La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito di informazione turistica

pagina successiva

La costiera del golfo di Arzachena da Baja Sardinia a Cannigione, e proseguendo verso Palau

In questa tappa del nostro viaggio, proseguiremo la visita della costiera di Arzachena recandoci a visitare il Golfo di Arzachena, da Baja Sardinia fino al fondo del golfo e poi risalendo a Cannigione, da dove ci recheremo verso Palau.

La Regione storica della Gallura

La Regione storica della GalluraLa Regione storica della Gallura (nome in gallurese Gaddùra, in lingua sarda Caddùra) occupa l'estremità nord orientale dell'Isola, delimitata a sud dal massiccio granitico del monte Limbara, a sud ovest dal corso inferiore del fiume Coghinas, a sud est dal Monte Nieddu nei comuni di San Teodoro e Budoni. È stata, nell'alto periodo medioevale, uno dei quattro Giudicali Sardi. Principale risorsa economica di questa Regione è il turismo, sviluppatosi a seguito della realizzazione del famoso insediamento turistico de!la Costa Smeralda, oltre all'industria del sughero e del granito, nelle quali ha raggiunto primati a livello internazionale. I comuni che ne fanno parte sono Aggius, Aglientu, Arzachena, Badesi, Bortigiadas, Calangianus, Golfo Aranci, La Maddalena, Loiri Porto San Paolo, Luogosanto, Luras, Olbia, Palau, Sant'Antonio di Gallura, Santa Teresa Gallura, San Teodoro, Telti, Tempio Pausania, Trinità d'Agultu e Vignola, Viddalba. In Gallura si parla il Gallurese, che è di ceppo toscano ed ha forti analogie con il còrso, è infatti molto simile al dialetto parlato nel distrello di Sarlene nel sud della Corsica, ma conserva alcuni influssi derivanti dal logudorese, che era parlato nel territorio antecedentemente, durante il periodo giudicale.

Visualizza la mappa Uscendo dalla Costa Smeralda ci rechiamo verso Baja Sardinia

Sulla SP59, superato l'abitato di Liscia di Vacca, percorsi un chilometro e quattrocento metri, abbiamo trovato il masso di granito con il simbolo del Consorzio della Costa Smeralda, che ci ha indicato l'uscita dalla Costa Smeralda, o l'entrata in essa se si viene da ovest, superato il quale proseguiremo verso la costiera del Golfo di Arzachena.

La frazione Poltu Quatu con il suo Porto Turistico Informazioni turistiche

Arzachena-Poltu Quatu: veduta dell'insenatura e dell'insediamento turisticoPassata sulla SP59 la deviazione per la località Pitrizza, percorsi seicento metri dal masso di granito con il simbolo del Consorzio della Costa Smeralda, arriviamo a trovare sulla destra della strada uno slargo con il simbolo di Poltu Quatu, dove prendiamo una strada che costeggia la Provinciale e che, in quattrocento metri, ci porta nell'insenatura nella quale è presente la frazione Poltu Quatu (altezza metri 40, distanza 16.3 chilometri, abitanti circa 12), ossia porto nascosto, separato da Pitrizza del promontorio che termina con Punta Barrotti. Era un fiordo molto bello e sconosciuto, cui oggi è difficile accedere perché interamente occupato da grandi complessi turistici che ne hanno modificato del tutto l'aspetto. Anche Poltu Quatu è una graziosa frazione del Comune di Arzachena, nata alla fine degli anni '80 delsecolo scorso, che si estende su una baia molto caratteristica, ma nascosta dallo sguardo a causa di una vegetazione molto fitta che costeggia la strada litoranea. La sua popolazione residente è praticamente inesistente ma, durante il periodo estivo, diventa un centro molto attivo, soprattutto prima di cominciare il giro delle discoteche della zona.

A Poltu Quatu, ci potevamo recare ad assistere a spettacoli vari, erano famose le serate allo Smaila's, l'ormai storico locale dove per venti anni Umberto Smaila ha intrattenuto i sui ospiti cantando e suonando, spesso chiamandoli sul palco e coinvolgendoli in prima persona durante i suoi spettacoli, che è ormai chiuso. Ma il risultato è che ci troviamo come a Milano, non è più Sardegna. Nel fiordo naturale, ben protetto dai venti, è stato recentemente realizzato il Porto Turistico, molto frequentato in alta stagione, che conta Cinquecento posti barca con i servizi in banchina. Infatti il porto si è ottenuto cementificando uno stupendo fiordo naturale.

Ci rechiamo verso Baja Sardinia

La frazione Poltu Quatu è separata da Baja Sardinia da un promontorio che si sviluppa nel mare e termina con la Punta Battistoni. Dalla deviazione che ci ha portati a Poltu Quatu, riprendiamo la SP59 che, dopo due chilometri, sbocca su una rotonda dalla quale parte una trasversale. Qui la SP59 prosegue verso sinistra, mentre, se prendiamo a destra la via Cala Battistone, entriamo, dopo quasi settecento metri, nell'importante insediamento turistico di Baja Sardinia.

Visualizza la mappa La frazione Baja Sardinia con la spiaggia di Cala Battistone Informazioni turistiche

Arzachena-Baja Sardinia: veduta panoramicaDalla SP59 prendiamo a destra la via Cala Battistoni, che, dopo quattrocento metri, ci porta a una traversa sulla destra che conduce nella piazza dei Pini. Proseguendo lungo via Cala Battistoni, entriamo nella frazione Baja Sardinia (gallurese Cala Battistòni, metri 5, distanza 14.8 chilometri, abitanti circa 150), una frazione Arzachena che ospita un grande e famoso insediamento turistico situato in un'ampia Baia di spiaggia rosata, nell'estrema punta nord della penisola della Costa Smeralda, a ovest di Porto Cervo, ma che non è inclusa nella Costa Smeralda.

Origine del nome

Il nome della frazione turistica deriva dalla presenza dell'abitato all'interno della Cala Battistoni, che è una splendida Baia nel nord della Sardegna.

