La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito di informazioni

pagina successiva

Come andare in Sardegna in aereo, via mare e come muoversi all’interno dell’isola

Le principali strade della SardegnaIn questa pagina illustreremo le diverse possibilità per raggiungere la Sardegna in aereo o via mare partendo dal continente. Illustreremo, poi, come ci si muove all'interno della Sardegna, sia con i mezzi propri, che con i treni delle Ferrovie dello Stato, o con le ferrovie secondarie oppure utilizzando i diversi servizi automobilistici gestiti dell'Azienda Regionale Sarda Trasporti. Vedremo, poi, come ci si muove in Sardegna utilizzando le ferrovie turistiche del Trenino Verde che percorre diverse tratte all'interno dell'Isola. Un click sull'immagine a lato fa vedere i diversi scali aeroportuali e portuali presenti in Sardegna e le principali vie di collegamento presenti sull'isola.

Come raggiungere la Sardegna

La Sardegna è un'isola distante 120 chilometri dalla costa della Toscana, e quindi molto di più dal resto dell'Italia. É quindi raggiungibile dal continente in aereo o via mare.

Come raggiungere la Sardegna in aereo

Partendo dai principali aeroporti nazionali ed europei, diversi voli permettono di raggiungere i quattro aeroporti della Sardegna:

freccia3Olbia Costa Smeralda, per arrivare alle località della Sardegna nord-orientale;

freccia3Alghero Fertilia, per arrivare alle località della Sardegna nordoccidentale;

freccia3Tortolì Arbatax, è un piccolo Aeroporto al quale arrivano principalmente voli charter;

freccia3Cagliari Elmas, per arrivare alle località della Sardegna meridionale. Sono previsti voli interni tra Cagliari ed Olbia.

Nel gennaio 2012, la Giunta regionale della Sardegna ha fortemente ridotto i fondi concessi agli aeroporti, che si era impegnata a concedere per il biennio 2012-2014, fino al dimezzamento dei fondi per l'Aeroporto di Alghero Fertilia, mettendo a rischio la loro sopravvivenza.

Come raggiungere la Sardegna via mare

Partendo dai principali porti della costa tirrenica italiana e francese e dalla Corsica, è possibile raggiungere i diversi porti della Sardegna:

freccia3Olbia, da dove raggiungere le località della Sardegna nordorientale; Golfo Aranci, a pochissima distanza da Olbia;

freccia3Porto Torres, da dove raggiungere le località della Sardegna nord-occidentale;

freccia3Arbatax, è un piccolo porto al quale arriva solo qualche traghetto;

freccia3Cagliari, per raggiungere le località della Sardegna meridionale.

Elenchiamo anche i traghetti che effettuano trasferimenti interni tra la Sardegna e le piccole isole che di trovano in prossimità delle sue coste:

freccia3all'isola la Maddalena si arriva da Palau;

freccia3alle isole Santa Maria, Budelli, Spargi si arriva da La Maddalena;

freccia3alla cittadina chiamata Carloforte sull'isola di San Pietro si arriva da Calasetta e Portovesme.

Informazioni su come raggiungere l'isola di Figarolo, l'Asinara, l'isola Mal di Ventre, Tavolara si possono richiedere sul posto.

La continuità territoriale

I residenti in Sardegna godono di condizioni di maggior favore per le norme tese a garantire la cosiddetta continuità territoriale. Condizioni particolari si hanno se si soddisfa almeno uno dei seguenti requisiti: essere nati o residenti in Sardegna; avere una età compresa dai due ai 25 anni studenti universitari sino ai 26 anni anziani dai 70 anni.

Le principali strade per muoversi all'interno della Sardegna

In tutta la Sardegna non esistono autostrade, ma sono presenti alcune strade a scorrimento veloce che consentono di muoversi agevolmente lungo tutte le principali direttrici di spostamento.

Le principali strade a scorrimento veloce sono:

freccia3La SS131 di Carlo Felice, che collega, da sud est a nord ovest, Cagliari ad Oristano,poi a Macomer, ed infine a Sassari ed a Porto Torres.

   Questa strada viene così chiamata in onore del re sabaudo che la ha fatta costruire seguendo il vecchio tracciato della via romana che univa Cagliari a Porto Torres.

freccia3La SS131 Diramazione Centrale Nuorese, che si satcca dalla SS131 di Carlo Felice e porta da Abbasanta in direzione nord est a Nuoro e quindi fino ad Olbia.

freccia3La SS130 Iglesiente, che porta da Cagliari verso ovest fino ad Iglesias.

