La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Noragugume dove vedremo il suo centro e poi nei dintorni il famoso Menhir Sa Pedra 'e Taleri

In questa tappa del nostro viaggio, entreremo nella Regione storica del Marghine e visiteremo il piccolo borgo agricolo di Noragugume, dove vedremo il suo centro, e poi, nei dintorni, il famoso Menhir Sa Pedra 'e Taleri.

La Regione storica del Marghine

Il MarghineIl Marghine (pronuncia Màrghine) prende il nome dalla omonima catena montuosa, non molto estesa ed idealmente collegata alla vicina catena del Goceano, dalla quale nascono molti fiumi tra i quali il Tirso. Il Marghine è un grande altopiano formato da colate laviche post Mioceniche ad opera dei vulcani del Montiferru. I comuni del Marghine sono: Birori, Bolotana, Borore, Bortigali, Dualchi, Lei, Macomer, Noragugume, Silanus e Sindia. Il Marghine presenta un paesaggio variegato, che conserva un patrimonio ambientale eccezionale. Nel Marghine e nella vicina Planargia vive, ad esempio, il grifone, in una delle ultime colonie presenti nel bacino del Mediterraneo. Una piccola parte settentrionale del Marghine si trova nella Provincia di Sassari, mentre la parte meridionale appartiene alla Provincia di Nuoro.

Visualizza la mappa In viaggio verso Noragugume

Nell'ultima tappa del nostro viaggio, eravamo arrivati a Ottana, al confine tra Barbagia e Marghine. Da qui prendiamo la SP17, verso ovest per sei chilometri e mezzo, poi deviamo a sinistra sulla SP33. Dopo circa otto chilometri, troviamo sulla sinistra una deviazione sulla strada locale che ci arrivare sulla strada di circonvallazione, dalla quale prendiamo a destra ed entriamo nell'abitato di Noragugume. Dal Municipio di Ottana a quello di Noragugume abbiamo percorso 17 chilometri.

Il piccolo borgo agropastorale di Noragugume Informazioni turistiche

Noragugume-Stemma del comuneIl piccolo borgo agropastorale di Noragugume (pronuncia Noragùgume, altezza metri 288, abitanti 383) è situato nella parte centro occidentale della Provincia di Nuoro, ai confini con quella di Oristano, in una zona collinare di tipo alluvionale, a nord est dell'altopiano basaltico di Abbasanta, a nord del lago Omodeo, a sud della catena montuosa del Marghine, affacciato sulla piana di Ottana. I collegamenti stradali sono assicurati dalla SS131 di Carlo Felice, che si trova a tredici chilometri dall'abitato. Il territorio comunale ha un profilo con variazioni altimetriche non molto accentuate, che vanno da un minimo di 141 a un massimo di 310 metri sul livello del mare.

Origine del nome

Il nome, attestato in documenti del 1341 e successivi nella forma Noracucuma, ha un'origine che non è chiara, e che, secondo gli studiosi, potrebbe appartenere allo strato linguistico protosardo. Secondo altri, il paese prenderebbe il nome da un Nuraghe a forma di pentola.

La sua economia

Noragugume ha un'economia basata sulle tradizionali attività agricole e zootecniche. L'agricoltura conserva un ruolo importante nell'economia locale, dato che si producono cereali, frumento, ortaggi, foraggi, olive, uva e altra frutta; inoltre parte della popolazione pratica l'allevamento di bovini, suini, ovini, caprini, equini e avicoli. Il settore economico secondario, modestamente sviluppato, è costituito da piccole aziende che operano nei comparti estrattivo, edile e alimentare. Modesta è anche la presenza del terziario. Le strutture ricettive offrono possibilità di soggiorno ma non di ristorazione. Non è meta di rilevante afflusso turistico.

Brevi cenni storici

Il territorio è stato abitato dall'epoca preistorica, come dimostrato dai diversi monumenti quali il Menhir Sa Perda 'e Taleri e i diversi Nuraghi presenti nella zona, tra i quali significativo è il Nuraghe Tolinu. Nel periodo medioevale il nome del villaggio, che fa parte del Giudicato di Torres nella curatorìa del Marghine, è Nuracogomo o Noracucuma. Successivamente passa sotto il dominio dei Giudici d'Arborea e, più tardi ancora, sotto quello aragonese. Il centro storico dell'attuale borgo risale al quindicesimo secolo, e la Chiesetta di Santa Rughe, ossia di Santa Croce, ne è un'importante testimonianza. Nel corso del diciottesimo secolo entra a far parte dei territori del marchesato del Marghine e viene concesso in feudo ai Pimentel. Del Comune di Noragugume nel 1927, dopo la creazione della Provincia di Nuoro, viene cambiata la Provincia da quella di Cagliari, alla quale precedentemente apparteneva, a quella di Nuoro. Il Comune di Noragugume nel 1928 viene aggregato al Comune di Borore, del quale nel 1939 viene modificata, per la parte relativa a Noragugume, la denominazione da Borore a Dualchi. Il Comune di Noragugume nel 1946 viene separato dal Comune di Dualchi.

