La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Perdasdefogu nei cui dintorni si trova il Poligono Militare di Salto di Quirra ed i danni prodotti alla salute

In questa tappa del nostro viaggio, da Jerzu scenderemo verso sud, fino a raggiungere la cittadina chiamata Perdasdefogu, che si trova ai confini con la provincia del Sud Sardegna, che visiteremo con il suo centro ed i dintorni, con i siti naturalistici ed archeologici che vi si trovano, e con il Poligono Militare di Salto di Quirra. Parleremo anche della nascita di bambini malformati e le morti sospette intorno al Salto di Quirra.

La regione storica dell'Ogliastra

L'OgliastraL'Ogliastra è una regione centrale della Sardegna orientale, sconosciuta al turismo di massa fino a pochi decenni fa, che affascina ancora oggi per la sua natura selvaggia e per le sue spiagge. I comuni che ne fanno parte appartengono tutti alla provincia di Nuoro, e sono: Arzana, Barì Sardo, Baunei, Cardedu, Elini, Gairo, Girasole, Ilbono, Jerzu, Lanusei, Loceri, Lotzorai, Osini, Perdasdefogu, Talana, Tertenia, Tortolì, Triei, Ulassai, Urzulei, Ussassai e Villagrande Strisaili. Le sue spiagge sono alternate a piccole cale dalle acque di cristallo, contornate da scogliere di granito che, nella parte alta della Regione, diventano di porfido rosso. Si tratta di una regione dal paesaggio aspro e selvaggio, dove rilievi e tavolati si alternano a gole profonde.

In viaggio verso Perdasdefogu

Usciamo da Jerzu verso sud con la via Italia, passiamo l'incrocio con la via Josto Miglior, e, dopo un paio di chilometri, troviamo la deviazione sulla sinistra che ci porta ad imboccare la SP13, la strada provinciale che ci porterà verso sud ovest, in poco più di venti chilometri, a raggiungere l'abitato di Perdasdefogu. Jerzu-I due tacchi di Porcu 'e Ludu a sinistra e di Troiscu sulla destra percorrendo la SP13Jerzu-Il Monte Corongiu che è il più significativo tacco dell'OgliastraSi tratta di una strada immersa nello splendido scenario dei tacchi, altopiani calcareo dolomitici che si ergono a picco il cui nome deriva dalla tipica conformazione simile ad un tacco di scarpa, caratterizzati da vasti affioramenti di rocce paleozoiche, rappresentate da scisti del Siluriano, che costituiscono il basamento cristallino sul quale poggiano formazioni calcaree del mesozoico. La strada scorre in una conca circondata da picchi dolomitici, tra i quali spiccano i due tacchi di Porcu 'e Ludu, a sinistra, e Troiscu, sulla destra, e spicca particolarmente quello del Monte Corongiu. Dal Municipio di Jerzu a quello di Perdasdefogu si percorrono 22.4 chilometri.

La cittadina chiamata Perdasdefogu Informazioni turistiche

Perdasdefogu-Veduta dell'abitatoPerdasdefogu-Stemma del ComuneIl centro agropastorale Perdasdefogu (nome in lingua sarda Foghesu, metri 599, abitanti 2.365) è situato nella parte sud orientale della provincia di Nuoro, posizionato nella valle del Riu Flumineddu, su un altopiano arroventato dal sole, ai confini con la provincia del Sud Sardegna, nell'entroterra costiero, a nord dell'altopiano del Salto di Quirra. L'abitato è raggiungibile con la SS387 del Gerrei, il cui tracciato si snoda a trentuno chilometri dall’abitato. Il territorio comunale ha un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate, che vanno da un minimo di 137 a un massimo di 771 metri sul livello del mare.

La longevità dei suoi abitanti

Perdasdefogu-Foto della centenario famiglia Melis di PerdasdefoduPerdasdefogu è nota per la longevità dei suoi abitanti. Il terzo World Guinnes Record è giunto il pomeriggio del 10 ottobre 2014 con un pony express, e da Londra ha certificato che i nove fratelli Melis di Perdasdefogu, figli di Francesco del 1880, e di Eleonora Mameli del 1889, erano il nucleo vitale della famiglia più longeva del mondo. Complessivamente sommavano 837 anni e 6 giorni, verificati al 20 giugno di quell'anno dai cacciatori di record del Regno Unito. La capostipite Consola Melis, nel 2014, aveva raggiunto i 107 anni, seguita da otto fratelli ultranovantenni e ultraottantenni per un totale di 828 anni, ed anche la sorella Claudina aveva compiuto nel 2014 101 anni, per morire due anni dopo. Perdasdefogu-Preparazione del Melis Family MinestroneSi tratta di una famiglia con vari Guinnes mondiali, che ha anche conquistato il riconoscimento per la realizzazione del minestrone più salutare del pianeta. Il Melis Family Minestrone è salito in cattedra a New York, davanti a numerosi nutrizionisti e chef pentastellati, tanto che il giornalista Dan Buettner, presentando un libro edito da National Geographic Society, aveva spiegato che il «vero minestrone della longevità viene cucinato a Perdasdefogu, nel cuore della Sardegna» col «copyrigt della famiglia Melis che mangia solo le verdure del proprio orto».

Origine del nome

Perdasdefogu è una parola composta, Perdas de Fogu, che in lingua sarda significa Pietre di Fuoco. Secondo alcuni il nome potrebbe derivare dalla presenza di pietre di silice, con le quali l'uomo primitivo accendeva il fuoco, e a questo proposito va considerato che perda, pedra, preda de fogu significa in tutta la Sardegna pietra focaia, e si deve pertanto dedurre che il nostro villaggio avrebbe preso nome dalla particolare abbondanza di rocce silicee, quelle che nel passato venivano usate, a schegge, come pietre focaie. Secondo altri potrebbe indicare le pietre infuocate, ossia le rocce calcaree ricche di calce arroventate dal sole, utilizzate per le fornaci per la produzione di calce sulle quali si sviluppa l'abitato, tanto che gli abitanti, nella loro variante della lingua sarda, chiamano il centro abitato con il nome Foghesu, aggettivo riferito a fogu ossia fuoco, che significa fornace. Altri ritengono invece che le pietre del fuoco sarebbero il litantrace e l'antracite, di cui esistono giacimenti nella zona mineraria e carbonifera.