Brevi cenni storici

Nel 1961 il bolognese Domenico Gentili, il più anziano dei fratelli titolari della Panigal, quella del sapone Sole, si è innamorato di questa terra ed ha acquistato novanta ettari nell'area di Cala Battistoni, che poco dopo divenne Baja Sardinia. Già nel 1962 viene inaugurato il primo Ristorante, il Pappagallo. Da Brescia, in attesa di costruire le prime ville, arrivano le prime baracche di legno trasformate in camere d'albergo. Così è nata Baja Sardinia, in un angolo della Gallura nel nord est della Sardegna, praticamente di fronte all'isola di Caprera. Negli anni a seguire molti bolognesi si fanno costruire ville con viste davvero uniche sul mare.

Visita del centro dell'insediamento turistico

Baja Sardinia è una delle località più rinomate della Costa Smeralda, è disposta a ventaglio in un'ampia baia, con una spiaggia dalle acque cristalline e dalla sabbia finissima, di fronte l'arcipelago di La Maddalena e a circa quattro chilometri ad ovest di Porto Cervo. La sua architettura si ispira a quella della vicina Porto Cervo, l'insediamento turistico ha un'estensione inferiore, e non possiede il porto. Da dove abbiamo presa la via Cala Battistoni, percorsi cinquecentocinquanta metri arriviamo all'interno del centro dell'abitato.

Le principali piazzette del centro dell'abitato

Percorso un centinaio di metri lungo la via Cala Battistoni in direzione del mare, prendiamo verso sinistra la via I Cedri, che ci porta nella piazzetta della Fontana, che è la piazzetta centrale di Baja Sardinia, e, percorsi altri cento metri, troviamo sulla sinistra un'altra strada lastricata in color mattone, che ci porta in piazzetta Due Vele, detta anche Piazza Ventaglio. Sono le due piazze principali di Baja Sardinia.

Arzachena-Baja Sardinia: la piazzetta della Fontana Arzachena-Baja Sardinia: la piazzetta Due Vele

In piazza Ventaglio si trova l'assai noto Ristorante e Cocktail Bar Barracuda. A Baja Sardinia sono anche presenti diversi locali alla moda, e, nelle vicinanze, sono presenti numerosi locali notturni.

Nella piazzetta della Fontana si trova il Ristorante Corbezzolo

La via I Cedri ci ha portati nella piazzetta della Fontana, dove si trova il Ristorante Corbezzolo.

Una cucina di qualitàNella piazzetta della Fontana si trova l'importante Ristorante Corbezzolo, un locale specializzato in cucina di pesce e frutti di mare in un contesto conviviale, che viene consigliato dalla Guida Michelin, e che viene indicato con il Piatto Michelin per la sua cucina di qualità. Tempo permettendo, è possibile optare per la terrazza dalla splendida vista panoramica, sapendo tuttavia che il punto forte del Ristorante, oltre alla cortesia, è la cucina marinara. Ma su richiesta è possibile gustare anche le pizze.

La Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio da Padova

Passata la deviazione nella via I Cedri, proseguiamo lungo la via Cala Battistoni in direzione del mare, e subito più avanti, alla sinistra della strada, vediamo la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, che è la Chiesa parrocchiale di Baja Sardinia. Edificata nel 1986 interamente in granito anche nella copertura, è contraddistinta da due rosoni, uno sulla facciata, l'altro all'interno sul lato sinistro.

Arzachena-Baja Sardinia: la Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio da Padova Arzachena-Baja Sardinia: la Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio da Padova

Al lato dell'edificio s'innalza un grazioso campanile, rigorosamente in granito, con campane di bronzo. La Festa in onore di Sant'Antonio da Padova, come da calendario liturgico, si celebra il 13 giugno.

La spiaggia di Cala Battistone nota come spiaggia di Baja Sardinia

Seguendo fino alla costa la via Cala Battistoni, questa curva a destra e costeggia la bella distesa sabbiosa chiamata spiaggia di Cala Battistone, nota anche come di spiaggia di Baja Sardinia, che si sviluppa proprio di fronte all'abitato.

Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja SardiniaLa bella distesa sabbiosa chiamata spiaggia di Cala Battistone, nota anche come di spiaggia di Baja Sardinia, con i suoi scogli accarezzati da un mare trasparente sul qual si riflettono i raggi del sole, è immersa in una natura solitaria e selvaggia. Si tratta di una spiaggia di medie dimensioni, con un arenile di sabbia bianca e fine, affacciato su un mare verde azzurro, poco profondo. Il basso fondale coperto di sottile sabbia è perfetto per i più piccoli e per gli amanti di bagni rilassanti e rigeneranti. Introno alla spiaggia, molto affollata in alta stagione, e negli immediati dintorni, si trovano bar, alberghi, ristoranti, negozi e servizi vari.

Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja Sardinia Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja Sardinia Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja Sardinia Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja Sardinia Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Baja Sardinia

Sul promontorio che chiude ad oriente la spiaggia si trova l'Hotel La Bisaccia

Proseguendo lungo la via Cala Battistoni che ci ha portati alla spiaggia di Baja Sardinia, seguiamo la costa dirigendoci verso destra, ossia in direzione est, e raggiungiamo la sommità del promontorio, sul quale si trova l'Hotel La Bisaccia.

Consigliato dalla Guida Michelin per il suo charmeIn una zona tranquilla, circondata da prati che declinano verso il mare, l'Hotel La Bisaccia è una struttura ideale per una vacanza all'insegna del riposo, ed ospita camere ampie e luminose. Gode di una splendida posizione con una spiaggia privata nelle vicinanze, ed è situato in un'area di 50 ettari. L'incredibile bellezza naturale e la posizione unica concorrono a esprimere sensazioni di piacevolezza e totale libertà. Recentemente è stata creata anche una nuova ala per che auspica avere una maggiore privacy. Nelle raffinate sale del Ristorante, la vista sull'arcipelago ed i sapori della cucina sarda.

L'Hotel Mon Repos

Percorrendo la via Cala Battistoni da dove la avevamo imboccata e dirigendoci verso il mare, centocinquanta metri prima della deviazione nella via I Cedri, c'è un'altra deviazione, sempre a sinistra, che ci fa prendere la via Tre Monti. Imboccata questa strada, che porta sulla costa più ad ovest rispetto alla Cala Battistoni, in trecentocinquanta metri arriviamo a vedere, alla destra della strada, l'Hotel Mon Repos.

