La mia SardegnaBandiera della Sardegna

Home page Guest book Siti amici Sostienici Scrivici Mappa del sito

pagina precedenteindice precedente

Visita del sito istituzionale del comune

pagina successiva

Villa San Pietro con nei dintorni la Tomba di giganti di Perda 'e Accuzzai ed i resti del Nuraghe Mereu

In questa tappa del nostro viaggio, proseguiremo la visita del Sulcis Iglsiente, e da Pula ci recheremo a visitare Villa San Pietro, dove vedremo il centro abitato ed i suoi dintorni.

La Regione storica del Sulcis Iglesiente

Il Sulcis IglesienteL'area della Regione storica del Sulcis Iglesiente (nome in lingua sarda Sa Meurreddìa S'Igresienti) si estende a nord della valle del Cixerri. Confina a nord est con il Campidano ed ha una forma vagamente triangolare. Appartiene alla Provincia del Sud Sardegna ed a quella di Cagliari. I suoi comuni nella Provincia del Sud Sardegna sono Buggerru, Calasetta, Carbonia, Carloforte, Domus de Maria, Domusnovas, Fluminimaggiore, Giba, Gonnesa, Iglesias, Masainas, Musei, Narcao, Nuxis, Perdaxius, Piscinas, Portoscuso, San Giovanni Suergiu, Sant'Anna Arresi, Sant'Antioco, Santadi, Siliqua, Teulada, Tratalias, Villamassargia e Villaperuccio. Quelli nella Città Metropolitana di Cagliari sono Pula, Sarroch e Villa San Pietro. È un territorio in cui la natura è incontaminata, nei rilievi montuosi come nelle valli irrorate da fiumi che talvolta precipitano in spettacolari cascate, nelle profonde grotte come nel tratto costiero, caratterizzato da ampie spiagge, tra cui spicca Piscinas, con le sue metafisiche dune di sabbia, o la splendida insenatura di Masua, che guarda il faraglione calcareo di Pan di Zucchero.

Visualizza la mappa In viaggio verso Villa San Pietro

Dal Municipio di Pula, seguendo il corso Vittorio Emanuele verso nord, arriviamo in piazza del Popolo, prendiamo verso sinistra la via Monte Santo, che, in seicento metri, ci porta sulla SS195 Sulcitana. La prendiamo a destra, verso nord, e percorriamo circa due chilometri e mezzo. All'altezza del chilometro 26.1, seguendo le indicazioni, prendiamo a sinistra la strada che entra nel paese. Si tratta del corso Vittorio Emanuele, che, in circa cinquecento metri, ci porta nel centro dell'abitato. Dal Municipio di Pula a quello di Villa San Pietro si percorrono 3.7 chilometri.

La cittadina chiamata Villa San Pietro Informazioni turistiche

Villa San Pietro-Tramonto a Villa San PietroVilla San Pietro-Stemma del comuneLa cittadina chiamata Villa San Pietro (nome in lingua sarda Santu Pedru o Santu Peldu, metri 37, abitanti 1.815) è un Comune della Città metropolitana di Cagliari, conurbato con il capoluogo. Si tratta di un Comune collinare ad economia agropastorale, situato nella parte meridionale della Città metropolitana di Cagliari, nell'entroterra della costa, in una zona pianeggiante delimitata dal Rio Mannu e dal Rio de Su Molenti, che si sviluppa dal mare verso la montagna, alle falde del monte Punta Sa Cresia, così chiamato per la Chiesa del tredicesimo secolo dedicata appunto al Santo, che si trova in territorio di Pula. Il comune, che è l'unico della zona senza sbocco sul mare, è raggiungibile tramite la SS195 Sulcitana, che ne attraversa il territorio. Gli abitanti vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale, e solo in piccola parte si distribuisce in case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate, che vanno da un minimo di 10 a un massimo di 992 metri sul livello del mare. Il Comune di Villa San Pietro fa parte dell'Associazione Nazionale Città della Terra Cruda, nata per promuovere il recupero delle tradizioni e del patrimonio edilizio, naturalistico, artistico e storico delle comunità.

