Uno dei siti più visitati per conoscere la Sardegna con fino a oltre 850 visitatori in un giorno

La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Acquisto traghetti Mappa del sito

Pagina precedenteIndice precedenteVisita del sito istituzionale del comunePagina successiva

Gesico una delle dodici Città delle lumache con la Chiesa di Sant'Amatore

In questa tappa del nostro viaggio, da Suelli ci recheremo a Gesico, una delle dodici Città delle lumache italiane, che visiteremo con il suo centro nel quale si trova tra l'altro la Chiesa di Sant'Amatore, ed i suoi dintorni con la necropoli di Muttas Nieddas.

La regione storica della Trexenta

La TrexentaLa Trexenta è una regione storica della Sardegna situata nella parte settentrionale della provincia del Sud Sardegna. La regione della Trexenta si trova interamente nella provincia del Sud Sardegna ed i comuni che ne fanno parte sono Barrali, Gesico, Guamaggiore, Guasila, Mandas, Ortacesus, Pimentel, Sant'Andrea Frius, San Basilio, Selegas, Senorbì, Siurgus Donigala, Suelli. Il territorio è prevalentemente collinare nella parte orientale e più pianeggiante verso ovest. La zona della Trexenta è un susseguirsi di rigogliose campagne, dove i frutteti si alternano a vigne, oliveti e coltivazioni di cereali. Le sue condizioni climatiche, favorite anche dall'abbondanza d'acqua, determinano una rinomata produzione di vino, olio e grano.

In viaggio verso Gesico

Dopo la devizaione a Siurgus Donigala, torniamo a Suelli, dove prendiamo verso nord la via Provinciale, che seguiamo verso nord fino al Cimitero Comunale, che esce dall'abitato come SS128 Centrale Sarda. La seguiamo per quattro chilometri e trecento metri, poi svoltiamo a sinistra sulla SP30 che, in altri tre chilometri, ci porta all'interno dell'abitato di Gesico. Dal Municipio di Suelli a quello di Gesico si percorrono 8.2 chilometri.

Il paese Gesico Informazioni turistiche

Gesico-Veduta dell'abitatoGesico-Stemma del comuneIl comune di Gesico (pronuncia Gèsico, nome in lingua sarda Gèsigu, metri 300, abitanti 978) è un centro ad economia prevalentemente agropastorale che si estende nella parte settentrionale della provincia del Sud Sardegna, a nord dei colli Trexenta, situato alle pendici del monte San Mauro. Di grande interesse le sue numerose e antiche Chiese ed i santuari che gli hanno meritato il nome di paese delle sette Chiese, dato che la tradizione parla di ben sette edifici di culto dedicati a Santa Maria d’Itria, Santa Giusta, San Sebastiano, Sant’Amatore, San Mauro, Santa Lucia e San Rocco. L'abitato è raggiungibile con la SS128 Centrale Sarda, che dista soli tre chilometri dall’abitato. La linea ferroviaria che collega Cagliari con Isili ha uno scalo sul posto. Il territorio comunale presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche accentuate, dato che in esso si raggiungono i 501 metri di quota.

Origine del nome

Il toponimo, di origine incerta, è ricondotto da qualche studioso alla voce fenicia ges, nel significato di valle, fosso, luogo basso. Invece, secondo il linguista Massimo Pittau, sembra possibile che esso derivi dall'aggettivo latino cessĭcus, con il singificato che si dà in cessione o concessione, e suppone che indichi un fondo dato in appalto o in subappalto da un latifondista romano a un suo concessionario, operazione giuridica ed economica molto ovvia in un territorio di cui Vittorio Angius dice che è lodato per una maravigliosa virtù produttiva.

La sua economia

Gesico-Gesico capitale sarda della lumacaSi tratta di un comune collinare la cui economia si basa sull’agricoltura e sulla pastorizia. Il settore economico primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, vite e olivo, ed anche con l’allevamento di bovini, suini, ovini e avicoli. Il settore secondario è costituito da imprese che operano nei comparti alimentare ed edile. Il terziario si compone di una sufficiente rete distributiva. Il paese è noto per la produzione delle lumache, tanto da essere considerata la capitale sarda della lumaca. È noto, inoltre, per i suoi murales e le sue sculture, opere eseguite dai maggiori artisti della Sardegna che qui trovano l’atmosfera più consona alle loro ispirazioni. Pur non figurando tra le mete turistiche più celebrate della zona, riveste comunque una certa importanza sotto il profilo archeologico, tanto da richiamare l’attenzione di numerosi appassionati di archeologia e arte. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno.