La sua economia

Si tratta di un comune collinare, che ha un'economia basata sul settore primario e secondario. Il settore primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, ulivi, agrumeti, viti e altri alberi da frutta, ed anche con l’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini e avicoli. L’industria è discretamente sviluppata, dato che si registra un rilevante numero di aziende che operano nei comparti alimentare, della fabbricazione di mobili, della produzione e distribuzione di energia elettrica ed edile. Il terziario non assume dimensioni rilevanti. Perdasdefogu è meta di discreto afflusso turistico, dato che le bellezze naturali dell’ambiente circostante rappresentano delle notevoli attrattive, soprattutto per gli amanti dell’escursionismo naturalistico. Da non perdere è la visita alle vaste distese del Salto de Quirra, su cui domina la vetta del monte Cardigga, di forma trapezoidale, ed al rio Flumineddu, circondato da splendidi panorami. La sua vicinanza alla costa costituisce, inoltre, un’attrazione per coloro che dal mare desiderano spostarsi verso l’interno senza percorrere troppi chilometri. Nelle sue vicinanze è possibile ammirare anche interessanti siti archeologici, come quello del nuraghe Arras e della fontana Peddi de Cani. L’apparato ricettivo offre possibilità di ristorazione e di soggiorno.

Brevi cenni storici

Fu abitata sin dall’età preistorica. L'area fu abitata già in epoca prenuragica ed in epoca epoca nuragica, come di ostrato dallla presenza sul territorio di alcuni nuraghi, e di varie testimonianze archeologiche. Nel Medioevo appartenne al giudicato di Cagliari e fece parte della curatoria del Sarrabus. Per molti secoli è rimasto in completo isolamento, problema che non è stato del tutto superato ancora oggi, prima di entrare nell'undicesimo secolo a far parte del Giudicato di Cagliari, nella curatoria di Sarrabus. Nel 1258, alla caduta del giudicato, passa sotto il dominio del comune di Pisa e, nel 1323, passa sotto il dominio aragonese. Nel 1363 il re d'Aragona Pietro IV il Cerimonioso incorpora il paese nella contea di Quirra, data in feudo a Berengario Carroz. Nel 1603 la contea viene trasformata in marchesato, feudo prima dei Centelles e poi degli Osorio de la Cueva, ai quali viene riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale. Notevole è stato in quegli anni e negli anni successivi il movimento migratorio, che ha provocato un consistente calo demografico. Del comune di Perdasdefogu nel 1927, dopo la creazione della provincia di Nuoro, viene cambiata la provincia da quella di Cagliari, alla quale precedentemente apparteneva, a quella di Nuoro. Successivamente nel 2001, con la riorganizzazione delle Province della Sardegna, viene cambiata la provincia da quella di Nuoro a quella nuova dell'Ogliastra, ed in seguito, con la sua abolizione, nel 2016, ritorna ad appartenere alla provincia di Nuoro.

Sagre e Feste che si svolgono a Perdasdefogu

Perdasdefogu-Il Gruppo Folk Silvana Coni Pro Loco di PerdasdefoguA Perdasdefogu è attivo il Gruppo Folk Silvana Coni Pro Loco di Perdasdefogu, i cui componenti si esibiscono nelle Feste e Sagre che si svolgono nel comune ed anche in altre località, nel costume tradizionale di Perdasdefogu, che, sia maschile che femminile, è stato ricostruito prendendo a modello gli ultimi esemplari rimasti che risalgono alla fine dell'Ottocento e ai primi del Novecento, ed è una riproduzione fedele di quelli indossati in passato dagli abitanti. I colori dei tessuti ricordano quelli della campagna che circonda il paese, lo scialle del costume femminile è pazientemente ricamato a mano e la gonna è finemente pieghettata, un particolare risalto all'abito maschile viene dato da un grande mantello in orbace detto Su Saccu 'e Coddusu, riportato alla luce nel 2010.

Tra le principali Feste e Sagre che si svolgono a Perdasdefogu meritano di essere citate, il 20 gennaio, la Festa di San Sebastiano; durante la Settimana Santa si svolge la Sagra de Su Nenniri; l'ultima domenica di maggio, la Festa di Santa Barbara e Sant'Isidoro, che si svolge nella Chiesa campestre dedicata a Santa Barbara; Perdasdefogu-Manifesto di Logus e SonusPerdasdefogu-Manifesto di Foghesu canta FoghesuPerdasdefogu-Manifesto di SetteSere SettePiazze SettelibriPerdasdefogu-Manifesto di Gustando i prodotti della longevitàa giugno, la manifestazione Logus e Sonus, una passeggiata ecologica attraverso i luoghi più rappresentativi del territorio foghesino; il 29 giugno, si celebra la Festa di San Pietro, con festeggiamenti religiosi e civili in onore del Santo Patrono; a fine luglio, la manifestazione Foghesu canta Foghesu, una tre giorni di convegni, mostre ed esposizione dei prodotti tipici della tradizione enogastronomica ed artigianale fogheslna, e culmine della manifestazione è la Sagra de Is Culurgionis, preparati dalle donne secondo l'antica ricetta foghesina e distribuiti in Piazza; tra fine luglio e l'inizio di agosto, la manifestazione SetteSere SettePiazze SetteLibri, una settimana dedicata alla cultura ed alla narrativa con presentazione di libri di autori e giornallstl sardi, nazionali ed internazionali; la prima domenica di settembre, la manifestazione Gustando i prodotti della longevità, con distribuzione e degustazione di prodotti tipici della gastronomia tradizionale foghesina; il 12 settembre, la Festa di San Salvatore e di San Giovanni Battista, che si svolge nella Chiesa campestre dedicata a San Salvatore.

La Sagra de Su Nenniri durante la Settimana Santa

Perdasdefogu-Su NenniriGli abitanti del paese sono particolarmente legati alle tradizioni religiose. Durante la Settimana Santa, si svolge la Sagra de Su Nenniri, per la quale si procede alla preparazione anche in questa località come in molte altre della Sardegna di Su Nenniri, segno di vita nuova, che viene prodotto mettendo il grano in una pentola di terracotta, con il lino pestato e dell'acqua, e viene lasciato al buio per tre settimane sotto il letto a germogliare. Viene, quindi, utilizzato in occasione del giovedì e del venerdì santo per abbellire gli altari, ed è protagonista di un rito propiziatorio di fertilità.

