La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Orani, patria del pittore Mario Delitala e del famoso scultore Costantino Nivola, e gli importanti reperti nei dintorni

In questa tappa del nostro viaggio, proseguiremo da Sarule lungo la SS128 che ci porterà ad Orani, patria del pittore Mario Delitala e del famoso scultore Costantino Nivola, dove vedremo, tra l'altro, il Museo dedicato a quest'ultimo, e che visiteremo con le numerose Chiese che sorgono nell'abitato e nei suoi dintorni.

La Regione storica del Nuorese o Barbagia di Nuoro o Barbagia di Bitti

La Barbagia di NuoroIl Nuorese (nome in nuorese Su Nugorèsu, in logudorese Su Nuorèsu), indicato da alcuni anche con il nome di Barbagia di Nuoro o Barbagia di Bitti, è una Regione storica della Sardegna nord orientale. In periodo giudicale il suo territorio apparteneva per lo più al Giudicato di Torres, nella Curatoria di Dore-Orotelli. In realtà oggi per Nuorese si intende un territorio molto più ampio, che comprende anche parte dei territori che in periodo giudicale appartenevano alle curatore di Bitti e di Orosei-Galtellì, nel Giudicato di Gallura. I comuni che ne fanno parte sono Bitti, Lula, Nuoro, Onani, Oniferi, Orani, Orotelli, Orune, Osidda, Ottana, e, secondo molti, ed anche secondo noi, al Nuorese apparterrebbe anche il Comune di Sarule. Secondo alcuni vi apparterrebbe anche il Comune di Dorgali, che, a nostro avviso, appartiene invece alla Barbagia di Ollolai, dato che durante il periodo nel quale la Sardegna era sotto il controllo dell'Impero Bizantino e nel primo periodo del Giudicato di Arborea ne costituiva uno sbocco al mare, andato perduto a seguito dell'espansione, promossa dai Pisani, verso sud del Giudicato di Gallura. Il Nuorese è costituito da luoghi, paesi, tradizioni, enogastronomia, artigianato artistico, musica e cultura, che si sviluppano nei paesaggi dei paesi del comprensorio barbaricino, richiamati nelle opere letterarie del Nobel per la letteratura Grazia Deledda.

Visualizza la mappa In viaggio verso Orani

Prendiamo a Sarule a via Nazionale verso nord, che esce dall'abitato con il nome di SS128. Dopo poco meno di cinque chilometri arriviamo al centro agricolo di Orani, troviamo una rotonda, dove prendiamo la seconda uscita ed imbocchiamo il corso Garibaldi, che è il nome che assume all'interno dell'abitato la strada statale. Dal Municipio di Sarule a quello di Orani percorriamo esattamente 6 chilometri.

Orani, patria di Mario Delitala e di Costantino Nivola Informazioni turistiche

Orani-Veduta del paese con al centro la parrocchiale di Sant'AndreaOrani-Stemma del comuneLa cittadina chiamata Orani (nome in lingua sarda Orane, metri 521, abitanti 3.044 all'1 gennaio 2011) è situata nella parte centrale della Provincia di Nuoro, ai confini con quella di Sassari, a nord della Barbagia Ollolai. Posta alle pendici del monte Gonare, è facilmente raggiungibile dalla SS128 Centrale Sarda, che ne attraversa il territorio comunale. Il territorio di Orani si sviluppa molto verso ovest, quasi una ventina di chilometri, tra il territorio di Orotelli e quello di Ottana. Oltre alle otto Chiese presenti all'interno del centro abitato, contiamo nel suo territorio ben otto Chiese campestri e diversi ruderi di antiche Chiese, una delle quali è presente all'interno dell'abitato.

Origine del nome

Il nome della cittadina è documentato fino dal periodo medioevale, a partire dal 1341, nella forma di Orane, che deriva, con molta probabilità, dal nome latino di persona Oranius.

La sua economia

Centro collinare, ha un'economia che si è retta, fino a pochi anni fa, soprattutto grazie allo sfruttamento delle locali cave di talco, chiuse definitivamente nel 1978. Oggi si tratta di un centro agropastorale, con un'economia basata anche su una discreta produzione industriale.  Il settore primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, vite, ulivi, alberi da frutta, e con l'allevamento di bovini, suini, ovini, caprini, equini e avicoli. L'industria è costituita da aziende che operano nei comparti alimentare, della fabbricazione di materie plastiche, della lavorazione del vetro, dei laterizi, metallurgico, di mobili, della produzione e distribuzione di energia elettrica ed edile. In questo secolo ha conosciuto un notevole benessere grazie anche allo sfruttamento delle miniere di talco e felspato, ormai abbandonate. Il terziario non ha dimensioni rilevanti. Le interessanti testimonianze dell'antichissimo passato sparse nel suo territorio, ricco inoltre di vegetazione tipicamente mediterranea, lo rendono meta di un discreto afflusso turistico.

Brevi cenni storici

Il territorio nel quale sorge Orani è stato abitato fino dalla preistoria dai sardi primitivi, e successivamente ha subiito la dominazione romana. É durante questo periodo che nasce Oddini e diviene un nucleo urbano di una relativa importanza. Si ritiene che l'attuale abitato di Orani derivi da quello romano di Oddini, la cui popolazione si sarebbe fusa, nel corso del periodo medioevale, con quelle di altri due villaggi, Sant'Andrea e San Sisto, oppure, secondo lo storico Vittorio Angius, con quella dei villaggi di Thiddorai ed Ilani, nelle cui aree sono state individuate rovine e recuperati anche reperti in bronzo. Il nuovo nucleo cresce e prende importanza sino a diventare capoluogo della curatoria di Dore, nel Giudicato del Logudoro. Nel corso dell’undicesimo secolo entra nelle mire espansionistiche degli Aragonesi, i quali, di lì a poco, la conquistano. Successivamente diviene sede del marchesato, e viene ceduta in feudo alla signoria dei Fadriguez Fernandez, che la governano fino al 1839, quando, sotto la dominazione sabauda, viene decisa l’abolizione del sistema feudale. In periodo repubblicano, del Comune di Orani nel 1927, dopo la creazione della Provincia di Nuoro, viene cambiata la Provincia, da quella di Sassari, alla quale precedentemente apparteneva, a quella di Nuoro.