Brevi cenni storici

L'area nella quale sorge è stata abitata fino dall'epoca nuragica, come attestato dalla presenza nel territorio di alcuni nuraghi. Nel medioevo il borgo appartiene al Giudicato di Cagliari e fa parte della curatoria di Siurgus. Nel 1258, alla caduta del Giudicato, viene conquistato dai Pisani sotto il dominio della famiglia dei conti della Gherardesca e, in seguito, ad Antonio Butzano, per passare poi, intorno al 1324, agli Aragonesi. La villa, che aveva inviato i suoi rappresentanti al parlamento convocato dal re d'Aragona Pietro IV il cerimonioso a Cagliari nel 1355, diviene, sotto gli Aragonesi, un feudo, che per un certo tempo viene posseduto dalla famiglia Carroz. Nel 1368 diviene feudo dei Puyalt, quindi dei d’Eril e dei Sanna e, nel diciottesimo secolo, viene compresa nel marchesato di San Tomaso, feudo prima dei Cervellon, e poi dei Nin Zatrillas, ai quali è riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale. Resta nella provincia di Cagliari fino alla riforma del 2016, quando il paese viene aggregato alla nuova provincia del Sud Sardegna.

Principali feste e sagre che si svolgono a Gesico

Gesico-Sfilata nel costume tradizionale di GesicoGesico-Esibizione del Gruppo folk Sant'AmaduoA Gesico è attivo il Gruppo folk Sant'Amadu dell'Associazione Oratorio Don Giuseppe Atzori, i cui componenti si esibiscono nelle principali feste e sagre che si svolgono nel comune ed anche in altre località dell'Isola. Tra le principali feste e sagre che si svolgono a Gesico, si segnalano a metà di maggio, la Festa patronale di Santa Giusta e Sant’Isidoro; il 12 settembre, la Festa di San Mauro; dall'11 al 21 ottobre, la Sagra di Sant’Amatore ossia Sant’Amadu, ed in concomitanza con questa sagra, si svolge anche l'importante Sagra della Lumaca, che raggiunge il suo culmine il terzo sabato di ottobre.

La Sagra della Lumaca

Gesico-Manifesto della Sagra della LumacaGesico-Sagra della LumacaOgni anno, in concomitanza con la Festa di Sant'Amatore, al centro del paese si svolge la Sagra della Lumaca, della quale il giorno più importante è il terzo sabato di ottobre. Questa Sagra è nata nel 1993 ed è la prima iniziativa del genere in Sardegna, non a caso Gesico, durante il 26° Raduno Nazionale Elicicoltori tenutosi a Cherasco in provincia di Cuneo nel 1997, è stata nominata Città delle Lumache, entrando a far parte dell'intinerario tra una diecina di comuni italiani dove le lumache sono un tipico prodotto della produzione agricola, della gastronomia e del turismo. La Sagra della Lumaca di Gesico costituisce oggi la più grande manifestazione di questo tipo in Europa per la quantità di lumache cucinate, e durante questa Sagra possono gustare svariate ricette di lumache, arrosto, con la fregola, gratinate, in umido.

Visita del centro del paese

L’abitato, interessato da un fenomeno di forte crescita edilizia, mostra l'andamento altimetrico tipico delle zone collinari. Arrivando da sud con la SP33, prima di entrare nel paese si arriva a un bivio, dove a sinistra prosegue la SP33 che passerà a sud del paese, mentre a destra parte la SP30 che attraverserà tutto il paese per uscire a nord in direzione di Mandas.

Il Municipio

Gesico-Il Municipio di GesicoArrivati al bivio prima dell'ingresso nel paese, prendiamo a destra la SP30 che, passato il cartello segnaletico che indica l'ingresso nell'abitato, assume il nome di via Sant'Amatore. Percorsi duecentocinquanta metri verso nord lungo la via Sant'Amatore, svoltiamo a sinistra in via Umberto I, e, dopo una settantina di matri, prendiamo a sinistra la via Vittorio Emanuele III. Seguita la via Vittorio Emanuele III per un centinaio di metri, vediamo alla destra della strada l'edificio che ospita il Municipio di Gesico, nel quale si trova la sua sede e si trovano gli uffici che forniscono i loro servizi agli abitanti del paese.

