La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del Comune di Cagliari

pagina successiva

Nei dintorni di Cagliari visita del Capo Sant'Elia con la Sella del Diavolo, e fino all'area umida di Molentargius

In questa tappa del nostro viaggio, completeremo la visita della Città di Cagliari, della quale nella pagina precedente abbiamo visto il centro storico. Vedremo i resti del periodo punico e romano nella zona sud occidentale della Città, le Chiese della zona orientale e il famoso Santuario di Bonaria. i recheremo poi a visitare Capo Sant'Elia con la Sella del Diavolo e la spiaggia del Poetto, il Castello di San Michele e la municipalità di Pirri.

Le diverse aree archeologiche nel centro e nei dintorni di Cagliari

Nel centro e nei dintorni di Cagliari sono stati portati alla luce i primi reperti della cosiddetta Cultura di Monte Claro; i resti della Necropoli punica di Tuvixeddu; l'Anfiteatro romano e la Villa di Tigellio.

Visualizza la mappa Lasciato il centro storico andiamo a visitare la zona settentrionale dell'abitato

Lasciato il centro storico dopo averne visitati i quattro quartieri, ci rechiamo a visitare la zona nord occidentale della Città, dove è presente la maggior parte dei suoi resti archeologici e storici. Vedremo, poi, le diverse Chiese parrocchiali presenti in questa parte dell'abitato. Per concludere con la visita all'Ospedale della Santissima Trinità, ed al Cimitero e al Castello di San Michele.

La Chiesa parrocchiale della Beata Vergine del Carmine

Cagliari-Chiesa del CarmineDall'estremo settentrionale della piazza Giacomo Matteotti, all'altezza della facciata della Stazione Ferroviaria, prendiamo a destra la via Sassari, che, in una sessantina di metri, ci porta all'estremo meridionale della piazza del Carmine, cha abbiamo descritto nella tappa precedente. Dall'estremo settentrionale della piazza del Carmine, prendiamo verso nord ovest il viale Trieste, dove troviamo quasi subito, alla destra della strada, la Chiesa della Beata Vergine del Carmine, una Chiesa parrocchiale dell'attuale quartiere Stampace, che si estende al di là del centro storico. La presenza dell'Ordine dei Carmelitani nell'isola viene fatta risalire al 1562, quando edificano sul colle di Sant'Elia il loro primo Convento. Le frequenti incursioni barbaresche inducono, in seguito, i religiosi a trasferirsi più vicino alla Città, nell'odierno viale Trieste, dove erigono, nel luogo dove sorgena una antica cappella, il Convento e la Chiesa del Carmine, in stile gotico catalano arricchito da artistici altari di gran pregio. Il Convento viene, in parte, venduto ai privati nel 1886. Le bombe del 13 maggio 1943 distruggono quasi completamente la vecchia Chiesa, e risale agli anni cinquanta del Novecento la sua ricostruzione in uno stile che arieggia al romanico pisano. Dell'antica Chiesa rimangono alcuni frammenti in pietra della Cappella Ripoll, che si apriva a destra dell'ingresso, che era uno dei pochi esempi di architettura tardorinascimentale a Cagliari. L'interno della Chiesa rinnovata, arricchito dai mosaici di Aligi Sassu, ha tre navate separate da altre arcate su pilastri, con travature in legno nella copertura di quella centrale. La Chiesa custodisce al suo interno un'interessante pala raffigurante Sant'Alberto, opera di Francesco Pinna di fine sedicesimo. Il paramento interno ed esterno della Chiesa, a tre fasce bicrome, richiama le architetture medioevali.

Nella Chiesa viene conservata una piccola statuetta in legno della Madonna le cui origini risalirebbero al tredicesimo secolo, nei confronti della quale i cagliaritani nutrono un'antica venerazione, e che viene celebrata nella Festa della Madonna del Carmelo, il 16 luglio, con i riti religiosi preceduti dalla sua vestizione.

La piccola Chiesa di San Pietro dei Pescatori

Cagliari-La piccola Chiesa di San Pietro dei PescatoriProseguendo lungo il viale Trieste per cinquecento metri, troviamo alla sinistra della strada le indicazioni per prendere un vicolo che ci porta alla piccola Chiesa di San Pietro dei Pescatori, che, dato che si trova sulla riva della laguna di Santa Gilla, ha mantenuto questa intitolazione. Il suo primo impianto è attribuito a maestranze lombardo catalane attive prima della fine dell'undicesimo secolo, dato che viene citata come «Sanctus Petrus de Piscatore» nel documento del 1089 con il quale il Giudice di Cagliari dona ai monaci Benedettini di San Vittore di Marsiglia, detti anche Vittorini, una serie di edifici religiosi. La trasformazione gotica della facciata è opera di maestranze toscane, probabilmente alla fine del tredicesimo secolo. La Chiesa si presenta a navata unica con copertura in legno. La piccola Chiesa dipende dalla Chiesa parrocchiale della Santissima Annunziata. Il 29 giugno, giorno della Festa di San Pietro, l'antica Corporazione dei Pescatori fa della piccola Chiesa il centro delle celebrazioni civili e religiose in onore del Santo.

La Chiesa parrocchiale della Santissima Annunziata

Cagliari-Chiesa della Santissima AnnunziataLungo il viale Trieste, una cinquantina di metri prima di arrivare alla piccola Chiesa, prendiamo a destra via Pola, che, dopo poco più di duecentocinquanta metri, sbocca sul corso Vittorio Emanuele II. Lo prendiamo verso sinistra, ossia verso nord ovest, e, alla destra della strada, al civico numero 299, troviamo la Chiesa della Santissima Annunziata. Il suo impianto originale risale al sedicesimo secolo, poi, nel 1643, una bufera la danneggia in modo irreparabile, successivamente gli Scolopi ottengono in uso le rovine, ristrutturano la Chiesa ampliandola e, intorno al 1645, la intitolarono alla Santissima Annunziata, e gli affiancano il Convento. Nel 1866 la soppressione degli Ordini religiosi portano alla chiusura del Convento e il complesso viene adibito a caserma dei Carabinieri. Nel 1871 si ottiene di nuovo l'uso della Chiesa, ma, all'inizio del XX secolo, per consentire l'allargamento del corso Vittorio Emanuele II, alcune demolizioni rendono necessario ricostruire la facciata, terminata nel 1913 nelle forme neorinascimentali che mantiene tuttora. Nel 1920 la Chiesa viene affidata ai Frati Minori Conventuali e, dal 1933, diviene una delle Chiese parrocchiali dell'attuale quartiere Stampace. All'interno, la navata unica ha volta a botte, su di essa si aprono tre cappelle per lato comunicanti tra loro e si conclude con un abside semicircolare. L'altare maggiore in marmi policromi ospita il dipinto del 1829 raffigurante l'Annunciazione, opera di Giovanni Marghinotti. Dalla parrocchia della Santissima Annunziata, che ha sede nella Chiesa parrocchiale della Santissima Annunziata, dipede la Chiesa di San Pietro dei Pescatori in viale Trieste nel quartiere Stampace.

Il Teatro Massimo

Proseguendo lungo il corso Vittorio Emanuele II, che diventa viale Trento, dopo un centinaio di metri troviamo, alla destra della strada, il Teatro Massimo, il cui ingresso per gli spettatori si trova sulla destra, nella via Edmondo De Magistris, al civico numero 12. Il teatro nasce nel 1947 su iniziativa della famiglia cagliaritana dei Merello, proprietari dell'omonimo mulino, tre anni dopo che il Teatro Civico di Castello era stato raso al suolo dai bombardamenti alleati. negli anni settanta viene chiuso per qualche anno e riaperto nel 1981, in seguito, nel gennaio del 1982, dopo un incendio, il teatro viene di nuovo chiuso, finche, nel 2009, il Teatro Massimo viene restituito alla Città. Il teatro oggi ospita due sale, una da 594 posti a sedere nella platea a gradini, 134 in galleria e 24 nelle otto logge laterali, un'altra, più raccolta, da 198 posti.

Cagliari-Teatro Massimo Cagliari-Teatro Massimo

Durante i lavori di restauro sono state rinvenute nove cisterne di epoca romana, rivestite di coccio pesto e un pozzo di sfiato a imboccatura quadrata, utilizzato per la manutenzione dell'acquedotto romano.

La Mediateca del Mediterraneo

Percorso un altro centinaio di metri sul viale Trento, prendiamo a sinistra la via Nazario Sauro, dopo centocinquanta metri ancora a sinistra la via Goffredo Mameli, che ci porta, al civico nomero 164, alla Mediateca del Mediterraneo, un edificio con funzione polivalente che occupa gli spazi usati precedentemente come Mercato Comunale, e che si configura come una interessante opera di architettura contemporanea. Inaugurato nel 2011, lo spazio è destinato ad ospitare mostre temporanee e permanenti, biblioteche, auditorium, uno spazio gestito dalla Cineteca Sarda, nonche un bar Ristorante.

Cagliari-La Mediateca del Mediterraneo Cagliari-La Mediateca del Mediterraneo: interno

La Locanda dei Buoni e Cattivi

Passata la deviazione per la via Nazario Sauro, proseguiamo lungo la via Trento per quasi centocinquanta metri e prendiamo verso destra la via Vittorio Veneto, dove si trova la Locanda dei Buoni e Cattivi.

Una cucina di qualitàIn via Vittorio Veneto, al civico numero 96, si trova la Locanda dei Buoni e Cattivi, un locale specializzato in cucina classica in un ambiente di quartiere, che viene consigliato dalla Guida Michelin e che viene indicato con il Piatto Michelin per la sua cucina di qualità. Si trova in un tranquillo quartiere semi centrale questa piacevole locanda ricavata in una villa privata, alla base della quale c'è un progetto di reinserimento lavorativo per dare una seconda chance nella vita. Il menu propone una piacevole versione moderna della cucina sarda a base di soli prodotti stagionali, e propone un menu a prezzo contenuto a pranzo durante la settimana. Il Ristorante è aperto solo a cena in agosto. Ai piani si trovano anche cinque comode camere piacevolmente retrò.

Il complesso di piazza Santa Gilla e la fermata ferroviaria di Cagliari Santa Gilla

Cagliari-grande complesso di piazza Santa GillaDa dove avevamo imboccato il viale Trieste, lo seguiamo per seicentocinquanta metri, fino alla sua fine, ed arriviamo in piazza Trieste, a un bivio, dove dritto diventa il viale Sant'Avendrace, mentre sulla sinistra parte la via Santa Gilla. Seguiamo quest'ultima per trecento metri, ed arriviamo a una rotonda, prendiamo la seconda uscita che ci porta sulla via dei Giornalisti, che seguiamo per circa treento metri. Alla sinistra della strada si trova il grande complesso di piazza Santa Gilla, nel quale hanno sede le aziende del gruppo dell'editoriale L'Unione Sarda, Radiolina e Videolina, con alcuni studi televisivi, il Planetario de L'Unione Sarda, alcuni ristoranti, appartamenti, uffici ed altri negozi, ed anche parcheggi sotterranei.

Alla destra, invece, si trova l'ingresso della Stazione Ferroviaria di Cagliari Santa Gilla, una fermata ferroviaria definita di categoria silver posta sulla linea ferroviaria a scartamento ordinario denominata Dorsale Sarda a servizio del complesso di piazza Santa Gilla della Città di Cagliari. La fermata si trova compresa nel tratto a doppio binario, a circa un chilometro e mezzo dalla stazione di Cagliari, ed i treni proseguono in direzione di Elmas Aeroporto. Lo scalo nasce nella seconda metà degli anni 2000, e la fermata di Cagliari Santa Gilla viene servita, a partire dal giugno 2009, dal servizio ferroviario metropolitano di Cagliari. Lo scalo è dotato di due binari passanti, ognuno dotato di una propria banchina, ed il passaggio da un capo all'altro della fermata è possibile grazie a un sottopassaggio pedonale e da una rampa per l'utenza disabile.

Cagliari-La Stazione Ferroviaria di Cagliari Santa Gilla Cagliari-La Stazione Ferroviaria di Cagliari Santa Gilla Cagliari-La Stazione Ferroviaria di Cagliari Santa Gilla

Resti della Necropoli di Tuvixeddu

Tornati in viale Trento, dove abbiamo visitato il Teatro Massimo, proseguiamo verso nord per duecentocinquanta metri poi a destra in via Gorizia, dopo centocinquanta metri a sinistra, in via Vittorio Veneto, che diventa via Falzarego, la seguiamo fino in fondo e ci porta sul colle di Tuvixeddu, sul quale sorge la Necropoli punica di Tuvixeddu. Si tratta della più grande Necropoli punica che oggi si conosca, con oltre 1.000 tombe scavate nella roccia, che comincia ad essere utilizzata nel VI e III secolo avanti Cristo, e continua ad essere usata anche in periodo romano, quando in essa vengono scavate anche tombe riservate a personaggi illustri. Le tombe sono a camera, il tipo più Comune ha l'ingresso a pozzo verticale, al termine del quale si apre il portello quadrangolare, che da accesso alla camera funeraria. Altre presentano l'ingresso della camera, a volte preceduta da un vestibolo, direttamente sulla parete rocciosa. I primi scavi risalgono all'inizio del Novecento, eseguiti sotto la direzione del Taramelli, e portano alla scoperta della prime 180 sepolture. Gli scavi più recenti hanno portato alla luce molte altre sepolture, alcune delle quali con la presenza di affreschi alle pareti, tra le quali la tomba dell'Ureo, che prende il nome dal fregio di serpenti che vi è dipinto, e la tomba del Sid, in cui è raffigurato il giovane dio cartaginese. In altre tombe è presente scolpito nella roccia il simbolo della dea Tanith. Il parco di Tuvixeddu è aperto al pubblico.

Cagliari-La Necropoli di Tuvixeddu-Veduta aerea Cagliari-La Necropoli di Tuvixeddu Cagliari-La Necropoli di Tuvixeddu Cagliari-La Necropoli di Tuvixeddu Cagliari-La Necropoli di Tuvixeddu

Sul colle di Tuvixeddu si trovano i resti del villino Mulas

Cagliari-Sulla sommità del colle di Tuvixeddu si trovano i resti del villino Mulas-MameliNella sommità del colle di Tuvixeddu, subito ad ovest del parco archeologico, si trova il villino Mulas-Mameli, che era già noto come villino Massa. L'edificio, che, secondo le testimonianza di esperti del settore, potrebbe coincidere con l'antico Convento che proprio in questa zona era presente, tanto che quest'area viene chiamata Su Conventeddu, è stato edificato attorno al 1900 sui resti di un'antica fattoria, ed apparteneva ai proprietari della cava che ha insistito sul colle fino al 1977, e che ha distrutto parte del patrimonio di tombe a pozzo datate tra il VI e il III secolo avanti Cristo Il villino si sviluppa su due livelli e presenta un prospetto in forme liberty, con una torretta quadrata sulla sinistra. Il villino è circondato da giardino disposto su terrazze a vari livelli, dove si trovano cipressi, pini, palme e altre specie arboree.

La tomba romana nota come Grotta della Vipera

Cagliari-La tomba romana nota come Grotta della Vipera: ricostruzione di Giorgio OddiniRitornati indietro lungo la via Gorizia, proseguiamo per quattrocento metri verso nord sul viale Trento, che incrocia il viale Trieste in piazza Trento, e diviene viale Sant'Avendrace. Su questa strada, dopo duecentocinquanta metri, di fronte allo sbocco a sinistra della via Temo, troviamo, sulla destra, l'ingresso di una tomba romana nota con il nome di grotta della Vipera. Il sepolcro, costruito su una grotta preesistente, è stato dedicato, tra la fine del I ed il II secolo d. C., dal romano Lucio Cassio Filippo alla moglie Atilia Pomptilla, dopo che, ammalatosi gravemente, la donna avrebbe pregato gli dei per riuscire ad ottenere la salvezza del marito, morendo al suo posto. Il nome deriva dai fregi dell'architrave, due serpenti, simbolo della vita eterna e della fedeltà coniugale. Il sepolcro è importante per le iscrizioni con le quali sono arricchite le sue pareti, ossia dodici poesie, alcune in greco ed altre in latino, che con riferimenti mitologici e letterari esaltano la figura di Pomptilla e il suo amore coniugale.