Alcuni dei principali personaggi che sono nati a Orani

A Orani nasce nell'Ottocento il bandito Giuseppe Noli Coi. Vi nascono, inoltre, diversi artisti, tra i quali il pittore Mario Delitata e l'importante scultore Costantino Nivola, al quale è dedicato, all'interno della cittadina, un Museo che ne ospita le principali opere.

Il bandito Giuseppe Noli CoiAd Orani, intorno al 1879, nasce Giuseppe Noli Coi, bandito di medio calibro che si da alla macchia il 10 luglio del 1898, all'età di diciannove anni, dopo aver tentato di uccidere con due fucilate il compaesano Daniele Siotto. Diventa famoso più per i suoi proclami scritti che per le sue imprese criminali. Nel primo scrive: «Vieto nel modo più assoluto di prendere in afito i terreni di Giovanna Piredda, sotto pena di persecuzione e proebisco a questo per la seconda volta di coltivare i terreni e prendere i fruti dei proprietari Losta, soto pena di morte sicura», dove Giovanna Piredda è la madre di Daniele Siotto. In un altro scrive: «Autorità deve metere subito enttro questo febbraio in libera ditenuta Maria Potedda per mancato omicidio Siotto Succu ed è completamente innocente, perché garantisco io, è prenderò provvedimenti nel caso in che lei non venga liberata». E, per mantenersi in latitanza, scrive: «Faccio domanda di grazia per chiedere ai proprietari di bestiame la cessione di una pecora per uno e corrispondano a questo invito di si oppure di no e ringrazio e sono vostro servo». Durante la sua latitanza, Noli Coi collabora con altri banditi, Antonio Manconi, anche lui di Orani, e Paolo Solinas, di Sarule. La sua latitanza finisce il 12 maggio del 1899, quando viene arrestato dai carabineri, e verrà condannato a 21 anni e sette mesi di reclusione. Espiata per intero la pena, ridotta a sei mesi in virtù di un'indulto, Noli Coi ritorna ad Orani dove morirà di vecchiaia senza aver commesso mai più alcuna azione delittuosa.

immagineBiografia di Mario DelitalaNel 1887 a Orani nasce Mario Delitala, che sia nella pittura che nella grafica ha una formazione autodidatta. A venti anni si trasferisce a Milano dove si impiega come ragioniere ed inizia a lavorare come grafico. Dopo quattro anni torna in Sardegna e, nel 1912, si trasferisce a Cagliari, dove si fa conoscere come illustratore. Nel '14 viene chiamato nel gruppo di artisti ai quali vengono affidate le decorazioni del palazzo Civico di Cagliari. Nel '20 si trasferisce a Venezia, dove frequenta la Scuola Libera del Nudo. Nel '24 vince il concorso per la decorazione dell'Aula Consiliare del Municipio di Nuoro, per la quale realizza quattro lunette: L'amore, La famiglia, La patria, La fede. Nel '26, realizza La cacciata dell'arrendadore, che ripropone un episodio del 6 gennaio 1772, quando il Consiglio Comunale di Nuoro e la popolazione, insofferenti per le imposizioni del Marchese di Orani che risiedeva in Spagna, cacciò l'odiato esattore delle tasse, Le arrende, e proibì a lui ed al Marchese il rientro in paese. Negli anni successivi decora l'aula magna dell'Università di Sassari, il duomo di Lanusei, l'aula magna del Liceo Classico Azuni di Sassari. Nel '34 gli si affida la direzione dell'Istituto d'Arte per la Decorazione e l'Illustrazione del Libro di Urbino, ed in questa veste si trasferisce prima a Perugia e poi a Pesaro. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale rientra in Sardegna, dove dirige l'Istituto d'Arte di Sassari. Nel '49 viene chiamato come preside dell'Istituto d'Arte di Palermo, dove rimarrà fino al '61. Settantenne torna definitivamente a Sassari e vi lavora per altri trent'anni, fino alla morte ultracentenario nel 1991. Le sue tele ed incisioni, animate da eroiche figure in costume a celebrare i valori della cultura isolana, vanno considerate tra i capolavori dell'arte sarda del Novecento, soprattutto perché le capacità tecniche gli consentono di esprimersi sul grande formato. La sua opera è influenzata dagli intellettuali sardi che ha incontrato nella sua lunga vita, da Sebastiano Satta e Attilio Deffenu, a diversi artisti, come Francesco Ciusa, Carmelo Floris, Melkiorre e Federico Melis.

Mario Delitala: il guardiano della vigna, tempera su cartone del 1913 soggetto originale per il manifesto della Ditta vinicola Zedda Piras Mario Delitala: Nostalgie di Sardegna, il pastore che si disseta, olio su tela del 1915 Mario Delitala: Venditrice di cesti in Sardegna, china colorata su carta del 19283 Mario Delitala: Ritratto di donna, del 1933 Mario Delitala: Ritratto di donna, olio su cartone e legno pressati del 1933 Mario Delitala: il sogno dei pastori, olio su masonite del 1953