La Chiesa parrocchiale di Santa Giusta Beata Vergine Martire

Gesico-La Chiesa parrocchiale di Santa Giusta Beata Vergine MartireEvitano la deviazione nella via Umbero I, proseguiamo verso nord lungo la via Sant'Amatore e, dopo un centinaio di metri, svoltiamo a sinistra nella via della Chiesa. Percorsa appena una trentina di metri, vediamo, alla sinistra della strada, la Chiesa di Santa Giusta Beata vergine Martire, che è la parrocchiale di Gesico ubicata nell'antico rione di Gesigu Mannu. Edificata probabilmente nel tredicesimo secolo in stile romanico gotico-pisano, è stata rimaneggiata nella metà del sedicesimo secolo in stile gotico-aragonese. Il prospetto presenta un parametro murario, ed un coronamento con merlatura lanceolata. La facciata in stile romanico ha un rosone centrale, un architrave racchiude il portale d’ingresso, realizzato nel diciassettesimo secolo secondo il gusto rinascimentale. All'esterno, la Chiesa è dotata di un alto campanile in stile pisano a base quadrata. L’interno, realizzato in stile gotico aragonese, presenta otto cappelle con otto altari, oltre a quello maggiore, ed ha il presbiterio più basso e stretto. La Chiesa custodisce un retablo raffigurante le anime del Purgatorio opera del pittore campano Giulio Adato, altari barocchi in marmo policromo, ed un raro crocifisso ligneo del sedicesimo secolo della scuola di Nicodemo che rappresenta la statua del Cristo Nero. Nella cappella dedicata a Sant'Amatore è presente un sarcofago romano del terzo secolo dopo Cristo, sino a pochi anni fa custodito nella Chiesa di Sant'Amatore ed utilizzato come mensa d'altare, in seguito custodito nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari sino al 1977, e che attualmente si trova in questa Chiesa, con la teca di Sant'Amatore e con un reliquiario seicentesco in argento nel quale è presente in cranio del Santo, recuperato nel 1621, come è testimoniato da un atto notarile custodito dell'Archivio di Stato di Cagliari.

Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: facciata Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: portale di ingresso Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: interno Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: altare maggiore Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: pulpito Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: il simulacro vestito a festa Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: pala d'altare Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: il retablo Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: il crocifisso del Cristo Nero Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: il sarcofano romano del terzo secolo dopo Cristo trovato a Sant'Amatore Gesico-Chiesa parrocchiale di Santa Giusta: la teca di Sant'Amatore con il reliquiario che coserva il cranio del Santo

Gesico-Festa di Santa Giusta e Sant'IsidoroDurante gli ultimi lavori di riqualificazione è stata rinvenuta un'abside bizantina a testimonianza della presenza di un impianto preesistente. Ogni anno, a metà maggio, presso la Chiesa parrocchiale di Gesico si svolge la Festa patronale di Santa Giusta e Sant'Isidoro. Santa Giusta è la patrona del paese, che è subentrata a quella precedente che era Santa Maria d'Itria, ed il 14 maggio è il giorno della sua ricorrenza, mentre il 15 maggio è la ricorrenza di Sant'Isidoro, patrono degli agricoltori. Il paese festeggia questa ricorrenza come la più importante dell'anno, sia dal punto di vista religioso che dal punto di vista civile. I simulacri dei due Santi vengono portati in processione per le vie del paese, ed alla processione seguono le cerimonie religiose. Le solenni celebrazioni religiose sono accompagnate da diverse manifestazioni di carattere civile.

Il complesso nuragico di San Sebastiano

Gesico-Veduta dall'alto del complesso di San SebastianoLungo la via della Chiesa, di fronte alla Chiesa parrocchiale, all'altro lato della strada, alla destra, si trova il cartello indicatore, che fa imboccare un vicolo che porta ai resti del complesso nuragico di San Sebastiano, un rarissimo esempio di Nuraghe sito all'interno di un centro abitato, ai suoi margini settentrionali, evidenziandone la sua continuità abitativa, e collocando, quindi, Gesico tra i comuni più antichi di tutta la Sardegna. Si tratta di un Nuraghe di tipologia indefinita, probabilmente un multilobato edificato a 300 metri di altezza, che ha preso il nome della piccola Chiesa campestre edificata sopra i resti dell'antico insediamento archeologico. Il complesso nuragico si ritiene sia composto da ben nove torri, un mastio, tre torri facenti parte della struttura interna, e le altre sei connesse mediante cortine che rappresentavano la robusta cinta muraria esterna, arma difensiva contro eventuali attacchi a protezione del complesso. Sulla piccola collina che ospita il complesso nuragico di San Sebastiano, sono inoltre visibili testimonianze risalenti al periodo punico. Dal 2003 al 2006 l’area è stata oggetto di due campagne di scavo dirette dalla Soprintendenza per le Province di Cagliari e Oristano. Attualmente, il complesso è chiuso al pubblico, dato che sono ripresi scavi archeologici e interventi di messa in sicurezza, a cura di un'equipe guidata dall'archeologa Donatella Cocco della Soprintendenza Archeologica di Cagliari e Oristano.

