La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Aggiungi ai preferiti Mappa del sito

Nel 2016 questa pagina ha visto 2.628 visitatori ed ha ricevuto in media circa 7 visite al giorno
pagina precedenteindice precedente

Banner

pagina successiva

Provincia di Oristano con i suoi 87 comuni e con la costa centro occidentale dell'Isola


Provincia di OristanoStemma della ProvinciaLa Provincia di Oristano (nome in lingua sarda Provìntzia de Aristanis) comprende il territorio centro occidentale dell'Isola, ed ha una superficie di 2.990 chilometri quadrati, eliminando il Comune di Genoni passato nel 2016 alla Provincia del Sud Sardegna. Comprende 87 comuni per una popolazione complessiva al 31 maggio 2016 di 160.324 abitanti, con una densità della popolazione di 53,61 abitanti per chilometro quadrato. La Provincia di Oristano è stata istituita nel 1974, ed oggi confina a nord con la Provincia di Sassari, ad est con la Provincia di Nuoro, ed a sud con la Provincia del Sud Sardegna. Capoluogo della Provincia è la città di Oristano, e l'amministrazione della Provincia ha oggi la sua sede nel nuovo edificio situato in via Enrico Carboni a Oristano.

La Provincia con le sue coste e l'entroterra

Alla Provincia di Oristano appartengono territori di cinque regioni storiche della Sardegna: a nord ovest la Planargia; a ovest il Montiferru e ad est il Barigadu; a sud ovest il Campidano di Oristano e a sud est l'alta Marmilla.

Le coste della Provincia di Oristano

La costa è incontaminata fino alla città fluviale di Bosa, per scendere rocciosa fino a Porto Alabe e Santa Caterina di Pittinuri. Diviene poi sabbiosa con la lunghissima spiaggia di Is Arenas, sotto la quale si sviluppa la penisola del Sinis, nel primo tratto rocciosa, poi sabbiosa. Si arriva quindi a Oristano con il suo porto e le sue zone umide.

L'entroterra della Provincia di Oristano

Fanno parte del territorio della Provincia il lago Omodeo, lo Stagno de Is Benas, lo Stagno di Cabras e lo Stagno di Santa Giusta. La regione del Montiferru prende il nome dal Monte Ferru, un massiccio di origine vulcanica, formato quindi da rocce basaltiche e trachitiche che raggiunge con la cima di monte Urtigu i 1050 metri di altezza. Vicino ad essa si trova la roccia solitaria di monte Entu, alta 1024 metri. Nella piana di Uras si trova il monte Arci, un massiccio isolato il cui mantello è formato da colate di lava basaltica mentre la sua ossatura è di trachite, che raggiunge un'altitudine massima è di 812 metri. Nel territorio della Provincia sono presenti diversi siti archeologici: tharros, le rovine di una città di origine fenicia situata nei pressi della località di San Giovanni di Sinis nella penisola del Sinis; le Terme di Fordongianus, un complesso termale romano rialente al I secolo dopo Cristo; il Nuraghe Losa situato nel Comune di Abbasanta, uno dei più grandi Nuraghi della Sardegna; il villaggio di Santa Cristina con il pozzo sacro tra quelli meglio conservati in Sardegna.

Scegli la località da visitare nella Provincia di Oristano

 

Carta geografica della Provincia di OristanoUlà Tirso - Busachi - Fordongianus - Allai - Villanova TruscheduBidonì - Sorradile - Nughedu Santa Vittoria - Ardauli - NeoneliNorbello - Ghilarza - Boroneddu - Tadasuni - Soddì - Aidomaggiore - SediloSennariolo - Scano di Montiferro - Cuglieri - Santu Lussurgiu - Bonarcado - SenegheMilis - Bauladu - Tramatza - San Vero Milis - Riola Sardo - Baratili San Pietro - ZeddianiNurachiCabrasL'isola di Mal di VentreOristanoLa penisola del SinisPaulilatino - AbbasantaMontresta - Modolo - Magomadas - TresNuraghes - Flussio - Tinnura - Sagama - SuniBosaSolarussa - Siamaggiore - Zerfaliu - Simaxis - Ollastra - Siamanna - Siapiccia - VillaurbanaMogorella - Ruinas - Villa Sant'Antonio - Asuni - SamugheoSenis - Nureci - Laconi - Genoni - Assolo - Albagiara - Gonnosnò - Usellus - Sini - Baradili - BaressaCurcuris - Simala - Gonnoscodina - Gonnostramatza - Mogoro - Pompu - SirisMorgongiori - Ales - Pau - Villa VerdeUras - San Nicolò d'Arcidano - Terralba - Marrubiu - Arborea - Santa Giusta - Palmas ArboreaNarbolia