Cagliari-La tomba romana nota come Grotta della Vipera Cagliari-La tomba romana nota come Grotta della Vipera Cagliari-La tomba romana nota come Grotta della Vipera

La Chiesa parrocchiale di Sant'Avendrace

Dopo la grotta della Vipera, proseguendo sul viale Sant'Avendrace, percorsi meno di trecento metri, passata sulla sinistra la via Isonzo, troviamo la Chiesa di Sant'Avendrace, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere Sant'Avendrace. La Chiesa è dedicata al quinto vescovo di Cagliari del I secolo dopo Cristo, che sorge sul probabile luogo del martirio del Santo, ed è preceduta da un cortile cintato. L'ingresso al cortile è stato spostato in via Isonzo, al civico numero 3. La Chiesa ha subit, nel tempo, numerosi interventi di modifica che rendono difficile poterla datare. La facciata è semplice, con sul portale una finestra rettangolare e sulla sommità un campanile a vela. L'interno dell'edificio, ad una navata, è ricoperto da una volta sostenuta da archi diaframma a sesto acuto, mentre le cappelle laterali sono concluse da volte a botte. Da questa parrocchia dipende la Chiesa di San Simone, che si trova in località Sa Illetta.

Cagliari-Chiesa di Sant'Avendrace: veduta dall'esterno Cagliari-Chiesa di Sant'Avendrace: facciata Cagliari-Chiesa di Sant'Avendrace: interno Cagliari-Chiesa di Sant'Avendrace: altare centrale

Vicino all'entrata si trova una botola che nasconde una scaletta in pietra, che conduce alla Cripta di Sant'Avendrace. Secondo la tradizione il vescovo si sarebbe nascosto in questa grotta per sfuggire alla persecuzione e nell'87 dopo Cristo ed, alla sua morte, sarebbe stato sepolto proprio in questa grotta.

La Chiesa parrocchiale della Sacra Famiglia che è la casa madre delle Ancelle della Sacra Famiglia

Procedendo in direzione nord da viale Sant'Avendrace per quattrocento metri, prendiamo a destra la via Monte Sabotino, dopo duecentocinquanta metri a destra in via Monte Grappa, e, dopo centotrenta metri, di nuovo a destra, la via Montello. Qui, al civico numero 25, alla sinistra della strada, si trova la Chiesa della Sacra Famiglia, eretta a Chiesa parrocchiale nel 1986, che è la Cappella dell'Istituto delle Ancelle della Sacra Famiglia. L'edificio in stile moderno, a cui si accede tramite una doppia scalinata, presenta una facciata rettangolare scandita da colonnine in muratura, con, nella parte superiore, vetrate di diversa dimensione, raffiguranti immagini sacre.

Cagliari-Chiesa parrocchiale della Sacra Famiglia Cagliari-La casa madre delle Ancelle della Sacra Famiglia

La Chiesa parrocchiale della Madonna della Strada

Da via Sant'Avendrace prendiamo la sua continuazione, che è la via Monastir, la seguiamo per quasi un chilometro ed arriviano a una rotonda, alla quale parte a destra la via Puglia, ma noi continuiamo dritti sulla via Monastir.

Cagliari-Chiesa parrocchiale della Madonna della StradaDopo 1.3 chilometri, prendiamo a destra la via Gherardo delle Notti, dopo quattrocento metri prendiamo a sinistra la via Mario de Martis, lungo la quale, alla sinistra della strada, si trova la Chiesa della Madonna della Strada. La Chiesa, che si trova ai confini con la frazione Su Planu del Comune di Selargius, è stata fondata nel 1973 e consacrata nel 1988 come Chiesa parrocchiale del quartiere periferico quartiere Mulinu Becciu, creato dall'Istituto Autonomo Case Popolari, legato al progetto iniziale della SS131 di Carlo Felice che, secondo le intenzioni, sarebbe dovuta passare a ridosso del quartiere. In cima alla Chiesa parrocchiale si sarebbe dovuto collocare una statua della Madonna con le braccia aperte, in segno di accoglienza per tutti coloro che transitavano su quella strada, importante nodo di traffico in entrata e uscita da Cagliari.

Il Cimitero di San Michele

Dalla via Sant'Avendrace, dopo aver continuato sulla via Monastir, percorso quasi un chilometro eravamo arrivati a una rotonda. Qui prendiamo a destra la via Puglia in direzione est, e la seguiamo per trecentocinquanta metri, fino a che termina su un'altra rotonda, che percorriamo e prendiamo la terza uscita, che ci porta in piazza dei Castellani. Qui, alla destra, si trova il Cimitero di San Michele, progettato nel 1933 ed inaugurato nel 1940, che si sviluppa su una vasta area quadrangolare. Sulla piazza si affaccia il famedio, una struttura coperta da cupola semisferica bizantineggiante, raccordato ai due avancorpi laterali, che ospitano gli uffici e camere mortuarie, tramite porticati retti da pilastri di travertino. Tra i primi defunti ad esservi tumulati vi furono i diversi caduti, sia civili che militari, della Seconda Guerra Mondiale.

Cagliari-Cimitero di San Michele Cagliari-Cimitero di San Michele Cagliari-Cimitero di San Michele Cagliari-Cimitero di San Michele

La Chiesa parrocchiale della Medaglia Miracolosa

Arrivati alla rotonda al termine di via Puglia, prendiamo la prima uscita, che è la via Abruzzi verso sud, e, dopo seicento metri, ci porta nell'ampia piazza San Michele. La Chiesa della Medaglia Miracolosa, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere San Michele, si trova alla destra della strada, al civico numero 1 della piazza San Michele, ed è preceduta da una scalinata. Si presenta come una struttura imponente e moderna, dalle originali forme geometriche, sovrastata da una maestosa cupola esagonale, all'apice della quale è collocata una grande statua dorata della Madonna.

Cagliari-Chiesa parrocchiale della Medaglia Miracolosa Cagliari-Chiesa parrocchiale della Medaglia Miracolosa Cagliari-Chiesa parrocchiale della Medaglia Miracolosa: interno

L'Ospedale della Santissima Trinità

Cagliari-L'Ospedale della Santissima TrinitàProcedendo in direzione sud est dalla via Abruzzi verso la via San Michele, prendiamo a sinistra la via San Michele, che, dopo un centinaio di metri, continua sulla via Is Mirrionis. La seguiamo per seicentocinquanta metri, e vediamo alla destra della strada, al civico numero 92, l'ingresso dell'Ospedale della Santissima Trinità. Costruito inizialmente per essere adibito a caserma e solo in seguito riconvertito in struttura ospedaliera, si colloca in una zona della Città molto popolosa, non lontano dal centro Città e dalle principali arterie extraurbane. Accoglie 343 posti letto in regime ordinario, più 37 in day hospital.

La Chiesa parrocchiale dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo

Duecento metri più avanti, al civico numero 86 della via Is Mirrionis, alla destra della strada si trova la Chiesa dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo, che è una Chiesa parrocchiale del quartiere di Is Mirronis. La prima Chiesa parrocchiale è stata localizzata in un capannone militare, che durante l'ultima guerra fungeva da caserma. Successivamente la Chiesa è stata riconsacrata nel 2002, completata dopo il rifacimento ex novo del tetto e dell'intera struttura interna della vecchia Chiesa parrocchiale, della quale restano solo i muri perimetrali ed il pavimento.

Cagliari-Chiesa parrocchiale dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo: ingresso Cagliari-Chiesa parrocchiale dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo

La Chiesa parrocchiale di San Massimiliano Kolbe e Beata Madre Teresa da Calcutta

Arrivati alla rotonda al termine di via Puglia, proseguiamo dritti alla seconda uscita, sulla via Abruzzi in direzione est, che, dopo quattrocentocinquanta metri, termina sulla via Cornalias. La prendiamo verso destra e la seguiamo per quattrocento metri, dove, al civico numero 92, si trova la Chiesa dedicata a San Massimiliano Kolbe ed a Beata Madre Teresa da Calcutta, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere di Bingia Matta. È una Chiesa moderna, portata in questa sede nel 2001, con l'aula a pianta semi circolare, e, sollevando lo sguardo, le ampie finestre lasciano intravedere la croce che si trova sulla cupola. Al di sotto delle finestre una impalcatura in ferro sembra ricordare la ferrovia del campo di concentramento di Aushwitz. Salendo, attraverso tre gradini, sul presbiterio, si vede l'altare a forma di aratro, che porta incastonate dodici pietre, come le dodici stele dell'altare di Mosè.

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Massimiliano Kolbe e Beata Madre Teresa da Calcutta Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Massimiliano Kolbe e Beata Madre Teresa da Calcutta

La Chiesa parrocchiale di Sant'Eusebio

Proseguiamo sulla via Cornalias per circa quattrocentocinquanta metri, ed arriviamo a prendere a sinistra la via Serbariu, dopo duecento metri imbocchiamo a destra la via Quintino Sella, e, dopo una cinquantina di metri, vediamo alla sinistra della strada la Chiesa di Sant'Eusebio. Si tratta di una Chiesa parrocchiale del quartiere di Is Mirronis, dedicata al vescovo di Vercelli nato in Sardegna e collegato, con San Lucifero, allo scisma Luciferiano come vedremo più avanti. La Chiesa, molto recente essendo stata eretta nel 1958 e consacrata nel 1972, è un'imponente struttura moderna, dalle forme abbastanza regolari alla quale si accede attraverso un'ampia scalinata. La facciata è di forma rettangolare ed è caratterizzata da un grande portico, in cui si aprono il portone principale e due porte secondarie. Nella parte superiore presenta una vetrata con vetri policromi disposti a forma di croce. L'interno si sviluppa in un'ampia pianta rettangolare, con presbiterio semicircolare e sopraelevato rispetto alla navata; qui si trova un massiccio altare in bronzo sormontato da un crocifisso.

Cagliari-Chiesa parrocchiale di Sant'Eusebio Cagliari-Chiesa parrocchiale di Sant'Eusebio: facciata Cagliari-Chiesa parrocchiale di Sant'Eusebio: interno

altFra il 315 ed il 371 due vescovi Sardi, Lucifero ed Eusebio, si dimostrano particolarmente attivi nella predicazione del Cristianesimo. Il primo, Lucifero, è vescovo di Cagliari ed è venerato come Santo dalla Chiesa cattolica. Il secondo, Sant'Eusebio di Vercelli, nato in Sardegna alla fine del III secolo, è il primo vescovo della appena sorta Arcidiocesi di Vercelli del IV secolo, patrono di Vercelli oltre che primo vescovo e patrono della intera Regione del Piemonte. Singificativo esponente della lotta contro l'eresia ariana, secondo la quale solo il Padre e non il Figlio può essere considerato veramente Dio, non generato e di conseguenza non creato; in contrasto con quanto sostenuto dai vescovi d'occidente nel concilio di Nicea del 325. Sant'Eusebio è anche fondatore del sito dove sorgerà il futuro Santuario di Oropa, vicino a Biella, e del culto mariano della Madonna nera in Piemonte. Muore nel 371, all'età di quasi novant'anni. Verrà proclamato Santo dalla Chiesa cattolica, e le sue reliquie riposano nella Cappella a lui dedicata nella Cattedrale di Vercelli.

Il primo di agosto la Chiesa celebra la Festa di Sant'Eusebio, ma a Cagliari, nella Chiesa parrocchiale a lui intitolata, la Festa liturgica di Sant'Eusebio viene fatta slittare alla domenica successiva.

Il Castello di San Michele

La via Quintino Sella prosegue per circa duecento metri e sbocca sulla via Monsignor Ernesto Piovella, che, presa a sinistra, dopo circa trecento metri, quando questa strada continua verso sinistra sulla via Serbariu, imbocchiamo a destra la via Bacu Abis, che, dopo quasi duecento metri, diventa la via Giovanni Cinquini, la seguiamo per altri centocinquanta metri, poi prendiamo a destra la strada che ci conduce verso la via Sirai, e, dopo un centinaio di metri, a sinistra la via Sirai, strada a traffico limitato. Seguendo diversi tornanti, arriviamo sul colle di San Michele, dove è stato edificato il Castello di San Michele, che domina, dalla sommità del colle, tutta la Città di Cagliari ed il Campidano. Il primo impianto, presumibilmente ad una sola torre, risale al periodo bizantino o al primo periodo giudicale, nel X secolo, con la funzione di difendere Santa Igia, la capitale del Giudicato di Càlari. Nel 1327, con la conquista catalana, il Castello viene concesso a Berengario Carroz, un nobile di Valenza, e resta di proprietà dei Carroz fino al 1511, quando muore la contessa Violante, l'ultima esponente della famiglia Carroz che vive come castellana a San Michele. Il Castello, incamerato tra i beni della Corona spagnola, viene abbandonato, per essere utilizzato come lazzaretto durante l'epidemia di peste del 1652. Nel periodo sabaudo, dopo l'invasione francese, nel 1792 viene fortificato e munito di cannoni a scopo difensivo. Dal 1820 al 1848 viene utilizzato, prima come fortezza, ed in seguito come caserma degli invalidi, per cessare definitivamente ogni funzione militare nel 1867. Oggi il Castello ospita mostre, conferenze ed altre iniziative culturali.

Cagliari-Castello di San Michele Cagliari-Castello di San Michele

Il parco di Monte Claro

Riprendiamo il nostro viaggio dove la via Quintino Sella è sboccata sulla via Monsignor Ernesto Piovella. Presa questa strada verso destra, dopo duecentocinquanta metri incrocia la via del Seminario, che, presa verso sinistra, dopo centotrenta metri sbocca sulla via Cadello, di fronte all'ingresso del parco di Monte Claro. Il parco, che si sviluppa sulla collinetta omonima, si estende per diversi ettari e si posiziona al centro della Città, e rappresenta una delle mete preferite dalle famiglie con bambini e un luogo di svago per gli adulti, dato che sono presenti strutture ludiche, un laghetto e alcune specie di volatili, quali oche e anatre e diverse tartarughe. All'interno del parco, d'estate, vengono organizzate numerose manifestazioni culturali e di svago. Sulla cima del colle di Monte Claro sorgeva la bella Villa Clara, nota anche come Villa Ghiani dal nome del primo proprietario, che era stata scelta per la realizzazione di un nuovo Ospedale psichiatrico, di cui è stata cambiata la destinazione d'uso a seguito dell'abolizione degli ospedali psichiatrici, e che dal 2012 è sede della Biblioteca Provinciale Emilio Lussu.

Cagliari-parco di Monte Claro Cagliari-parco di Monte Claro Cagliari-parco di Monte Claro: la Biblioteca Provinciale Emilio Lussu

Sulla collinetta sono stati rinvenuti i primi reperti della cosiddetta Cultura di Monte Claro. Dall'inizio dell'Eneolitico recente, la fase cronologica che si sviluppa, secondo la cronologia calibrata, tra il 2700 ed il 2400 avanti Cristo, e, secondo una datazione più tradizionale, tra il 2400 ed il 2100 avanti Cristo, si sviluppa in Sardegna la Cultura di Monte Claro, che prende il nome dalla collinetta omonima a Cagliari. In essa sono state scoperte, per la prima volta, alcune tombe contenenti le sue tipiche produzioni ceramiche, caratterizzate da vasi con decorazione prevalente a solcature più o meno larghe e profonde.

Vasi della Cultura di Monte Claro Vaso della Cultura di Monte Claro

I reperti di questa cultura sono stati rinvenuti soprattutto in villaggi all'aperto, anche a carattere sacro ed a carattere difensivo, oltre che in grotte funerarie ed in Necropoli di Domus de Janas. La cultura si diffonde in tutta l'isola, soprattutto nei territori a chiara vocazione agricola.

Visualizza la mappa Visita della zona orientale dell'abitato

Ci rechiamo ora a visitare la zona orientale della Città di Cagliari, con le diverse Chiese che vi si trovano, tra le quali numerose moderne Chiese parrocchiali, il Teatro Lirico, ed il bellissimo Stagno di Molentargius.

La Chiesa parrocchiale di San Francesco d'Assisi

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Francesco d'Assisi

Da largo Giuseppe Dessì, dove si trova l'ingresso dei Giardini Pubblici di Cagliari, che abbiamo già visto quando abbiamo visitato il quartiere Villanova, prendiamo il viale San Vincenzo, lo seguiamo per cento metri, prendiamo leggermente verso destra la via La Vega, la seguiamo per quattrocento metri, poi, in corrispondenza della piazza John Fitzgerald Kennedy, prendiamo a sinistra la via Piemonte. Dopo un centinaio di metri, al civico numero 10 di via Piemonte, alla sinistra della strada vediamo la Chiesa di San Francesco d'Assisi, che costituisce la parrocchia del quartiere La Vega. Inaugurata nel 1963, è stata creata dai Frati Minori Conventuali in continuità ideale con la più nota Chiesa gotica di San Francesco di Stampace, con una struttura a pianta quadrata e per il presbiterio di poco elevato ma senza diaframmi, che realizza liturgicamente l'unità tra assemblea dei fedeli e chi la presiede. Da questa parrocchia dipendono la Chiesa di San Mauro, nel quartiere Villanova, e la Cappella dell'Istituto San Vincenzo, in viale San Vincenzo, nello stesso quartiere La Vega.