I ruderi della Chiesa di San Sebastiano

Gesico-Ruderi della Chiesa di San SebastianoSopra i resti del mastio del Nuraghe è stata costruita e consacrata, intorno alla metà del Seicento, la Chiesa di San Sebastiano, che è stata eretta sfruttando le strutture nuragiche sottostanti, dopo che si era deciso di abbattere alcune torri, utilizzandone le pietre per altre costruzioni, e per creare una base dove edificare questo edificio sacro. Inizialmente l'edificio viene dato in uso alla nascente Confraternita del Sacro Rosario, ma la tradizione, seppur osteggiata e perseguitata, delle danze e dei festeggiamenti che si effettuavano da sempre nel cortile del Nuraghe stesso, continuò a perpetrarsi. Gli scavi effettuati all'interno dell’edificio sacro, hanno restituito undici sepolture. Chiaro esempio di sincretismo religioso, della Chiesa di San Sebastiano oggi restano visibili solamente i ruderi dei muri perimetrali.

I ruderi della Chiesa di Santa Lucia

Gesico-Ruderi della Chiesa di Santa LuciaSi dice che la Chiesa di Santa Lucia fosse la parrocchiale del rione di Gesigheddu, rione che era separato da quello di Gesigu Mannu, che è il centro dell'attuale abitato di Gesico, tramite il fiume Rio Mannu, chiamato per tale motivo Su Riu de Mesu Bidda. Nella prima metà del Seicento, compare nelle fonti relative alle commissioni di opere d’arte per gli abbellimenti degli arredi liturgici delle Chiese di Santa Giusta e Santa Lucia, che vengono dotate di importanti retabli. Per raggiungere i suoi ruderi, proseguiamo lungo la via della Chiesa che ci ha portati alla Chiesa parrocchiale. La via della Chiesa curva leggermante a sinistra e prosegue passando davanti alla Chiesa parrocchiale, dopo poco più di cento metri sbocca sulla via Umberto I, che prendiamo verso destra, la seguiamo per quattrocentocinquanta metri, poi prendiamo a destra la via Sebastiano Satta, e, dopo una cinquantina di metri, alla sinistra della strada, ormai quasi del tutto inglobata nel tessuto insediativo di un quartiere dalla recente urbanizzazione, si vedono i suoi resti ormai del tutto abbandonati.

Dove si trovava la Chiesa di San Rocco

Per quanto riguarda la Chiesa di San Rocco, il suo culto è quasi del tutto scomparso dalla memoria culturale del paese, ed infatti nell’Ottocento Vittorio Angius non segnala neppure l’esistenza di questo edificio, dato che scrive che le Chiese del paese erano in totale sei. Lo stesso autore, dice che la Chiesa di Santa Lucia era molto vicina a quella di San Sebastiano, ma le due Chiese sono distanti e ubicate nei due distinti rioni che al suo tempo erano divisi. Per raggiungere il luogo dove probabilmente sorgeva la Chiesa di San Rocco, dalla via della Chiesa presa verso destra la via Umberto I, la si segue per appena trecentocinquanta metri, poi si prende a sinistra la via Stretta che si dirige verso la via Sassari, la si segue per una cinquantina di metri ed alla sua destra si vede il luogo dove si trovava la chiesa. E infatti, se l’ubicazione di San Rocco fosse effettivamente stata questa, l’informazione riferita da Vittorio Angius acquisterebbe un nuovo significato, considerata la brevissima distanza tra essa e l’ubicazione della Chiesa di Santa Lucia, sarebbero state allora queste le due Chiese effettivamente vicine tra loro.