Suggerito dalla Guida MichelinNel centro di Baja Sardinia, nella zona pedonale a due passi dalla piazzetta ed a pochissimi metri dalla bellissima spiaggia, placidamente arroccato in una dolce collinetta da cui si può ammirare un paesaggio mozzafiato, sorge l'Hotel Mon Repos. Costruito in stile mediterraneo, l'Hotel è circondato da uno splendido e curatissimo giardino, coniuga l'architettura tradizionale più classica con i comfort più moderni, ed offre tutti i servizi di alto livello. Caratterizzato da una conduzione familiare attenta, offre luminosi spazi e camere confortevoli nella loro semplicità.

Ad ovest della Cala Battistone si trova la spiaggia Smeralda

La spiaggia di Cala Battistone è chiusa a sinistra da un promontorio che si spinge nel mare, sul quale arriva con la via Tre Monti, che porta a un punto panoramico dal quale è possibile vedere alla destra tutta la spiaggia di Cala Battistone, passato il quale si trova, sulla sinistra, il Grand Hotel Smeraldo Beach con la sua piccola spiaggia. Per raggiungerlo, presa dalla SP59 a destra la via Cala Battistoni, la si percorre per meno di trecento metri, e poi prendendo sulla sinistra la via Tre Monti, che, in cinquecento metri, ci porta all'Hotel, dal quale è possibile raggiungere la spiaggia Smeralda.

Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia Smeralda del Grand Hotel Smeraldo BeachL'Hotel si affaccia sul mare sulla piccola spiaggia Smeralda, che è la spiaggia privata del Grand Hotel Smeraldo Beach. Si tratta di un minuscolo ed ameno fazzoletto di sabbia sottile, attrezzato con sdraio, ombrelloni e teli mare, affacciato su uno splendido mare cristallino. La spiaggetta è situata subito sotto l'Hotel, che è costruito su più livelli, che degradano dolcemente verso la spiaggia ed il mare.

Il capo Tre Monti con il Forte Cappellini

La piccola baia nella quale si trova la spiaggetta che abbiamo appena descritta è chiusa da un promontorio che termina in mare con il Capo Tre Monti, che chiude a sinistra la frazione Baja Sardinia. Arzachena-Baja Sardinia: il Forte Cappellini ed alla sua base il locale chiamato Phi BeachPer arrivarci, si prosegue lungo la via Tre Monti verso ovest per settecento metri, e poi prendendo la deviazione sulla destra in via Forte Cappellini, che in meno di quattrocento metri ci porta vicini alla cima del promontorio. Sulla cima del promontorio, subito prima del capo, si trova il Forte Cappellini, costruito dall'esercito piemontese alla fine del 1700 ed utilizzato durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. È inserito perfettamente nello splendido scenario costiero e ne rispetta le caratteristiche tanto da mimetizzarsi benissimo con le rocce circostanti. Proprio ai piedi della fortezza si può incontrare il locale dal nome Phi Beach, che ha aperto i battenti nell'estate 2005 divenendo in poco tempo uno dei luoghi più frequentati della costa.

La spiaggia di Porto Sole dietro la quale si trovano i Tre Monti

Arzachena-Baja Sardinia: i Tre Monti dietro la spiaggia di Porto SoleEvitando la deviazione sulla via Forte Cappellini, proseguiamo lungo la via Tre Monti. Percorsi appena duecentocinquanta metri, arriviamo sulla costa occidentale del promontorio che termina in mare con il Capo Tre Monti, lungo la costa del quale si affaccia sul mare la spiaggia di Porto Sole. Dietro la spiaggia si trovano i Tre Monti, nome con il quale si indicano tre grandi massi di granito che sono appoggiati sul promontorio, e che sono ricoperto dalla macchia mediterranea.

Arzachena-Baja Sardinia: la spiaggia di Porto SoleLa spiaggia di Porto Sole è costituita da un ampio tratto di spiaggia finissima, facilmente raggiungibile grazie ad un ampio parcheggio e ad un sentiero di agevole percorrenza. Il mare è bello pulito e trasparente, la spiaggia è tranquilla, poco disturbata e immersa nella vegetazione. Si tratta di una spiaggia che è stata attrezzata solo da qualche anno, quindi è sconosciuta ai più e con un mare davvero bello.

Visualizza la mappa Proseguendo lungo la costiera del Golfo di Arzachena

Da Baja Sardinia torniamo sulla SP59 che, invece di farci procedere a nord verso la frazione turistica, curva verso sinistra ed inizia a fiancheggiare verso sud la costa del Golfo di Arzachena.

La frazione Mucchi Bianchi con le sue spiagge

Al bivio dove avevamo presa verso destra la via Cala Battistoni verso Baja Sardinia, prendiamo invece la prosecuzione verso sinistra della SP59, che si dirige verso sud, ed iniziamo a costeggiare il Golfo di Arzachena, una stretta e lunga valle sommersa gallurese, detta in lingua sarda ria, come il golfo di Olbia e quello di Cugnana. Si tratta di un vero fiordo, con coste molto belle.

Scendendo verso sud sulla SP59, dopo centocinquanta metri svoltiamo a destra in via Porto Sole, e, dopo un centinaio di metri, a sinistra in via Mucchi Bianchi, che, in meno di duecentocinquanta metri, ci porta all'interno dell'insenatura denominata la Cala de Li Mucchi Bianchi, all'interno della quale si trova la spiaggia della Cala di Li Mucchi Bianchi.

Arzachena-Mucchi Bianchi: la spiaggia della Cala di Li Mucchi BianchiLa spiaggia della Cala di Li Mucchi Bianchi si trova all'interno dell'omonima cala, e si raggiunge tramite ad una stradina sterrata. Poco conosciuta ma molto carina, ha l'arenile costituita da spiaggia bianca, affacciata su un'acqua bassa e trasparente. Sulla spiaggia sono presenti lettini ed ombrelloni, servizio bar e parcheggio gratuito, ed è anche presente una spiaggia libera. Poco conosciuta, è, per questo, davvero intima e mai molto affollata.