Costantino Titinu NivolaBiografia di Costantino NivolaNel 1911 a Orani nasce Costantino Nivola, detto Titinu, e dal padre muratore apprende i primi rudimenti del mestiere. A 15 anni si trasferisce a Sassari, dove fa apprendistato presso Mario Delitala, suo concittadino, che sta decorando l'aula magna della Università di Sassari. Con una borsa di studio, a venti anni frequenta l'Istituto Superiore di Industrie Artistiche di Monza, dove ha come compagni di corso Giovanni Pintori e Salvatore Fancello, sardi come lui, e dove si diploma nel '36 come grafico pubblicitario. Assunto alla Olivetti, diviene direttore dell'ufficio grafico e realizza le decorazioni per il padiglione italiano all'Esposizione Universale di Parigi. Nel '38, per le persecuzioni antisemite, abbandona l'Italia e si rifugia a Parigi. Nel '40 si trasferisce nel Greenwich Village di New York, e l'anno successivo diviene Art Director della rivista Interiors and Industrial Design. Nel '48 si stabilisce a East Hampton, Long Island, dove inventa la tecnica della colata di cemento sulla sabbia modellata (sand casting). Torna in Sardegna per realizzare, per la rivista Fortune, alcuni disegni per la campagna antimalarica della Fondazione Rockefeller. Di nuovo negli Stati Uniti, insegna all'Università di Harvard, alla Columbia University, all'Università di Berkeley. Ottiene la medaglia d'argento e poi quella d'oro della Architectural League; il diploma della Municipal Art Society, la Fine Arts Medal dell'American Institute of Architets. Pur non avendo la cittadinanza americana, diviene membro dal '72 dell'American Academy and Institute of Arts and Letters di New York. Nel '75 viene nominato membro onorario della Royal Academy of Fine Arts dell'Aja. Nel maggio del 1988 muore a Long Island, qualche giorno prima di tornare in Sardegna per presenziare all'inaugurazione del palazzo del Consiglio regionale di Cagliari, per il quale ha realizzato le sculture. Per quanto riguarda la sua opera, simbolo dell'esperienza newyorkese degli anni '40 e '50 sono quadri come Times Square e New York, nei quali compaiono come protagonisti i cartelloni pubblicitari. Incontrato Le Corbusier, inizia la pratica del graffitto, con la quale porterà la pittura all'interno dell'architettura e nella Città. Importanti perché ne determinano la prima affermazione sono i Letti, le Spiagge e le Piscine in terracotta. Come sculture, tra le più celebri sono le Madri e le Vedove in marmo bianco di Carrara o in travertino. In Sardegna nel 1958 decora la facciata della Chiesa Nostra Signora d'Itria, nel suo paese natale, con un grande graffito che raffigura la battaglia di Lepanto. Nel 1967 realizza, a Nuoro, la piazza Sebastiano Satta, dove posiziona otto massi scavati e modellati che ospitano delle statuine in bronzo che raffigurano scene della vita in Barbagia.

Il volume «Memorie di Orani» di Costantino Nivola Articolo del maggio 1988 scritto per la morte di Costantino Nivola

Per saperne di più su questo grande artista possiamo leggere una ampia «Biografia di Costantino Nivola» scritta da Giuliana Altea ed illustrata con la riproduzione delle sue opere più significative. Riportiamo anche in versione integrale una raccolta di suoi ricordi che sono stati pubblicati con il titolo «Memorie di Orani», ed un articolo del maggio 1988 scritto per la sua morte.

Principali Feste e Sagre che si svolgono ad Orani

Orani-Esibizione del Gruppo Folk di OraniAd Orani sono attivi il Gruppo Folk di Orani, i tenores del gruppo Tenore di Orani, ed il Coro Monte Gonare. Durante le loro manifestazioni è possibile ammirare uomini e donne abbigliati con il caratteristico costume tradizionale di Orani. Anche a Orani, come in gran parte della Sardegna, il 17 di gennaio si svolge la Festa dedicata a Sant'Antonio Abate, con la sera precedente l'accensione del grande falò; questa Festa apre i festeggiamenti del Carnevale, con le maschere chiamate Sos Bundos; il 22 giugno si svolge, presso l'omonima Chiesa campestre, la Festa dello Spirito Santo; l'8 settembre la Festa in onore di Nostra Signora di Gonare, organizzata ad anni alterni con Sarule, che si tiene presso il Santuario sulla cima dell’omonimo monte; importante anche la Festa di San Daniele, che si celebra il 13 ottobre.

Il Carnevale di Orani con Sos Bundos

Il Carnevale di Orani ha, probabilmente, origini più recenti rispetto agli altri più noti carnevali barbaricini. Protagonista del Carnevale sono le maschere chiamate Sos Bundos, creature per metà umane e per metà bovine, ed il colore rosso della maschera che copriva loro il volto in origine veniva ottenuto proprio con il sangue di bue, mentre il forcone, Su Trivuthu, simboleggiava le loro origini contadine. Sos Bundos indossano, infatti, gli abiti tipici del contadino, ossia un cappotto largo e lungo, la camicia, i pantaloni di velluto e i gambali di cuoio. La maschera è in sughero tinto di rosso con lunghe corna, un grosso naso e baffi. Durante il rituale, Sos Bundos mimano il rito della semina, impugnando il forcone di legno, accompagnandosi con grida cupe, che, con i loro spaventosi muggiti, emulano i suoni del vento. Ancora oggi, in paese, in giornate particolarmente ventose si usa dire parete chi vi suni sos bundos, ossia pare che fuori ci siano i demoni, accostando il personaggio del Bundu proprio al demonio.

La Festa di San Daniele

A Orani la Festa di San Daniele si celebra il 13 ottobre, con un comitato di giovani e meno giovani che organizzano tre giornate all'insegna delle tradizioni e del divertimento.

Visualizza la mappa Visita della cittadina

Entriamo nella cittadina provenendo da sud con la SS128 che arriva da Sarule, e che, all'interno del centro abitato, assume il nome di cosro Giuseppe Garibaldi, fino a piazza Italia, da dove prosegue con il nome di corso Italia. L'abitato, adagiato sul fondo di un vallone ed interessato da una forte espansione edilizia, è circondato da vasti boschi di querce ed estesi tratti di macchia mediterranea.

La Chiesetta di San Lorenzo

Orani-La Chiesa di San LorenzoArriviamo ad Orani provenendo da sud con la SS128 e, percorsi meno di trecento metri dal cartello segnaletico che indica l'ingresso nella cittadina, troviamo, seguendo le indicazioni, una deviazione sulla destra che ci porterà a visitare il Museo dedicato a Costantino Nivola. Percorsi circa centoventi metri, arriviamo di fronte all'ingresso della piccola Chiesa dedicata a San Lorenzo, che si trova nella zona a sud est dell'abitato, sul declivio della collina che si affaccia sull'abitato denominata Su Cantaru, ossia La Fontana, la quale per circa due secoli è appartenuta ai prorietari di tutti gli orti della collina, che sono stati in seguito, a poco a poco, espropriati dal Comune, prima per costruire il lavatoio del paese, ed in seguito, in tempi più recenti, per costruire il Museo Nivola. Si tratta di una piccola Chiesa a navata unica, con la facciata con tetto a cupola ed al centro il portale di ingresso.