Origine del nome

Il nome del Comune è composto dal termine Villa, al quale è collegato l’agionimo, ossia il nome di luogo derivato dal nome di un Santo, che è San Pietro, il Santo patrono del comune.

La sua economia

Il Comune di Villa San Pietro, alle tradizionali attività agricole, ha affiancato anche alcune modeste iniziative industriali. Il settore primario è presente con la coltivazione di cereali, frumento, ortaggi, foraggi, vite, olivo, agrumi e frutta; e con l'allevamento di suini, ovini, caprini, equini e avicoli. Il settore economico secondario è costituito da imprese che operano nei comparti alimentare, dell'abbigliamento, metallurgico ed edile. Il terziario non assume dimensioni rilevanti. L'ottima posizione geografica, con la vicinanza del mare e delle montagne, nonche il clima mite e soleggiato, hanno permesso lo sviluppo turistico dell'area.

Brevi cenni storici

La presenza nel suo territorio di cinque tombe dei gigant, delle quali solo una in buono stato di conservazione, e di un Nuraghe ancora in buona parte sotterrato, testimoniano che il territorio di Villa San Pietro viene abitato sin dall'epoca preistorica. Il borgo è di origine romana. Già denominato in sardo Santu Pedru de Nuras in epoca medievale, il borgo appartiene al Giudicato di Cagliari, nella curatoria di Nora, e nelle diocesi di Cagliari e Doria. Di quel periodo degna di nota è la piccola e graziosa Chiesa romanica del tredicesimo secolo intitolata a San Pietro. Nel 1323 viene concesso in feudo ai conti di Donoratico. Eretta a marchesato, nel 1603 la contea viene data in feudo ai Centelles de Ruisech, famiglia oriunda della Catalogna. Nel corso dei secoli l’abitato viene più volte abbandonato per le continue scorribande condotte dai Saraceni, a partire dall’inizio del Settecento fino ai primi anni del Novecento. Nel 1728 assume la denominazione di Villa San Pietro. In seguito, dal 1805 al 1948, diventa una frazione Pula, denominata San Pietro Pula. Nel 1839, viene riscattata dagli Osorio, e viene dichiarata, qualche anno dopo, Comune autonomo. Il Comune di San Pietro Pula nel 1927 viene aggregato al Comune di Pula, dal quale nel 1946 viene nuovamente separato. Del Comune di San Pietro Pula nel 1950 viene cambiata la denominazione in Villa San Pietro.

Principali Feste e Sagre che si svolgono a Villa San Pietro

Villa San Pietro-Sfilata delle traccas i tradizionali carri a buoi riccamente addobbatiA Villa San Pietro non si svolgono molte manifestazioni folcloristiche o religiose, che potrebbero allietare il borgo e richiamare visitatori dai dintorni. Vanno, comunque, citate, il 2 e il 4 maggio, le due fermate della processione di Sant'Efisio, alla casa Fadda ed alla Villa Atzori il 29 giugno, la Festa patronale, dedicata a San Pietro; il 16 agosto, la Sagra del raviolo; l'1 settembre, la Festa di Sant'Isidoro Agricoltore. Nelle diverse Feste che si svolgono nell'abitato edanche in altre località, è possibile ammirare il costume tradizionale del luogo, ed in molte di esse si può assistere alla sfilata delle traccas, i tradizionali carri a buoi riccamente addobbati.

Visualizza la mappa Visita del centro della cittadina

All'interno del paese si possono ammirare numerose antiche case campidanesi, le cui fondamenta sono costruite utilizzando pietre raccolte sul greto dei fiumi, mentre le mura sono realizzate utilizzando i tradizionali ladiri, dal latino later, ossia argilla, ossia mattoni a secco realizzati con fango e paglia.

Villa San Pietro-Antiche case campidanesi Villa San Pietro-Antiche case campidanesi Villa San Pietro-Antiche case campidanesi

Entriamo nell'abitato, che è interessato da un fenomeno di forte crescita edilizia, e mostra un andamento plano altimetrico tipico delle zone collinari, attraverso il corso Vittorio Emanuele, che parte alla sinistra della SS195 Sulcitana.