Arzachena-Mucchi Bianchi: il parco acquatico AcquadreamPassata la deviazione in via Porto Sole, proseguiamo verso sud con la SP59 per centocinquanta metri, poi svoltiamo a sinistra in una strada che, in duecentocinequanta metri, ci porta all'interno della frazione Mucchi Bianchi, nella sua estremità nord orientale, in località Crucitta, dove si trova il parco acquatico Acquadream, un famoso parco giochi acquatico. Dalla SP59, presa la strada verso la frazione, dopo meno di cento metri, invece di recarci al parco acquatico, prendiamo a destra la deviazione che, in circa duecento metri, ci porta all'interno della frazione Mucchi Bianchi (altezza metri 20, distanza 14.1 chilometri, abitanti circa 39), una frazione Arzachena che si apre sulla Cala de Li Mucchi Bianchi che abbiamo già descritta.

Ad ovest della frazione denominata Mucchi Bianchi, all'altro lato della strada Provinciale, si trova un promontorio che si spinge nel mare, ossia il promontorio di Punta di Li Cossi, che si raggiunge proseguendo per quattrocentocinquanta metri lungo la SP59 dopo la deviazione per la frazione Mucchi Bianchi, e prendendo verso destra la strada che porta verso la Località villaggio Palma, dopo circa quattrocento metri, al bivio, svoltando a destra, prendendo la strada che, in duecentocinquanta metri, termina in un piccolo spiazzo vicino alla punta del promontorio, che si può raggiungere con un sentiero.

Arzachena-Mucchi Bianchi: la spiaggetta di Punta Li CossiPassata l'estremità del promontorio di Punta di Li Cossi, si trova, sul lato meridionale del promontorio, la spiaggetta di Punta Li Cossi, che si raggiunge con un sentiero che parte al termine della strada che ci ha portati vicino all'estremità del promontorio, e che si dirige verso sud. Si tratta di una piccola spiaggia con sabbia sottile, che si affaccia su un mare limpido e cristallino.

La frazione denominata Cala Bitta con il Porticciolo Turistico e le sue spiagge

Proseguendo per quattrocentocinquanta metri lungo la SP59 dopo la deviazione per la frazione Mucchi Bianchi, e prendendo verso destra la strada che porta verso la Località villaggio Palma, dopo circa quattrocento metri, al bivio, evitando di svoltare a destra verso la punta del promontorio di Punta di Li Cossi, svoltando, invece, a sinistra, ed, in una cinquantina di metri, arrivando al Residence Park Hotel, sotto il quale si trova la spiaggetta del Park Hotel, chiamata anche la spiaggetta di Cala Bitta. Più a destra, separata da un piccolo molo, si trova la spiaggia est di Cala Bitta, che si raggiunge proseguendo per altri cinquanta metri lungo la SP59 e prendendo verso destra la via Darsena che, dopo un paio di centinaia di metri, svolta a sinistra, e, dopo un'altra cinquantina di metri, svoltando a destra lungo una strada che, in circa centicinquanta metri, ci porta alla spiaggia.

Arzachena-Cala Bitta: la spiaggetta del Park Hotel o spiaggetta di Cala BittaArzachena-Cala Bitta: la spiaggia est di Cala BittaVisitiamo per prima, partendo dalla sinistra dell'insenatura, la spiaggetta del Park Hotel, chiamata anche la spiaggetta di Cala Bitta, dotata di strutture di intrattedimento turistico. Più avanti, separata da un piccolo molo, si trova la spiaggia est di Cala Bitta, una spiaggia con poche strutture turistiche. In tutte queste spiagge la sabbia è di grana grossa, l'acqua è di color smeraldo. Il fondale è basso, sono quindi spiaggette ideali per le famiglie.

Proseguendo lungo la SP59 verso sud, dopo seicento metri dalla deviazione per la via Darsena, troviamo una deviazione sulla destra che, in meno di seicento metri, ci porta alla frazione Cala Bitta (altezza metri 13, distanza 13.2 chilometri, abitanti circa 125) che si affaccia su un'insenatura naturale, riparata dalla Punta di Li Cossi a nord e dall'isolotto dei Mucchi Bianchi a sud.

Arzachena-Cala Bitta: il Porticciolo Turistico di Cala BittaTutte le strutture turistiche sono affacciate direttamente sulle piccole spiagge di Cala Bitta. All'interno dell'insenatura si trova il molo in muratura del Porticciolo Turistico di Cala Bitta, una marina privata di recente costruzione, con circa centottanta posti barca della lunghezza massima di trenta metri. Situato all'interno dell'insenatura naturale, dispone di un molo per l'ormeggio, ma senza la presenza della pompa carburante, al posto della quale è presente un distributore stradale. Il porticciolo è un pò esposto ai venti di maestrale e di tramontana. Va posta attenzione alle secche affioranti all'imboccatura della cala.

Alla sinistra del Porticciolo Turistico, all'interno della piccola insenatura, si trova la spiaggia di Cala Bitta, un'ampia spiaggia riparata dal porticciolo, che è quella dotata delle principali strutture turistiche. Più avanti, passato il Porticciolo Turistico, si trova l'ultima spiaggia dell'insenatura di Cala Bitta, che è la spiaggia ovest di Cala Bitta, che si raggiunge prima di arrivare al porticciolo, prendendo a sinistra la via di Ponente, e, poi, a destra, la strada che conduce al Club Hotel Cala Bitta.

Arzachena-Cala Bitta: la spiaggia di Cala BittaArzachena-Cala Bitta: la spiaggia ovest di Cala BittaNella piccola insenatura, alla sinistra del Porticciolo Turistico, si trova la spiaggia di Cala Bitta, un'ampia spiaggia riparata dal porticciolo, che è quella dotata delle principali strutture turistiche. Poi, passato il porticciolo, si trova la spiaggia ovest di Cala Bitta, una spiaggia con poche strutture turistiche. Anche in queste spiagge la sabbia è di grana grossa, l'acqua è di color smeraldo. Il fondale è basso, sono quindi spiaggette ideali per le famiglie.