Gli spostamenti lungo le coste avvengono, invece, lungo altre strade statali che percorrono tutta la circonferenza dell'Isola. Si tratta delle:

freccia3La SS200 dell'Anglona, che percorre la costa settentrionale.

freccia3La SS126 Occidentale Sarda, che percorre la costa ocidentale.

freccia3La SS195 Sulcitana, che percorre la costa meridionale.

freccia3La SS125 Orientale Sarda, che percorre la costa orientale.

Questa strade statali che percorrono la circonferenza dell'Isola hanno tutte molte curve e tornanti nei loro tratti interni, e sono spesso molto trafficate durante l'estate.

E se non si dispone di mezzi propri?

Le principali linee ferroviarie della SardegnaLe strade a scorrimento veloce permettono di raggiungere abbastanza agevolmente tutte le principali località dell'Isola. Ma, se non si dispone di un mezzo proprio, ci si può muovere tra le diverse località utilizzando la rete ferroviaria, che nel 2012 comprendeva linee che si sviluppavano per un totale di circa 1.038 chilometri di lunghezza. Di queste, sono 430 i chilometri a scartamento ordinario, di 1.435 millimetri, delle quali 380 chilometri a binario semplice e 50 chilometri a binario doppio; e circa 608 i chilometri a scartamento ridotto, di 950 millimetri. Non esistono tratte ferroviarie con alimentazione elettrica, per cui tutti i treni hanno alimentazione diesel. L'esercizio dell'attività ferroviaria nell'isola è gestito da due società. La prima, il gruppo Ferrovie dello Stato, che gestisce tramite le controllate RFI e Trenitalia le quattro linee ferroviarie a scartamento ordinario, che compongono la rete principale dell'Isola. Le restanti cinque tratte attive nel trasporto pubblico, tutte a scartamento ridotto, costituiscono la rete secondaria, estesa per 204 chilometri ed interamente gestita dall'Azienda Regionale Sarda Trasporti. Questa società controlla inoltre 404 chilometri di linee turistiche, sempre a scartamento ridotto, attive soprattutto in estate e su richiesta delle comitive di turisti. Al di là dei servizi ferroviari, è presente una rete di servizi di autotrasporto su pullman, forniti anch'essi dall'Azienda Regionale Sarda Trasporti.

Le linee ferroviarie gestite dalle Ferrovie dello Stato

Sardegna: sito di TrenitaliaAll'interno dell'Isola la rete ferroviaria delle Ferrovie dello Stato dispone di una tratta principale, nota anche come Dorsale Sarda, che copre l'itinerario da Cagliari per Oristano, Macomer, Ozieri Chilivani, fino a Olbia ed a Porto Torres, seguendo quasi parallelamente il percorso della SS131 di Carlo Felice; dalla quale si separa una tratta da Ozieri Chilivani a Olbia e Golfo Aranci, ed una seconda diramazione che da Decimomannu raggiunge uno dei due capolinea Iglesias o Carbonia Serbariu. La ferrovia nasce nella seconda metà del diciannovesimo secolo ad opera della Compagnia Reale delle Ferrovie Sarde per collegare Cagliari con le due principali località portuali del nord della Sardegna dell'epoca, Olbia e Porto Torres, secondo un progetto dell'ingegnere inglese Benjamin Piercy. L'inaugurazione avviene in maniera progressiva, tra il 1871, quando viene aperto al traffico il primo tronco da Cagliari a Villasor, ed il 1881, quando viene inaugurata la tratta da Olbia, allora nota come Terranova Pausania, al suo porto dell'Isola Bianca. La linea per Porto Torres, passante anche per Sassari e che quindi garantisce anche il collegamento tra le due maggiori Città sarde, viene completata nel 1874, e collegata alla linea da Cagliari ad Olbia nel 1880. L'1 gennaio 1920 termina la concessione della Compagnia Reale delle Ferrovie Sarde e la linea viene statalizzata passando, come tutta la rete a scartamento ordinario sarda, alle Ferrovie dello Stato.

Le tratte oggi gestite dalle Ferrovie dello Stato sono:

freccia3Cagliari-Porto Torres, con il percorso: Cagliari, Cagliari Santa Gilla, Elmas Aeroporto, Cagliari Elmas, Assemini Carmine, Assemini, Assemini Santa Lucia, Decimomannu, Villasor, Serramanna Nuraminis, Samassi-Serrenti, San Gavino, Uras-Mogoro, Marrubiu-Terralba-Arborea, Oristano, Solarussa, Paulilatino, Abbasanta, Borore, Macomer, Bonorva, Giave, Ozieri Chilivani, Ploaghe, Sassari, Porto Torres.