Principali Feste e Sagre che si svolgono a Noragugume

Tra le Feste e Sagre che si svolgono a Noragugume, e che sono in grado di richiamare visitatori dai centri limitrofi, si segnalano la Festa di Sant'Antonio Abate, il 16 e il 17 gennaio; la Festa della Madonna d'Itria, il martedì successivo alla Pentecoste; il 24 giugno si celebra la Festa di San Giovanni il 25 luglio la Festa di San Giacomo, che è il Patrono del paese.

Visualizza la mappa Visita del centro del paese

L'abitato è immerso in un suggestivo paesaggio naturalistico, ed è interessato da espansione edilizia. Il suo andamento altimetrico è quello tipico collinare. Arriviamo a Noragugume con la SP33 e prendiamo a sinistra la strada di criconvallazione del paese.

Il Cimitero di Noragugume

Lungo la strada di circonvallazione di Noragugume che seguiamo in senso orario, percorsi circa trecentocinquanta metri dal cartello indicatore dell'abitato, prendiamo tutto a destra una strada in salita seguendo le indicazioni per il Cimitero e per il parco di San Giovanni, dopo duecento metri svoltiamo a sinistra in via San Giovanni, la seguiamo per un'ottantina di metri lasciando sulla sinistra il parco, poi, seguendo le indicazioni, imbocchiamo a sinistra una stretta strada che, in meno di un centinaio di metri, ci porta all'ingresso del Cimitero di Noragugume.

Il Campo da Calcio di Noragugume

Evitando la deviazione per il Cimitero, riprendiamo la strada di circonvallazione di Noragugime, la seguiamo per circa cinquecento metri, poi prendiamo a destra, seguendo anche qui le indicazioni per il Cimitero e per il parco San Giovanni, la via Don Falchi, che ci porta all'intrno dell'abitato. Subito alla sinistra della strada si trova il Campo da Calcio di Noragugume.

Il Municipio di Noragugume

Noragugume-Municipio di NoragugumeDopo aver seguito per cento metri la via Don Falchi, prendiamo a sinistra la via S'Ortu e S'Ena, la seguiamo per duecento metri, fino a dove la strada sbocca sulla via Vergine d'Itria. Prendiamo questa strada verso destra e la seguiamo per centocinquanta metri, e troviamo alla destra di questa strada la piazza IV Novembre, nella quale, al civico numero 1, si trova l'edificio del Municipio di Noragugume, che ospita la sua sede e gli uffici in grado di fornire i loro servizi ai cittadini.

La Chiesa della Beata Vergine o della Madonna d'Itria

Noragugume-Chiesa della Beata Vergine o della Madonna d'ItriaDi fronte al palazzo del Municipio, al centro della Piazza, si trova la Chiesa della Beata Vergine o della Madonna d'Itria, di impianto gotico-catalano, edificata nel 1623. La Chiesa, posta al centro del paese, ha una facciata di forma rettangolare rivolta ad occidente, con un bel portale ad arco a tutto sesto in trachite rossa di stile aragonese, e sul lato destro si eleva il campanile a vela. Sul fianco destro si apre una porta laterale, che nell'architrave reca incisa la scritta S. Maria Itria 1623 e il crittogramma IHS, ossia Iesus Hominum Salvator, tra due foglie di quercia e un cherubino. L'interno è a navata unica, affiancata da due cappelle per parte, e terminante con la Cappella dell'altare principale, nella quale si trova un monumentale Retablo, nella cui nicchia centrale è alloggiato il gruppo statuario della Vergine d'Itria. La copertura è un tetto a due spioventi impostato su due archi acuti. La Chiesa è stata ristrutturata ne 1985, e durante tali lavori sono stati rinvenuti numerosi resti umani, con indumenti ed oggetti di particolare interesse, a testimonianza sia dell'usanza di seppellire i defunti dentro le Chiese, ma anche della maestria degli artigiani dell'epoca nel lavorare il ferro, il legno e la terracotta.

Molto sentita è la Festa della Madonna d'Itria, che si tiene il martedì successivo al giorno della Pentecoste. Nel corso di tale Festa si svolge anche un'Ardia, ossia una corsa dei cavalieri che si lanciano al galoppo attorno al Santuario con lo stendardo per atto devozionale, che affonda la sua identità nelle tradizioni del luogo.