L'Hotel Pulicinu

Proseguendo lungo la SP59 verso sud, a seicento metri dalla deviazione che ci ha portati alla frazione turistica Cala Bitta, passato sulla sinistra l'Hotel La Rocca e, poco più avanti, sulla destra il Ristorante La Rocca, troviamo, sulla sinistra della strada le indicazioni per l'Hotel Pulicinu, che raggiungiamo con la deviazione a sinistra nella via Pulicinu, dopo cinquecento metri, alla destra della strada.

Suggerito dalla Guida MichelinLungo la strada da Arzachena a Baja Sardinia, in posizione tranquilla e panoramica, si trova l'Hotel Pulicinu, un piacevole hotel a conduzione familiare circondato da curati giardini e macchia mediterranea. Oltre a un ristorante, la struttura ospita una piscina scoperta rigenerante, un bar/lounge e un centro congressi, camere di medio confort, e suites. Dalla cucina vengono proposti i saporiti piatti della tradizione regionale, da gustare nell'elegante e luminosa sala.

 

La piccola Chiesa campestre di San Francesco d'Assisi

Arzachena-Cala Bitta: la piccola Chiesa di San Francesco d'AssisiProseguendo lungo la SP59 verso sud per appena centocinquanta metri, e, subito prima della deviazione in un'altra strada chiamata anch'essa via Pulicinu, vediamo, alla sinistra della strada, la piccola Chiesa dedicata a San Francesco d'Assisi. Si tratta di una piccola e moderna cappelletta, edificata a Pulicinu, nome che assume questa piccola frazione Baja Sardinia. Presso questa Chiesa campestre, la Festa di San Francesco si svolge una domenica di metà maggio, e si ripete il 4 di ottobre.

In località Cala dei Ginepri si trova la spiaggia Le Saline e poi visitiamo le altre spiagge più a sud

Un chilometro e quattrocento metri più avanti lungo la SP59, incontriamo una deviazione asfaltata sulla destra, in corrispondenza di una pietra con l'indicazione della località Cala dei Ginepri, che scende rapidamente verso la costa sottostante il promontorio. In trecento metri, la strada ci porta nella località Cala dei Ginepri, nella quale è presente il suo insediamento turistico, che si affaccia sul mare in un'ampia baia con le sue diverse spiagge. All'interno dell'abitato si arriva a un bivio, e, presa la deviazione a sinistra che si dirige a nord ovest, in quasi seicento metri si arriva vicino alla costa, alla spiaggia delle Saline.

Arzachena-Cala dei Ginepri: la spiaggia delle Saline con lo <em>stagno retrodunale</em>Cala dei Ginepri è un'insenatura che contiene la spiaggia delle Saline, affacciata sul mare. Strappata alla costa rocciosa di questo tratto di litorale, tra la fitta vegetazione, si nasconde questa piccola e poco frequentata spiaggia con vista sul Golfo di Arzachena, che costituisce l'ideale per gli amanti della privacy e del silenzio. Sul retro della spiaggia si trova lo stagno retrodunale di Cala dei Ginepri.

L'Ea Bianca Luxory Resort

Al bivio presente all'interno dell'insediameno turistico di Cala dei Ginepri, prendiamo verso destra seguendo le indicazioni, e, in trecentocinquanta metri, raggiungioamo un albergo elegante, l'Ea Bianca Luxory Resort, dal quale si può arrivare, seguendo un sentiero che si spinge verso il mare in direzione nord est, ad un altro tratto della spiaggia delle Saline.

Consigliato dalla Guida Michelin per il suo charme

Vicino alla Costa Smeralda ed a Baja Sardinia, in una zona tranquilla sul fianco di una dolce collina circondata da prati che declinano verso il mare, con una fantastica vista sul mare e sull'isola della Maddalena, si trova l'elegante Ea Bianca Luxory Resort. Si trova a soli centocinquanta metri dal mare, è immerso in rigogliosi giardini mediterranei, ed offre spazi esclusivi e raffinati, pensati per soddisfare ogni esigenza. Il suo ristorante offre un'immersione nei profumi e nei sapori della cucina mediterranea ed internazionale.

Le altre spiagge più a sud

Al bivio all'interno dell'abitato di Cala dei Ginepri, proseguando dritti verso sinistra, in direzione sud ovest, si può arrivare, di nuovo in quattrocento metri, a trovare un sentiero verso destra che ci porta alle due spiaggette di l'Ea Bianca, verso destra la spiaggetta est di l'Ea Bianca, e, più distante, verso ovest, la spiaggetta ovest di l'Ea Bianca.

Arzachena-Cala dei Ginepri: la spiaggetta est di l'Ea BiancaArzachena-Cala dei Ginepri: la spiaggetta ovest di l'Ea BiancaLe due piccole spiaggette di l'Ea Bianca sono separate da una scogliera sulla quale svetta la rigogliosa macchia mediterranea che circonda per intero le bellissime spiagge. Sono caratterizzate da arenili di sabbia dorata, a grani medio fini, e non si riscontra la presenza di posidonie. Presenti scogli e ciottoli in prossimità delle estremità delle spiagge. Il bellissimo mare trasparente ha un fondale piuttosto basso e prevalentemente sabbioso. Non risultano notevolmente frequentata, neppure nel pieno della stagione estiva.

Ritornati sulla SP59, proseguiamo per duecentocinquanta metri, e troviamo una nuova deviazione sulla destra, verso ovest, che ci porta in quattrocentocinquanta metri a un grande parcheggio, dal quale si può raggiungere sulla costa la spiaggia della Punga.

Arzachena-Cala dei Ginepri: la spiaggia della PungaDal parcheggio si può raggiungere, con un breve sentiero sterrato, in circa duecento metri, la bella spiaggia della Punga, che è una lunga striscia di sabbia dorata, a grani medio fini, affacciata su un bellissimo mare trasparente con il fondale piuttosto basso e prevalentemente sabbioso. La spiaggia si trova proprio di fronte al porticciolo di Cannigione, che descriveremo più avanti.

L'Oasi Permanente di Protezione Faunistica sul fondo del Golfo di Arzachena

Percorsi poco più di sei chilometri e mezzo sulla SP59 dal bivio dove abbiamo raggiunto la frazione Baja Sardinia, raggiungiamo il fondo del golfo di Arzachena. Qui deviamo a destra sulla SP166, che costeggia la sua parte meridionale, e che seguiamo per quasi due chilometri, fino a che questa sbocca sulla SP13, che prenderemo verso destra, in direzione della frazione Cannigione.