Da questa si separano le diramazioni:

freccia3Cagliari-Golfo Aranci, con il percorso: Cagliari,... Ozieri Chilivani, Oschiri, Berchidda, Monti-Telti, Su Canale, Olbia, Rudalza, Marinella, Golfo Aranci

freccia3Cagliari-Iglesias, con il percorso: Cagliari,... Decimomannu, Siliqua, Villaspeciosa-Uta, Villamassargia, Iglesias;

freccia3Cagliari-Carbonia Serbariu, con il percorso: Cagliari,... Decimomannu,... Villamassargia, Carbonia Serbariu.

Tutte le informazioni sulle tratte servite, sugli orari, le condizioni per prenotarsi ed i prezzi si trovano sul sito di Trenitalia al quale rimandiamo per maggiori dettagli.

Le linee ferroviarie ed i servizi automobilistici gestiti dell'Azienda Regionale Sarda Trasporti

Sardegna: sito dell'Azienda regionale Sarda TrasportiUn servizio molto più capillare nell'isola viene, quindi, fornito dall'Azienda Regionale Sarda Trasporti, ossia dalla ARST, con linee che collegano non solo le principali località, ma anche i paesi più sperduti dell'interno dell'Isola. Le linee ferroviarie secondarie della Sardegna, che operavano su tratte a scartamento ridotto, vengono unificate nel 1989 nella società Ferrovie della Sardegna, nata dalla fusione delle linee dei compartimenti di Cagliari e Macomer delle Ferrovie Complementari della Sardegna, con quelle delle Strade Ferrate Sarde, queste ultime aventi come capolinea sempre Sassari.

Il servizio ferroviario delle Ferrovie della Sardegna viene organizzato in tre compartimenti. Il compartimento di Cagliari, con sede a Monserrato, che controlla le tratte:

freccia3Cagliari-Isili, con il percorso: Cagliari, Monserrato, Selargius, Settimo San Pietro, Soleminis, Dolianova, Donori, Barrali-Pimentel, Senorbì, Suelli, Gesico-Siurgus Donigalia, Mandas, Serri, Isili

freccia3Mandas-Arbatax, dal 1997 attiva solo come ferrovia turistica del Trenino Verde;

freccia3Isili-Sorgono, dal 1997 attiva solo come ferrovia turistica del Trenino Verde.

Il compartimento di Macomer, che controlla le tratte:

freccia3Macomer-Nuoro, con il percorso: Macomer, Birori, Bortigali, Silanus, Lei, Bolotana, Tirso, Iscra, Orotelli, Oniferi, Prato Sardo, Nuoro;

freccia3Macomer-Bosa Marina, dal 1997 attiva solo come ferrovia turistica del Trenino Verde.

Il compartimento di Sassari, che controlla le linee:

freccia3Sassari-Alghero, con il percorso: Sassari, Santa Maria, Molafà, San Giorgio, Arcone, Olmedo, Punta Moro, Alghero;

freccia3Sassari-Sorso, con il percorso: Sassari, Santa Maria di Pisa, Rodda Quadda, Crabulazzi, Funtana Niedda, Sorso;

freccia3Sassari-Palau, per la quale il servizio di trasporto pubblico è rimasto attivo solo nella tratta Sassari-Nulvi, con il percorso: Sassari, Baddimanna, Filigheddu, Achettas, Osilo, Fenosu, Nulvi mentre dal 1997 il tratto Nulvi-Palau è attivo solo come ferrovia turistica del Trenino Verde.

Nel gennaio 1997 le Ferrovie della Sardegna passano sotto il controllo diretto delle Ferrovie dello Stato, che dopo pochi mesi decidono la chiusura al traffico ordinario di due terzi della rete, con molti malumori nella popolazione.

Dal punto di vista dei trasporti su gomma, in quegli anni le Ferrovie della Sardegna sebentrano alle Autolinee Pani in alcune importanti tratte regionali, come quella che collega Cagliari con Sassari. Nel 2008 si verifica il passaggio delle Ferrovie della Sardegna dallo Stato alla Regione Autonoma della Sardegna, che decide di inglobarla nell'Azienda Regionale Sarda Trasporti, creando così un unico ente regionale per i trasporti extraurbani in Sardegna, siano essi su gomma che su binario a scartamento ridotto.