Il Museo dedicato a Costantino Nivola

Orani-Museo dedicato a Costantino NivolaAl principale figlio di Orani, Costantino Nivola, architetto e scultore, è stato dedicato, nel 1995, il Museo Costantino Nivola che contiene numerose sue sculture realizzate in materiali diversi che documentano le tappe del suo percorso artistico. L'ingresso del Museo, che si sviluppa sul declivio della collina, si trova alla sinistra della Chiesa di San Lorenzo, ed il Museo è stato realizzato all'interno dell'ex lavatoio del paese, che è stato a tale scopo appositamente restaurato. Se si visita Orani, è importante visitare questo Museo per conoscere la storia e le opere del maggior artista del Novecento sardo, figura di rilievo nel contesto internazionale delle arti della metà del ventesimo secolo, con attenzione ad artisti e movimenti vicini a Nivola, la cui cerchia di amicizie includeva Le Corbusier, Jackson Pollock, Saul Steinberg, Willem de Kooning, Alexander Calder e molti altri protagonisti del modernismo.

Orani-Museo Nivola-Veduta del Museo Orani-Museo Nivola: senza titolo (nel cortile esterno del Museo) Orani-Museo Nivola: Madre (nel cortile esterno del Museo) Orani-Museo Nivola: su Muru Pringiu (il muro incinta) Orani-Museo Nivola: letto Orani-Museo Nivola: la spiaggia in Sardegna Orani-Museo Nivola: la spiaggia in America Orani-Museo Nivola: Maestro muratore Orani-Museo Nivola: Due figure (Madre e Vedova) Orani-Museo Nivola: Vedova Orani-Museo Nivola: Madre (bronzo) Orani-Museo Nivola: Bronzetti della serie Lavoratori Orani-Museo Nivola: studio per Show Room Olivetti a New York (1953) Orani-Museo Nivola: studio per Show Room Olivetti a New York (1953) Orani-Museo Nivola: studio per Show Room Olivetti a New York (1953) Orani-Museo Nivola: senza titolo (gesso con inserti ceramici)

A Cagliari, sotto i porticati del complesso edilizio del Consiglio Regionale, nell'area esterna, denominata il lago salato, sono state collocate alcune opere di Costantino Nivola, il grande scultore di Orani, del quale sono presenti anche alcuni graffiti realizzati su disegni di Salvatore Fancello, l'importante artista di Dorgali.

Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: opere di Costantino Nivola Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: opere di Costantino Nivola Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: opere di Costantino Nivola Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: opere di Costantino Nivola Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: opere di Costantino Nivola Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: graffito di Costantino Nivola realizzato su disegno di Salvatore Fancello Cagliari-palazzo del Consiglio Regionale: graffito di Costantino Nivola realizzato su disegno di Salvatore Fancello

La Chiesetta di Santa Maria

Orani-La Chiesetta di Santa MariaRitornati sulla SS128, la riprendiamo e la seguiamo per una quarantina di metri, fino ad arrivare a una rotonda. Qui, invece di prendere a destra la via Mario Delitala, ed a sinistra la prosecuzione della SS128 in corso Giuseppe Garibaldi, proseguiamo dritti in via Cesare Battisti, che fiancheggia sul suo lato sinistro la piccola Chiesa di Santa Rita, ed in una quarantina di metri ci porta al suo ingresso. Si tratta della Chiesa più semplice presente all'interno del centro urbano, anch'essa a navata unica, con al centro della facciata il portale di ingresso sovrastato da un piccolo oculo, e con il tetto a cupola e, sulla sua sommità, un campanile a vela.

La Chiesa o Oratorio di Nostra Signora del Rosario

Orani-La Chiesa o Oratorio di Nostra Signora del RosarioDalla piazza antistante la Chiesetta di Santa Maria prendiamo, verso destra guardando la facciata della Chiesa, la via Alfonso La Marmora, e la seguiamo per meno di centocinquanta metri, e troviamo alla sua destra la Chiesa di Nostra Signora del Rosario, che è stata adibita ad Oratorio di Nostra Signora del Rosario, dato che presso di essa ha sede la Confraternita che porta lo stesso nome, Chiesa che è menzionata, insieme all'omonima Confraternita, per la prima volta nel 1684. Fu edificata probabilmente nel corso del '600, quando anche in Sardegna si diffuse ampiamente il culto mariano. La Chiesa ha una sola navata, coperta con una volta a botte rinforzata da archi traversi, con le cappelle laterali aperte tra i contrafforti dei fianchi. Un piccolo pulpito marmoreo è addossato all'ultimo pilastro a destra dell'altare. Sull'altare in marmo bianco, colonne tortili nere incorniciano le nicchie, nelle quali si trovano la statua lignea seicentesca della Madonna del Rosario, e quelle di due Santi Francescani. All'interno la Chiesa conserva gli affreschi attribuiti a Pietro Antonio e Gregorio Are, i due pittori che hanno operato in una vasta area, che si estende dalle Barbagie sino all'Ogliastra, per più di quarant'anni, tra la quarta e l'ottava decade del quindicesimo secoloIII. Il primo intervento, limitato all'area presbiteriale, risale al 1738 ed è attribuibile a Pietro Antonio Are, mentre un secondo intervento, datato 1754, è stato condotto dal figlio Gregorio che ha dipinto la navata. I dipinti rappresentano le nozze di Cana, i Santi Caterina da Siena e Paolo Eremita, la battaglia di Lepanto e la Predica di San Domenico. La facciata della Chiesa, spartita in due ordini da una cornice orizzontale, adotta lo schema catalano aragonese a terminale piatto, con merli che affiancano il campanile a vela, in asse con un oculo e con il portale, d'impronta tardo rinascimentale. Sul campanile a canna quadra svetta una cuspide piramidale che richiama quella dell'antica parrocchiale di Orani.