Tutte le tappe del nostro viaggio nella Provincia di Oristano

freccia1Visita della gran parte della Planargia con la sua costiera.

freccia2In Planargia ci rechiamo a Bosa ed effettuiamo la visita dell'unica vera città fluviale della Sardegna

freccia2Con la strada della Malvasia da Montresta a Modolo, da Magomadas a TresNuraghes, da Flussio a Tinnura, da Sagama a Suni

freccia1Visita del Montiferru con la sua costiera.

freccia2Da Sennariolo a Scano di Montiferro, da Cuglieri a Santu Lussurgiu con San Leonardo de Siete Fuentes, e da Bonarcado a
      Seneghe

freccia1Visita del Campidano di Oristano con la sua costiera.

freccia2Ci rechiamo a Narbolia che visitiamo con la sua costiera

freccia2Da Milis a Bauladu, da Tramatza a San Vero Milis, da Riola Sardo a Baratili San Pietro ed a Zeddiani

freccia2A Nurachi con la visita dell'abitato e del suo territorio comunale che si spinge fino allo Stagno di Cabras

freccia2Visitiamo Cabras con il suo stagno, le scoperte archeologiche dei villaggi di Cuccuru Is Arrius e Conca Illonis, le statue dei giganti
      
di Mont 'e Prama e le tavolette di Tzricotu

freccia2La penisola del Sinis, con le sue splendide coste, la spiaggia di quarzo di Is Arutas, il deserto, le oasi e le zone umide

freccia2Un affascinante viaggio in barca a vela sull'isola di Mal di Ventre, nome che è stato dato impropriamente all'isola di Malu Entu,
      
ossia all'isola del vento cattivo

freccia2Visita della città di Oristano, capoluogo della Provincia, per assistere alla Sartiglia, e di tutto quello che si trova nei suoi dintorni

freccia1Visita del Barigadu sulla sponda meridionale del lago Omodeo.

freccia2Sull'altipiano di Abbasanta, a Paulilatino con il pozzo sacro di Santa Cristina, poi ad Abbasanta con il Nuraghe Losa

freccia2Visitiamo Norbello, Ghilarza, Boroneddu, Tadasuni, Soddì ed Aidomaggiore, poi sul lago Omodeo a Sedilo per vedere l'Ardia

freccia2Da Bidonì a Sorradile, una deviazione a Nughedu Santa Vittoria, poi ad Ardauli e a Neoneli

freccia2Da Ulà Tirso a Busachi, quindi a Fordongianus con le sue Terme romane, poi ad Allai e a Villanova Truschedu

freccia1Torniamo nel Campidano di Oristano.

freccia2Torniamo nel Campidano, da Solarussa a Siamaggiore e Zerfaliu, poi a Simaxis, una deviazione ad Ollastra, e quindi a Siamanna,
      Siapiccia e Villaurbana

freccia1Torniamo nella Marmilla Settentrionale.

freccia2Da Mogorella a Ruinas, a Villa Sant'Antonio, ad Asuni, poi nel Mandrolisai a Samugheo con il suo carnevale

freccia2Da Senis a Nureci, poi nel Sarcidano a Laconi, di nuovo in Marmilla ad Assolo, Usellus, Albagiara, Gonnosnò, Sini, Baradili
      
ed a Baressa

freccia2A Curcuris, Simala, Gonnoscodina, Gonnostramatza e Mogoro, poi a Masullas, Pompu e Siris

freccia2Visitiamo il monte Arci con Morgongiori, poi ci rechiamo ad Ales, Pau e Villa Verde

freccia1Concludiamo la visita del Campidano di Oristano.

freccia2Di nuovo nel Campidano, da Uras a San Nicolò d'Arcidano ed a Terralba, da Marrubiu ad Arborea, poi a Santa Giusta ed a
      Palmas Arborea

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prima tappa del nostro viaggio, in Provincia di Oristano, partendo da Alghero seguiremo la costa verso sud e passato Capo Maragiu entreremo in Planargia arrivando a Bosa, dove ci fermeremo a visitare l'unica vera città fluviale della Sardegna. Visiteremo la città con il suo centro storico, il Castello di Serravalle e la antica Chiesa dedicata a San Pietro. Vedremo poi le bellezze nei dintorni di Bosa.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Tutte le foto e riprese sono state effettuate da privati a scopo amatoriale per uso personale e per motivi di studio, senza fini di lucro. Alle nostre foto della Sardegna, se ne aggiungono molte inviateci da amici, alcune tratte da Wikipedia in base ai termini della GNU Free Documentation License, ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte dal sito italiapedia.it, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di Chiese dai siti Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie dai siti lestradeferrate.it e trenomania.org, altre da siti differente. Se viene segnalata l'eventuale violazione del copyright, provvederemo a rimuoverle. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale pubblicato in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2017 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W