Arzachena-Oasi Permanente di Protezione Faunistica sul fondo del Golfo di Arzachena: lo Stagno di Padula SaloniSul fondo del Golfo di Arzachena sfocia il Rio San Giovanni, che crea una delle principali zone umide della Sardegna settentrionale. L'Oasi Permanente di Protezione Faunistica è un'area naturalistica di rilievo nazionale per le numerose specie animali e vegetali che vi hanno trovato rifugio, ed occupa un'area di 378 ettari, che nel suo complesso comprende a nord la foce del Rio San Giovanni e la palude di Cannigione, ed, a sud, lo Stagno di Padula Saloni. La Padula Saloni è un piccolo Stagno d'acqua dolce che occupa, in condizioni di massimo allagament,o una superficie di circa trenta ettari, ed è una importante zona di rifugio, svernamento e nidificazione per molte specie di uccelli acquatici. E’ luogo di nidificazione probabile di una specie assai vulnerabile, il falco di palude, e certo di due specie rare, l' airone rosso ed il pollo sultano, che è esclusiva della Sardegna. Complessivamente, negli ultimi sei anni, sono state osservate 136 specie di uccelli, pari a circa il 40% delle specie documentate per la Sardegna, e questo dato, considerata l'esiguità dell'area, conferma la sua importanza naturalistica.

La Chiesetta campestre di Nostra Signora del Lago

Arzachena-Oasi Permanente di Protezione Faunistica sul fondo del Golfo di Arzachena: la Chiesetta campestre di Nostra Signora del LagoDell'area naturalistica fa parte anche Stagno di Padula Saloni, sul quale si affaccia la chiesetta campestre di Nostra Signora del Lago. La si può raggiungere dopo la deviazione dalla SP59 sulla SP166. Percorsi cinquecentocinquanta metri su quest'ultima, si trova un cancello sulla sinistra con l'indicazione su un masso, dal quale si accede al viottolo che porta alla Chiesetta campestre. È una Cappella che si affaccia sul laghetto, presso la quale, l'ultima domenica di aprile, si celebra la Festa della Nostra Signora del Lago.

Risalendo la costa occidentale del Golfo di Arzachena si trova la frazione Cannigione Informazioni turistiche

Arzachena-Cannigione: veduta dell'abitato e del Porticciolo TuristicoImboccata la SP166, dopo quasi due chilometri, prendiamo a destra la SP13, percorrendo la quale iniziamo a risalire la costa occidentale del golfo che ci porterà fino a Palau. Dopo poco più di due chilometri raggiungiamo la frazione Cannigione (gallurese Lu Cannisgiòni, metri 5, distanza 8.1 chilometri, abitanti circa 808). Nata come frazione Arzachena agli inizi del Novecento, in origine era solo un borgo di pescatori, poi lo sviluppo della vicina Costa Smeralda lo ha trasformato in una località turistica, mentre la pesca è divenuta oggi un settore secondario. Il centro abitato si sviluppa sul mare ed è attraversato da due arterie principali, la via Nazionale, che è il nome che assume all'interno dell'abitato la strada Provinciale, ed il lungomare Andrea Doria.

Arzachena-Cannigione: la Chiesa parrocchiale di San Giovanni BattistaPercorsi due chilometri ed ottocento metri dll'imbocco della SP13, arriviamo nel centro di Cannigione, lungo la via Nazionale, nella piazza San Giovanni che si trova sulla destra, dove si vede la Chiesa di San Giovanni Battista, che è la Chiesa parrocchiale di Cannigione, edificata negli anni '70 del Novecento. Presenta una facciata in blocchi irregolari di granito a vista, con, sul fianco sinistro del portico davanti al portale, il campanile a canna quadrata terminato nel 1996. La facciata è timpanata, con un grande oculo al centro. Presso questa Chiesa, il 24 giugno, in occasione della ricorrenza della sua natività, si svolge la Festa di San Giovanni Battista.

Il lungomare è in buona parte occupato dalle banchine del Porto Turistico, uno dei più capienti ed animati del nord est della Sardegna. Il suo Porto Turistico è costituito da una banchina in muratura e diverse banchine mobili. È un ottimo riparo per oltre Cinquecento imbarcazioni, e con i pontili privati delle sue frazioni nell'alta stagione è in grado quasi di raddoppiare i posti barca. Il Porto Turistico è particolarmente attrezzato, ed è diventato anche un'importante centro logistico per le escursioni sottomarine, con numerosi e professionali diving center. Sono di particolare interesse le visite nei banchi di posidonie, elementi fondamentali del habitat marino. Dal Porto Turistico partono, nel periodo estivo, le imbarcazioni per il vicino arcipelago de La Maddalena.

Proseguendo lungo la via Nazionale, dove su di essa converge il lungomare Andrea Doria, che ha costeggiato il Porto Turistico, percorsi quattrocento metri dalla piazza San Giovanni, troviamo alla destra della strada la spiaggia di Cannigione. Se, poi, proseguiamo verso nord in direzione della frazione La Conia, percorsi ancora ottocentocinquanta metri sulla strada Provinciale, quando arriviamo alle prime abitazioni di quest'ultima frazione, troviamo alla destra della strada la spiaggetta di Cannigione, che chiude verso sud un piccola sporgenza della costa all'interno del mare.

Arzachena-Cannigione: la spiaggia di CannigioneArzachena-Cannigione: la spiaggetta di CannigioneA nord del porto, all'uscita di Cannigione in direzione Palau, ci troviamo immediatamente sulla spiaggia di Cannigione. La sabbia è chiara e più grossa rispetto alle altre spiagge, ma l'arenile è molto ampio e vicinissimo al polo turistico. Il luogo offre molto verde e le acque sono limpide e ricche di sfumature di vario colore. La spiaggetta di Cannigione è molto piccola, ed è caratterizzata anch'essa da sabbia chiara più grossa rispetto alle altre spiagge, affacciata su acque limpide e ricche di sfumature di vario colore. Il mare intorno a Cannigione, di un azzurro intenso, ospita tra i suoi canneti centinaia di interessantissime specie animali.