La Chiesa di Nostra Signora d'Itria

Come Gavoi, anche Orani conserva il culto della Madonna di Sa Itria, ossia di Odighitria, che sta ad indicare la Via, risale all'età bizantina ma l'intitolazione non è documentata in Sardegna prima del penultimo decennio del diciassettesimo secolo. Proseguiamo lungo la via Alfonso La Marmora per altri centocinquanta metri, prima che la strada si immetta sul corso Giuseppe Garibaldi, incontriamo sulla distra un piccolo piazzale sul quale si affaccia la Chiesa di Nostra Signora d'Itria, realizzata nel '600 in stile tardo gotico. In precedenza la Chiesa oranese era dedicata a San Giuliano. L'aula ha una sola navata con volta a botte, e con nicchie laterali in cui sono collocate statue in legno e cartapesta. L'altare in marmo bianco con inserti rosa, conserva nella nicchia centrale la statua della Madonna d'Itria, realizzata secondo la tipica iconografia che la rappresenta con il bambino in braccio e ai lati i due pellegrini inginocchiati, un'opera di notevole fattura, che conserva ancora la decorazione originale databile alla seconda metà del '600. Sulla volta a crociera sono presenti affreschi con figure di angeli e cherubini, forse eseguiti dal primo degli Are, e recenti restauri hanno messo in evidenza nuovi dipinti murali, sia sulle pareti del presbiterio e delle cappelle, sia sulle arcate della navata in cui appaiono raffigurate scene di vita evangelica, probabilmente più antichi. Sulla facciata, sormontata da timpano curvilineo, si trovano al centro il portale e, in asse con esso, un piccolo rosone. Significativa è sulla facciata la decorazione di un grande graffito, realizzato nel 1958 da Costantino Nivola, che raffigura la battaglia di Lepanto.

Orani-La Chiesa di Nostra Signora d'Itria Orani-La Chiesa di Nostra Signora d'Itria Orani-La Chiesa di Nostra Signora d'Itria: la facciata con un grafito di Costantino Nivola

Lungo la via Alfonso La Marmora, dove la strada corre di lato alla Chiesa, e sul corso Giuseppe Garibaldi, sul quale la via lamarmora si immette, abbiamo visto diversi manifesti con la riproduzione di foto che illustrano le diverse fasi della realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola.

Orani-Manifesti che illustrano la realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola Orani-Manifesti che illustrano la realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola Orani-Manifesti che illustrano la realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola Orani-Manifesti che illustrano la realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola Orani-Manifesti che illustrano la realizzazione della facciata della Chiesa da parte di Costantino Nivola

In piazza Italia il Convento dei Frati Minori Osservanti con il Municipio di Orani e la Chiesa di San Giovanni Battista

Dallo sbocco di via Alfonso La Marmora sul corso Giuseppe Garibaldi, prendiamo quest'ultimo che si muove verso ovest, per compiere, poi, un'ampia curva e procedere verso est. Percorsi circa quattrocentocinquanta metri, arriviamo a dove termina il corso Giuseppe Garibaldi ed inizia il corso Italia. Qui, alla sinistra del corso, si raggiungeva il Convento e la Chiesa di San Giovanni Battista, che erano costruiti su un'altura a ridosso di un crinale, che proprio per questo prendeva il nome di Sa costa e cumbentu, e per arrivarci bisognava addentrarsi nelle stradine del centro storico. In seguito, è stata realizzata una piazza sopraelevata chiamata Piazza Italia, alla quale si accede da un'ampia gradinata, e nella quale si trovano i due edifici.

Il Convento dei Frati Francescani Minori Osservanti è stato costruito per ospitare questi religiosi, che erano arrivati ad Orani nel 1610, ed ad esso era annessa una Chiesa. Successivamente, in sostituzione della Chiesa più antica, è stata edificata la Chiesa di San Giovanni Battista. Nel 1866, dopo la soppressione e l'incameramento degli Ordini religiosi, il Convento è divenuto proprietà del comune, ed è stato adibito a svariati usi, prima casa comunale, poi scuola elementare, pretura e carcere mandamentale. Oggi in piazza Italia, al civico numero 1, all'interno dell'edificio che era stato l'antico Convento, si trovano la sede e gli uffici del Municipio di Orani.

La Chiesa di San Giovanni Battista, la cui costruzione, inziata verso la fine del '600, è stata completata nei primi anni del '700, rispecchia l'architettura tipica delle Chiese francescane. Presenta un unica navata centrale, con l'altare maggiore, e con tre cappelle laterali per parte, comunicanti tra loro. All'interno conserva un coro ligneo e un antico e pregevole organo datato al 1732, recentemente restaurati. L'esterno dell'edificio presenta un pronao, sul quale si aprono gli accessi alla Chiesa e all'ex Convento, e presenta un campanile tozzo ma inserito armoniosamente nel complesso. La Chiesa, divenuta anch'essa di proprietà comunale, è stata comunque concessa in uso alla comunità parocchiale, e dal 1870 al 1930, durante la costruzione della nuova parrocchia di Sant'Andrea, ha svolto la funzione di Chiesa parrocchiale.

Orani-La scalinata di accesso alla piazza Italia Orani-La piazza Italia Orani-L'ex Convento che ospita il Municipio di Orani Orani-La Chiesa di San Giovanni Battista Orani-La Chiesa di San Giovanni Battista

La Chiesa di Santa Croce, Oratorio dell'omonima Confraternita

Orani-La Chiesa o Oratorio di Santa CroceDa piazza Italia prendiamo il corso Italia e lo seguiamo per appena una cinquantina di metri, poi prendiamo a destra per una sessantina di metri, fino a dove questa strada sbocca sulla via Sant'Andrea, che prendiamo verso destra e, in una diecina di metri, ci porta nella piazza Sant'Andrea, sulla quale si affaccia la Chiesa di Santa Croce, che è stata adibita ad Oratorio di Santa Croce, dato che presso di essa ha la sua sede la Confraternita che porta lo stesso nome. Dalla relazione della visita pastorale del 1835 si apprende che l'antica Chiesa di Sant'Andrea Apostolo era ormai diroccata, e che fungeva da parrocchia la Chiesa di Santa Croce, ad eccezione del Cimitero annesso all'antica parrocchiale che continuava a svolgere le sue funzioni sino al 1884.