La Chiesa parrocchiale di San Carlo Borromeo

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Carlo BorromeoLa via La Vega, la piazza John Fitzgerald Kennedy, continua con il nome di via Romagna, e, dopo poco più di duecento metri, arriva a uno svincolo, dove prendiamo verso sinistra la via Francesco Ciusa. La seguiamo per seicento metri verso nord est, poi prendiamo a destra la Via San Carlo Borromeo, dove, al civico numero 6, sulla sinistra, troviamo la Chiesa di San Carlo Borromeo, dal 1962 Chiesa parrocchiale, una Chiesa moderna realizzata in pietra policroma. Vicino alla Chiesa si trovano le strutture sportive della parrocchia, ossia Campo da Calcio e tennis.

Il T Hotel di Cagliari

Da dove la via Romagna arriva allo svincolo, proseguiamo, invece, dritti per la via dei Giudicati, la seguiamo per trecento metri, e vediamo, alla sinistra della strada, l'importante T Hotel di Cagliari.

Suggerito dalla Guida MichelinIl T Hotel, si posiziona al civico numero 66 della via dei Giudicati, ed è caratterizzato da tecnologia e design. Si tratta di una torre in vetro, che rivoluziona il paesaggio cagliaritano senza dimenticare le tradizioni, grazie alle frequenti esposizioni sull'artigianato locale allestite nella sua hall. Oltre alle belle camere, la struttura dispone di sale business dotate di computer e altri servizi. A tutti gli ospiti della struttura è consentito l'accesso al modernissimo centro fitness con sala pesi. Il T Hotel offre una cucina veloce a pranzo, piatti sardi ed internazionali più elaborati la sera.

Il Teatro Lirico di Cagliari

Cagliari-Teatro Lirico di CagliariDa dove la via Romagna arriva allo svincolo, prendiamo verso destra la via Ottone Bacaredda, percorriamo poco meno di seicento metri, e prendiamo verso sinistra la via Sant'Alenixedda, dopo trecento metri vediamo sulla sinistra l'edificio che ospita il Teatro Lirico, il principale teatro della Città di Cagliari, concepito per rimpiazzare il Teatro Civico, pesantemente danneggiato dai bombardamenti degli Alleati durante la Seconda Guerra Mondiale, ed anche il Politeama Regina Margherita, distrutto da un incendio nel 1942. Inaugurato nel 1993, si tratta di una struttura in cemento e vetro che si estende su una superficie complessiva di circa 5.000 metri quadri. Il tetto della struttura ha una copertura in rame brunito, la sala principale, di 1800 metri quadri, è suddivisa in tre livelli, con due logge a balconata, la platea ospita 800 posti, la prima loggia 431, la seconda loggia 397. La sua attività principale è l'organizzazione annuale di una stagione concertistica e di una stagione lirica e di balletto.

La Chiesa parrocchiale di San Paolo Apostolo

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Paolo ApostoloProseguendo, la via Sant'Alenixedda fa una leggera curva verso destra e diventa via Cao di San Marco, dopo centoquaranta metri, prendiamo a sinistra la via Don Riccardo Macchioni, e troviamo sulla sinistra la piazza Papa Giovanni XXIII. Qui si trova la Chiesa di San Paolo Apostolo, che la parrocchiale del quartiere San Benedetto. Da questa parrocchia dipende la Cappella dell'asilo e della scuola primaria Infanzia Lieta, dell'Opera Salesiana di Maria Ausiliatrice, situata al civico numero 20 della via Enrico Lai.

La Chiesa parrocchiale di San Sebastiano Martire

Dalla piazza Papa Giovanni XXIII prendiamo, alla destra della Chiesa, la via Don Riccardo Macchioni, dopo duecento metri prendiamo a destra la via Gaetano Salvemini, e dopo cento metri svoltiamo leggermente a sinistra e imbocchiamo la via Baldassarre Castiglione.

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Sebastiano MartireLa seguiamo per seicento metri, poi prendiamo a sinistra la via Pietro Bembo, e, dopo un centinaio di metri, troviamo, alla sinistra della strada, la Chiesa di San Sebastiano Martire, una Chiesa parrocchiale il cui indirizzo è al civico numero 1 di via ignazio Serra. Si tratta di un massiccio edificio in stile moderno con forme squadrate, nella parte superiore spicca una semplice croce. L'elemento più caratteristico è un imponente campanile, collocato nel piazzale davanti alla Chiesa, formato da tre colonne che s'innalzano fino a congiungersi, in un punto dove è sistemata una cornice quadrata che ospita le campane.

La Chiesa parrocchiale di Santa Maria del Suffragio

Cagliari-Chiesa parrocchiale di Santa Maria del SuffragioProseguendo, la via Baldassarre Castiglione dopo centocinquanta metri continua su via Flavio Gioia, passa sotto l'Asse Mediano di Scorrimento, e, al civico numero 121, alla destra della strada, si trova la Chiesa di Santa Maria del Suffragio. Si tratta di una struttura di forma squadrata, in cemento armato, che costituisce la Chiesa parrocchiale del vicino grande quartiere del CEP, ossia del Centro di Edilizia Popolare di Cagliari. Da questa parrocchia dipende la Chiesa medioevale di Sant'Alenixedda.

La Chiesa medioevale di Sant'Alenixedda

Cagliari-Chiesa medioevale di Sant'AlenixeddaAlla destra della Chiesa, prendiamo la via Don Aldo Matzeu, la seguiamo fino in fondo e, dopo centoventi metri, prendiamo verso sinistra la via Galileo Ferraris, dopo duecentocinquanta metri incrociamo la via Parigi, la prendiamo verso destra, ossia verso sud, ed alla fine, dopo trecento metri, troviamo, alla sinistra della strada, la piccola Chiesa medioevale di Sant'Alenixedda. Si tratta di una Chiesa romanica edificata dai monaci Benedettini di San Vittore di Marsiglia, detti anche Vittorini, verso il dodicesimo secolo, ed è situata tra il quartiere CEP ed il quartiere Europeo. La Chiesa dipende dalla parrocchia di Santa Maria del Suffragio.

La Chiesa parrocchiale del Santissimo Crocefisso

Cagliari-Chiesa parrocchiale del Santissimo CrocefissoDalla piazza Papa Giovanni XXIII con la Chiesa di San Paolo Apostolo, proseguiamo verso destra su via Nicolò Tommaseo, dopo trecento metri prendiamo a sinistra la via Guglielmo Marconi, dopo cinquecentocinquanta metri a destra la via Luigi Galvani, dopo centocinquanta metri di nuovo a destra la via Belgrado, che dopo cento metri svolta a sinistra e diventa via Costantinopoli. La seguiamo per quasi duecentocinquanta metri, prendiamo a destra la via Zagabria, e, dopo cento metri, vediamo alla destra della strada la Chiesa del Santissimo Crocefisso, una Chiesa moderna che è la parrocchiale del quartiere Genneruxi.

L'antica Chiesa parrocchiale di San Benedetto

Cagliari-L'antica Chiesa parrocchiale di San BenedettoDove, da via Nicolò Tommaseo, abbiamo preso a sinistra la via Guglielmo Marconi, la prendiamo invece verso destra, e, dopo cento metri, prosegue sulla via San Benedetto. La seguiamo per cinquecento metri ed arriviamo a dove, da sinistra, arriva la via Giuseppe Verdi, sulla quale si trova la facciata della Chiesa di San Benedetto, il cui fianco sinistro si trova sulla via San Benedetto. La Chiesa è nel centralissimo quartiere di San Benedetto, nella zona est della Città, che si sviluppa a partire dalla prima metà del XX secolo, dall'espansione del quartiere storico di Villanova. La Chiesa e l'attiguo Convento vengono fondati nel 1643 dal nobile genovese don Benedetto Nater che la dona ai Frati cappuccini, e la dedica a San Benedetto da Norcia. Il Convento ospita i novizi dei cappuccini, tra i quali, nel 1721, anche il futuro Sant'Ignazio da Laconi. Il Convento viene chiuso nel 1855, in seguito alla legge di soppressione degli Ordini religiosi, e Chiesa con Convento cadono in rovina, fino al 1923, quando viene rimesso in sesto il complesso di San Benedetto, come sede dell'Opera del Buon Pastore. Nel 1946 diviene la prima Chiesa parrocchiale del quartiere di San Benedetto, poi, date le piccole dimensioni dell'edificio, nel 1957 si inaugua la nuova parrocchiale, la Chiesa di Santa Lucia. La Chiesa è tuttora aperta al culto, officiata dai padri gesuiti, mentre il Convento è abitato dalle suore del Buon Pastore.

La nuova Chiesa parrocchiale di Santa Lucia

Cagliari-La nuova Chiesa parrocchiale di Santa LuciaDopo una cinquantina di metri, la via San Benedetto arriva a una rotonda, alla quale prendiamo a sinistra la via Giacomo Puccini, dopo meno di trecento metri a destra la via Gaetano Donizetti, e, dopo cento metri, a sinistra la via Antonio Fais, lungo la quale, sulla sinistra, si trova la Chiesa di Santa Lucia, che è la nuova parrocchiale del quartiere San Benedetto. La Chiesa sorge su una parallela di via Dante Alighieri, ma l'ingresso principale si trova su una traversa, la via Gaetano Donizetti. La Chiesa, costruita su un terreno donato nel 1948 dalle famiglie Sanjust e Aymerich, è stata inaugurata nel 1957 ma è stata consacrata solo nel 2014. La Festa liturgica della Santa martire viene celebrata il 13 dicembre, una grande Festa per il quartiere di San Benedetto, che celebra il ricordo della compatrona, cui è dedicata la Chiesa parrocchiale, con tanti appuntamenti.

La Chiesa di Cristo Re e l'antica Cappella Aragonese

Cagliari-Chiesa di Cristo ReDa via Nicolò Tommaseo, prendiamo verso destra la via Guglielmo Marconi, che, dopo cento metri, prosegue sulla via San Benedetto. La seguiamo per trecento metri, prendiamo a sinistra la via Giovanni Battista Pergolesi, dopo trecentocinquanta metri a destra la via Pierluigi da Palestrina, che seguiamo per un'ottantina di metri, ed incrocia sulla destra la via Giovanni Battista Tuveri. Dopo un centinaio di metri, prendiamo a sinistra la via Antonio Scano, dove, al civico numero 97, si trova la Chiesa di Cristo Re, una struttura moderna che dipende dalla Chiesa parrocchiale dei Santi Martiri Giorgio e Caterina.

Cagliari-La Cappella AragoneseDalla stessa parrocchiale dipende anche l'antica Cappella Aragonese, per raggiungere la quale proseguiamo lungo la via Antonio Scano, dopo meno di cento metri prendiamo a destra la via Pietro Leo, che seguiamo per duecento metri, e ci fa vedere, all'interno di un cortile, la Chiesa sulla sinistra. L'edificio viene eretto tra il diciassettesimo e il diciottesimo secolo da Giovanni Sanjust, barone di Teulada, sopra le rovine di una Chiesa bizantina, ed alla fine del diciannovesimo secolo viene restaurata, con l'aggiunta anche di alcune decorazioni in stile Liberty. I danni causati dai bombardamenti del 1943 richiedono ulteriori restauri, attuati nel 1968.

La Chiesa parrocchiale dei Santi Giorgio e Caterina comunemente detta dei Genovesi

Cagliari-Chiesa parrocchiale dei Santi Giorgio e Caterina comunemente detta dei GenovesiPrima di arrivare alla Cappella Aragonese, lungo la via Antonio Scano, prendiamo a destra la via Filippo Caravelli, che, dopo cento metri, svolta leggermente a sinistra e diventa la via Francesco Gemelli. Qui, dopo centotrenta metri, alla sinistra della strada si trova la Chiesa dei Santi Giorgio e Caterina, comunemente detta dei Genovesi, che si trova alla base del colle, adibito a parco urbano, di Monte Urpinu, ed è la Chiesa parrocchiale dell'omonimo quartiere. Edificata a partire dal 1596 per volere dell'Arciconfraternita dei Genovesi, nel 1943 è danneggiata in modo irreparabile dai bombardamenti. Completamente riedificata, la nuova struttura nel 1964 viene aperta al culto. L'edificio presenta una pianta centrale su cui s'impostano alte arcate ellissoidali, dalle quali partono i brevi corpi che, raccordandosi al centro in una piccola lanterna, originano all'interno un ampio spazio. Sul portale d'ingresso vi è lo stemma marmoreo di Genova recuperato dall'antica Chiesa, ed, all'interno, si trovano sul portale la lapide del 1596 che ricorda la posa della prima pietra, ai piedi dei pilastri i lampioni in legno dorato usati nelle processioni, nella seconda Cappella a destra il grande Crocifisso ligneo opera del genovese Anton Maria Marigliano, attivo tra il diciassettesimo e il diciottesimo secolo, sull'altare maggiore il tabernacolo con la portina in argento del diciassettesimo secolo, ed infine, la Cappella a sinistra del presbiterio, custodisce una piccola statuina in corallo detta la Vergine di Adamo, all'interno di una raggiera modellata dallo scultore e ceramista bosano Federico Melis.

La Chiesa della Madonna del Rosario o dell'Adorazione Cittadina

Cagliari-Chiesa della Madonna del Rosario o dell'Adorazione CittadinaProseguendo lungo la via Francesco Gemelli, dopo una settantina di metri prendiamo a sinistra la via Salvatore Vidal, la seguiamo per duecentosettanta metri, ed, alla sinistra della strada, al civico numero 2, vediamo la Chiesa della Madonna del Rosario, una struttura moderna che dipende anch'essa dalla Chiesa parrocchiale dei Santi Martiri Giorgio e Caterina. La Chiesa subisce un primo restauro nel 1978, tra il 1985 e il 1990, a seguito dei lavori che interessano tutta la struttura, vengono fatte ingenti modifiche, ma l’assetto attuale risale a pochi anni or sono, quando viene completata. Dal 1991 essa ospita l’Adorazione Eucaristica cittadina, organizzata da un gruppo di laici, i Servi di Gesù Eucaristia.

Visualizza la mappa Visita della zona meridionale dell'abitato

Anche la zona meridionale della Città conserva diversi edifici molto interessanti, soprattutto edifici religiosi, che conviene andare a visitare. Ci recheremo, poi, alla frazione Sant'Eliea, a visitare il promontorio di capo Sant'Elia, alla frazione Poetto con la sua spiaggia, e vedremo le zone umide ad est dell'abitato.

Gli edifici che ospitano la Legione dei Carabinieri

Cagliari-Gli edifici che ospitano la Legione dei CarabinieriCagliari-Gli edifici che ospitano la Legione dei Carabinieri: ingressoRprendiamo la visita di Cagliari dal centro della città, e dalla piazza Costituzione prendiamo verso est la via Giuseppe Garibaldi. La seguiamo per un centinaio di metri, poi svoltiamo a destra nella via Iglesias e la seguiamo per centocinquanta metri, fino ad arrivare, dopo duecento metri, all'incrocio con la via Sidney Sonnino, dopo il quale la via Iglesias diventa via Grazia Deledda. Ad angolo della via Sidney Sonnino con la via Grazia Deledda, al civico numero 111 della via Sidney Sonnino, si trova l'ingresso degli edifici che ospitano la Legione dei Carabinieri.

Il monumento al Milite Ignoto ed il parco delle Rimembranze con il monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale

Cagliari-monumeto al Milite ignoto davanti agli edifici che ospitano la Legione dei CarabinieriPresa la via Sidney Sonnino verso destra, ossia verso sud, dopo cento metri arriviamo all'incrocio con la via San Lucifero, che prendiamo verso sinistra, ossia verso est. Sul lato sinistro della via San Lucifero, ad angolo con la via Sidney Sonnino, si trovano le lastre con i nomi dei caduti che costituiscono il monumento al Milite Ignoto. La prima idea era stata quella di dedicare alla realizzazione di un parco la via alberata che conduce al Santuario di Bonaria, ma ad essa è subentrato il progetto di un memoriale a ridosso della caserma dei Carabinieri, in continuità con il giardino di San Lucifero.

Cagliari-Ingresso al parco delle Rimembranze che conduce al Monumento ai Caduti della Prima Guerra MondialeQui si sviluppa il parco delle Rimembranze, dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale, realizzato come i boschetti delle rimembranze sorti in tutta Italia a partire dal 1923. La realizzazione del parco, che risale al 1935, si deve a Ubaldo Badas, allora aiutante ingegnere nell'Ufficio tecnico comunale. L'allestimento è decisamente sobrio, con due fasci, formati da una base di granito e file alterne di trachite e pietra di Serrenti, che recano i nomi e le date delle principali battaglie della Prima Guerra Mondiale, inquadrano l'esedra centrale in calcare bianco e trachite rossa, a ricordo delle mostrine della Brigata Sassari, che riporta i nomi dei caduti. La recinzione è costituita da sfere metalliche e cippi in calcare, uniti da catene.