Visita del centro della cittadina

L'abitato, immerso in uno scenografico paesaggio naturalistico, è interessato da una forte espansione edilizia, ed il suo andamento altimetrico è quello tipico collinare. Arrivando da Jerzu, dopo aver percorso circa tredici chilometri e duecento metri sulla SP13, arriviamo a una curva a sinistra dove, alla destra della strada, si trova una piccola rotonda verso una strada secondaria al centro della quale si trova il cartello segnaletico indicativo della località. Passata la curva, si arriva all'abitato di Perdasdefogu, all'interno del quale la SP13 assume il nome di corso Vittorio Emanuele.

La Fontana de Susu

Perdasdefogu-La Fontana de SusuPercorsi duecento metri lungo il corso Vittorio Emanuele, vediamo alla sinistra della strada una antica fontana chiamata Fontana de Susu. Qui prendiamo sulla destra del corso Vittorio Emanuele la deviazione che, in salita, seguita per poco più di altri duecento metri, porta a un bivio, dove arriva da sinistra la via 4 Novembre, mentre noi prendiamo verso destra la stretta strada in salita con fondo in cemento. Percorsa per una settantina di metri, svoltiamo a destra e prendiamo la via Goffredo Mameli che, in un centinaio di metri, ci porta a vedere alla destra della strada, la Chiesa di San Sebastiano, una Chiesa preromanica edificata nella parte alta del paese, a 670 metri di altezza.

La Chiesa di San Sebastiano

Perdasdefogu-Chiesa di San SebastianoLa Chiesa di San Sebastiano è un edificato sacro edificato tra l'anno 850 ed il 1000 e dedicato al culto del Martire. Ha subito, nei secoli, diverse modifiche come riporta lo scrittore locale, Felice Tegas, nella sua opera «Tra Passus Antigus de Foghesu». Dalle ricerche sulla sua origine compiute dall’autore emerge che «la intitolarono a San Sebastiano di cui furono molto devoti e per cui il rione, ossia Su Iginau, prese il toponimo (…) La chiesa fu costruita su due navate con quella centrale più ampia rispetto a quella di destra (…) Fu costruzione bassa, rustica, economica, senza intonaci e senza pretese se non quella di accogliere i fedeli per i riti cristiani (…)». La piccola chiesa in pietra e tufo viene ulteriormente ingrandita tra la fine del Cinquecento ed i primi anni del Seicento, quando le navate da due vengono portate a tre, e la Chiesa accoglie anche elementi tipici dell’età aragonese. Lo spostamento dell’agglomerato urbano ha causato anche il suo abbandono e, negli anni Quaranta dello scorso secolo, è collassata su se stessa. Successivamente, l’amministrazione redige un progetto di salvaguardia, e nel 1996 viene inaugurata la Chiesa ristrutturata, che oggi è caratterizzata da tre ampie navate separate da basse arcate sostenute da massicci pilastri e pavimento in coccio. La copertura lignea è sostenuta da capriate. Nell’abside è collocato l’altare maggiore in pietra sovrastato da tre particolari nicchie decorate. L'intonaco interno ricopre preziosi affreschi, come la croce greco-bizantina e il monogramma di Costantino. Negli anni Ottanta del secolo scorso, quando l’ufficio tecnico locale procede alla perimetrazione dell’area ecclesiale, gli stessi residenti de Su Iginau de Santu Serbestianu, si fanno carico di ripulire e vigilare sulle sue mura.

Perdasdefogu-Chiesa di San Sebastiano Perdasdefogu-Chiesa di San Sebastiano Perdasdefogu-Chiesa di San Sebastiano Perdasdefogu-Chiesa di San Sebastiano

Perdasdefogu-Celebrazioni religiose per la Festa di San SebastianoOgni anno a Perdasdefogu, il 20 gennaio, si celebra la Festa di San Sebastiano, ossia de Santu Serbestianu. In questa occasione, la statua del Santo viene portata in processione, dalla Chiesa parrocchiale di San Pietro fino a quella dedicata al Martire, dove si svolgono le celebrazioni religiose. Al termine di queste celebrazioni, i volontari che hanno partecipato all'organizzazione della Festa si prodigano nella distribuzione ai partecipanti delle arance, che ovunque in Sardegna accompagnano il culto del Santo. E sempre in Sardegna, la notte del 20 gennaio, data della ricorrenza religiosa, coincide con l’avvio degli antichi riti carnevaleschi.

L'anfiteatro tra il corso Vittorio Emanuele e la via 4 Novembre

Perdasdefogu-Lo spazio aperto con gradinate tra corso Vittorio Emanuele e via 4 NovembreRitorniamo sul corso Vittorio Emanuele, e, procedendo verso sud. Quattrocentocinquanta metri più avanti rispetto a dove avevamo preso la deviazione per la Chiesa di San Sebastiano, arrivati nel centro del paese, vediamo alla destra del corso Vittorio Emanuele un ampio spazio aperto con gradinate, che si sviluppa tra questo e la via 4 Novembre, e che costituisce un anfiteatro adatto per lo svolgimento di manifestazioni ed eventi cittadini. Percorsi altri cinquanta metri verso sud lungo il corso Vittorio Emanuele, sempre alla destra della strada parte il vico Roma, lungo il quale si trova, sulla destra, la piazza San Pietro con la sua Chiesa.

La Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo

Nella piazza San Pietro si affaccia la Chiesa di San Pietro Apostolo, che è la parrocchiale di Perdasdefogu. Edificata alla fine del diciannovesimo secolo, ha una struttura in stile classico, caratterizzata da una pianta a croce latina articolata in una sola navata con volta a tutto sesto su cui si affacciano le cappelle laterali. L’alta facciata esterna, assai simile a quella della parrocchiale di Barì Sardo, è conclusa nella parte superiore da un semplice motivo curvilineo, ed accoglie al centro un bellissimo portone con intarsiato, sovrastato da una finestra con vetri policromi. Sul lato sinistro del prospetto s’innalza il massiccio raffinato campanile a base rettangolare, alleggerito nella parte superiore da quattro larghe aperture e concluso da un piatto terminale con croce. All’interno della Chiesa sono custoditi interessanti arredi sacri come una bella croce gigliata, un pregiato ostensorio del Seicento, il gruppo scultoreo raffigurante San Giorgio e il drago, le statua di San Sebastiano e di San Liberato.