La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo

Ripresa la via Sant'Andrea verso est, dopo circa centoventi metri arriviamo in piazza XX Settembre, sulla quale si affaccia la Chiesa di Sant'Andrea Apostolo, ossia la cresia de Sant'Andria, che è la Chiesa parrocchiale di Orani, una delle più tarde realizzazioni di forme neoclassiche in Sardegna in stile palladiano. Abbandonata sin dall'inizio dell'800 l'antica parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo, della quale rimangono i ruderi e il campanile di forme gotico catalane, venne avviata nel 1867 la costruzione della nuova Chiesa, che è stata terminata, dopo varie interruzioni, solo nel 1930. L'architettura assai monumentale presenta un pronao tetrastilo, timpanato ed aggettante, retto da colonne tuscaniche. L'interno è ampio e luminoso, caratterizzato da una pianta a croce greca, ed all'incrocio dei bracci è impostata la cupola emisferica, con la terminazione a lanternino. Vi sono custodite importanti opere d'arte: la pala d'altare rappresentante la gloria di Sant'Andrea circondato da un tripudio di angeli realizzata da Mario Delitala, il pulpito seicentesco in marmo intarsiato, proveniente dall'antica parrocchiale, il pulpito ligneo che apparteneva alla Chiesa del Rosario, ed anche un prezioso Retablo Polittico datato alla fine del sedicesimo secolo.

Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: facciata Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: il campanile Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: il campanile Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: cupole e campanile Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: interno Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: la pala d'altare realizzata da Mario Delitala Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: il prezioso Retablo Polittico datato alla fine del sedicesimo secolo Orani-La Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo: un altro Polittico più moderno

Il Pio Istituto di Ricovero dedicato a San Giuseppe

Dalla piazza XX Settembre, prendiamo verso est la continuazione di via Sant'Andrea, che è la via Efisio Tola, che diventa, poi, la via San Giuseppe, che ci porta di fronte alla Chiesa dedicata a San Giuseppe, con accanto i resti di quello che era il Pio Istituto di Ricovero dedicato a San Giuseppe.

Orani-La Chiesa di San Giuseppe Orani-La Chiesa di San Giuseppe: facciata

Lo stadio di Orani

Ritorniamo sul corso Italia e lo seguiamo per seicento metri, fino all'uscita dall'abitato, dove troviamo una rotonda che, prendendo verso destra, ci porterebbe sulla circonvallazione di Orani e ci riporterebbe nell'abitato. Seguiamo, invece, il corso, prendiamo la prima a destra e, in circa duecento metri, arriviamo a visitare lo Stadio di Orani, che è un Campo da Calcio con 500 posti per il pubblico, e di atletica leggera.

L'antica Chiesa di Sant'Andrea Apostolo

Tornati alla rotonda, prendiamo la circonvallazione di Orani e la seguiamo per novecento metri, poi proseguiamo su via Francesco Delitala, dopo trecento metri prendiamo verso destra la via Mario Delitala, dopo cento metri svoltiamo a sinistra, in via Mannu, ed, in cinquanta metri, troviamo, alla sinistra della strada, i resti dell'antica Chiesa Sant'Andrea. Potevamo arrivarci anche quando siamo entrati in Orani con la SS128 e siamo arrivati alla rotonda, con alla sinistra il corso Giuseppe Garibaldi ed alla destra la via Mario Delitala, che, in poco più di cento metri, ci porta a trovare alla destra la via Mannu, che ci porta all'antica Chiesa.

Siamo alla periferia del paese, e, su un colle, troviamo le rovine dell'antica Chiesa di Sant'Andrea Apostolo, edificata in stile gotico catalano, della quale l'ipotesi di datazione più convincente ascrive la fabbrica a un periodo compreso tra la fine del sedicesimo e gli inizi del diciassettesimo secolo. Questa Chiesa, che è stata, fino ai primi dell'800, la parrocchiale del paese, doveva avere pianta a croce greca, in accordo con la sua intitolazione a Sant'Andrea, e nei resti si individuano tracce di cappelle con volta sia a botte sia a crociera. Realizzata con pietrame misto tenuto insieme da malta e ricoperto di intonaco, tranne stipiti e architravi delle porte laterali, in pietra vulcanica a vista, ha una facciata, originariamente a spioventi, in seguito modificata con una terminazione piatta e merlata, come era uso nell'isola nel diciassettesimo secolo. Al centro si apre il portale principale, sovrastato da un arco di scarico a sesto acuto, anch'esso modanato, all'interno del quale si trova un concio scolpito raffigurante la croce di Sant'Andrea. La Chiesa dedicata a Sant'Andrea Apostolo versa in pessime condizioni di conservazione, che la rendono poco più di un rudere di difficile lettura. Completamente abbandonata a se stessa per lunghi anni, è stata oggetto solo di recente di un deciso intervento di recupero che ha interessato la torre campanaria, che è ora completamente ristrutturata. La parte meglio conservata dell'edificio è, quindi, il campanile a pianta quadrata, in conci di pietra vulcanica perfettamente squadrati, scandito in sei livelli da sottili cornici e terminante in una guglia a gattoni.

Orani-Resti dell'antica Chiesa di Sant'Andrea Apostolo Orani-Resti dell'antica Chiesa di Sant'Andrea Apostolo Orani-Resti del campoSanto vecchio

Vicino alla vecchia parrocchiale diroccata di Sant'Andrea Apostolo, si trovava il Cimitero del paese, che ancora oggi viene chiamato campusantu vezzu o campusantu belzu, ossia vecchio Cimitero.

Il Cimitero di Orani

Proseguendo dopo la vecchia parrocchiale lungo la via Mannu, usciamo dal paese e, in circa duecentocinquanta metri, arriviamo di fronte all'ingresso del nuovo Cimitero di Orani.

Visualizza la mappa Nei dintorni di Orani Informazioni turistiche

Nei dintorni di Orani sono stati portati alla luce i resti dei Nuraghi Attetu, Bortaleo, Creschentina, Giorgi Sale, Gorae, Ispadula, Istetta, Losore, Ludriscas, Monte Nule, Naravile, Nuraches, Olalo, Orgomonte, Passarinos, S'Ae Pinta, S'Iscusorgiu, Sa Monza, Sa Murta, Soriches, Sos Venales, Su Vrusciu, Urrana, Ussurgiu, Zommaria Corda, tutti di tipologia indefinita.