Il Centro Comunale d'Arte e Cultura ExMà

Di fronte al parco, lungo il lato destro della via San Lucifero, al civico numero 71, si trova un centro culturale polivalente, il Centro Comunale d'Arte e Cultura ExMà, nome abbreviato per l'ottocentesco edificio dell'ex mattatoio, rimasto in attività fino al 1964, ed è stato poi ristrutturato. Originariamente il mattatoio era stato costruito ai margini della Città, poi inglobato nel tessuto cittadino dalla successiva espansione di Cagliari. Dagli anni '90 viene utilizzato come centro culturale ed ospita, oltre a molte mostre temporanee, le quasi 650 stampe della collezione Nicola Valle, realizzate da artisti sardi e italiani e donate nel 1997 alla locale amministrazione comunale dagli eredi della sua famiglia.

Cagliari-Centro Comunale d'Arte e Cultura ExMà Cagliari-Centro Comunale d'Arte e Cultura ExMà: ingresso Cagliari-Centro Comunale d'Arte e Cultura ExMà: interno

La Chiesa di San Lucifero che ospita la parrocchia della Beata Vergine del Rimedio

Proseguendo lungo la via San Lucifero, al termine del parco delle Rimembranze, troviamo alla sinistra della strada il complesso paleocristiano di San Lucifero, costituito dalla Chiesa omonima, e dall'attiguo Convento e collegio. La Chiesa di San Lucifero, sede della parrocchia della Beata Vergine del Rimedio, una delle parrocchie del quartiere Villanova, da documenti pontifici risulta essere già presente nel 1095, ma la Chiesa attuale risale ai rifacimenti effettuati nel 1646, che lo hanno ispirato alla Cattedrale della Città, per quanto riguarda la pianta, a croce latina, l'alta cupola e il presbiterio sopraelevato, sotto il quale si trova la Cripta. Dal 1693 la Chiesa, con l'annesso Convento e collegio, sono retti dai Frati Domenicani, successivamente, nel 1767, il complesso passa ai Frati Trinitari, provenienti dalla Chiesa di San Bardilio, identificata anche come Santa Maria al Porto, che sorgeva, sino al 1929, ai piedi del colle di Bonaria, dove occupava l'area in cui oggi sorge l'ingresso principale al Cimitero di Bonaria, ed era la parrocchiale del quartiere portuale. I Trinitari rimangono a San Lucifero sino al 1803, nel 1826 Carlo Felice decide che il complesso sia adibito a ospizio dei poveri, successivamente trasformato in orfanotrofio. Nel 1891, vista l'estensione del quartiere Villanova, la Chiesa diviene una parrocchia succursale della Collegiata di San Giacomo, mentre l'ospizio, dal 1907, diviene sede della regia scuola industriale, che esiste ancora col nome di Istituto Tecnico Industriale. Nel 1924, la Chiesa viene eretta come parrocchia autonoma, intitolata alla Beata Vergine del Rimedio. L'interno è di gusto barocco, seicentesca, ed è da notare la spendida rampa che conduce all'altare, decorata con Azulejos, tipici ornamenti dell'architettura portoghese e spagnola consistenti in piastrelle di ceramica con la superficie smaltata e decorata. La parete di fondo dell'abside è dominata dalle canne dell'organo, costruito dalla casa Tamburini di Crema nel 1961. Nel transetto sinistro si trova la tomba di don Mosè Farci, mentre nel braccio destro del transetto è collocato l'imponente altare barocco in legno dorato, intitolato alla Madonna del Rimedio, patrona della parrocchia, dove è esposta una statua della Vergine, opera di Giuseppe Antonio Lonis. La prima Cappella laterale a destra ospita, sotto l'altare, una statua in marmo bianco, raffigurante San Lucifero giacente, rivestito dagli abiti pontificali, e una tela che raffigura lo stesso Santo assiso in cattedra. La Chiesa conserva, al suo interno, anche un quadro di San Girolamo, una Madonna della Seggiola, il grande altare in legno. L'esterno ha una facciata piana, con il portone ornato da due colonne antiche in marmo, ed al centro lo stemma della Città di Cagliari. Posati sulle volute, ai lati dello stemma, sono le statue di due cani, simbolo dei domenicani, Domini Canes, che officiarono il tempio per lungo tempo. Nella facciata della Chiesa sono stati incastrati antichi sarcofaghi e diversi ornamenti sepolcrali rinvenuti nella vicina Necropoli. Da questa parrocchia dipende la Basilica di San Saturnino.

Cagliari-Veduta del parco delle Rimembranze dalla Chiesa di San Lucifero Cagliari-Chiesa di San Lucifero Cagliari-Chiesa di San Lucifero: facciata Cagliari-Chiesa di San Lucifero: portone di ingresso Cagliari-Chiesa di San Lucifero: interno Cagliari-Chiesa di San Lucifero: altare centrale con sulla parete di fondo l'organo Cagliari-Chiesa di San Lucifero-Veduta laterale verso piazza San Cosimo

L'ultima domenica di ottobre si tengono, presso la Cattedrale di Santa Maria, la Chiesa di San Lucifero e la Basilica di San Saturnino, le celebrazioni in occasione della Festa di San Saturnino Martire, patrono della Città di Cagliari, con diversi riti religiosi.

altSan Lucifero è vescovo di Cagliari nel IV secolo ed alla sua figura è collegato il cosiddetto scisma Luciferiano. Nel 354 Lucifero viene inviato da Papa Liberio, insieme ad Eusebio vescovo di Vercelli ma anch'egli sardo di nascita, presso l'Imperatore Costanzo per contrastare l'eresia di Ario sostenuta da Costanzo. Secondo Ario solo il Padre e non il Figlio può essere considerato veramente Dio, non generato e di conseguenza non creato, in contrasto con quanto sostenuto dai vescovi d'occidente nel concilio di Nicea del 325. Nel 355 l'Imperatore Costanzo convoca un concilio a Milano, nel quale ribalta i risultati di Nicea e fa condannare all'esilio il vescovo di Alessandria Atanasio, appoggiato da Lucifero e Eusebio, che vengono processati ed esiliati. Alla morte di Costanzo nel 361 gli succede Giuliano l'Apostata che ritorna su posizioni ortodosse e richiama gli esuli. Lucifero è però intransigente con i vescovi che si erano schierati contro Atanasio, che si possono perdonare, ma debbono abbandonare la cattedra. Nel 362 il Sinodo di Alessandria decide, invece, il loro reintegro nella dignità episcopale, ed attorno a Lucifero si stringono i vescovi che avevano subito persecuzioni e ne deriva lo scisma detto Luciferiano. Lucifero muore a Cagliari nel 370, e secondo la tradizione sarebbe stato sepolto «prope ecclesiam calaritanum e sub illius invocatione templum constructum», ossia vicino alla Chiesa di Cagliari e sotto la sua invocazione viene costruito un tempio. Le sue reliquie sono state rinvenute nel 1623, nel terzo degli ambienti funerari del III-IV secolo dell'attuale Chiesa di San Lucifero, trasformati poi in sepolture cristiane ed utilizzate come tali sino al VI-VII secolo.

Cagliari-La Cripta di San LuciferoSotto il presbiterio sopraelevato della Chiesa si trova la cripta di San Lucifero, che comprende tre edifici funerari tardoromani, risalenti al III e IV secolo dopo Cristo, riutilizzati in epoca successiva come sepolture cristiane. Nel 1623, in un sacello sono state rinvenute le reliquie di San Lucifero, dato che le due iscrizioni ritrovate insieme al sarcofago sembrano non lasciare dubbi sull'identità del personaggio qui sepolto. Attualmente il monumento si presenta diviso su due livelli, e l'intero locale, a pianta quadrata, è stato voltato a botte dopo il restauro effettuato prima del 1640. Il Sacello di San Lucifero ha conservato visibile, al centro del pavimento, il sepolcro vuoto del Santo, le cui reliquie sono state traslate nella Cattedrale. Vicino si trova il Sacello di Rude ed Eliano, così chiamato per un sarcofago qui ritrovato, contenente i resti di tali Elianus e Rudis, che all'interno presenta due ambienti, uno rettangolare, anticamente con volte a crociera sostenute da quattro pilastri, e uno più piccolo, con volta a botte, e con nicchie alle pareti. Nel 1937 questi ambienti sono stati resi comunicanti col sacello di San Lucifero. Non lontano si trova il Sacello di San Lussorio, quello conservato in condizioni peggiori, visibile solo nella parte comunicante con quello di Rude ed Eliano. Questo sacello non è stato recuperato, e si è preferito, dopo un suo breve utilizzo come ambiente a cielo aperto, interrarlo, dopo averne effettuato il completo svuotamento. In questo sacello è stato scoperto un sepolcro, che, in base a documenti del dodicesimo secolo ed all'iscrizione tombale, è stato attribuito al martire San Lussorio, che sarebbe stato, però, decapitato a Fordongianus.

La Basilica di San Saturnino

Di lato al fianco destro della Chiesa di San Lucifero, si apre la piazza dei Santissimi Cosma e Damiano. Sulla piazza si affaccia la Basilica di San Saturnino, il complesso monumentale paleocristiano più antico della Sardegna, unico nel suo genere in tutto il bacino del Mediterraneo. La Basilica sorge in un luogo che corrisponde al settore della Necropoli orientale, fra la Chiesa di San Lucifero e il colle di Bonaria, finora la più antica area funeraria cristiana individuata a Cagliari, con sepolture risalenti alla metà del IV secolo. La Chiesa è stata edificata in stile romanico in pieno periodo bizantino e dedicata al cagliaritano Saturnino, martirizzato sotto Diocleziano nel 304. Gli scavi archeologici condotti nella Basilica di San Saturnino hanno, in effetti, messo in luce una Basilica primitiva datata fine del IV secolo o inizio del V secolo, trasformata successivamente nel VI secolo in Martyrium, a ricordo del sepolcro del martire. Dell'impianto iniziale resta il corpo centrale con la cupola. A questo vengono aggiunti due bracci, dei quali uno a tre navate, realizzati con architettura proto romana dai monaci Benedettini di San Vittore di Marsiglia, detti anche Vittorini, fatti arrivare da Orzocco Torchitorio I, Giudice di Càlari, che in questo modo riavvicina la Chiesa sarda a quella romana. La Basilica viene donata ai monaci dal suo successore, Costantino I Salusio II, ed essi ne ampliano la struttura. Gli stessi monaci edificheranno anche la Chiesa Santa Maria di Uta che vedremo in una tappa più avanti. Nel 1714 la Chiesa venne concessa alla corporazione dei Medici e degli Speziali, il che ha determinato la sua nuova intitolazione anche ai Santi medici Cosma e Damiano. La Basilica di San Saturnino dipende dalla parrocchia della Beata Vergine del Rimedio, situata nella Chiesa di San Lucifero.

Cagliari-La Basilica di San Saturnino-Veduta frontale Cagliari-La Basilica di San Saturnino-Veduta frontale Cagliari-La Basilica di San Saturnino: facciata Cagliari-La Basilica di San Saturnino-Veduta laterale Cagliari-La Basilica di San Saturnino-Veduta laterale

L'ultima domenica di ottobre si tengono, presso la Cattedrale di Santa Maria, la Chiesa di San Lucifero e la Basilica di San Saturnino, le celebrazioni in occasione della Festa di San Saturnino Martire, patrono della Città di Cagliari, con diversi riti religiosi.

altSan Saturnino viene martirizzato a Cagliari nell'epoca delle persecuzioni di Diocleziano, nel 304, anno del quarto editto imperiale contro i cristiani, mentre amministra la Sardegna il governatore Barbaro. Un monaco Vittorino del dodicesimo secolo racconta che, durante i sacrifici in onore di Giove a Cagliari, fra i passanti viene identificato il giovane Saturnino, il quale confessa la sua fede cristiana e, al rifiuta di abiuro, viene decapitato il 23 novembre, insieme ai Santi Ampelio, Dativo, Emerito, Felice, Maria ed altri quaranta. Il primo a menzionarlo è il diacono Ferrando, biografo di San Fulgenzio da Ruspe, che era arrivato a Cagliari insieme agli altri vescovi africani esiliati in Sardegna da Trasamondo, re dei Vandali, nel primo quarto del VI secolo. Il diacono Ferrando soggiorna due volte, tra il 507 e il 523, nel Monastero fondato da Fulgenzio «juxta Basilicam Sancti martyris Saturnini, procul a strepitu civitatis», ossia vicino alla Basilica del Santo martire Saturnino, lontano dal frastuono della Città.

In piazza della Repubblica si trova il Palazzo di Giustizia e la Stazione Ferroviaria

Cagliari-Palazzo di GiustiziaProseguiamo lungo la via San Lucifero, che sbocca verso sinistra in via Dante Alighieri ed a destra nel viale del Cimitero. Prendiamo verso sinistra la via Dante Alighieri e la seguiamo per quasi trecento metri, e ci porta nella Piazza della Repubblica, una bella grande piazza alberata. Sul lato destro della piazza si trova un grande edificio inaugurato nel 1938, che ospita la sede del Palazzo di Giustizia, e che occupa, in posizione dominante, tutto il lungo fronte di un vasto spazio in leggera pendenza che forma la Piazza, coprendone l'intero lato orientale. L'edificio riprende con evidenza il modello razionalista, nella mole, negli spigoli diritti, nei ritmi poderosi, e presenta una facciata sobria e priva di decorazione sul fronte che domina lo spazio antistante, sistemato dopo decenni dalla inaugurazione dell'edificio. L'aspetto imponente è sottolineato dall'uso di materiali come la pietra di Serrenti, vulcanite utilizzata, con il travertino, nella costruzione, ed è segnato verticalmente da colonne. Al centro un altissimo pronao, retto da pilastri e colonne privi di base e di capitello, è completato da una grande scritta recante la parola latina IVSTITIA.

Cagliari-La Stazione Ferroviaria di piazza della RepubblicaCagliari-La Stazione Ferroviaria di piazza della Repubblica: internoSul lato settentrionale della piazza si trova la Stazione Ferroviaria di piazza della Repubblica, una Stazione Ferroviaria, ed in seguito tranviaria, al servizio del Comune di Cagliari, che è stata il capolinea della ferrovia che collegava Cagliari con Isili dal 1968 al 2004, e, dopo lavori di adattamento e ristrutturazione, dal 2008 costituisce il capolinea della linea 1 della tranvia di Cagliari, attiva da allora come terminal dei tram diretti verso Monserrato. Con l'avvio dei lavori della tranvia, il precedente edificio della stazione di piazza Repubblica è stato demolito, e al suo posto ne è stato eretto uno nuovo, a più piani.

Il Cimitero Monumentale di Bonaria

Da dove la via San Lucifero sbocca verso sinistra in via Dante Alighieri ed a destra nel viale del Cimitero, prendiamo verso sinistra il viale del Cimitero. Percorso per circa trecentocinquanta metri, incorciamo il viale Bonaria, passato il quale, alla destra della strada, si trova l'ingresso del Cimitero Monumentale di Bonaria. Utilizzato tra il 1829 e il 1968, il Cimitero, che occupa originariamente un'area alla base del colle di Bonaria, si estende in seguito fino alla sua cima.

Cagliari-Cimitero Monumentale di Bonaria: il lato affacciato sul viale del Cimitero Cagliari-Cimitero Monumentale di Bonaria: ingresso Cagliari-Cimitero Monumentale di Bonaria: interno Cagliari-Cimitero Monumentale di Bonaria: monumento a Francesca Warzee opera dello scultore Giuseppe Sartorio del 1894

Nel Cimitero trovano sepoltura diversi personaggi illustri, tra i quali il canonico archeologo Giovanni Spano, il tenore Piero Schiavazzi, il generale Carlo Sanna, lo storico sindaco di Cagliari Ottone Bacaredda, ed anche l'architetto Francesco Giarrizzo, autore della facciata della Cattedrale di Cagliari.