La Chiesa parrocchiale di San Giacomo Apostolo

Noragugume-Chiesa parrocchiale di San Giacomo ApostoloIl paese è edificato attorno alla Chiesa di San Giacomo Apostolo, che è la Chiesa parrocchiale di Noragugume. Molto scarse sono le notizie sulla Chiesa di Noragugume, se non quella della sua collocazione temporale nel Seicento, ma la Chiesa attuale è di nuova costruzione, edificata nel 1960. La Chiesa è stata dedicata a uno dei dodici apostoli, ossia a Giacomo di Zebedeo, poi detto il Maggiore per distinguerlo dall'apostolo omonimo, Giacomo di Alfeo. Giacomo è stato il primo degli Apostoli a subire il martirio, a Gerusalemme, tra il 42 e il 44 dopo Cristo.

La Festa di San Giacomo Apostolo, che è la Festa patronale di Noragugume, si celebra ogni anno il 25 di luglio.

La Chiesa di Santa Croce

Proseguando lungo la fiancata destra della Chiesa parrocchiale, in direzione della via Roma, troviamo alla sinistra della strada la piccola Chiesa di Santa Croce, eretta durante il Medioevo, come testimoniato da un'iscrizione presente all'interno, che permette di datare l'edificio sacro intorno al 1500 circa, probabilmente nel 1593.

Noragugume-Chiesa di Santa Croce Noragugume-Chiesa di Santa Croce: interno

Visualizza la mappa Nei dintorni di Noragugume

Nei dintorni di Noragugume sono stati portati alla luce i resti del Menhir di Sa Pedra 'e Taleri, che è il più alto del Marghine, presso cui si trovano anche alcune Domus de Janas; della Tomba di giganti Carchinadas; del Protonuraghe Irididdo; dei Nuraghi semplici Carchinadas, Cherchizzos, Lizzera, Muresune, Muros, Rujos; ed anche del Nuraghe complesso Tolinu.

 

Il Menhir Sa Pedra 'e Taleri

Dal centro di Noragugume, presa la circonvallazione torniamo sulla SP33 in direzione di Ottana, la seguiamo, passiamo un interessante residuo di archeologia industriale sulla sinistra, e, dopo circa un chilometro e mezzo, troviamo una strada bianca sulla destra che conduce, dopo poco più di un chilometro, a una cava di sabbia. Nei campi, sul lato destro della strada, vediamo il Menhir Sa Pedra 'e Taleri. Se avete difficoltà a trovarlo e volete chiedere informazioni alle persone del luogo, non chiamatelo Menhir ma con il nome sardo di Pedra Fitta, ossia pietra infissa nel terreno, perché altrimenti non sanno darvi le indicazioni. È il più importante Menhir del Marghine, un Menhir protoantropomorfo alto quattro metri e trenta centimetri. Più avanti, sull'altro lato della strada, nei campi sono presenti anche alcune Domus de Janas.

Noragugume: un residuo di archeologia industriale Noragugume-Menhir Sa Pedra 'e Taleri nella campagna Noragugume-Menhir Sa Pedra 'e Taleri nella campagna Noragugume-Menhir Sa Pedra 'e Taleri visto in primo piano Noragugume-Menhir Sa Pedra 'e Taleri in controluce Noragugume-Menhir Sa Pedra 'e Taleri in controluce

Resti del Nuraghe complesso Tolinu

Noragugume-Nuraghe TolinuDa Noragugume prendiamo verso sud la SP86 per Sedilo. Dopo circa un chilometro, svoltiamo a sinistra e continuiamo per un chilometro e mezzo sino alla fine della strada, dove troviamo il Nuraghe Tolinu. È un Nuraghe complesso, composto da un mastio centrale, circondato da un grande bastione che collega almeno una torretta laterale. La torre centrale, di forma ellittica, ha un diametro di quasi dodici metri. A causa delle macerie non è possibile accedere al piano terra della torre centrale. Oggi possiamo vedere solo una piccola parte del primo piano, invasa dalla vegetazione. Si vede una nicchia ed una parte della scala che portava al piano superiore, che non è più presente. Il bastione, in alcuni punti, si eleva ancora per oltre otto metri. La parte destra del monumento, dove probabilmente era l'ingresso del bastione, è invasa da materiale di crollo. Gran parte della struttura è ancora interrata, per cui non è possibile stabilirne la planimetria.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, raggiungeremo Dualchi, che visiteremo con le numerose Chiese ed i siti archeologici che si trovano nei suoi dintorni.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W