la visita del Nuorese recandoci a Lula, il paese del malessere nel Nuorese, famosa per il Santuario di San Francesco che si trova nel suo territorio

freccia1Visita della Baronia Meridionale con la sua costiera.

freccia2Nella Baronia Meridionale ci rechiamo a visitare il borgo agropastorale di Loculi che vedremo con il suo centro ed i suoi dintorni

freccia2Ci rechiamo alla cittadina di Irgoli con le sue molte Chiese ed i siti archeologici nei dintorni tra i quali la famosa Sa Conca 'e Mortu

freccia2Ci rechiamo al borgo agropastorale di Onifai che visitiamo con il suo centro storico e le sue Chiese

freccia2Ci rechiamo a visitare Galtellì che si distingue per la sua offerta di qualità turistica e continua a vivere nel ricordo di Grazia Deledda

freccia2Visita di Orosei, storico capoluogo della Baronia Meridionale, con le sue Chiese ed i suoi dintorni, e con le diverse spiagge della sua costiera

freccia1Visita della Baronia Settentrionale con la sua costiera.

freccia2Visita della città di Siniscola, storico capoluogo della Baronia settentrionale, con i suoi dintorni e con le diverse spiagge della sua costiera

freccia2Ci portiamo all'interno per raggiungere la cittadina agro pastorale di Lodè che visitiamo con i suoi dintorni;

freccia2Un poco più a nord ci portiamo all'interno per raggiungere la cittadina agro pastorale di Torpè ed il lago del Posada

freccia2Visitiamo la cittadina chiamata Posada con il castello della Fava e con le sue spiagge, dove concludiamo il nostro viaggio

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio entreremo nella regione dell'Ogliastra, partendo da Muravera e superato Villaputzu, la SS125 Orientale Sarda si porta verso l'interno. Proseguiamo, quindi, verso nord, in una zona montagnosa, passando dal Serrabus alla regione dell'Ogliastra, dove inizieremo con la visita della parte meridionale delle sue coste, ossia di Tertenia con la sua bella costiera.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Tutte le foto e riprese sono state effettuate da privati a scopo amatoriale per uso personale e per motivi di studio, senza fini di lucro. Alle nostre foto della Sardegna, se ne aggiungono molte inviateci da amici, alcune tratte da Wikipedia in base ai termini della GNU Free Documentation License, ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte dal sito italiapedia.it, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di Chiese dai siti Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie dai siti lestradeferrate.it e trenomania.org, altre da siti differente. Se viene segnalata l'eventuale violazione del copyright, provvederemo a rimuoverle. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale pubblicato in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2017 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W