La Basilica ed il Santuario di Nostra Signora di Bonaria che è la parrocchiale del quartiere omonimo

Cagliari-La Basilica di Nostra Signora di Bonaria: veduta dall'altoDal viale del Cimitero, prendiamo a destra il viale Bonaria, costeggiando a sud la collina dove si trova il Cimitero Monumentale di Bonaria. Percorsi trecentocinquanta metri, arriviamo sulla sommità della collina, dove sorge la Basilica e Santuario di Nostra Signora di Bonaria, che costituisce la Chiesa parrocchiale del quartiere di Bonaria. È stata realizzata nella sua forma attuale nel secolo quindicesimoIII, con la facciata moderna caratterizzata da un piccolo portale gotico sulla facciata, adiacente all'antico Santuario del quattordicesimo secolo, unica testimonianza dell'insediamento delle truppe aragonesi durante l'assedio, condotto dal 1324 al 1329, alla roccaforte pisana del Castello. Una colonna segna il punto, in cui, secondo la leggenda, sarebbe stata ritrovata, nel 1370, la cassa gettata in mare da una nave spagnola colta dalla tempesta per evitare il naufragio, nel viaggio dalla Spagna all'Italia, contenente la statua lignea della Madonna, che è oggi custodita nell'altare maggiore, e che si sarebbe arenata appunto ai piedi della collina di Bonaria. Il ritrovamento del simulacro di quella che sarebbe stata chiamata la Nostra Signora di Bonaria, è stato interpretato come un segno divino, e cosìsi è edificata la Basilica dedicata alla Madonna protettrice dei marinai. Nell'interno, di particolare interesse, la tavola che ritrae la Madonna del Cardellino, parte di un Retablo smembrato risalente al sedicesimo secolo, attribuita a Michele Cavaro. Presso la Sagrestia del Santuario è ospitato il Museo Marinaro, nel quale si trova una raccolta di modellini d'imbarcazioni d'epoca, e di ex voto offerti nei secoli della devozione dei marinai.

Cagliari-La Basilica di Nostra Signora di Bonaria: veduta da sinistra Cagliari-La Basilica di Nostra Signora di Bonaria: facciata Cagliari-La Basilica di Nostra Signora di Bonaria: veduta da destra Cagliari-La Basilica di Nostra Signora di Bonaria: la cupola

Durante l’anno liturgico a Cagliari si celebrano tre Feste solenni in onore della Madonna di Bonaria, Patrona Massima della Sardegna e speciale Protettrice della gente di mare: il 25 marzo, il 24 aprile e la prima domenica di luglio. Queste tre Feste richiamano sempre una moltitudine immensa di fedeli provenienti da ogni parte della Sardegna. Il 25 marzo, mentre in tutta la Chiesa si celebra l’Annunciazione della Vergine, a Bonaria si ricorda in maniera solenne l’arrivo prodigioso del simulacro della Vergine, avvenuto nell’anno 1370. Il 24 aprile si celebra l'incoronazione della Vergine, dato che nel 1870, in occasione del quinto centenario dell’arrivo della Madonna, il simulacro della Vergine è stato incoronato durante una solenne cerimonia con decreto del Capitolo Vaticano, ed, in tale occasione, il papa Pio X ha inviato la sua benedizione apostolica, stabilendo che quello fosse il giorno liturgico per la celebrazione della Festa di Nostra Signora di Bonaria. La prima domenica di luglio, infine, si celebra la Sagra estiva in onore di Nostra Signora di Bonaria. È una Festa popolare, nata ad opera di alcuni giovani reduci della guerra combattuta contro gli Austriaci nel 1866. In questa occasione tutta la Città si mobilita, il simulacro della Vergine, Protettrice dei Naviganti, esce di casa, e attraversando viale Bonaria tra due ali di folla, si dirige verso il porto dove sale su un rimorchiatore assieme al clero, mentre tanti fedeli, sistemati su altri battelli, seguono l’imbarcazione che porta la Madonna. Insieme fanno un giro nell’ampio golfo degli Angeli. Giunti al largo, da un elicottero militare vengono gettate in mare corone di alloro precedentemente benedette, in memoria dei caduti di tutte le guerre. Poi il ritorno a Bonaria, ove l’Arcivescovo conclude le celebrazioni con un discorso e la benedizione.

Il Porticciolo Turistico di Su Siccu

Ritornati sul viale Armando Diaz e proseguendo verso sud est, arrivati in piazza Marco Polo, prendiamo a destra la via Sebastiano Caboto, che, in circa duecentocinquanta metri, ci porta al Porticciolo Turistico di Su Siccu, alla Marina di Bonaria, è un Porticciolo Turistico che si trova all'interno del porto commerciale. Il porticciolo può ospitare circa 300 imbarcazioni, manca la pompa per carburanti ma è presente acqua in banchina.

La Fiera Internazionale della Sardegna

Cagliari-Fiera Internazionale della Sardegna: ingresso sul viale Armando DiazPercorsi altri centocinquanta metri sulla via Armando Diaz, al civico numero 211, vediamo, alla destra della strada, l'ingresso del complesso di edifici che ospitano la Fiera Internazionale della Sardegna, con possibilità di entrata anche da piazza Marco Polo. Oltre ai padiglioni, alcuni dei quali sono interessanti opere d'architettura moderna, come il padiglione realizzato nel 1953 da Adalberto Libera per la Cassa per il Mezzogiorno, ed il padiglione realizzato nel 1961 da Ubaldo Badas per le attività agricole. Vi è stato, inoltre, installato anche uno spazioso hangar, già dell'aeronautica militare, che lo usava nell'Aeroporto di Monserrato, diventando uno degli spazi coperti più grandi Cagliari. È anche presente una vasta area esterna dove, nel periodo fieristico, si trova un luna Park, mentre in estate vengono ospitati grandi eventi.

La Chiesa parrocchiale di San Pio X

Invece di proseguire lungo il viale Armando Diaz, di fronte all'ingresso della Fiera, prendiamo a sinistra la via Messina e la seguiamo per poco più di duecento metri, poi prendiamo a destra la via Milano che continua sulla via Corsica, che, dopo circa duecentocinquanta metri, incrocia via della Pineta. La prendiamo verso destra e la seguiamo per trecento metri, e troviamo, al civico numero 178, alla sinistra della strada, la facciata della Chiesa di San Pio X, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere Monte Mixi. L'erezione della parrocchia di San Pio X nel 1958, rientrava nel grandioso piano pastorale di assistenza spirituale alla Città, che si è sviluppato dopo il secondo conflitto mondiale.

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Pio X: interno Cagliari-Chiesa parrocchiale di San Pio X: interno

Lo stadio Amsicora

Cagliari-Lo stadio AmsicoraProseguendo, la via della Pineta diventa via dei Salinieri. Percorsi trecento metri, alla destra della strada si può vedere lo stadio Amsicora, costruito nel 1923 in un'area appartenente alla Società Ginnastica Amsicora, dalla quale prende il nome. Lo stadio oggi è una struttura polivalente, con campo centrale in erba sintetica ad uso esclusivo dell'hockey su prato, pista di atletica leggera, palestra per la ginnastica artistica, palestra per il fitness, due campi di calcetto e una piccola piscina. Lo stadio ha ospitato, dal 1951 al 1970, le partite casalinghe del Cagliari Calcio, che è stato Campione d'Italia nel campionato 1969-70.

Il Ristorante Cesare

Proseguendo lungo la via dei Salinieri per un centinaio di metri, prendiamo a sinistra la via Sigmund Freud, dopo circa duecento metri svoltiamo a destra nella via Darwin, alla destra della quale si trova il Ristorante Cesare.

Una cucina di qualitàIn via Darwin, al civico numero 2, si trova l'importante Ristorante Cesare, un locale specializzato in cucina sarda in un ambiente conviviale, che viene consigliato dalla Guida Michelin e che viene indicato con il Piatto Michelin per la sua cucina di qualità. Si trova affacciato sull'oasi faunistica dello stagno di Molentargius, ed è un accogliente Ristorante in stile marina, nel quale è possibile gustare piatti tipici della cucina isolana accanto ai classici nazionali, sia di cucina di mare che di cucina di terra. Propone un menu a prezzo contenuto a pranzo durante la settimana. Ai piani superiori si trovano le camere dell'Hotel Caesar's, che appartiene alla stessa proprietà.

Il quartiere Sant'Elia con lo stadio Sant'Elia

Cagliari-Lo stadio Sant'EliaDal viale Armando Diaz, davanti all'ingresso della Fiera Campionaria, proseguiamo per circa seicento metri, prendiamo il ponte Vittorio, un ponte sul canale Palma, e lo seguiamo fino all'uscita verso Sant'Elia La Palma. Presa l'uscita verso la via Amerigo Vespucci, che ci porta al quartiere Sant'Elia, imbocchiamo questa strada verso destra, la seguiamo per cinquecento metri, ed arriviamo ai parcheggi dello stadio Sant'Elia, un Impianto Sportivo di Cagliari, che prende il nome dal quartiere in cui si trova. Nato come stadio polivalente, con pista d'atletica, è stato oggetto nel corso del tempo di una riduzione della sua capienza, e di una trasformazione in uno stadio solamente calcistico, con l'installazione interna di tribune su tre lati del campo, che hanno ridotto la capacità a poco più di 23mila spettatori. Questo fino alla stagione 2011-12 quando, a causa della sua parziale inagibilità, è stato abbandonato dalla squadra cagliaritana che si è trasferita nello stadio di Is Arenas a Quartu Sant'Elena. Il Comune ha puntato alla sua trasformazione in uno stadio polifunzionale, adatto sia al calcio che all'atletica, ed è stato riaperto dopo una ristrutturazione, con una capacità di circa 16mila spettatori. Il Cagliari Calcio è tornato, in seguito, a giocare allo stadio Sant'Elia.

Nel dicembre 2015 è stato approvato il progetto di un nuovo stadio, con 21mila posti a sedere, in tribune coperte. Poi quattro campi da calcio esterni, 15mila metri quadri coperti di attività commerciali, 55 milioni di investimenti, circa 600 posti di lavoro a regime. Secondo alcune indiscrezioni l'impianto sarà pronto per giugno 2019 e sorgerà negli spazi attualmente occupati dal Sant’Elia.

Nel borgo di Sant'Elia si trovano la Chiesa parrocchiale di Sant'Elia ed il Centro Culturale nell'ex Lazzaretto

Presa, invece, la via Amerigo Vespucci verso sinistra, dopo meno di cento metri prendiamo verso destra la via San Bartolomeo e la seguiamo pertrecentocinquanta metri, fino ad arrrivare alla rotonda del viale San Bartolomeo. Seguendo le indicazioni per il quartiere Sant'Elia, prendiamo la seconda uscita, che è il viale Sant'Elia, e che, percorsi per circa centocinquanta metri, ci porta al centro del borgo di Sant'Elia, che in origine era un borgo di pescatori, e sorge a ridosso di un'area una volta paludosa. Consiste in un intrico di stradine che si snodano fra vecchie case, al centro delle quali si trova la Chiesa di Sant'Elia. Nel piazzale di fronte al mare, il largo Sant'Elia, sorge il Lazzaretto, sorto attorno al 1600 come area di ricovero ed oggi trasformato in un centro culturale.

Cagliari-Chiesa parrocchiale di Sant'EliaDal viale Sant'Elia prendiamo, a sinistra, la via dei Musicisti, la seguiamo per circa duecento metri e, alla destra della strada, troviamo la Chiesa di Sant'Elia, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere Sant'Elia. Venne fondata nel 1953, ha una struttura moderna con esterno rosa e tetto a capanna. La facciata presenta un atrio con pilastri, cinque finestre vetrate e un oculo di forma ottagonale allungata caratterizzano la sua parte superiore. Sul lato destro si trova il campanile a base quadrata, con aperture rettangolari sui lati della cella campanaria e una piccola cupola a guglia, sormontata da una semplice croce. Presso questa Chiesa, a luglio si celebra la Festa del borgo di Sant'Elia.

Proseguendo meno di duecento metri lungo il viale Sant'Elia, arriviamo in piazza del Lazzaretto, dove si trova l'ex Lazzaretto. Costruito nel 1500, era un ricovero per gli ammalati di peste, ed un posto dove si tenevano in quarantena le mercanzie per prevenire epidemie. Occupato nel dopoguerra dai senzatetto, nel 1999 comincia un lavoro di resturo conservativo, ed oggi ospita il Centro culturale Ex Lazzaretto, che accoglie mostre sia permanenti che itineranti.

La Chiesa parrocchiale del Santissimo Nome di Maria

Cagliari-Chiesa parrocchiale del Santissimo Nome di MariaPreso il ponte Vittorio, lo seguiamo fino all'uscita verso Sant'Elia La Palma, prendiamo l'uscita verso il viale San Bartolomeo, dopo circa un chilometro arriviamo a una rotonda dove, seguendo le indicazioni per il quartiere La Palma, prendiamo l'ultima uscita verso sinistra, che è la via Tramontana, la seguiamo per settecento metri, poi a destra via Aquilone per circa centocinquanta metri, e, di nuovo a destra via Euro, che, dopo un centinaio di metri, sbocca sulla via Favonio. La prendiamo verso sinistra ed, al civico numero 2, alla sinistra della strada, vediamo la Chiesa del Santissimo Nome di Maria, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere La Palma. La Chiesa è servita dalla Congregazione dei Figli di Santa Maria Immacolata.

La Chiesa delle Saline o dei Salinieri

Cagliari-Chiesa delle Saline o dei SalinieriEvitando la deviazione sulla via Aquilone, proseguiamo lungo la via Tramontana per una cinquantina di metri, fino a dove arriva al canale Palma. Qui prendiamo a destra il viale La Palma, e, subito sulla destra, troviamo la Chiesa delle Saline o dei Salinieri, Chiesa con una navata unica, il corpo semplice e le dimensioni ridotte, che la rendono simile ad una Cappella gentilizia. Eretta nel 1934 su progetto dell'ingegner Vincenzo Marchi, allora direttore delle Saline di Stato, ospitava le messe degli abitanti del villaggio del Sale, situato subito a sud del piccolo Stagno di Sa Perda Bianca, che descriveremo più avanti. La Chiesa delle Saline diventa, dal 1964, la parrocchiale del quartiere La Palma, per venire poi abbandonata nel 1979 dopo la costruzione della nuova Chiesa più ampia del Santissimo Nome di Maria. Dal 1991 viene utilizzata solo per particolari cerimonie.

La frazione abusiva di Medau Su Cramu

Preso verso destra il viale la Palma, dopo seicento metri passiamo il ponte sul canale Palma e cominciamo a costeggiare la sua sponda sinistra in via dei Monsoni, dopo cinquecento metri svoltiamo a sinistra in via del Sale, e, in duecento metri, imbocchiamo a destra la via dei Gelsomini, che in un centinaio di metri ci porta in località denominata Medau Su Cramu. Dagli anni '60, senza alcuna pianificazione urbanistica, è stata avviata una lottizzazione abusiva in questa località, posizionata nel tratto cagliaritano della sottile striscia di terra che separa lo Stagno di Molentargius ed il sottostante Stagno di Sa Perda Bianca dalle Saline di Stato, che descriveremo più avanti illustrando le zone umide ad est di Cagliari. Se ne è ricavato un reticolo di strade private e lotti, con l'intento di trasformare quel lembo di terra in un quartiere residenziale, senza alcuna pianificazione. Nella località di Medau su Cramu risiedono, ad oggi, circa 1.300 abitanti, in cui le amministrazioni comunali di Cagliari e Quartu contano 259 abusi totali o parziali, e sono inizate la iniziative per l'abbattimento delle costruzioni abusive.

La Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo

Cagliari-Chiesa parrocchiale di San BartolomeoAlla rotonda del viale San Bartolomeo, continuiamo lungo il viale per trecento metri e troviamo, alla sinistra della strada, la piazza San Bartolomeo, nella quale si affaccia la Chiesa di San Bartolomeo, che è la Chiesa parrocchiale del borgo omonimo, che, come documenta Giovanni Spano, è stato, nell'Ottocento, sede del Bagno Penale, la prima colonia penitenziale dell'Isola, nella quale i galeotti venivano utilizzati soprattutto per l'estrazione del sale. Nel diciassettesimo secolo nel borgo vengono edificate due Chiese, una è dedicata alla Vergine di Lluc, ora scomparsa, e l'altra è intitolata a San Bartolomeo, venerato a Barcellona, la cui devozione viene incoraggiata dagli Spagnoli. L'edificio, sorto a metà del '600, è a navata unica con copertura lignea poggiante su archi a diaframma a sesto acuto. Al diciottesimo secolo risale l'inserimento nella facciata, di gusto tardogotico, di un portale in stile barocchetto piemontese, che riutilizzava l'originario arco di scarico.