La Chiesa di Santa Maria d'Itria

Gesico-La Chiesa di Santa Maria d'ItriaPassata la deviazione in via della Chiesa, ritorniamo lungo la via Sant'Amatore, proseguiamo verso nord per quattrocentocinquanta metri, e vediamo, alla destra della strada, la facciata della Chiesa di Santa Maria d'Itria, che è situata nella  parte settentrionale del paese. Edificata nel tredicesimo secolo in stile romanico pisano, risulta documentata già nel 1215 e viene citata nelle fonti come la prima Chiesa parrocchiale di Gesico. Originariamente era costruita con un campanile a vela sovrastante l’intera facciata arricchita da una campana bronzea, che è stata successivamente trasferita nella Chiesa parrocchiale di Santa Giusta, ma è stata in seguito molto rimaneggiata. È realizzata interamente in conci di trachite e arenaria di media pezzatura, ben squadrati, lasciati a vista. Nell’ultimo restauro degli anni ’80 i muri laterali sono stati intonacati e tinteggiati. Ricostruita nella metà superiore con conci di pietra di trachite rosa, ha perso nel tempo il campanile a vela di cui era munita, e la sua campana bronzea attualmente è alloggiata nel campanile della Chiesa parrocchiale.

Gesico-Chiesa di Santa Maria d'Itria: facciata Gesico-Chiesa di Santa Maria d'Itria: abside posteriore Gesico-Chiesa di Santa Maria d'Itria: interno

La facciata è ripartita in tre parti da lesene poste sui lati del portale d’ingresso. Il portale d’ingresso sormontato da un architrave, che reca incisa la data 1305, evidenzia al di sopra  un arco di scarico semicircolare. I prospetti laterali evidenziano un susseguirsi di archetti pensili poggianti su peducci, elementi architettonici propri dell’architettura romanica. Il retro evidenzia l’ampia abside semicircolare, con una piccola monofora strombata verso l’interno, coronata da una serie di archetti pensili a tutto sesto poggianti su peducci. Internamente è caratterizzata da un’unica navata, con presbiterio sopraelevato di un gradino rispetto al pavimento dell’aula e da un'abside semicircolare.

La Chiesa di Sant'Amatore Vescovo

Gesico-La Chiesa di Sant'Amatore VescovoPassata la Chiesa di Santa Maria d'Itria, proseguiamo verso nord lungo la via Sant'Amatore, e, dopo altri duecento metri, vediamo alla destra della strada il vialetto che conduce alla Chiesa di Sant'Amatore Vescovo, ubicata su un'altura in un ampio piazzale alla periferia del paese confinante con il cimitero di Gesico, sulla strada per Mandas,. Questa Chiesa è stata inserita fra i santuari cristiani d'Italia censiti nel 1999 con un progetto elaborato da vari Istituti culturali ed Università, e dedicata ad Amatore, vescovo africano, oggi compatrono di Gesico assieme a Santa Giusta. La Chiesa è stata edificata nel dodicesimo secolo in stile romanico. L'edificio giunto sino a noi, nei secoli sottoposto a diverse modifiche architettoniche e strutturali, risale nelle forme attuali al sedicesimo secolo. La facciata, molto semplice, presenta una successione di spioventi posti a differenti altezze, è arricchita dall'effigie del Santo scolpita sulla pietra e di gusto popolaresco, ed è dotata di un campanile a vela. L'interno è a navata unica e con un unico ingresso, ripartita in tre spazi delineata da una serie di pilastri sovrastati da archi.

Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: facciata Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: portale Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: effige del Santo in pietra Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: interno Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: interno Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: l'altare

Al 1621 risalirebbe la scoperta all'interno della Chiesa delle reliquie ossee del Santo, oggi conservate in una teca d'argento ed oggetto di culto dei fedeli presso la parrocchiale di Santa Giusta. Negli anni Settanta del Novecento è stato istituito un comitato per il restauro della Chiesa a causa del cedimento del tetto, sciolto nel 1985. Uno dei più importanti risultati di quel comitato è stato il recupero di un sarcofago romano del terzo secolo dopo Cristo, sino a pochi anni fa custodito nella Chiesa ed utilizzato come mensa d'altare, in seguito custodito nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari sino al 1977, e che attualmente si trova nella parrocchiale di Santa Giusta, nella cappella dedicata a Sant'Amatore. All'interno sono presenti alcune tombe a fossa resti dell'antica necropoli sulla quale è stato impostato l'edificio sacro. All'interno della Chiesa sono conservate le acquasantiere di forma esagonale lavorate con motivi scultorei, il simulacro ligneo del Santo, e la cosidetta mola de Santu Amadu, nella quale secondo la leggenda sarebbe stato macinato il corpo del Santo martire africano fatta eccezione per la testa, e per questo a chi soffre di mal di testa, poggiando il capo al suo interno, sembra di sentire il rumore della macina in azione, e si ritene possa quindi beneficiare della guarigione.

Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: vecchia foto del sarcofago romano utilizzato come mensa d'altare Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: tombe a fossa resti della necropoli Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: il reliquario  d'argento nel quale si conserva il cranio del Santo Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: simulacro ligneo del Santo Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: acquasantiera esagonale Gesico-Chiesa di Sant'Amatore: la cosidetta mola de Santu Amadu

Gesico-Sant'Amatore VescovoLa tradizione e la Chiesa sarda ritengono Sant'Amatore uno dei vescovi africani esiliati in Sardegna, per motivi religiosi, sul finire del quinto secolo. Giunto sull'Isola, allora provincia del regno vandalico, fu verosimilmente inviato in missione per evangelizzare i territori abitati dalle civitates barbarie, da identificare nell'attuale Alta Trexenta e nelle prime propaggini del Sarcidano, ancora dedite a culti pagani, e da essi sarebbe stato martirizzato. Presso la tomba del Santo sorge, verosimilmente già in età tardo antica o alto medievale, un santuario, divenuto presto luogo di venerazione e pellegrinaggio, del quale, però, non sono rimaste tracce visibili. I documenti lo ricordano con diversi nomi, nel 1183 come ecclesia Sancti Amasi che all'epoca apparteneva all'ordine monastico di San Vittore di Marsiglia, nel 1560 come Chiesa rurale ossia hermita dedicata a St. Amadori.

Da oltre 350 anni, la terza domenica di ottobre presso questa Chiesa si celebra la Festa di Sant'Amatore, che prevede i riti e le celebrazioni in onore del Santo vescovo martirizzato a Gesico agli inizi del sesto secolo. La Chiesa è regolarmente aperta al culto ogni giovedì e durante i quattro giorni di celebrazioni religiose e civili, che culminano la terza domenica di ottobre. I festeggiamenti si aprono il venerdì con il trasferimento processionale della teca contenente le reliquie di Sant'Amatore e del suo simulacro, dalla parrocchiale sino al santuario. La giornata conclusiva, il lunedì, è invece vissuta come la Festa dei Gesichesi, ed ha una connotazione più intima, essendo prevalentemente frequentata dai devoti del paese. La fiera in memoria della sua morte è uno dei più tradizionali culti popolari e avvolge una varietà di manifestazioni, eventi e spettacoli, incluse presentazioni di libri e concerti e si conclude con l'esibizione di giochi piritecnici.

Gesico-Manifesto della Festa di Sant'Amatore Gesico-Festa di Sant'Amatore Gesico-Festa di Sant'Amatore

Gesico-Sagra della LumacaAlla Festa religiosa si affianca una ricca ed articolata fiera di prodotti tipici e nel corso della settimana si svolge la Sagra della Lumaca, manifestazione gastronomica di grande richiamo. Tra i vari appuntamenti, va citata la rassegna di gruppi canori, denominata Premio di Sant'Amadu. La Festa di Sant'Amatore è anche dedicata agli innamorati, e le coppie approfittano dell’evento per acquistare il loro corredo e l’occorrente per la loro casa visitando le cumbessias, ossia le botteghe situate intorno alla chiesa, dove trovano un assortimento infinito di oggetti e prodotti.

Il Cimitero Comunale

Gesico-Il Cimitero Comunale di GesicoSubito dopo aver passato il vialetto che conduce alla Chiesa di Sant'Amatore Vescovo, proseguiamo verso nord lungo la via Sant'Amatore, e, dopo appena un'altra ottantina di metri, appena una ventina di metri prima del cartello segnaletico che indica l'uscita dall'abitato, vediamo alla destra della strada, il muro di cinta con i cancelli di ingresso del Cimitero Comunale di Gesico, che confina appena più a nord con l'area occupata dalla Chiesa.