La Chiesa campestre di San Paolo

Orani-La Chiesa campestre di San PaoloDal Municipio di Orani prendiamo verso nord est il corso Italia lo seguiamo per poco più di centocinquanta metri e prendiamo a sinistra la via Nuoro, che ci porta fuori dall'abitato in direzione ovest. Seguiamo la via Nuoro per circa ottocento metri, poi prendiamo una deviazione sulla sinistra che, in duecentocinquanta metri, ci porta a uno spiazzo su un'altura, nel quale si trova la Chiesa campestre di San Paolo. La Chiesa ha una sola navata, il tetto a cupola e la facciata molto semplice con al centro il portone di ingresso.

La Chiesa campestre di San Francesco Saverio

Orani-La Chiesa campestre di San Francesco SaverioDal Municipio di Orani prendiamo il corso Italia, lo seguiamo per circa 1,3 chilometri, poi, seguendo le indicazioni per il Santuario di Nostra Signora di Gonare, prendiamo la strada a destra che ci porta fuori dall'abitato in direzione est. La seguiamo per 2,3 chilometri, prima della deviazione per il monte Gonare prendiamo una sterrata sulla destra, in leggera salita, che seguiamo per circa due chilometri e mezzo. La strada ci porta su un'altura, sui monti di Orani, dove si trova la Chiesa campestre di San Francesco Saverio. Nella Chiesa si svolge la Novena della Grazia, dal 4 al 12 marzo, per chiedere grazie e protezione attraverso l'intercessione del Santo patrono delle missioni, che, con la Madonna di Gonare, benedice i due paesi sottostanti Orani e Sarule, tenendo vivo lo spirito missionario.

Il Santuario di Nostra Signora di Gonare che si trova in territorio di Sarule ma che si raggiunge da Orani

Dal Municipio di Orani prendiamo il corso Italia, lo seguiamo per circa 1,3 chilometri, poi, seguendo le indicazioni per il Santuario di Nostra Signora di Gonare, prendiamo la strada a destra che ci porta fuori dall'abitato in direzione est. La seguiamo per 2,3 chilometri, passata la sterrata sulla destra per la Chiesa campestre di San Francesco Saverio, al bivio prendiamo verso destra seguendo le indicazioni e, dopo 3,2 chilometri, arriviamo alle cumbessias, da dove è possibile raggiungere, percorrendo un sentiero che attraversa il bosco, il Santuario di Nostra Signora di Gonare, che si trova in territorio di Sarule ma si raggiunge più facilmente da Orani.

Sulla sommità del monte Gonare, a 1.083 metri d'altezza, si trova il Santuario di Nostra Signora di Gonare, dal 1972 patrona di tutte le Barbagie. Si racconta che, all'inizio del dodicesimo secolo, il Giudice Gonnario II di Torres, sorpreso da una tempesta al ritorno in nave da un pellegrinaggio in Terra Santa, abbia fatto alla Vergine il voto di innalzarle un tempio nella terra che gli fosse apparsa per prima. Giunto sull'isola, avrebbe visto il monte Gonare, e qui avrebbe fatto costruire il Santuario. Ricostruito nel 1618 in scisto scuro, nella tipica architettura rustica sarda, assumendo l'aspetto di una robusta fortezza, si possono ancora vedere parti dell'antica Chiesa medievale. La Chiesa è a navata unica.

Sarule-Santuario della Madonna di Gonare Sarule-Santuario della Madonna di Gonare Sarule-Santuario della Madonna di Gonare

Prima di raggiungere il Santuario abbiamo trovato le cumbessias, le piccole case rustiche che vengono frequentate dai numerosi pellegrini che accorrono per la Festa della Madonna di Gonare, in occasione delle celebrazioni che si svolgono la seconda domenica di settembre, organizzata adanni alterni dai comitati di Sarule e di Orani.

La Festa, che viene anche raccontata da Grazia Deledda in La via del male, vede i pellegrini raggiungere il Santuario anche a piedi. Inizia con la novena ed il decimo giorno, la domenica, dopo la messa prevede banchetti e balli sul piazzale del Santuario.

I ruderi della Chiesa campestre di San Sebastiano

Orani-I ruderi della Chiesa campestre di San SebastianoDal Municipio di Orani prendiamo il corso Italia, lo seguiamo per circa 1,3 chilometri, poi, seguendo le indicazioni per il Santuario di Nostra Signora di Gonare, prendiamo la strada a destra che ci porta fuori dall'abitato in direzione est. La seguiamo per 2,3 chilometri, passata la sterrata sulla destra per la Chiesa campestre di San Francesco Saverio, al bivio proseguiamo lungo la strada principale verso sinistra, dopo circa cinquecento metri prendiamo una deviazione sulla sinistra, che seguiamo per circa 1,2 chilometri, e ci porta a vedere sulla sinistra i ruderi della Chiesa campestre di San Sebastiano.

La Chiesa campestre dello Spirito Santo o S'Ispiridu Santu

Orani-La Chiesa campestre dello Spirito Santo o S'Ispiridu SantuDal Municipio di Orani prendiamo il corso Italia e lo seguiamo per 1,4 chilometri, poi, passato il cartello segnaletico che indica l'uscita da Orani, prendiamo una strada sulla destra che, in 6,2 chilometri, ci porta alla Chiesa campestre dello Spirito Santo, o de S'Ispiridu Santu. La Chiesa è stata recentemente restaurata, ed ha una bella facciata bianca, con una terminazione piatta e merlata, sovrastata da un bel campanile a vela. Al centro della facciata si trova il portale di ingresso, sovrastato da un loculo con un rosone, e tra i due si trova la dicitura VENI CREATOR SPIRITUS. Presso questa Chiesa si svolge ogni anno, il 22 giugno, la Festa dello Spirito Santo, con la processione che parte dal paese e raggiunge la Chiesa campestre, la sfilata a cavallo con la pandela dello Spirito Santo, alla quale seguono i riti religiosi e le manifestazioni civili. Si tratta di una Festa religiosa in cui si preparano piatti tipici della zona.