A occidente del promontorio di Sant'Elia la Torre de Su Perdusemini, la Torre dei Segnali ed il faro di Capo Sant'Elia

Al periodo romano risalirebbe il martirio di Sant'Elia, che sarebbe stato ucciso in questi luoghi, durante le persecuzioni di Diocleziano. Il promontorio di Sant'Elia, a lui dedicato, è situato a sud di Cagliari, e costituisce la barriera naturale che separa il golfo di Cagliari dal golfo di Quartu Sant'Elena. Tutto il promontorio di Sant'Elia, è costituito da rocce calcaree sedimentarie di età miocenica, quindi geologicamente piuttosto giovani. All'interno di queste rocce si sono formate diverse grotte, che sono state abitate dall'uomo sino dal VI millennio avanti Cristo Si tratta di un promontorio privo di vegetazione consistente, ed il suo punto più alto, abbastanza panoramico, si trova a circa cinquantaquattro metri sul mare.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la Torre di Cala Bernat o Torre del Lazzaretto o Torre de Su PerduseminiLa Torre di Cala Bernat, situata poco lontano dal fabbricato settecentesco dell'ex Lazzaretto e chiamata per questo Torre del Lazzaretto o anche Torre de Su Perdusemini, che è il nome del Lazzaretto in sardo campidanese, si trova a trentaquattro metri sul mare, sopra un costone calcareo sul lato occidentale del promontorio di Capo Sant'Elia, ed è raggiungibile più facilmente dal borgo di Sant'Elia di Cagliari, praticando una strada sterrata. Edificata in epoca spagnola, probabilmente nel 1720, è realizzata in calcare ed è voltata a cupola. Viene a volte chiamata anche Torre del Prezzemolo, nome con il quale si identificava in passato un'altra torre costiera, la vicina Torre di Cala Fighera, che oggi non è più esistente.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la Torre dei Segnali con il faro di Capo Sant'EliaLa Torre dei Segnali si trova a cinquantaquattro metri sul mare sulla punta del promontorio, ed è facilmente raggiungibile. Si tratta di una Torre di avvistamento edificata dagli Spagnoli come parte del sistema difensivo costiero. Una targa in marmo, murata esternamente, la attesta realizzata nel 1638. La struttura, oggi in dotazione alla Marina Militare, è stata realizzata con pietrame calcareo, ha una volta a cupola ed è intonacata. I due piani sono collegati grazie ad una scala interna alla muratura, ed il secondo si imposta sul terrazzo del primo. Al terrazzo si arriva grazie ad una scala a chiocciola metallica, di epoca moderna. Interessante la pavimentazione in mattonelle smaltate, del primo piano.

Un tempo, il promontorio di Capo Sant'Elia era un approdo protetto dalla Torre dei Segnali, accanto alla quale è stato costruito uno dei fari più antichi della Sardegna, il faro di Capo Sant'Elia. Edificato nel 1850 e attivato nel 1860, è costituito da un edificio a due piani, sormontato da una torre cilindrica a strisce bianche e nere.

La spiaggia di Cala Mosca

Per raggiungere il promontorio di Capo Sant'Elia, riprendiamo il nostro viaggio dalla piazza San Bartolomeo, dove il viale San Bartolomeo diventa viale Calamosca, lo seguiamo fino al termine. A circa cinque chilometri dal centro arriviamo in località Calamosca, attraversando la zona militare con la Caserma Ederle, al capolinea dell'autobus numero 11, vicino all'Hotel Ristorante Calamosca, affacciato sul mare. Qui, davanti al grande albergo, si trova la piccola spiaggia di Calamosca, un angolo di sabbia e mare molto piacevole, in un ambiente che è rimasto ancora selvaggio, che si trova sul versante occidentale del promontorio di Capo Sant'Elia.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la spiaggia di Cala MoscaLa spiaggia di Cala Mosca si trova in un'insenatura naturale caratterizzata da sabbia grigia grossolana, con la presenza di ciottoli levigati e scogli alle due estremità, e da un mare cristallino dai colori tra il verde smeraldo e l'azzurro, con un fondale basso, prevalentemente sabbioso, tipico della zona. Nella località denominata spiaggia di Calamosca sono presenti sia strutture fisse in muratura e cemento armato, sia strutture precarie realizzate con elementi costruttivi rimovibili, più precisamente un chiosco bar ed un albergo tre stelle dotato di terrazza sul mare, Ristorante pizzeria e bar. La spiaggia e ben riparata dal vento maestrale ed e piuttosto affollata in alta stagione, sia dai residenti sia dai turisti.

Prendendo il sentiero sulla destra, al termine della spiaggia di Cala Mosca, troviamo sulle rocce, sotto il faro, un tratto di spiaggia frequentata quasi esclusivamente da naturisti e da gay, che qui trovano riparo da occhi indiscreti e possono prendere comodamente il sole.

La spiaggia dell'ex Stabulario

Giunti a Calamosca, invece di fermarci all'Hotel ed alla spiaggia, procediamo sulla strada verso sinistra, che conduce, dopo aver passato il bar Le Terrazze, alla fine della strada, allo stabilimento balneare Le Paillote. Il lato occidentale del promontorio montuoso di Murr 'e Porcu, lo stabilimento balneare è ospitato nella piccola spiaggia dell'ex Stabulario.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la spiaggia dell'ex StabularioNella località denominata spiaggia dell'ex Stabulario, che è una spiaggia di piccole dimensioni, sono presenti solo strutture precarie realizzate con elementi costruttivi rimovibili, e più precisamente un solarium con chiosco bar ed un complesso di fabbricati localizzati nel retro spiaggia, che costituiscono l'ex stabulario, ossia il luogo di raccolta dei mitili, recentemente ristrutturati e destinati alla ristorazione e ad attività ricreative.

La spiaggia di Cala Fighera

Dalla fine della strada, prendiamo il sentiero sul colle, a sinistra, e procediamo a piedi lungo il percorso naturalistico che porta alla Sella del Diavolo. È necessario essere muniti di scarpe da tennis, no ciabatte, no infradito. Dalla sommità del promontorio procediamo in discesa verso le numerose piccole insenature a carattere roccioso, dove non e difficile, grazie alla conformazione del territorio, poter prendere il sole, al riparo da occhi indiscreti, in costume adamitico, senza incorrere in sanzioni. Raggiunta la parte orientale del promontorio montuoso di Murr 'e Porcu, si giunge all'ampia insenatura che ospita la piccola spiaggia di Cala Fighera, seguendo le stradine che scendono verso il mare.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la spiaggia di Cala FigheraLa spiaggia di Cala Fighera è una spiaggia rocciosa naturista, che si trova sulle rocce dal fondale semi roccioso. Giunti sulla sommità del colle, si procede in discesa verso la spiaggia presente sul lato orientale del promontorio, la spiaggia più nascosta, seguendo le stradine che scendono verso il mare. La spiaggia di Cala Fighera è molto nascosta, frequentata quasi esclusivamente da naturisti e, soprattutto, da gay.

In località Cala Fighera si trovava un tempo anche la Torre di Cala Fighera, edificata in epoca spagnola, probabilmente nel 1639, ma che ora è scomparsa.

Salendo sul promontorio di Sant'Elia arriviamo alla Sella del Diavolo con i suoi resti archeologici

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia-Veduta di Capo Sant'Elia fotografato dalla spiaggia del PoettoLa Sella del Diavolo è il nome dato alla collina che di trova al centro del promontorio di Sant'Elia, e che domina la spiaggia del Poetto ed il porticciolo di Marina Piccola. Il suo nome deriva da un'antica leggenda che narra che un giorno i diavoli, attratti dalla bellezza del golfo di Cagliari, se ne sarebbero impadroniri. Dio mandò, allora, i suoi angeli, guidati dall'Arcangelo Michele, per scacciare Lucifero e i diavoli, ma nella fuga quest'ultimo perse la sua sella che cadde lasciando così l'impronta che caratterizza questa piccola altura. Sul promontorio di Sant'Elia, giunti a Calamosca, si procede lungo la strada situata a sinistra sino ad arrivare alla piccola area di sosta, dalla quale si prende il sentiero sul colle alla sinistra, e si procede a piedi lungo il percorso naturalistico per la Sella del Diavolo.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: Capo Sant'Elia fotografato dal mare Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: Capo Sant'Elia con la Sella del Diavolo Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: primo piano della Sella del Diavolo

Nel punto più elevato del promontorio, a 135 metri di altezza, esisteva un tempio Fenicio dedicato ad Astarte Ericina, di cui, però, ora rimangono solo pochi resti, e che è attualmente in fase di scavo. Subito più a sud si vede, invece, una cisterna romana dalla forma tronco conica, del diametro di circa cinque metri, con di fianco all'imboccatura un sistema di vasche e canalette, costruito sulla roccia in maniera da farvi confluire l'acqua piovana. Nell'undicesimo secolo tutta l'area del promontorio viene affidata ai monaci Benedettini di San Vittore di Marsiglia, detti anche Vittorini, che vi costruiscono il monastero di Monte Sant'Elia, del quale rimangono solo pochi ruderi della Chiesa di Sant'Elia, situati subito più a sud della cisterna romana. Subito a sud dei resti della Chiesa, si trova la Torre di Sant'Elia, che descriveremo più avanti. Poche decine di metri più a valle, è presente un grande cisternone punico chiamato Sa Ucca 'e Su Diaulu, ossia la bocca del diavolo. Ha una forma rettangolare, è lungo ventisette metri e profondo sei, ed ha una sezione trapezoidale.

A oriente del promontorio di Sant'Elia di trovano la Torre di Sant'Elia o dei Pisani e la Torre del Poetto o del Pohuet

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la torre Sant'Elia chiamata anche Torre dei PisaniSul promontorio di Sant'Elia si trovano altre due torri difensive. Sulla sommità del promontorio, sulla Sella del Diavolo, a 139 metri sul mare, vicino a una base militare, è situata la Torre di Sant'Elia, chiamata anche Torre dei Pisani, alla quale si può arrivare da Marina Piccola o da Calamosca, dopo aver camminato per circa mezz'ora. Ha una struttura di forma tronco conica con volta a cupola, alta sei metri e con un diametro di cinque, ed è atata costruita in pietra calcarea. È situata in una posizione dalla quale è possibile vedere quasi tutte le torri costiere del golfo di Cagliari, ma attualmente si trova in cattivo stato di conservazione.

Cagliari-Promontorio di Sant'Elia: la Torre del Poetto o Torre del PohuetSul suo lato orientale del promontorio di Sant'Elia si trova anche la Torre del Poetto o Torre del Poeta, chiamata anche Torre del Pohuet, il cui nome potrebbe derivare dal catalano Pohuet, ossia pozzetto, in riferimento ai numerosi pozzi e cisterne per la conservazione dell'acqua piovana sparsi sulla Sella del Diavolo. La torre sorge ad 87 metri sul mare, su una piccola sporgenza che si estende a mezza costa del promontorio. È abbastanza vicina alla Torre di Sant'Elia, ma è molto più difficoltosa da raggiungere. Anche ad essa si può arrivare a piedi da Marina Piccola o da Calamosca, dopo aver camminato per oltre mezz'ora, ma è difficilmente raggiungibile a causa la pericolosità del percorso. Il materiale che la compone è il pietrame calcareo, è in pessimo stato di conservazione, e della sua struttura originaria, che si trova in stato di rudere, restano oggi solo due tronconi.

Il quartiere del Poetto con il porticciolo di Marina Piccola

Percorsa via Armando Diaz, alla rotonda del viale San Bartolomeo prendiamo sulla sinistra il viale Poetto e lo percorriamo tutto, fino a che ci porta nel quartiere del Poetto. Ad esso possiamo arrivare anche dalla Chiesa di San Bartolomeo, prendendo una deviazione sulla sinistra, e poi a destra il viale del Poetto. Percorsi 1.6 chilometri dall'inizio del Viale, arriviamo alla piazza degli Arcipelaghi, con una rotonda dove prendiamo, verso destra, la strada che, in seicento metri, ci porta ai parcheggi della Marina Piccola. Il porticciolo di Marina Piccola, che si trova alla chiusura occidentale della lunga spiaggia del Poetto, verso il promontorio di Capo Sant'Elia, è un Porticciolo Turistico nel quale trovano posto circa 300 imbarcazioni, anche da pesca, ma manca di pompa carburante. È sede della Lega Navale e di uno Yacht Club.

La Chiesa della Beata Vergine della Salute

Cagliari-Poetto: la Chiesa della Beata Vergine della SaluteDal viale del Poetto, arrivati alla rotonda in piazza degli Arcipelaghi, prendiamo, verso sinistra, la via Lungo Saline, e, dopo un chilometro e mezzo, a destra la via dei Cavalleggeri, dopo centotrenta metri di nuovo a destra la via Ausonia, alla destra della quale, dopo centocinquanta metri, si trova la Chiesa della Beata Vergine della Salute, che è la Chiesa parrocchiale del quartiere Poetto, costruita in stile moderno tra il 1963 ed il 1971 ed affidata ai Figli di Santa Maria Immacolata. L'icona che viene venerata all'interno della Chiesa, e che da il nome alla parrocchia, è stata eseguita nel 1976 da Lucia Porcu.

Sul lungomare del Poetto si trova l'Hotel La Villa del Mare

Dalla rotonda in piazza degli Arcipelaghi inizia il lungomare del Poetta, sul quale, dopo un chilometro e trecento metri, al civico numero 248, si trova l'Hotel La Villa del Mare.

Forma alternativa di ospitalità consigliata dalla Guida Michelin per il suo charmeL'Hotel Villa del Mare Suites and Apartments è una dimora storica che si trova sul lungomare del Poetto, frontemare nel senso di praticamente sulla spiaggia del Poetto, a soli 20 metri dalla sua riva. Si tratta di una bella villa dei primi del Novecento, diventata operativa dopo una attenta e meticolosa ristrutturazione. Imperdibile la vista sul Golfo degli Angeli a ridosso della Sella del Diavolo. L'Hotel dispone di appartamenti e suites con terrazza e giardino privato, caratterizzata dalle colorate e piacevoli camere, curate negli arredi in perfetto stile mediterraneo.

La spiaggia del Poetto con la Torre di Mezza Spiaggia

Dal lungomare Poetto, diverse deviazioni verso destra ci portano alla spiaggia del Poetto, il cui nome si pensa derivi dalla torre aragonese denominata del Poeta, che si può osservare ancora oggi sopra la Sella del Diavolo, mentre, secondo un'altra ipotesi, potrebbe derivare dal catalano Pohuet, ossia pozzetto, in riferimento ai numerosi pozzi e cisterne per la conservazione dell'acqua piovana sparsi sulla Sella del Diavolo.

Cagliari-La spiaggia del PoettoLa spiaggia del Poetto che si trova in territorio di Cagliari, è la bellissima spiaggia cittadina della Città di Cagliari, lunga, insieme a quella di Quartu Sant'Elena, oltre cinque chilometri, e si e guadagnata, col tempo, l'appellativo di spiaggia dei centomila, per l'alto numero di presenze nei mesi estivi. È chiusa, a sud ovest, dal Capo Sant'Elia, ben riconoscibile grazie al caratteristico profilo della Sella del Diavolo, e, ad oriente, dalla costiera di Quartu Sant'Elena. La spiaggia del Poetto di Cagliari si trova alla destra della via Lungo Saline, che prosegue per circa tre chilometri, poi arriva a una rotonda, dopo la quale inizia il viale lungomare del Golfo, che, ancora per circa un chilometro, appartiene al Comune di Cagliari. L'arenile, di grandi dimensioni, è costituito da sabbia bianca dorata fine, e si affaccia su un mare con l'acqua cristallina trasparente, tra l'azzurro ed il verde, con il fondale basso e sabbioso. La spiaggia del Poetto di Cagliari è molto affollata in alta stagione, ed in essa sono da segnalare una gamma completa di servizi per la balneazione, vari stabilimenti balneari, ristoranti e bar. É diventata, negli anni, anche un importante punto di riferimento per la vita notturna estiva, grazie alla presenza di numerosi chioschetti che sono divenuti veri locali all'aperto, nei quali è possibile apprezzare musica dal vivo o bersi un aperitivo in tutta tranquillità. È presente anche una discoteca che ogni sera propone una serata diversa, e vi si trovano numerosi stabilimenti balneari.

Cagliari-La spiaggia del Poetto Cagliari-La spiaggia del Poetto

La bella spiaggia del Poetto prosegue in territorio di Quartu Sant'Elena, con la Spiaggia del Poetto di Quartu, che verrà descritta in una prossima tappa, dove vedremo tutta la costiera cha va da Cagliari a Villasimius.

La Torre di Mezza Spiaggia

Cagliari-Poetto: la Torre di Mezza SpiaggiaProseguendo lungo il lungomare Poetto, dopo circa un chilometri, sulla spiaggia, poco prima della struttura dell'ex Ospedale Marino, si trova la Torre di Mezza Spiaggia. La torre viene già citata dallo storico Giovanni Francesco Fara, e dunque è stata edificata prima del 1591, anno della sua morte. La struttura, in pietra calcarea, è di forma tronco conica, con una camera interna, voltata a cupola, in cui si trova l'accesso al terrazzino soprastante. L'interno della torre non è praticabile, in quanto l'ingresso è attualmente murato. L'edificio è alto quasi otto metri, per un diametro alla base di circa sei metri, e si presenta in buone condizioni, grazie ai numerosi restauri effettuati.