A Cannigione si trova l'importante Hotel Cala di Falco

Subito a ridosso della spiaggia di cannigione, sul suo lato settentrionale, in via Micalosu si trova l'importante Hotel Cala di Falco.

Suggerito dalla Guida MichelinL'importante Hotel Cala di Falco si trova a Cannigione, alle porte della Costa Smeralda, inserito all'interno di un Resort, a pochi metri dalla spiaggia di Cannigione ed immerso nel verde. Si tratta di un complesso di notevoli dimensioni che dispone di ambienti curati nei dettagli, sale convegni, campi da gioco e teatro all|aperto. Nelle capienti ed eleganti sale ristorante, piatti dai sapori semplici e prelibati. Gli ospiti dell'hotel possono usufruire gratuitamente di ombrelloni e lettini nella parte di spiaggia in concessione dell'albergo, raggiungibile comodamente a piedi, o godere delle numerose spiagge lungo la costa del Nord Sardegna in pochi minuti di auto o gommone.

Le frazioni La Conia e Isuledda, con le loro spiagge Informazioni turistiche

Il lungomare di Cannigione costeggia diverse piccole baie che uniscono la spiaggia di Cannigione a quella di La Conia. Proseguendo sulla SP13, poco fuori Cannigione troviamo le indicazioni che ci permettono di raggiungere la frazione La Conia (altezza metri 10, distanza 10.2 chilometri, non è disponibile il numero di abitanti), una frazione del Comune di Arzachena costituita da un borgo strutturato, dal punta di vista urbanistico, prevalentemente con eleganti villette. Il centro abitato, immerso nella macchia mediterranea, si distende dalla riva del mare verso la collina, ed è sovrastato da Monti di Corru, una collina che termina con due picchi granitici dai quali deriva il nome gallurese, che significa a forma di corno.

A un chilometro e settecento metri dalla piazza San Giovanni di Cannigione, all'interno della frazione La Conia, si trova alla destra della strada Provinciale la spiaggia di La Conia.

Arzachena-La Conia: la spiaggia di La ConiaLa spiaggia di La Conia è caratterizzata da una sabbia molto fine e dal color ambrato, che ad oggi è sottoposta a tutela dell'ambiente, affacciata su un mare cristallino, ed è dominata da una pineta attrezzata di panche e da un prato sul quale si affacciano numerose ville. La spiaggia di La Conia è particolarmente adatta ai bambini, per la sua sabbia e per la gradualità dell’ingresso in mare, e costituisce un bellissimo punto di ormeggio per tutte quelle barche itineranti che durante il periodo estivo sono sempre alla ricerca di spettacolari scorci di costa. È possibile anche noleggiare ombrelloni, sdraio e attrezzature.

A nord della spiaggia, subito prima di uscire dall'abitato, si trova il pontile di attracco di La Conia, definito da molti proprio come un piccolo porticciolo, la cui struttura è convenzionata con l’ente di gestione del Parco Nazionale dell’Arcipelago di la Maddalena, soprattutto per quanto riguarda il rilascio di permessi alle barche private e a tutti quelli che intendono fare immersioni nell’area di mare protetto. Le barche da diporto che scelgono questa località come meta turistica possono trovare buoni servizi di bar e ristorazione direttamente sul litorale.

Di fronte al pontile di attracco di La Conia si trova l'isolotto dei Fichi d'India, così chiamato per la presenza su di esso di numerose piante dell'omonimo frutto.

Subito dopo La Conia, percorso quasi un chilometro sulla SP13, una deviazione sulla destra ci porta, dopo seicento metri, all'interno del Campeggio che sorge su un promontorio, nella piccola frazione Isuledda (altitudine non disponibile, distanza 11.9 chilometri, non è disponibile il numero di abitanti). Lungo la costa meridionale di questo promontorio si trovano le due spiagge dell'Isuledda.

Arzachena-La Conia: la spiaggia dell'Isuledda lato pontileArzachena-La Conia: la spiaggia dell'Isuledda lato barQui, dopo un tratto a piedi, raggiungiamo la spiaggia dell'Isuledda lato pontile, una lingua di sabbia a forma di mezzaluna situata sul lato meridionale del promontorio, al centro della quale si trova il pontile del porticciolo dell'Isuledda. Un piccolo promontorio sul mare separa questa spiaggia dalla spiaggia dell'Isuledda lato bar, che si trova un poco più ad est.

Il promontorio sul quale si trova la località Isuledda, con la costa frastagliata da calette rocciose e macchia mediterranea, termina all'estremità con la Punta Arzachena.

La frazione Tanca Manna con le sue spiagge Informazioni turistiche

Seguendo la litoranea SP13 verso Palau, trecento metri più avanti rispetto alla deviazione che ci ha portati alla localtà Isuledda, arriviamo alla frazione Tanca Manna (altezza metri 25, distanza 11.1 chilometri, abitanti circa 33), una frazione Arzachena, con un insediamento turistico che si trova proprio di fronte all'insediamento turistico di Baja Sardinia, sull'altro lato del Golfo di Arzachena. Sul lato sinistro della strada Provinciale, c'è la struttura turistica vera e propria, distinta tra una parte abitativa ed una parte commerciale, nella quale si potrà fare shopping passeggiando sotto ai portici.

Qui possiamo lasciare la macchina e una stradina pedonale sulla destra della strada Provinciale ci conduce, in circa duecentocinquanta metri, alla lunghissima spiaggia di Tanca Manna.

Arzachena-Tanca Manna: la spiaggia di Tanca MannaLa spiaggia di Tanca Manna è una lunghissima striscia di sabbia con diverse calette rocciose tutta circondata da macchia mediterranea. Si tratta di un arenile ampio e con bei fondali, che ha nella parte retrostante un piccolo stagno, formazione tipica delle coste a rías, ossia caratterizzate da insenature profonde, dalle costiere ripide, che costituiscono le sezioni terminali di antiche valli incise dall'erosione fluviale e quindi invase dalle acque.