Perdasdefogu-Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo Perdasdefogu-Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo Perdasdefogu-Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo

Perdasdefogu-Festa patronale di San Pietro ApostoloPerdasdefogu-Festa patronale di San Pietro ApostoloOgni anno a Perdasdefogu, la domenica più vicina al 29 giugno, si celebra la Festa di San Pietro, che è la Festa patronale. La Festa viene preceduta, dal giovedì al sabato, da un triduo di preparazione. Poi nella domenica si svolgono diverse Messe e festeggiamenti religiosi in onore del Santo Patrono. A questi segue il lunedì la celebrazione di diverse Messe, seguite dalla processione accompagnata dal gruppo folk, che porta il simulacro del Santo lungo tutte le principali strade del paese, dopo la quale viene celebrate la Messa solenne. Si svolgono, inoltre, diverse manifestazioni civili, canti e balli, e spettacoli in piazza.

Il Monumento ai Caduti sul Lavoro e la Biblioteca Comunale intitolata a Daniele Lai

Perdasdefogu-La piazza Caduti sul Lavoro con il Monumento e la Biblioteca ComunaleRitornati sul corso Vittorio Emanuele, percorriamo verso sud altri centosettanta metri, e arriviamo a dove parte verso sinistra la via Bacaredda. Tra il corso Vittorio Emanuele e questa strada si trova la piazza Caduti sul Lavoro riqualificata sia dal punto di vista estetico che funzionale nel 2005. Si tratta di uno slargo piastrellato nel quale è ospitato il Monumento ai Caduti sul Lavoro di Perdasdefogu. Dietro al monumeto di affaccia l'edificio che ospita la Biblioteca Comunale, il cui indirizzo è al civico numero 1 della via Bacaredda. La Biblioteca Comunale è intitolata a Daniele Lai, il primo maestro elementare di Perdasdefogu, che ha fatto del sapere e dell'istruzione la sua ragione di vita.

La grande piazza Europa

Perdasdefogu-Is Orgiolas nel 1946Perdasdefogu-Is Orgiolas nel 1958Perdasdefogu-La piazza Europa oggiRiprendiamo il corso Vittorio Emanuele verso sud e, percorsi centocinquanta metri, si apre alla sinistra della strada la grande piazza Europa. Un tempo, lo sterrato denominato Is Orgiolas veniva utilizzato per la trebbiatura del grano e per il ricovero degli animali. Tra gli anni Cinqunta e Sessanta del secolo scorso, sulla scia dell'entusiasmo suscitato dala squadra del Cagliari, in Sardegna il Calcio diventa sport di massa. Così lo sterrato viene utilizzato come campo di calcio, con però la condizione che le partite fossero consentite solamente in inverno e in primavera, perché d'estate il campo serviva ai contadini per la trebbiatura. Nel 1964, con la costruzione del nuovo Municipio e con il progressivo abbandono dell'agricoltura, nasce l'idea che il grande spiazzo possa diventare un giardino. Così l'aia diventa una piazza. Il nome Piazza Europa viene deliberato dal Consiglio Comunale nel 1966.

La grande piazza Europa con il Municipio di Perdasdefogu

Perdasdefogu-Il Municipio di Perdasdefogu durante la sua costruzione nel 1964Perdasdefogu-Il Municipio di Perdasdefogu oggiLa grande piazza Europa ha una forma di triangolo isoscele, e si sviluppa tra il corso Vittorio Emanuele a poi la via Grazia Deledda verso ovest, la via Cristoforo Colombo verso est, e la via Giovanni Maria Angioy a sud. Nel suo lato meridionale, al suo civico numero 1, si trova l'edificio che ospita il Municipio di Perdasdefogu, la cui facciata si affaccia sulla grande piazza alberata, ed il cui retro si posiziona sulla via Giovanni Maria Angioy. Nell'edifico è presente la sede del Municipio, e vi si trovano tutti gli uffici in grado di fornire i loro servizi ai cittadini di Perdasdefogu.

La Palestra Freestyle Fit

Siamo arrivati con il corso Vittorio Emanuele nella piazza Europa. Proseguiamo verso sud lungo il corso Vittorio Emanuele, che costeggia sulla destra la piazza, e dopo centocinquanta metri, svoltiamo a destra subito prima del Parco Giochi e prendiamo la via E Castiglia che, dopo un centinaio di metri, continua sulla via Massimiliano Kolbe, la seguiamo per centocinquanta metri e vediamo, al civico numero 7, alla sinistra della strada, la Palestra della Associazione Sportiva Dilettantistica Freestyle Fit la cui principale attività è quella di promuovere le arti marziali organizzando corsi rivolti a bambini, ragazzi e adulti.

Perdasdefogu-Palestra Freestyle Fit: ingresso Perdasdefogu-Palestra Freestyle Fit: interno

In questa palestra opera la Società Sportiva Taekwondo Sport Perdasdefogu, nata nel 1987, nella quale si pratica questa arte marziale coreana da combattimento a contatto pieno basata principalmente sull'uso di tecniche di calcio. La società, con oltre venti medaglie conquistate a livello nazionale, nel 2009 ha conquistato una medaglia di bronzo ai Campionati Italiani con Giacomo Lai, nella categoria degli atleti con -55 chili di peso.

Il Cimitero di Perdasdefogu

Perdasdefogu-Il muro di cinta e l'ingresso del Cimitero di PerdasdefoguSiamo arrivati con il corso Vittorio Emanuele nella piazza Europa. Proseguiamo verso sud lungo il corso Vittorio Emanuele, che costeggia sulla destra la piazza, e dopo cinquecento netri, si trova alla sinistra della strada la sopraelevata che porta al muro di cinta del Cimitero di Perdasdefogu, lungo il quale si trova anche il suo portone di ingresso.

Visita dei dintorni di Perdasdefogu

Nei dintorni di Perdasdefogu sono stati portati alla luce i resti del Nuraghe complesso Mont'e S'Orku Tueri; Perdasdefogu-L'osservatorio astronomicoed anche dei Nuraghi Arras, Cea Usasta, Perduxeddu, Prediargiu, San Pietro, Truncone, Trutturis, tutti di tipologia indefinita. L'assenza di abitazioni nei dintorni hanno reso Perdasdefogu la posizione ideale per l'osservatorio astronomico, che anni è presente su una collina subito fuori dall'abitato. La cittadina chiamata Perdasdefogu è, infatti, situata in una posizione assolutamente isolata e per questo ha sempre vissuto di un'economia autosufficiente, con scarsi contatti con gli altri paesi dell'Isola. Infatti, da qualsiasi località si cerchi di raggiungerlo, sia da nord, da Jerzu come stiamo facendo noi, che dalla più comoda strada che la collega, a ovest, con Escalaplano, la strada è costituita da un lungo percorso nel quale non si incontra un'abitazione o qualsiasi altro segno della presenza umana.