Oggi la ARST opera in tutta la Sardegna prevalentememte con servizi extraurbani, nonche con servizi urbani nelle Città di Alghero, Carbonia, Iglesias, Macomer e Oristano. Nei Comuni di Cagliari e Sassari gestisce inoltre due linee di metrotranvia denominate Metrocagliari e Metrosassari.

Tutte le informazioni sulle tratte servite, sugli orari, le condizioni per prenotarsi ed i prezzi si trovano sul sito dell'ARST al quale rimandiamo per maggiori dettagli.

Il Trenino Verde

Il Trenino VerdeIl viaggio attraverso l'interno della Sardegna con il Trenino Verde è una delle possibilità per portarsi a casa un ricordo assolutamente unico di quest'isola indimenticabile. La ARST propone diverse tratte percorribili con il Trenino Verde. In tutti i casi, il viaggio è tra i più belli che si possano fare attraverso paesaggi difficilmente raggiungibili in altro modo, a bordo di un mezzo deliziosamente lento, che passa con leggerezza attraverso un territorio dall'equilibrio ambientale estremamente delicato. Al passeggero si presentano angoli di paesaggio poco conosciuti dove non si trova traccia di opera d'uomo, sembra che la ferrovia faccia parte di questo paesaggio, e che le stazioni, le case cantoniere, le gallerie e i ponti siano posti lì da sempre, inseriti in perfetta armonia tra i boschi e le montagne.

Le tratte percorse dal Trenino Verde sono:

freccia3Mandas-Arbatax, con il percorso: Mandas, Orroli, Nurri, Villanova Tulo, Betili, Esterzili, Sadali-Seulo, Seui, Anulù, San Gerolamo, Niala, Ussasai, Gairo, Villagrande, Arzana, Lanusei, Elini, Sella Elecci, Tortolì, Arbatax (è la tratta più nota e senz'altro la più affascinante);

freccia3Mandas-Sorgono, con il percorso: Mandas, Serri, Isili, Sarcidano, Nurallao, Cignoni, Laconi, Funtanamela, Ortuabis, Meana Sardo, Belvì-Aritzo, Desulo-Tonara, Sorgono;

freccia3Macomer-Bosa Marina, con il percorso: Macomer, Bara, Sindia, Tinnura, Tresnuraghes-Magomadas-Cuglieri, Nigolosu, Modolo, Bosa Marina;

freccia3Nulvi-Palau, con il percorso: Nulvi, Martis, Laerru, Perfugas, Coghinas, Scala Ruia, Bortigiadas, Aggius, Tempio Pausania, Nuchis, Luras, Calangianus, San Leonardo, Rio Piatto, Sant'Antonio, Oddastru, Caldosa, Arzachena, Surrau, Palau.

Tutte le informazioni sulle tratte servite, sugli orari, le condizioni per prenotarsi ed i prezzi si trovano sul sito del Trenino Verde al quale rimandiamo per maggiori dettagli.

Qualche consiglio per la visita dell'Isola

Diamo ora qualche consiglio per l'accesso ai siti archeologici ed alle spiagge.

Qualche consiglio per l'accesso ai siti archeologici

L'ingresso ai siti archeologici della Sardegna era fino agli anni scorsi libero; oggi quasi tutti sono recintati e solitamente una cooperativa ne gestisce l'accesso a pagamento. Per evitare Viaggi a vuoto come è capitato a me, suggeriamo di informarvi preventivamente sugli orari di apertura. Spesso queste cooperative se la prendono comoda, rendendo non fruibili i siti da fine mattina a metà pomeriggio, quando la temperatura è più alta. Così diviene pressoche impossibile, per un Viaggiatore di passaggio, visitare gran parte delle bellezze archeologiche dell'Isola.

Qualche consiglio per l'accesso alle spiagge

A volte l'accesso alle spiagge è limitato, ma rammentiamo a tutti che, con una sentenza del 6 febbraio 2001, la Corte di Cassazione ha dichiarato che nessuna proprietà privata e per nessun motivo può impedire l'accesso al mare alla collettività, se la proprietà stessa è l'unica via per raggiungere una determinata spiaggia. Fatevi rispettare, la legge è dalla vostra parte.

La prossima pagina

Nella prossima pagina inizieremo a raccontare la storia della Sardegna, dal periodo preistorico al periodo Fenicio e cartaginese, al periodo della dominazione romana, all'epoca giudicale, al periodo aragonese e spagnolo, fino alla dominazione sabauda ed alla Sardegna attuale.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W