Il Campo Sportivo

Per recarci a visitare il Campo Sportivo di Gesico, dobbiamo tornare a dove dalla via Sant'Amatore abbiamo preso a sinistra la via della Chiesa, per recarci a visitare la Chiesa parrocchiale di Santa Giusta. La via della Chiesa curva leggermante a sinistra e prosegue passando davanti alla Chiesa parrocchiale, mentre andando dritti si prosegue sulla via del Campo Sportivo, la seguiamo per duecentocinquanta metri e, alla destra della strada, si vede il Campo Sportivo di Gesico.

Gesico-Campo Sportivo: esterno Gesico-Campo Sportivo: il Campo da Calcetto ossia Calcio a cinque

Il Campo Sportivo è costituito da un Campo da Calcetto, ossia da Calcio a cinque, con fondo il erba sintetica, che è dotato di tribune in grado di ospitare un centinaio di spettatori.

Il Complesso Sportivo Polivalente

Proseguiamo lungo la via della Chiesa che ci ha portati alla Chiesa parrocchiale, la via della Chiesa curva leggermante a sinistra e prosegue passando davanti alla Chiesa parrocchiale, dopo poco più di cento metri sbocca sulla via Umberto I, che prendiamo verso destra, la seguiamo uscendo dall'abitato e, dopo novecento metri, vediamo alla sinistra della strada l'ingresso del Complesso Sportivo Polivalente di Gesico.

Gesico-Complesso Sportivo Polvalente: esterno Gesico-Complesso Sportivo Polvalente: il Campo da Calcio Gesico-Complesso Sportivo Polvalente: il Campo Polivalente

All'interno del Complesso Sportivo, si trovano un Campo da Calcio, con fondo il terra battuta, che non è dotato di tribune; ed un Campo Polivalente, con fondo in materiali cementizi o asfaltoidi, anch'esso senza tribune, nel quale praticare come discipline Calcio, Calcetto ossia Calcio a cinque, Pallacanestro, Pallavolo e Tennis.

Visita dei dintorni di Gesico

Nei dintorni di Gesico sono stati portati alla luce i resti delle tombe dei giganti di Muttas Niedda; dei Nuraghi semplici Bruncu Planu Mesa, Pettiou, Ruina Perdosa; dei Nuraghi complessi Nuratzolu, su Covunu; ed anche dei Nuraghi Battudisi, Berritta Furiada, Columbus, Cumbide Pinna, Muttas Nieddas, Posada, Ruina sa Prunas, s'Arriu Sullinu, San Sebastiano, Sitzidirri, su Linu, Suergiu, tutti di tipologia indefinita.

La necropoli di Muttas Nieddas costituita da cinque Tombe di giganti

Usciamo dall'abitato verso ovest con la via Umberto I che ci ha portato al Complesso Sportivo Polivalente. Da qui percorriamo trecentocinquanta metri ed arriviamo a un bivio, dove prendiamo a destra, dopo un chilometro ed ottocento metri si vede alla destra della strada una collina sulla quale è stata rinvenuta la necropoli di Muttas Nieddas, costituita da cinque Tombe di giganti, ossia sepolture collettive a corridoio, tutte realizzate con lastre di calcare a filari aggettanti verso l'alto. La caratteristica che le rende particolarmente interessanti e pressoché uniche, è la totale mancanza, davanti all’ingresso, dell’esedra, osia dello spazio semicircolare destinato ai cerimoniali, che di regola è sempre presente nelle tombe di giganti. Le quattro tombe meglio osservabili, che distano poche decine di metri le une dalle altre, nel 2006 sono state oggetto di scavi sistematici diretti dalla Soprintendenza Archeologica di Cagliari. In tale occasione sono state ripulite e messe in evidenza le camere sepolcrali, all’interno delle quali sono stati rinvenuti i resti ossei di vari inumati.

Gesico-Necropoli di Muttas Nieddas: veduta della tomba I Gesico-Necropoli di Muttas Nieddas: veduta della tomba II Gesico-Necropoli di Muttas Nieddas: veduta della tomba III Gesico-Necropoli di Muttas Nieddas: veduta della tomba IV

Il monte Corona o San Mauro con la Chiesa campestre di San Mauro Abate

Usciamo dall'abitato verso ovest con la via Umberto I che ci ha portato al Complesso Sportivo Polivalente. Da qui percorriamo trecentocinquanta metri ed arriviamo a un bivio, dove prendiamo a destra, dopo settecento metri prendiamo una deviazione a destra, dopo altri cento metri di nuovo a destra, e dopo poco più di due chilometri e mezzo arriviamo sul monte Corona, oggi chiamato monte San Mauro, alto 504 metri, sulla cui sommità sono state ritrovate migliaia di frecce in ossidiana e silice risalenti all’età preistorica. In virtù di un riconosciuto pregio ambientale, il monte è oggetto di tutela come sito di importanza comunitaria sulla base della direttiva comunitaria Habitat, e fa parte della rete ecologica Natura 2000. Caratterizzato da una forma tronco conica, dominante un territorio di eccezionale importanza sotto il profilo fisico, ambientale e naturalistico, dalla sua sommità si dominano tutta la Trexenta e buona parte della Marmilla e del Campidano.