Perdasdefogu-Paesaggio devastato dagli incendi Perdasdefogu-Paesaggio devastato dagli incendi

Solo le tracce dei troppo numerosi incendi che distruggono in estate la vegetazione di tanta parte della Sardegna. Il suo isolamento ha fatto della cittadina Perdasdefogu l'unico grande centro agricolo e soprattutto pastorale di tutta la zona.

Il Campo di Tiro a Volo

Lungo la SP13 che ci ha portati da Jerzu a Perdasdefogu, circa tre chilometri e trecento metri prima di arrivare alla curva a sinistra derso l'abitato, poco più di un centinaio di metri dopo il cartello segnaletico indicativo del chilometro 19, troviamo una strada verso destra con le indicazioni per il Campo di Tiro a Volo, che raggiungiamo dopo circa un chilometro.

Perdasdefogu-Campo di Tiro a Volo: ingresso Perdasdefogu-Campo di Tiro a Volo: le postazioni di tiro

La Pista da Motocross di Perdasdefogu

Lungo la SP13 che ci ha portati da Jerzu a Perdasdefogu, circa un chilometro e trecento metri prima di arrivare alla curva a sinistra verso l'avitato, poco più di un centinaio di metri dopo il cartello segnaletico indicativo del chilometro 21, troviamo una strada verso sinistra che seguiamo per duecentocinquanta metri, poi prendiamo una sterrata lungo la quale, alla destra, si trova il cancello per l'ingresso alla Pista da Motocross, nella quale si pratica il Motociclismo sportivo su fondo naturale.

Perdasdefogu-Pista da Motocross: ingresso Perdasdefogu-Pista da Motocross: la pista

Il Campo Sportivo

Da dove eravamo arrivati in piazza Europa, prendiamo indietro, verso nord, il corso Vittorio Emanuele, dopo duecento metri prendiamo a sinistra la via Umberto, le seguiamo per duecentocinquanta metri, poi svoltiamo a sinistra in via Regina Elena, dopo duecento metri prendiamo a sinistra, seguendo le indicazioni per la zona artigianale, la via Nuraxi, che esce dall'abitato verso nord. Seguita per settecentocinquanta metri, troviamo una deviazione sulla sinistra che in una cinquantina di metri conduce all'ingresso del Campo da Calcio di Perdasdefogu, dotato di tribune in grado di ospitare 240 spettatori.

Perdasdefogu-Campo di Caòcio: ingresso Perdasdefogu-Campo di Calcio: veduta del campo

In questo campo gioca le sue partite interne la squadra di calcio della cittadina, che è la Società Sportiva Perdasdefogu, nata nel 1969, che gioca nel girone C sardo della Prima Categoria.

La Cappella di Santa Barbara

Perdasdefogu-La Cappella di Santa BarbaraUscendo lungo la via Regina Elena dall'abitato verso nord ovest, percorsi circa trecentocinquanta metri arriviamo a un bivio dove la via Regina Elena prosegue verso sinistra, la prendiamo seguendo le indicazioni per il Parco Naturale, dopo ottocentocinquanta metri svoltiamo a sinistra e, percorse poche decine di metri, vediamo alla destra della strada un recinto, all'interno del quale si trova la Cappella di Santa Barbara. Tutto intorno a questa Cappella si sviluppa l'ampio bosco di Santa Barbara, una folta foresta di lecci che costituisce il luogo ideale per trascorrere del tempo all'aria aperta e a stretto contatto con la natura.

Presso questa Chiesetta campestre, l'ultima domenica di maggio, si svolge la Festa di Santa Barbara e Sant'Isidoro, una festa campestre con i simulacri portati in processione in abiti tradizionali sul carro dei buoi dalla Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo fino alla Cappella, e con la Messa in onore dei due Santi, cui seguono balli in piazza e distribuzione di dolci e casu agedu, una cagliata di latte di capra o di pecora che è il tipico formaggio dell'Ogliastra.

Perdasdefogu-Processione per la Festa di Santa Barbara e di Sant'Isidoro Perdasdefogu-Processione per la Festa di Santa Barbara e di Sant'Isidoro

Il Parco Naturale di Bruncu Santoru

Da dove avevamo svoltato a sinistra per raggiungere la Cappella di Santa Barbara, proseguiamo invece lungo la strada che ci aveva portato qui proseguendo fuori dall'abitato come continuazione della via Regina Elena. Percorsi centottanta metri, si vede, alla sinistra della strada, una deviazione, ad angolo con la quale si trova la Funtana Abbamessi, che raccoglie le acque della significativa fonte dell'Azienda Agricola di Abbamessi.

Perdasdefogu-Funtana Abbamessi Perdasdefogu-Funtana Abbamessi

Proseguendo, la strada ci porta all'interno del Parco Naturale di Bruncu Santoru, che prende il nome dal Monte Bruncu Santoru la cui cima raggiunge i 643 metri di altezza, e nel quale, percorrendo incantevoli sentieri fra la folta vegetazione di lecci, ginepri e macchia mediterranea, si possono ammirare anche interessanti caratteristiche geologiche e botaniche. Recentemente si è inoltre provveduto a reintrodurre in quest'area dodici cervi sardi ed il muflone, animali che appartenevano in passato alla fauna autoctona ma erano ormai quasi scomparsi. All'interno del Parco Naturale, si incontrano, immerse tra le querce, le cascate di Luesu, tra cui il salto di 70 metri di Su Strumpu.

Perdasdefogu-Parco Naturale di Bruncu Santoru Perdasdefogu-Parco Naturale di Bruncu Santoru Perdasdefogu-Parco Naturale di Bruncu Santoru: cascata di Luesu

Perdasdefogu fa, inoltre, parte del Parco Geominerario, Storico ed Ambientale della Sardegna, che è stato istituito nel 2001, dato che nel suo territorio, all'interno di quello che oggi è il Parco Naturale di Bruncu Santoru, esisteva la Miniera di Nuraghe San Pietro, un giacimento di antracite, sfruttato dagli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale, fino agli anni immediatamente successivi, che ora costituisce un pezzo di archeologia industriale.