L'ex Ospedale Marino

Sulla spiaggia del Poetto si trova l'ex Ospedale Marino, progettato negli anni '30 del Novecento da Ubaldo Badas per ospitare la Colonia Marina. Dopo la guerra, ha ospitato l'Ospedale Marino, fino al suo trasferimento nella sede attuale. Oggi versa in stato di degrado. Un progetto della Regione tende al suo risanamento ed alla sua rivalorizzazione.

L'ippodromo intitolato al generale Antonio Gutierrez

Cagliari-Poetto: l'ippodromo intitolato al generale Antonio GutierrezPercorsi duecentocinquanta metri, dopo aver costeggiato l'ippodromo intitolato al generale Antonio Gutierrez, arriviamo al suo ingresso. L'ippodromo, inaugurato da Vittorio Emanuele III nel 1929, e dedicato ad una figura di spicco della equitazione nazionale passato alla storia oltre che per le innumerevoli vittorie conquistate nei concorsi internazionali di salto di ostacoli, per aver stabilito, nel 1938, in sella a Osoppo, a piazza di Siena durante i campionati Nazionali, il record del mondo di elevazione a cavallo. L'ippodromo si estende su un terreno di venti ettari, situato tra la spiaggia del Poetto e i bacini delle saline, ed è gestito dalla società ippica cagliaritana. Nel 1992 viene chiuso, e, solo nel 2009, ha riaperto le porte al pubblico. Già da qualche anno, l'ippodromo, con i suoi 1400 metri di pista, è la sede dove si svolge il palio di Cagliari durante la Sagra di Sant'Efisio.

Cagliari-Poetto: l'ippodromo intitolato al generale Antonio Gutierrez Cagliari-Poetto: l'ippodromo intitolato al generale Antonio Gutierrez

Lo Stagno di Molentargius all'interno del centro abitato ed a sud il piccolo Stagno di Sa Perda Bianca

Cagliari-Stagno di Molentargius-Veduta dello Stagno con le salineCagliari è nota per le sue molte aree umide. Ad ovest della Città si sviluppa lo Stagno laguna di Santa Gilla, del quale abbiamo già parlato, e verso est gli stagni di Quartu, che descriveremo quando ci recheremo a visitare Quartu Sant'Elena. All'interno della Città, a nord rispetto alla spiaggia del Poetto, si trova il grande Stagno di Molentargius, che ha una superficie di 1400 ettari e fa parte del Parco Naturale Regionale Molentargius Saline, istituito nel 1999. È una delle più importanti aree umide d'Europa, raro esempio al mondo di ecosistema presente in aree fortemente antropizzate, recintato per evitare che il turismo disturbi un'isola naturalistica unica, nella quale, a due passi dal centro di una grande Città, sopravvivono una flora ed una fauna uniche, fenicotteri, germani reali, avocette, cavalieri d'Italia, ecc.. Si tratta di un sistema stagnale al confine fra i territori comunali di Cagliari, nel suo lato occidentale, e di Quartu Sant'Elena, in quello orientale, legato all'emersione di barre sabbiose, e costituisce un'importante zona umida in gran parte adibita alle saline di proprietà del demanio, attualmente inattive, alimentate con un sistema di canali dal mare. Lo Stagno di Molentargius si divide in due vasche, tra le quali si trova un sistema naturale di fitodepurazione delle acque. La prima vasca è la più importante, è situara situata a sud, viene chiamata Bellarosa Maggiore, e costituisce un bacino di raccolta delle acque provenienti dal mare attraverso l'idrovora posta lungo la spiaggia del Poetto. La seconda viene chiamata Bellarosa Minore, si trova a nord, ed in essa viene fatta confluire l'acqua di diversi canali che raccolgono le acque reflue dei paesi dell'hinterland cagliaritano, e corrispondono agli alvei di alcuni torrenti, il Rio Saliu che attraversa il Comune di Monserrato; il Rio di Selargius che attraversa il Comune omonimo; il Rio Cungiaus che scorre tra Quartu e Quartucciu. Il Bellarosa Minore ha acque dolci ed è il naturale luogo di soggiorno dell'avifauna protetta. Gli scarichi fognari, con il loro apporto di acque dolci particolarmente ricche di sostanza organica, hanno favorito la rapida crescita di canneti che stanno gradualmente occupando gran parte del bacino.

Lo Stagno di Molentargius costituisce il principale sito di riproduzione del fenicottero rosa in Sardegna. È, infatti, proprio in questo Stagno che, per la prima volta in Italia, quasi vent'anni fa, i fenicotteri rosa, ormai stanziali, hanno figliato. A quanto ha scritto La Nuova Sardegna, nel maggio 2011 c'è stata nello Stagno di Molentargius una vera e propria invasione di fenicotteri per la nidificazione, sono arrivate dalla Francia, da Orbetello, dal delta del Po e dalla Spagna oltre quattromila coppie, e per Cagliari è stata una una Festa di colori. All'arrivo nel capoluogo i fenicotteri si sono divisi in tre grandi colonie ed altri quattro nuclei minori. É stato uno spettacolo che ha attirato intorno all'area del parco centinaia di turisti, curiosi, appassionati, e naturalmente le scolaresche di tutto l'hinterland cagliaritano.

Cagliari-Stagno di Molentargius: fenicotteri rosa nello Stagno nel maggio 2011 Cagliari-Stagno di Molentargius: fenicotteri rosa nello Stagno nel maggio 2011

Lo Stagno di Molentargius è stato riconosciuto negli elenchi ufficiali delle aree umide da sottoporre a tutela, classificato Sito di Importanza Comunitaria ai sensi della direttiva dell'Unione europea n. 43 del 1992, la cosiddetta direttiva Habitat, ed inoltre Zona di Protezione Speciale ai sensi della direttiva dell'Unione europea n. 409 del 1979 abrogata e sostituita dalla direttiva n. 147 del 2009, la cosiddetta direttiva Uccelli, e Zona Umida di Importanza Internazionale ai sensi della convenzione di Ramsar. Nel 1988 il Ministero dell'Ambiente ha stanziato una somma per un progetto di recupero e salvaguardia dell'ecosistema di questo stagno, in cui, accanto alle necessarie misure di protezione dell'ambiente e delle comunità vegetali e animali, è stata prevista la realizzazione di strutture ricettive per la fruizione dell'area umida da parte dei visitatori. Le aree verdi del compendio del Molentargius, gestite dall'Ente Parco, sono aperte al pubblico e accessibili liberamente, dall'alba al tramonto, gratuitamente.

A sud dello Stagno di Molentargius si trova il piccolo Stagno di Sa Perda Bianca, un'altra area umida protetta, che costituisce una zona di sosta e riproduzione di avifauna acquatica di interesse comunitario, e che fa anch'essa parte del Parco Naturale Regionale del sistema Molentargius, Saline, Poetto.

Le Saline di Stato tra il bacino di Molentargius e lo Stagno di Quartu

La storia di Molentargius è strettamente legata alla storia delle Saline di Stato, che si collocano nel settore sud della zona costiera di Cagliari e Quartu Sant'Elena, sul retro della strada costiera, dato che il grande bacino del Bellarosa Maggiore, è stato utilizzato come vasca di prima evaporazione nel ciclo di produzione e raccolta del sale. Le Saline di Stato, che comprendono il bacino di Molentargius e lo Stagno di Quartu, ed ancora oggi dipendono dal Ministero delle Finanze, hanno cessato la loro attività nel 1984, per la tracimazione dei canali di regimentazione delle acque reflue, oltre che per problemi di inquinamento. Viene, comunque, ancora oggi garantita la circolazione d'acqua nei bacini.

Visualizza la mappa Da Cagliari ci rechiamo a Pirri

Ci rechiamo a Pirri da Cagliari uscendo dall'abitato, a nord est, con la via Cadello. Per arrivarci, dal Municipio di Cagliari prendiamo verso nord ovest la via Roma, dopo quasi duecentocinquanta metri a destra la via La Maddalena, e, dopo meno di cento metri, a sinistra il viale Trieste. Percorsi cinquecento metri prendiano a destra la via Pola, dopo duecentocinquanta metri a sinistra corso Vittorio Emanuele II e, dopo meno di cento metri, prendiano a destra il viale Luigi Merello, lo seguiamo per ottocento metri, alla rotonda prendiamo la prima a destra e rimaniamo sul viale Luigi Merell che seguiamo ancora per poco meno di duecento metri e che ci porta in piazza d'Armi. Svoltiamo a sinistra e imbocchiamo la via Is Mirrionis che seguiamo per seicentocinquanta metri, alla rotonda prendiamo la seconda uscita e imbocchiamo la via Cadello, che seguiamo per quasi un chilometro. Alla nuova rotonda, passato l'Asse Mediano di Scorrimento, entriamo in Pirri, e proseguiamo dritti lungo la via Santa Maria Chiara, la seguiamo per poco più di cinquecento metri, pendiamo a destra la via Pontida, che, in circa trecento metri, ci porta in via Alberto Riva Villasanta, in centro a Pirri. Dal Municipio di Cagliari alla Municipalità di Pirri abbiamo percorso 6.7 chilometri.

La municipalità di Pirri Informazioni turistiche

Il Comune di Pirri, nel 1928, viene aggregato al Comune di Cagliari, ed integrato come sua frazione (altezza metri 17, distanza circa 6.7 chilometri, abitanti circa 30.037). Ma Pirri cerca di salvaguardare la propria antica identità, e nei primi anni del duemila sono iniziate le richieste di autonomia, che hanno prodotto, nel 2006, l'acquisizione dello status di municipalità. Oggi Pirri costituisce l'unica municipalità del Comune di Cagliari e di tutta la Sardegna, situata nel lato nord ovest della Città e confinante con Monserrato e con Selargius. Con i suoi abitanti, pari a quasi un quinto della popolazione totale di Cagliari, se fosse un Comune autonomo sarebbe l'ottavo come dimensione di tutta la Sardegna.

Origine del nome

La frazione Pirri, secondo alcuni, prenderebbe il nome da una parola greca che indica il fuoco, come dimostrerebbe anche il sigillo del vecchio Ufficio dello Stato Civile di Pirri, raffigurante alcuni tizzoni ardenti, dai quali si sprigionano delle lingue di fuoco.

La sua economia

In origine la produzione del vino era centrale per l'economia di Pirri, e l'attuale frazione viveva autonomamente da quella di Cagliari, secondo i suoi ritmi e le sue tradizioni, basate soprattutto sull'attività nei campi. Durante gli scorsi anni, i suoi abitanti erano dediti, oltre che all'agricoltura, anche al lavoro nelle vicine saline di Molentargius.

Brevi cenni storici

Le sue origini risalgono al periodo preistorico, nel corso del quale, in base ad alcuni scavi archeologici, si erano creati i primi insediamenti umani nell'area oggi occupata dalla municipalità. Durante il periodo della dominazione romana, Pirri diventa un vero e proprio centro abitato. In periodo medievale, fa parte del giudicato di Cagliari, fino al 1258, quando passa sotto il controllo del Comune di Pisa. Secondo lo storico Giovanni Scano, il nome Pirri compare per la prima volta nel trattato di pace stipulato da Genova e Pisa nel 1288. Dopo la dominazione pisana, anche Pirri passa nelle mani della Corona d'Aragona. Nel 1326 viene concessa in feudo a Guglielmo Sorell, durante gli anni successivi passa di mano più volte, fino al 1437, quando venne ceduto alla Città di Cagliari. Non essendo, però, questa Città in grado di amministrare il feudo, Pirri torna di proprietà del fisco, ed inizia, così, un lungo periodo di tribolata autonomia. Subisce, infatti, numerose epidemie di peste, viene attaccata più volte dai pirati Saraceni, soffre nel 1603 un'invasione di cavallette, mentre nel 1613 subisce un terremoto. Pirri dovette attendere il 1838 prima di liberarsi dalla dipendenza feudale. Venne integrata nel Comune di Cagliari come frazione nel 1927. Nei primi anni del duemila presero voce numerose richieste di autonomia che culminarono nel 2006 con l'acquisizione dello status di Municipalità.

Principali Feste e Sagre che si svolgono a Pirri

Cagliari-Pirri: il costume tradizionale di PirriTra le Feste e Sagre che si svolgono a Pirri, importanti sono la Festa di Santa Maria Chiara, che si svolge dalla domenica di Pasqua al martedì successivo; la processione del Corpus Domini, che parte dalla Chiesa parrocchiale; la seconda domenica di maggio si svolge la Festa patronale di San Pietro; il 3 settembre la Festa di San Gregorio Magno; la prima settimana di settembre la Festa di Santa Rosalia.

Visualizza la mappa Visita della municipalità di Pirri

Arriviamo a Pitti provenendo da Cagliari, e prendiamo la via Santa Maria Chiara, che entra nell'abitato da sud est e che sfocia sulla via Balilla, la quale, presa verso destra, porta sulla via Italia, che costituisce la principale arteria nel centro storico di Pirri.

Il Campo Sportivo Jupiter

Entrando in Pirri lungo la via Santa Maria Chiara, percorsi duecentocinquanta metri, prendiamo a sinistra la via dei Tigli, la seguiamo per duecentocinquanta metri, poi a destra via Montecassino, dopo trecento metri a sinistra via Caterina Segurana, dopo centosettanta metri di nuovo a sinistra via Eleonora Fonseca. Seguita per poco più di centocinquanta metri, troviamo alla destra della strada il Campo Sportivo Jupiter, un piccolo Campo da Calcio con 40 posti, gestito dalla Polisportiva Jupiter, che milita in seconda categoria.

La Chiesa parrocchiale di San Gregorio Magno

Presa la via dei Tigli, dopo cinquanta metri a destra via delle Lucciole, dopo centocinquanta metri di nuovo a sinistra via del Borghetto, e, pPercorsa una cinquantina di metri, alla sinistra della via del Borghetto si trova la Chiesa di San Gregorio Magno. La Chiesa viene eretta nel 1973 a parrocchia del quartiere Villa Doloretta, sviluppatosi nei campi adiacenti la Villa Pollini, nota anche come Doloretta, che era abitato da soli contadini. La prima sede della parrocchia si trovava in un locale in via Santa Maria Chiara, ad angolo con la via Famagosta, ma ben presto la struttura si rivela troppo piccola, e si rende necessaria la costruzione di un nuovo edificio, l'attuale Chiesa parrocchiale. La Chiesa viene abbellita con una bellissima pala d'altare raffigurante L'ultima cena, realizzata da Carmine Asunis, un pittore nato nel 1946 e morto nel 1995.

Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale di San Gregorio Magno Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale di San Gregorio Magno Cagliari-Pirri: la pala della Chiesa parrocchiale di San Gregorio Magno

Tra la fine di agosto e l'inizio di settembre, presso questa Chiesa si svolge la Festa di San Gregorio Magno, ed i festeggiamenti si concludono il 3 settembre, con riti religiosi e manifestazioni civili.

La Chiesa di Santa Rosalia

Ritornati sulla via Santa Maria Chiara, percorsi poco più di altri duecento metri, prendiamo a destra la via Pontida, la seguiamo per trecentocinquanta metri e prendiamo a sinistra la via Alberto Riva Villasanta, la principale strada del centro storico di Pirri. Dopo trecento metri, prendiamo a sinistra la via Fornovo, che ci porta sulla via Santa Rosalia. Qui, alla destra della strada, affacciata su una sileziosa e quasi nascosta piazzetta, si trova la Chiesa di Santa Rosalia, che dipende dalla chesa parrocchiale di San Pietro Apostolo. Edificata nel 1756, ma nello stesso luogo o in un'area vicina, esisteva un altro edificio di culto dedicato alla Santa, dato che la devozione alla Santa è attestata fin dal 1659. Il fabbricato inizialmente presentava una sola navata, ed in seguito di effettua la costruzione di qualche cappella, di un loggiato e di un muro di cinta. Ma già a pochi anni dalla sua fondazione l'edificio accusa problemi di statica e, dal 1774 ha inizio il suo degrado. Nel 1845 i muri esterni minacciano rovina e il portone d'ingresso perforato diviene inservibile, ed intorno al 1870 viene pregiudicato lo svolgimento delle funzioni liturgiche e la Festa in onore della Santa. Interdetta al culto, dalla fine dell'800 la Chiesa viene adibita a scopi profani, nel 1911 viene trasformata in lazzaretto in occasione di un'epidemia di colera, nel 1912 vi si vaccina il popolo contro il vaiolo. Nel 1949 si effettuano altre opere di consolidamento, e, per alcuni anni, vi si celebra la messa festiva, ma poi la Chiesa si riduce a un cumulo di macerie. Nel 1981, di fronte all'ipotesi di requisire la Chiesa per farne una sede per attività sociali o demolirlo e destinare l'area a pubblica Piazza, gli abitanti del quartiere raccolgono fondi per il estauro. Il nuovo edificio, benedetto nel 1983, si sviluppa su una navata e due cappelle, e si presenta piccolo ed armonioso. Il prospetto è semplice, senza finestre, con un'unica porta sormonta da una lunetta e da un campanile a vela che oggi ospita una campana. All'interno solo pochi arredi, ed una nicchia, ricavata nella parte retrostante l'altare di marmo, accoglie una antica statua di Santa Rosalia, restaurata da Angelo Defraia alcuni decenni or sono.