Lungo la strada per la Chiesa dello Spirito Santo possiamo andare a visitare il Nuraghe Istetta

Orani-Nuraghe IstettaCome dicevamo, nei dintorni di Orani si trovano diversi Nuraghi e Villaggi nuragici in rovina e numerosi luoghi di culto e sepoltura di età preistorica, tra i quali descriveremo il Nuraghe Istetta. Lungo la strada che ci ha portato alla Chiesa dello Spirito Santo, circa ottocento metri prima di arrivare alla destinazione, si può prendere una sterrata sulla destra che porta, dopo un lungo percorso, su un'altura sulla quale si trovano i resti del Nuraghe Istetta. Si tratta di un Nuraghe di tipologia indefinita, probabilmente un Nuraghe monotorre, che si conserva per una certa altezza sul livello del suolo.

Le miniere di talco e feldspato di Orani

Usciamo dal centro di Orani con il viale Sardegna, che è la continuazione verso est della via Alfonso La Marmora dopo l'incrocio con il corso Giuseppe Garibaldi, ed esce dall'abitato con il nome di SP39.

Orani-Le miniere di talco e felspato di OraniLo seguiamo per quasi due chilometri e mezzo, poi prendiamo una deviazione verso destra, dopo cento metri svoltiamo a sinistra, e, dopo altri cinquecento metri, raggiungiamo l'antica Miniera di talco di Orani, che è stata importante per l'economia del paese, ma è stata in seguito abbandonata. Seguendo la SP39 per quasi due chilometri, prendiamo una nuova deviazione verso destra che, in un paio di chilometri, ci porta a raggiungere la Miniera di talco e feldspato, che è tuttora attiva, con una coltivazione a gradoni orizzontali discendenti, coltivata a cielo aperto con esplosivo e con escavatore. Questa Miniera di talco e feldspato da una grande risorsa economica al paese.

La Chiesa campestre di Nostra Signora di Liscoi

Orani-La Chiesa campestre di Nostra Signora di LiscoiRiprendiamo la SP39 in direzione est e la seguiamo per poco più di cinque chilometri, fino ad arrivare al grande svincolo, dove la SP39 termina, e prendiamo verso destra la SS537 in direzione di Orotelli. Percorsi solo trecento metri, vediamo sulla destra la Chiesa campestre di Nostra Signora di Liscoi, che si trova vicina al monte Cuccureddu. Si tratta di una Chiesa con il tetto a capanna più sviluppato sul lato destro, e con, altre al portale principale sulla facciata, anche un portale secondario, molto più bello, al centro del lato sinistro.

La Chiesa di Sant'Elia Profeta e la Chiesa di San Giorgio Martire nell'insediamento abbandonato di Oddini

Percorso circa un chilometro e mezzo sulla SS537, passato il cartello indicatore del chilometro 8 e, subito più avanti, alla sinistra della strada la stabilimento industriale Monte Nieddu, prendiamo la deviazione verso sinistra, che ci porta in direzione di quello che era stato l'insediamento medioevale di Oddini, che veniva chiamato chiamato anche Ollini, in seguito abbandonato. Il sito nel quale si trovava l'insediamento dista circa sei chilometri in linea d'aria da Orotelli, che si trova ad est, è caratterizzato da un territorio collinare adibito prevalentemente a pascolo e delimitato ad oriente dall'altura rocciosa di Nidu 'e Crobu. L'area che ospitava l'insediamento si estende tra gli attuali territori di Orotelli ed Orani, che confina a sud, lo spazio è piuttosto ampio e comprende le Chiese di Sant'Elia Profeta e quella di San Giorgio martire nel Comune di Orani, probabilmente entrambe di origine altomedievale, e la bella Chiesa romanica di San Pietro, sede del Monastero di cui sono tuttora visibili i resti, nel Comune di Orotelli.

Orani-La Chiesa di Sant'Elia ProfetaOrani-La Chiesa di Sant'Elia Profeta: simulacro del SantoDalla deviazione verso sinistra che porta in direzione di Oddini, percorriamo tre chilometri e circa trecento metri, poi, a un bivio, prendiamo la strada verso destra e poi subito a sinistra, percorriamo poco più di un chilometro, e troviamo sulla sinistra una cancello con l'indicazione, seguendo la quale si percorre un breve tratto e si arriva alla Chiesa di Sant'Elia Profeta, di origine altomedioevale, intorno alla quale si trovavano resti dell'antico abitato. La Chiesa è realizzata in pietra, con tetto orizzontale, al centro della facciata si trova il portale di ingresso sovrastato da un piccolo loculo, e in alto un campanile a vela.

Orani-LaChiesa di San GiorgioPercorso un altro chilometro sulla strada che ci ha portato verso Oddini, poco prima della fine della strada, prima di una curva a destra, troviamo, alla sinistra della strada, la Chiesa di San Giorgio Martire, anch'essa di origine altomedioevale, che la tradizione riferisce fosse la parrocchiale di Oddini, le cui vestigia sono state localizzate dallo storico Vittorio Angius, che parlava comunque genericamente di resti di abitato. La Chiesa è realizzata in pietra, con tetto a cupola, al centro della facciata si trova il portale di ingresso e in alto un campanile a vela.

Si segnalano altri due edifici religiosi molto vicini alla zona, ossia i resti della Chiesa di San Michele, che si trova allo stato di rudere e che forse era il fulcro spirituale di un insediamento chiamato Miali, e doveva trovarsi nella zona la Chiesa di Sant'Anastasia, ormai scomparsa e ricordata dalla fontana chiamata appunto funtana de Sant'Anastasia.

La sorgente termale di Oddine

La zona è sempre stata frequentata per la presenza di fonti d'acqua minerale, convogliata in epoca romana in uno stabilimento termale di acqua solforosa, i cui scarsi resti s'individuano nel luogo denominato Bagni di Oddini, poco più ad ovest di quello che doveva essere il villaggio medievale. Per raggiungerlo, presa la deviazione verso sinistra che porta in direzione di Oddini, percorsi tre chilometri e circa trecento metri, poi, al bivio, proseguiamo lungo la strada verso sinistra, la seguiamo per poco meno di tre chilometri e mezzo, poi troviamo sulla destra un cancello, passato il quale prendiamo una strada in salita a traffico limitato che, in trecentocinquanta metri, ci porta a destinazione.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, da Orani ci recheremo nel borgo agropastorale di Oniferi, che visiteremo con i diversi siti archeologici che si trovano nei suoi dintorni.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W