Perdasdefogu-Miniera di Nuraghe San Pietro: locale forgia ora ridotto a rudere Perdasdefogu-Miniera di Nuraghe San Pietro: imbocco principale della miniera chiuso con un cancello metallico

La Chiesa campestre del Santissimo Salvatore

Perdasdefogu-Foto dell'antica Chiesa campestre del Santissimo Salvatore nel 1958 prima della demolizioneDal centro di Perdasdefogu prendiamo verso ovest il vico Roma che ci ha portati alla Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo, il quale continua sulla via Roma, dopo circa uecento metri svoltiamo a destra e prendiamo la via Sebastiano Satta, la seguiamo per centosettanta metri, poi svoltiamo a sinistra e prendiamo la via San Salvatore, che esce dall'abitato in direzione ovest e ci porta in località S'Enna 'e Itta. In poco più di cinquecento metri, la strada svolta verso sinistra, e vediamo, alla destra della strada, la Chiesa campestre del Santissimo Salvatore, che risale, probabilmente, al quattordicesimo secolo, ed è stata demolita e ricostruita negli anni Sessanta del secolo scorso.

Perdasdefogu-Chiesa campestre del Santissimo Salvatore oggi Perdasdefogu-Chiesa campestre del Santissimo Salvatore oggi

Il 12 settembre si svolge la Festa di San Salvatore e di San Giovanni Battista, chiamata a Perdasdefogu la Festa Manna, che è una antica sagra le cui origini risalgono al Seicento e che si protrae per tre o quattro giorni. Ha inizio con il trasporto dei simulacri dei due Santi dalla Chiesa parrocchiale alla Chiesa campestre con una processione solenne, aperta dai fedeli che recano Su Pannu, ossia due canne incrociate e rivestite di stoffe colorate, lunghe tre metri e larghe uno, che simboleggiano gli ex voto dei contadini che, in passato, si rivolgevano al Santo per chiedergli di proteggere le coltivazioni. Durante i riti religiosi viene cantato il rosario in sardo al suono delle launeddas. Uno dei quattro giorni, detto Sa Dì de Sa Strangìa, è dedicato agli ospiti, ed un altro, detto Sa Dì 'e Is Barateddus, è dedicato a manifestazioni in onore dei venditori ambulanti. In passato molti dei fedeli si recavano alla chiesa del Santo in ginocchio, e compivano poi tre giri attorno all'edificio.

Perdasdefogu-Manifesto per la Festa di San Salvatore e San Giovanni Battista Perdasdefogu-Festa di San Salvatore e San Giovanni Battista Perdasdefogu-Festa di San Salvatore e San Giovanni Battista Perdasdefogu-Festa di San Salvatore e San Giovanni Battista

Resti del Nuraghe complesso Mont'e S'Orcu Tueri

Usciamo da Perdasdefogu in direzione sud ovest con la SP13 verso Escalaplano, percorsi due chilometri e mezzo dal centro del paese, subito dopo il cartello segnaletico che indica il chilometro 26, prendiamo la strada sterrata sulla destra che porta verso il Monte S'Orcu Tueri. Qui si trova un parcheggio sterrato ed il cartello descrittivo del sito archeologico. Proseguendo a piedi per cinque minuti lungo la strada sterrata, si raggiunge un sito archeologico all'interno del quale si trova il Nuraghe Mont'e S'Orcu Tueri, che domina l'altopiano calcareo a sud ovest del comune di Perdasdefogu.

Perdasdefogu-Nuraghe complesso Mont'e S'Orcu Tueri Perdasdefogu-Nuraghe complesso Mont'e S'Orcu Tueri Perdasdefogu-Nuraghe complesso Mont'e S'Orcu Tueri

Si tratta di un Nuraghe complesso costruito in blocchi di pietra di calcare situato ad un'altitudine di 526 metri, composto da tre torri orientate da nord a sud, ossia una torre principale posizionata a nord che è la più antica, e due corpi aggiunti a quest'ultima, resti dell'antemurale per buona parte del perimetro e i resti di alcune capanne. Non è in buono stato di conservazione, ma è ben conservato l'ingresso principale architravato con finestrella di scarico e i resti di una scala.

Il rinvenimenti di scheletri del periodo preistorico nella grotta Tueri

Perdasdefogu-Foto del rinvenimento di scheletri nella grotta TueriAll'interno di questo sito archeologico, a qualche centinaio di metri distanza dal Nuraghe in direzione nord ovest, si trova la grotta Tueri, una grotta funeraria lunga qualche decina di metri. In questa grotta gli archeologi sono intervenuti nel maggio 2014 dopo una segnalazione per un problema di manomissione del sito, dato che negli ultimi mesi la grotta era stata oggetto di scavi con pale e piccozze da parte dei comuni tombaroli alla ricerca di tesori da vendere al mercato clandestino.

Perdasdefogu-grotta Tueri Perdasdefogu-grotta Tueri: planimetria Perdasdefogu-grotta Tueri: ingresso Perdasdefogu-Ossa di un reperto rinvenuto nella grotta Tueri Perdasdefogu-Cranio di un reperto rinvenuto nella grotta Tueri

In questa grotta, negli anni Sessanta del Novecento, erano stati rinvenuti i resti di una quarantina di scheletri che poi gli esami di laboratorio hanno datato, gli uomini erano alti in media 164 centimetri e le donne 153 centimetri, la durata media della loro vita si aggirava intorno ai 40 anni. Nel corso della nuova esplorazione della grotta, gli archeologi hanno rinvenuto i resti di un'altra decina di scheletri, ed anche stavolta i resti umani ritrovati sono stati datati con precisione, e la datazione al radio carbonio li ha datati proprio al periodo nuragico, e collegati probabilmente al vicino complesso nuragico, che domina la vallata di Tremini con il suo inconfondibile tacco. I resti di 54 scheletri fanno ritorno a Perdasdefogu, ed ora faranno parte delle teche del Museo Naturalistico di Perdasdefogu, in modo da arricchire l'offerta turistica e culturale del parco naturale di Bruncu Santoru. 