Sul retro della spiaggia si trova lo Stagno retrodunale di Tanca Manna, un grande Stagno dalla forma quasi perfettamente circolare. Passata Tanca Manna, inizia un litorale di oltre tre chilometri di spiaggia incorniciata dalla macchia mediterranea ed interrotta a tratti da piccoli scogli che delimitano cale e calette.

La Punta di Barca Bruciata che separa la spiaggia di Tanca Manna da quella di Mennena

Chiude a nord l'insenatura nella quale si trova la spiaggia di Tanca Manna, la Punta di Barca Bruciata, in gallurese Balca Brusgiata, che ha assunto questo nome in seguito a un episodio di vendetta degli abitanti locali nei confronti di un carbonaio toscano, colpevole di aver tagliato i boschi in modo incontrollato e non gradito, al quale venne bruciata la barca utilizzata per il trasporto.

Arzachena-Spiaggia della Punta di Barca BruciataSubito prima di raggiungere la punta del promontorio, si trova la spiaggia della Punta di Barca Bruciata, che si sviluppa ai due lati dell'estremità del promontorio. Immersa in una natura in parte, ancora, solitaria e selvaggia, è una spiaggia di medie dimensioni, con un arenile di sabbia bianca e fine, con ciottoli, affacciato su unmare verde azzurro, poco profondo.

Nel mare antistante il promontorio si trova l'isoletta di Barca Bruciata.

La spiaggia di Mennena

Dalla deviazione per Tanca Manna proseguiamo altri settecento metri sulla SP13, e, lungo la strada, troviamo sulla sinistra un grande parcheggio. Qui lasciamo l'auto e raggiungiamo, dopo cento metri a piedi sulla destra, la spiaggia di Mennena, che è la spiaggia più grande del golfo, e che prende il suo nome da quello di uno stazzo situato a ovest della strada Provinciale.

Arzachena-Spiaggia di Mennena nota anche come spiaggia di Barca BruciataLa spiaggia di Mennena, anch'essa circondata dalla macchia mediterranea e con nei paraggi alcune piccole cale, immersa in una natura in parte solitaria e selvaggia. Si tratta di una spiaggia con un arenile di sabbia bianca e fine, con ciottoli, affacciato su un mare verde azzurro, poco profondo. Di indubbio fascino, è anche abbastanza estesa e mai troppo affollata, per cui la sua visita riveste notevole interesse.

La spiaggia di Mennena è conosciuta molto più comunemente come spiaggia di Barca Bruciata, ma in realtà si identificano con questo nome le belle calette sabbiose poste più a sud, in corrispondenza del promontorio roccioso di Punta di Barca Bruciata.

La spiaggia delle Piscine

Superata la Punta Iaciola, che chiude a nord l'insenatura nella quale si trova la spiaggia di Mennena, raggiungiamo l'ultimo tratto del litorale, raggiungibile anch'essa dalla SP13, un chilometro ed ottocento metri più avanti, dopo aver lasciato l'auto nel parcheggio che si trova alla destra della strada, ed aver percorso un breve tratto di sentiero a piedi tra cisto, mirto, lentisco, olivastro, corbezzolo, erica e ginepro, profumi di una natura ancora incontaminata, che ci porta alla spiaggia delle Piscine.

Arzachena-Arenile di sinistra della spiaggia delle PiscineArzachena-Arenile di destra della spiaggia delle PiscineLa spiaggia Li Piscini l'Ulticeddu, ossia spiaggia delle Piscine o dell'Ulticeddu, assume questo nome per la limpidezza e trasparenza dell'acqua riparata dagli scogli, immersa anch'essa nella macchia mediterranea, e si distingue in due tratti separati da un piccolo promontorio. Appena arrivati si incontra l'arenile sinistro, una prima spiaggia di piccole dimensioni, nella quale, tra gli scogli, si formano delle piccole insenature naturali, ideali per chi ama appartarsi. Sulla destra c'è un piccolo sentiero che porta all'arenile destro, un tratto di spiaggia di medie dimensioni. Si tratta di spiagge con sabbia finissima, su un mare azzurro con tonalità verde smeraldo, la cui caratteristica è quella di avere un fondale che degrada dolcemente verso il largo, tanto che a cinquanta metri dalla riva l'acqua arriva ancora alle ginocchia, consigliata per chi ha bambini.

Le ultime spiagge in territorio di Arzachena

Passato il promontorio che termina in mare con la Punta Saline, che chiude a nord l'insenatura nella quale si trova la spiaggia delle Piscine, si trovano le ultime spiagge in territorio di Arzachena, che si affacciano sul Golfo delle Saline. Percorsi duecento metri sulla SP13, si può parcheggiare alla sinistra della strada, e, con un arduo sentiero che si muove in discesa all'interno della macchia mediterranea, si raggiunge la spiaggia de Li Capanni. Percorsi altri quattrocentocinquanta metri, un parcheggio alla sinistra della strada permette di raggiungere sulla destra un piccolo insediamento abitativo, dal quale si raggiunge la spiaggia della Caletta sul Golfo delle Saline. Un chilometro e duecento metri più avanti, un sentiero alla destra della strada porta alle altre spiagge delle Calette sul Golfo delle Saline.

La spiaggia de Li Capanni è una minuscola ma suggestiva spiaggia, pochi metri quadri di sabbia strappati alla costa rocciosa. In questo tratto del Golfo delle Saline che guarda verso Capo D'Orso si trovano anche la spiaggia della Caletta sul Golfo delle Saline, e, più avanti verso ovest, si trovano le altre spiagge delle Calette sul Golfo delle Saline. In tutte queste spiagge il mare ha tonalità smeraldo. La spiaggia sfiora la strada litoranea e per i visitatori sono disponibili piccole aree di sosta.

Arzachena-La spiaggia de Li Capanni Arzachena-La spiaggia della Caletta sul Golfo delle Saline Arzachena-Le altre spiagge delle Calette sul Golfo delle Saline

Passate queste spiaggette, si esce dal territorio del Comune di Arzachena, e si inizia a risalire lungo la costa del Golfo delle Saline, entrando nel territorio del Comune di Palau.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, risalita la costiera occidentale del Golfo di Arzachena, ci recheremo a visitare Palau con le sue spiagge e con il suo porto, dal quale ci si imbarca per recarsi a visitare l'arcipelago de La Maddalena.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W