Cagliari-Pirri: la Chiesa di Santa Rosalia Cagliari-Pirri: la statua di Santa Rosalia nella Chiesa omonima

La Chiesa si anima di canti e di preghiere all'inizio di settembre, nei tre giorni della Festa di Santa Rosalia, con riti religiosi, messe solenni e una processione lungo le vie circostanti la Chiesa, ai quali si affiancano manifestazioni civili. La partecipazione popolare è sempre molo intensa.

La sede della Municipalità di Pirri

Cagliari-Pirri: il palazzo che ospita la Municiaplità di PirriProseguendo lungo la via Alberto Riva Villasanta per circa centoventi metri dopo la via Fornovo, troviamo, al civico numero 35, alla sinistra della strada, l'edificio che ospita la sede e gli uffici della Municipalità di Pirri. Con questo termine, detto anche circoscrizione comunale, viene indicato un organismo di partecipazione, consultazione e gestione dei servizi di base, nonche di esercizio di funzioni delegate, istituito dal Comune con competenza su di una parte del suo territorio comprendente uno o più quartieri o frazioni contigui

La Chiesa parrocchiale di San Pietro con la Cappella di Santa Maria Chiara

Proseguendo lungo la via Alberto Riva Villasanta per un centinaio di metri, prima di arrivare in piazza Italia, prendiamo a destra la via Chiesa, e, dopo centocinquanta metri, troviamo alla sinistra della strada la facciata della Chiesa di San Pietro, che è la principale Chiesa parrocchiale di Pirri. Oggi il suo territorio parrocchiale si estende nel quartiere Monteleone e Santa Rosalia, che si trova nel centro storico di Pirri. La Chiesa originaria, risalente al sedicesimo secolo, era l'unica del quartiere cagliaritano sino ai primi anni cinquanta del Novecento, quando la crescita della popolazione e lo sviluppo di nuovi quartieri abitativi hanno imposto la creazione di altre Chiese parrocchiali. L'edificio aveva la pianta a croce latina, formata da un'unica navata e una Cappella per lato, ma viene ristrutturata ed ampliata tra 1619 e il 1652, in seguito rimaneggiata più volte. L'attuale struttura presenta elementi stilistici del gotico catalano, del classicismo e del barocco. L'interno si sviluppa su un'unica navata, con volta a botte e su ciascun lato si aprono quattro cappelle. La quarta Cappella a sinistra è dedicata all'Immacolata Concezione, e da essa, attraverso una porta, si accede al Santuario di Santa Maria Chiara, costruito nel 1966, dove si custodisce un simulacro ligneo seicentesco, raffigurante la Madonna col Bambino, oggetto di venerazione. Sotto la navata si trova la cripta. La Chiesa ha un campanile nel quale è custodita una campana del 1757 che reca un'iscrizione in spagnolo.

Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale di San Pietro Cagliari-Pirri: interno del parrocchiale di San Pietro Cagliari-Pirri: il Santuario di Santa Maria Chiara

Momenti importanti nella vita di questa parrocchia sono la Festa patronale di San Pietro, la seconda domenica di maggio, e la processione del Corpus Domini. Dal giorno di Pasqua al martedì successivo, si svolge la Festa di Santa Maria Chiara, una delle Feste più famose che si svolgono a Pirri, la cui devozione risale al Medioevo, quando nell'attuale parco di Monte Claro, situato sull'omonimo colle, è stata ritrovata una statua della Santa ritenuta miracolosa. Il culto per la Beata Vergine Santa Maria Chiara viene introdotto dai monaci Cistercensi dell'Abbazia di Chiaravalle nei primi anni del Duecento, e si sviluppa attorno al colle di Monte Claro, alle cui pendici sorgeva un monastero, e dalla cui denominazione deriva il nome col quale la Vergine Maria viene venerata a Pirri. Il monastero, situato tra Cagliari e Pirri, sarebbe stato distrutto dai Saraceni e nello stesso sito sarebbe sorto un romitorio, custodito da un eremita, che ospitava celebrazioni solo in occasione della Festa. La Chiesetta campestre di Santa Maria Chiara viene definitivamente abbandonata in seguito a una rissa scoppiata tra cagliaritani e pirresi, durante lo svolgimento dei festeggiamenti annuali, e si effettua la traslazione del simulacro in legno dipinto, che raffigura la Madonna col Bambino, dalla zona di Monte Claro alla Chiesa di San Pietro Apostolo a Pirri. La sera di Pasqua il simulacro della Vergine viene portato in processione dalla Chiesa di San Pietro Apostolo alla Cappella del Monte Claro ad essa dedicata, per poi essere riportato indietro il martedì successivo.

Da questa Chiesa parrocchiale dipende la Chiesa di Santa Rosalia. Anticamente alla parrocchia erano annesse anche altre due Chiese rurali, una era la Chiesa di San Nicolò, e si tramanda che fosse la prima parrocchia di Pirri, l'altra era dedicata alla Vergine, sotto il titolo di Chiesa di Santa Maria Chiara, la cui titolare si venera ancora oggi, è rimasta famosa per la Festa che annualmente richiamava e richiama folle di fedeli. Entrambe le Chiese, sorte in età medievale, sono state ridotte allo stato profano a metà del Settecento, e infine demolite all'inizio dell'Ottocento.

Il Cimitero di Pirri

Passata la Chiesa parrocchiale, proseguiamo lungo la via Gioacchino Murat, che, dopo duecentocinquanta metri, ci porta in una Piazza, di fronte all'ingresso del Cimitero di Pirri. Ad inizio del 2014 il Comune dovrebbe dare il via all'opera di ampliamento della struttura, in base alla quale il camposanto, inutilizzato per le sepolture dal 2005, verrà dotato di 1.100 loculi e di un centinaio di ossari.

Il Campo Sportivo dell'Uragano

Guardando la facciata del Cimitero, prendiamo a destra la via Cernaia, dopo ottanta metri a sinistra la via Fratelli Cairoli che fiancheggia il Cimitero sulla destra, la seguiamo per trecentocinquanta metri, poi a destra via dei Carbonari, dopo settanta metri prendiamo a sinistra via dei Carbonari, e subito a sinistra via Andrea Vesalio, alla destra della quale si trova il Campo Sportivo Uragano, gestito dalla Associazione Sportiva Uragano Pirri, che milita in seconda categoria.

La Chiesa parrocchiale della Madonna della Fede

Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale della Madonna della FedeProseguendo lungo la via Alberto Riva Villasanta, cinquanta metri dopo la deviazione per la Chiesa parrocchiale arriviamo in piazza Italia, Qui prendiamo a destra la via S'Arriu, dopo centoventi metri, in piazza Medas, prendiamo verso destra la via della Resistenza, che seguiamo per duecentotrenta metri, poi a sinistra via dei Partigiani. La seguiamo per un'ottantina di metri, e troviamo, sulla destra, la via Marzabotto, dove, al civico numero 1, alla sinistra della strada, si trova la piccola Chiesa della Madonna della Fede. Eretta nel 1978 come parrocchia del quartiere Is Bingias e Terramaini, un quartiere di recente urbanizzazione, che si è sviluppato come quartiere residenziale del Centro di Edilizia Popolare, al cui interno è stato realizzato il grosso centro commerciale, una piscina olimpionica e due parchi. Momenti importanti nella vita di questa parrocchia sono la sua partecipazione alla Festa patronale di San Pietro, la seconda domenica di maggio, ed alla processione del Corpus Domini.

Il centro d'arte e cultura La Vetreria con il suo ampio parco

Cagliari-Pirri: i portici di via Italia, arteria principale nel centro storico di PirriRitornati sulla via Alberto Riva Villasanta, passata la piazza Italia, prendiamo la via Italia, che può essere vista come una continuazione di via Alberto Riva Villasanta, e che costituisce la principale arteria nel centro storico di Pirri. Percorsi trecentocinquanta metri, al civico numero 63, alla destra della strada, si trova la ex Vetreria. Si tratta di un fabbricato a corte che all'inizio veniva utilizzato come stabilimento enologico e distilleria, e, dopo alcuni anni, ad esso è stata affiancata una vetreria, di cui è tuttora possibile individuare gli antichi forni di cottura del vetro in mattoni rossi refrattari. I muri originariamente in terra cruda e pietra, sono affiancati da una torretta che presenta fregi liberty e l'incisione del nominativo del primo proprietario. A partire dagli anni '60 lo stabilimento è stato abbandonato e lasciato degradare, fino alla realizzazione, al suo interno, di un centro culturale polivalente. Dal 1990 in esso è ospitato il Teatro La Vetreria, della compagnia teatrale Cada Die Teatro. La superficie totale, tra gli edifici ed il parco annesso, è di 25.000 metri quadrati, e sono presenti giochi per bambini, fontane, diversi attrezzi sportivi e una zona per cani.

Cagliari-Pirri: il centro La Vetreria con il suo ampio parco Cagliari-Pirri: il centro La Vetreria con il suo ampio parco

La ex Stazione Ferroviaria della linea che collegava Cagliari a Quartu Sant'Elena

Cagliari-Pirri: la ex Stazione Ferroviaria della linea che collegava Cagliari a Quartu Sant'ElenaDal 1893 al 1971 Pirri è stata attraversata dalla tranvia extraurbana che collegava Cagliari con Monserrato e con Quartu Sant'Elena, dapprima con trazione a vapore, e in seguito incorporata nella rete tranviaria di Cagliari, servita con tram elettrici. In via De Bosis, una traversa sulla sinistra della via Italia, quattrocento metri più avanti, si trova l'edificio che ospitava la vecchia Stazione Ferroviaria, nota in passato anche come stazione di Monserrato-Pirri, chiusa nel 2008 con l'apertura della metropolitana leggera. Oggi la municipalità di Pirri è servita dalla metrotranvia di Cagliari e dagli autobus dell'azienda cagliaritana CTM.

Le Cantine Picciau

Passata la deviazione in via De Bosis, la via Italia porta poco più avanti fuori dall'abitato di Pirri in diresione di Monserrato. Qui, al civico numero 196 della via Italia, alla sinistra della strada, si trovano gli edifici che ospitano le Cantine di Gigi Picciau.

Cagliari-Pirri: Cantine PicciauLa Gigi Picciau è un azienda che da tre generazioni si occupa di viticultura e di enologia in Sardegna. Essa dispone di 50 ettari di superficie vitata specializzata, situata nelle zone tradizionalmente più vocate a questo tipo di coltura, di una cantina moderna di oltre 15.000 ettolitri di capienza e, soprattutto, delle varietà più importanti dei prodotti tipici regionali. La qualità dei suoi prodotti, quasi sempre DOC è assicurata, oltre che da un'esperienza colturale di antica tradizione, dalla sapiente applicazione della tecnologia più moderna. Sono Vermentino, Pinot, Semidano, Cannonau, Malvasia, Nasco i vitigni i cui caratteri di pregio si esaltano nei vini da essi ottenuti in perfetta armonia con quelli di  natura incontaminata quale è la meravigliosa terra di Sardegna.

A Pirri sono stati rinvenuti i resti della cultura Sub-Ozieri

Tornati indietro lungo la via Italia in direzione del centro, percorsi centosettanta metri prendiamo a sinistra la via Dolianova, seguendo le indicazioni per il centro commerciale Auchan Marconi. Percorsi poco più di duecento metri arriviamo al centro commerciale, alla cui destra si sviluppa il grande quartiere edificato dal Centro di Edilizia Popolare. Sotto le fondazioni dei palazzoni del Cep è stato individuato il più antico insediamento umano di Cagliari, realizzato tra il Neolitico Finale e l'Eneolitico Iniziale, verso il 3200 avanti Cristo. Noto come villaggio di Terramaini, è uno dei due siti nei quali sono stati trovati i primi reperti della Cultura denominata Sub-Ozieri, tra i quali un grosso vaso a pareti convesse. Il sito era anche dotato di un'ampia cisterna romana, a testimoniare la continuità di frequentazione.

Il parco Terramaini

Dalla via Dolianova, percorsi circa duecento metri, prima di arrivare al centro commerciale, prendiamo a sinistra la via Andrea Ampere che, in duecento metri, sbocca sul viale Roberto Pisano. Lo prendiamo verso destra e lo seguiamo iniziando a costeggiare, alla sinistra della strada, il parco urbano di Terramaini. Dopo ottocento metri, prendiamo sulla sinistra la via Andrea Vesalio, e troviamo, sempre a sinistra, trecento metri più avanti, prima che la strada sbocchi lungo il fianco del Riu Saliu, l'ingresso del parco. Con una superficie totale di 127.000 metri quadrati, questo parco è il nuovo polmone verde a disposizione della Città di Cagliari e dell'area più vasta a nord della Città. Nel parco sono allestiti diversi percorsi di tipo ambientale, dotati delle attrezzature per la didattica, per il gioco e lo sport, è luogo ideale per passeggiare, fare jogging o fare ginnastica nelle zone apposite, oppure utilizzare la nuovissima piscina olimpionica. Ci sono gli spazi per giocare a bocce, ma anche uno spazio riservato ai bambini. É disponibile anche un vasto spazio recintato per la libera circolazione dei cani. Tra le specie vegetali presenti olivi, melograni, filliree, carrubi, ginepri, corbezzoli, aranci amari, limoni, piracanta, rosmarino, Santoline, rose.

Cagliari-Pirri: il parco Terramaini Cagliari-Pirri: il parco Terramaini Cagliari-Pirri: il parco Terramaini

La Chiesa parrocchiale di San Giuseppe

Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale di San GiuseppeDa piazza Italia, prendiamo verso nord ovest la via Enrico Toti, la seguiamo per settecentocinquanta metri ed, alla destra della strada, al civico numero 195, si trova la Chiesa di San Giuseppe. È la Chiesa parrocchiale del quartire San Giuseppe, Santa Teresa e Parteòlla, un quartiere adiacente al centro storico, che si è notevolmente sviluppato dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando la popolazione di Pirri si è accresciuta rapidamente, per questo è divenuta una priorità la fondazione di una nuova parrocchia, creata nel 1954. Della Chiesa che la ospita, la prima pietra viene collocata nel 1958. In seguito, nel 1991, all'interno della parrocchia, nasce la Chiesa ed Oratorio di San Giuseppe, con lo scopo di attuare una serie di interventi ricreativi, culturali ed educativi tesi alla prevenzione e riduzione del disagio sociale, venutosi a creare nel quartiere soprattutto dopo la realizzazione, durante gli anni '80, delle case popolari, che modificano il tessuto urbanistico e sociale dell'area.

La Chiesa parrocchiale di San Tarcisio Martire

Cagliari-Pirri: la Chiesa parrocchiale di San Tarcisio MartireProseguendo lungo la via Enrico Toti per circa trecento metri, arriviamo a una rotonda, alla quale proseguiamo dritti su via Barracca Manna, che ci porta nella periferia settentrionale dell'abitato. Dopo ottocentocinquanta metri, continuiamo su via Marmilla e subito svoltiamo a sinistra su via Goceano. Percorso un centinaio di metri, vediamo alla sinistra della strada l'edificio che ospita la Chiesa di San Tarcisio Martire. È la parrocchiale del quartiere Barracca Manna, nato abusivamente, ma in seguito risanato dal Comune che lo ha dotato di strade, rete fognaria e di trasporto pubblico, il cui nome deriva dalla presenza nel 1400 di baracche per controllare i campi, ma che, in base a un referendum, dovrebbe chiamare il propiro nome in La Collina. La parrocchia è stata creata nel 1986, ed i lavori di costruzione della nuova Chiesa e degli annessi locali parrocchiali sono iniziati nel 1999.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nei dintorni di Cagliari si possono visitare diverse località che offrono capacità ricettiva in occasione di particolari occasioni, quando gli alberghi di Cagliari sono pieni. Nella prossima tappa del nostro viaggio, riprenderemo la visita del Campidano di Cagliari, recandoci da Cagliari a visitare Elmas, dove vedremo l'Aeroporto di Cagliari Elmas, che è il principale scalo aereo della Sardegna per passeggeri movimentati, attivo sia per voli nazionali che internazionali.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W