L'Aviosuperficie Aliquirra

Aviosuperficie Aliquirra: la pista di volo vista dall'altoNella nostra visita al centro di Perdasdefogu, eravamo arrivati, percorrendo verso sud il corso Vittorio Emanuele, nella piazza Europa. Proseguiamo verso sud lungo la via Cristoforo Colombo, che costeggia sulla sinistra la piazza, e dopo duecentocinquanta metri, arriva di fronte all'ingresso del Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze del Salto di Quirra, che descriveremo più avanti. Qui prendiamo a sinistra la Strada Militare, che costeggia sulla sinistra il Poligono, la seguiamo per due chilometri e mezzo, poi prendiamo a sinistra una strada bianca che, in poco più di un chilometro, ci porta alla Aviosuperficie Aliquirra, che è il Campo di Volo di Perdasdefogu, il cui ingresso si trova alla sinistra della strada.

Aviosuperficie Aliquirra: ingresso Aviosuperficie Aliquirra: un aereo in rimessa Aviosuperficie Aliquirra: un aereo sulla pista di volo

L'impianto è gestito dalla Aliquirra, una Associazione Sportiva Dilettantistica dedicata alla divulgazione ed alla pratica del volare, nata nel lontano 1997 grazie alla determinazione ed alla volontà di un gruppo di amici. All'interno dell'impianto è presente una pista di volo lunga seicentocinquanta metri, della larghezza di ventiquattro metri, nella quale praticare come disciplina l'Aeronautica sportiva, ossia il Volo a motore, il Volo a vela, il Volo con ultraleggeri, il Paracadutismo e l'Aeromodellismo.

Il Poligono Militare di Salto di Quirra

Ingresso del Poligono Militare del Salto di QuirraStemma del Poligono Militare del Salto di QuirraNella nostra visita al centro di Perdasdefogu, eravamo arrivati, percorrendo verso sud il corso Vittorio Emanuele, nella piazza Europa. Proseguiamo verso sud lungo la via Cristoforo Colombo, che costeggia sulla sinistra la piazza, e dopo duecentocinquanta metri, arriva di fronte all'ingresso del Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze del Salto di Quirra, che è un poligono delle forze armate italiane costituito nel 1956, che si sviluppa verso sud ovest occupando tutta la zona fino al mare. È retto da un generale di brigata aerea dell'Aeronautica Militare italiana, posto alle dirette dipendenze del comandante della 1ª Divisione del Centro sperimentale di volo del Comando logistico. Comprende la base e il poligono a terra di Perdasdefogu, ed il distaccamento dell'Aeronautica Militare con il dipendente poligono a mare di Capo San Lorenzo in territorio di Villaputzu.

La vasta area nella quale si sviluppa il Poligono Militare del Salto di QuirraIl poligono è composto da personale proveniente per il 50% dall'Aeronautica Militare, il 35% dall'Esercito Italiano e il 15% dalla Marina Militare, e provvede, oltre che alla sperimentazione di missili e razzi, all'addestramento del personale delle tre Forze Armate, ed alle esigenze di molti Enti Scientifici nazionali e stranieri. È il poligono permanente life fire, adibito alle esercitazioni nazionali e internazionali con vero munizionamento da guerra, più vasto d'Europa. Fin dalla sua inaugurazione ha svolto un ruolo rilevante nella storia delle attività spaziali in Italia. Dalla fine degli anni Cinquanta fino agli anni Sessanta, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, l'Aeronautica Militare e la NASA hanno lanciato programmi per ricerche nell'alta atmosfera mediante razzi sonda e lanci di nubi di litio-sodio, effettuati con missili americani Nike-Cajun. Verso la metà degli anni Sessanta l'Italia ha portato avanti in assoluta segretezza sperimentazioni e tentativi per dotarsi dell'atomica, fortunatamente sventati dagli Stati Uniti d'America. Oggi opera sia nel settore della sperimentazione a terra ed in volo di sistemi d'arma complessi, che in quello dell'addestramento all'impiego di ogni tipologia di armamento per l'uso aereo, navale e terrestre. Nel corso degli anni il salto di Quirra ha ospitato sperimentazioni belliche e addestrato soldati di tante nazionalità.

Poligono Militare del Salto di Quirra Poligono Militare del Salto di Quirra Poligono Militare del Salto di Quirra Poligono Militare del Salto di Quirra

La nascita di bambini malformati e le morti sospette intorno al Salto di Quirra

Cartello che segnala la presenza di uranio vicino al Poligono militareTutta la zona intorno al Poligono Militare interforze di Salto di Quirra, è purtroppo nota per la frequente nascita di bambini malformati a Escalaplano, e per le molte morti sospette a Perdasdefogu. Sono state numerose le segnalazioni riguardo alla nascita di bestiame deforme nei pascoli attorno alla zona militare e al numero crescente di morti sospette per leucemie e linfomi di Hodgkin, malattia anche nota come sindrome del Golfo, riscontrato sia fra i militari operativi nella base, sia fra i pastori che usufruivano dei pascoli adiacenti. Le Asl di Cagliari e Lanusei hanno rivelato che il 65% degli allevatori di Quirra era ammalato di leucemia e si riscontravano numerose malformazioni. Nel poligono risulta che vengano sperimentate armi della Nato, per alcuni anni anche armi all'uranio impoverito, che, secondo documenti raccolti da un'inchiesta di Rai News, erano in possesso dell'Italia già dal 1985. Ciò sarebbe, secondo gli abitanti di Escalaplano, la principale causa del numero spropositato di nascite di bambini malformati. Nel 1988, ben il 20% dei bambini nati a Escalaplano presentava malformazioni di vario tipo. Sono frequenti casi di ermafroditismo, nascita di bimbi senza apparato digerente, privi di cervello, senza dita degli arti o con altre anomalie congenite. Oltre alle malformazioni dei bambini di Escalaplano, sono almeno sei le morti sospette per linfomi e tumori tra i militari impiegati nel poligono di Perdasdefogu. estremamente significativa è la storia del piccolo Polifemo, l'agnello nato nel dicembre 2011 in un ovile vicino al poligono, con un occhio solo al centro della fronte, con il cervello esposto e con orecchie molto più lunghe del normale. L'agnello è stato tenuto in vita per quattro giorni da un gruppo di veterinari sardi per cercare di ottenere il massimo dalle analisi effettuate sul sangue, ma poi, purtroppo i medici non hanno potuto far nient'altro che assistere alla sua morte.