Il monte Corona o San Mauro ospita, sulla vetta, la Chiesa campestre di San Mauro, edificata nel 1621 su un impianto precedente risalente con molta probabilità al terzo secolo. L'edificio sorge su un pianoro in cima all'omonimo monte eletto a luogo di culto già dal neolitico.

Gesico-Chiesa campestre di San Amuro Abate: veduta d'insieme Gesico-Chiesa campestre di San Amuro Abate: facciata

Gesico-Manifesto della Festa di San MauroPresso questa Chiesa, nel mese di settembre, tra il 10 e il 12, si compie la vivace Festa di San Mauro, istituita nel 1629, che inizialmente si celebrava il primo giugno ed era abbinata ad una delle più imponenti fiere di bestiame del Campidano. Da secoli i gesichesi e le popolazioni del territorio si ritrovano in cima al pianoro per festeggiare e rendere omaggio al suggestivo spettacolo della natura. Oggi, la Festa di San Mauro, è più intima e più sentita per la popolazione di Gesico che ha preso parte ai vari appuntamenti organizzati da un Comitato, fatto esclusivamente di giovani, ed in occasione di essa si alternano riti religiosi a momenti ludici e di intrattenimento collettivo.La manifestazione prevede una processione fino alla Chiesa di San Mauro, presso la quale, oltre alla messa, si organizza un pranzo sulle note di musica tradizionale e lo sfondo coreografico di antiche danze tradizionali.

La Stazione Ferroviaria di Gesico

Arrivando a Gesico da Suelli con la SS128 Centrale Sarda, la abbiamo seguita per quattro chilometri e trecento metri, poi abbiamo svoltato a sinistra sulla SP30 che, in altri tre chilometri, ci aveva portato all'interno dell'abitato di Gesico. Proprio dove dalla SS128 Centrale Sarda parte a sinistra la SP30, all'altro lato della Strada Statale, ossia alla sua destra, si vede la Stazione Ferroviaria di Gesico, situata lungo il tracciato della ferrovia che porta da Cagliari ad Isili.

Gesico-La Stazione Ferroviaria di Gesico e SiurgusL'impianto, costruita dalle Strade Ferrate Secondarie della Sardegna, nasce a sud est di Gesico a fine Ottocento, risultando attivo nel 1893, e funziona nei primi anni di attività come fermata a richiesta. Nella prima metà del Novecento, oltre al passaggio nel 1921 della struttura alla Ferrovie Complementari della Sardegna, l'impianto prende la doppia denominazione di Gesico-Seurgus, comprendendo anche il nome in sardo del vicino comune di Siurgus, che poi diventerà Siurgus Donigala. Questa denominazione resterà in uso sino a fine secolo, prima del riutilizzo della denominazione originaria. La stazione passa nel 1989 alle Ferrovie della Sardegna, durante la cui amministrazione cessa il servizio merci, e nel 1998 si arriva alla chiusura del fabbricato viaggiatori e all'impresenziamento della struttura. Nel 2010, la stazione passa sotto la gestione dell'ARST, con relazioni con termine a Monserrato a sud, e a Mandas ed Isili a nord.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima del nostro viaggio, da Gesico ci recheremo a Mandas il paese del ducato e del trenino verde che visiteremo con il suo centro e con i suoi dintorni nei quali si trova il complesso nuragico di su Angiu.


Pagina precedenteIndice precedenteSardegna HolidayPagina successiva

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici ed alcune tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, descrizoni e foto di Chiese da chiesedisardegna.weebly.com e chiesecampestri.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. Libri e filmati sono riprodotti per farli conoscere ma non è consentita la riproduzione delle foto di terzi, dei libri, dei filmati e di altro materiale non realizzato dall'autore. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione.

© Claudio de Tisi 2002-2020 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W