Il piccolo Polifemo, un agnello malformato nato vicino al Poligono militare Un altro agnello malformato nato vicino al Poligono militare Un altro agnello malformato nato vicino al Poligono militare

Il ministero della difesa ha, però, escluso che nel poligono venissero impiegate armi all'uranio impoverito, ma nulla è stato in grado di dire di preciso su ciò che avveniva negli anni passati, dato che è costretto ad ammettere che non esistono più documenti ufficiali sulle attività svolte nel poligono prima del 1992. I vertici militari dell'area e le autorità locali hanno, inoltre, falsificato le perizie, e sostenuto che quei morti di cancro o i bambini nati con deformazioni fisiche erano il frutto di rapporti tra consanguinei...

La riesumazione dei resti dei pastori morti in modo sospetto e le indagini conseguenti

Perdasdefogu-Dalla trasmissione «Report - Morire di pace» di Rai Tre del 7 marzo 2004Comunque, a gennaio 2011, Domenico Fiordalisi, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lanusei, ha aperto un fascicolo a carico dei vertici dell'Aeronautica militare per l'inquinamento del poligono interforze di Salto di Quirra, ed ha ottenuto la riesumazione dei resti di diversi pastori che portavano le loro greggi nei dintorni del poligono, e le cui morti sono apparse come sospette. La svolta delle indagini si è avuta nel settembre 2011, quando sono stati esaminati i corpi di 167 vittime considerate morti sospette: pastori, soldati, cercatori di funghi ed asparagi che si recavano abitualmente nell'area adiacente al poligono. All'interno delle ossa di un centinaio di essi è stato trovato del torio 232, materiale ancora più radioattivo dell'uranio impoverito di cui si sospettava inizialmente. Ma, oltre al torio, è stato rinvenuto anche del cerio, un elemento artificiale che viene utilizzato nella fabbricazione artificiale del torio, che, in quanto elemento artificiale, non ci si aspettava di trovare nelle salme degli allevatori. D'altronde nella zona, in cui pascolavano oltre 15mila fra pecore e mucche, erano stati sparati 1.200 missili Milan e altre migliaia di bombe fra il 1998 ed il 2010. Molte di esse contenenti appunto il torio. L'indagine ha anche fatto emergere l'esistenza di una enorme discarica di sostanze tossiche e svariati residuati bellici provenienti dagli arsenali dell'Italia intera, e probabilmente anche dall'estero, visto che il poligono è utilizzato come centro di addestramento anche da molti eserciti stranieri.

Nel marzo 2012 sono stati emessi venti avvisi di chiusura delle indagini, notificati ad altrettanti indagati eccellenti. Risultano indagati per omissione dolosa aggravata di cautele contro infortuni e disastri, ben sei generali, comandanti del distaccamento di Capo San Lorenzo; insieme al responsabile del servizio di prevenzione e protezione del poligono dal 2000 fino al 2008. Tre componenti della apposita commissione istituita dal ministero della Difesa, sono accusati di omissione dolosa aggravata di cautele contro infortuni e disastri. Inoltre, quattro docenti universitari e tecnici dell'Istituto di Scienze Ambientali di Siena, oltre a due chimici dell'SGS, già indagati per falso ideologico, lo sono adesso anche per ostacolo aggravato alla difesa di un disastro. Ad essi si attribuisce anche di aver contribuito «a esporre alla radioattività militari, civili e pastori, nonche i numerosi animali da allevamento, con l'artificio di presentare come indagine tossicologica l'indagine geochimica effettuata, senza denunciare il grave pericolo delle anomale concentrazioni di torio riscontrate nelle aree che sono considerate ad alta intensità militare». Un medico del lavoro e docente universitarioviene accusato, insieme al sindaco di Perdasdefogu Walter Mura, tra le altre cose, anche di favoreggiamento aggravato. Novità sono emerge anche riguardo alle analisi, fatte sulle emissioni elettromagnetiche delle postazioni radar del poligono, per le quali i test fatti nel prcedente mese di giugno, non avevano trovato nulla di anomalo, ma la Procura ha scoperto che qualche addetto alle postazioni aveva abbassato la potenza dei radar prima del test, che è risultato, dunque, assolutamente falsato. I primi tre generali, sono accusati anche di aver «ostacolato l'opera di difesa in caso di disastro e omesso di riferire alle Aziende sanitarie di Lanusei e di Cagliari, e ai sindaci di Escalaplano e di Villaputzu e alle altre autorità competenti, che da molti anni avvenivano, con modalità illecite, brillamenti nel poligono in una zona che per le particolari caratteristiche orografiche poteva corrompere, adulterare o addirittura avvelenare le due sorgenti di acqua di Escalaplano e della frazione Quirra».

In data 11 luglio 2014 è stato comunicato il rinvio a giudizio di tutti i generali che hanno comandato il poligono dal 2004 al 2010 del Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze del Salto di Quirra con l'accusa di omissione dolosa e aggravata di cautele contro infortuni e disastri.

Il salvataggio del poligono dalla chiusura ed il rinvio a giudizio dei comandanti

Così, sull'onda delle proteste e delle indagini, nel maggio 2012 una commissione d'inchiesta del Senato ha approvato la relazione redatta dal democratico Gian Piero Scanu sulla riconversione di Perdasdefogu e del Salto di Quirra in polo di ricerca, assieme alla chiusura dei poligoni di Capo Teulada e Capo Frasca. All'indomani della storica decisione, lo scenario dovrebbe prevedere un'accelerazione nelle bonifiche di quella parte della Sardegna inquinata dalle attività militari del Salto di Quirra. La relazione Scanu chiede, in particolare, di «procedere al definitivo divieto di tutte le attività suscettibili di produrre grave pregiudizio alla salute e all'ambiente; di avviare, senza alcun ulteriore indugio, l'opera di bonifica radicale, coerentemente con le indicazioni sulla criticità della condizione ambientale, delle zone emerse dai progetti di caratterizzazione condotti e dall'indagine della Procura della Repubblica di Lanusei di concludere in tempi brevi l'indagine epidemiologica ad hoc e al tempo stesso intraprendere le iniziative necessarie per il conseguimento della certificazione ISO 14001 del poligono».

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, proseguiremo la visita dell'Ogliastra interna meridionale. Da Jerzu saliremo verso nord, passando per Ulassai e recandoci poi ad Osini, da dove ancora più a nord ci recheremo a visitare Gairo. Poi da Osini Vecchio ci recheremo verso l'interno dove visiteremo il paese di Ussassai.


pagina precedenteindice precedente

pagina successiva

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W