La vecchia Chiesa dedicata a San Pietro Apostolo

Il corso Vittorio Emanuele, in circa cinquecento metri, ci porta nel centro del paese, prendiamo a sinistra la via Gugliemo Marconi che, in una cinquantina di metri, ci porta, alla sinistra della strada, in piazza San Pietro, una piazza a forma circolare, e si ricorda che, anticamente, dove ora c'è la Piazza, sorgeva il Cimitero, perché così gli abitanti del paese non erano costretti a spostarsi per andare a onorare i propri defunti. Al centro della piazza si trova la vecchia Chiesa dedicata a San Pietro, che era la parrocchiale del paese, costruita dai Pisani nel tredicesimo secolo in stile romanico gotico. La Chiesa, che veniva chiamata Sa Cresiedda, è stata un luogo di rifugio per coloro i quali fuggivano dalle vicine Pula e Sarroch, oggetto di frequenti incursioni dei Saraceni. Ha la pianta a navata unica absidata, con copertura in legno, ed un interno povero. La facciata è divisa in tre spicchi da archi a sesto acuto, è ornata da decine di archetti pensili, ha il portale a tutto sesto sormontato da una finestra circolare. Al di sopra, al centro, si trova il campanile a vela, ed è presente un portale pisano sul fianco sinistro. La Chiesa è stata restaurata di recente.

Villa San Pietro-Antica parrocchiale dedicata a San Pietro Villa San Pietro-Antica parrocchiale dedicata a San Pietro: facciata Villa San Pietro-Antica parrocchiale dedicata a San Pietro: retro Villa San Pietro: scultura vicino alla antica parrocchiale dedicata a San Pietro

Il 2 maggio, la processione di Sant'Efisio, che proviene da Cagliari, passa per Villa San Pietro, dove, dopo la sosta a casa Fadda, nella Chiesa di San Pietro il Santo indossa i vestiti della Festa, che aveva tolto a Giorgino, e riprende il suo viaggio verso Pula e Nora.

Il Municipio di Villa San Pietro

Di fronte alla facciata della vecchia Chiesa di San Pietro, in piazza San Pietro, al civico numero 6, si trova l'edificio che ospita la sede e gli uffici del Municipio di Villa San Pietro.

La Casa Fadda

Villa San Pietro-La Casa Fadda: cancello di ingressoAlla sinistra della Chiesa di San Pietro, subito prima che dalla piazza parta verso destra la via Roma, al civico numero 18, si trova la Casa Fadda, dove abita una delle due famiglie che rinnovano, dal '43, l'accoglienza dei pellegrini durante la processione di Sant'Efisio. La mattina del 2 maggio, dopo la messa nella Chiesa parrocchiale di Sarroch, la processione, che proviene da Cagliari, parte per Villa San Pietro, dove il Santo è salutato ed acclamato dai tanti paesani che lo attendono trepidanti.

La fermata della processione di Sant'Efisio nella Casa Fadda

Villa San Pietro-Arrivo della processione di Sant'Efisio in Casa FaddaQui il corteo fa la sua sesta fermata, di un paio d'ore, il cocchio si ferma nella piazzetta antistante la Chiesa di San Pietro, dove il simulacro viene caricato a spalla e condotto in processione lungo le strade del paese, coperte da un letto di erbe profumate. Nel frattempo a casa Fadda, dove tutti i pellegrini trovano ospitalità, il cocchio riprende il giogo di buoi della famiglia Lecca, che vengono addobbati per l'ingresso a Pula. Nella Chiesa di San Pietro il Santo indossa nuovamente i vestiti della Festa, che aveva tolto a Giorgino. Conclusa la Messa, il corteo riparte da Villa San Pietro in direzione di Pula.

La Villa Atzori

Villa San Pietro-La Villa Atzori: cancello di ingressoDalla piazza San Pietro prendiamo verso destra la via Roma, che, dopo un centinaio di metri, continua sul viale Cagliari. Qui, subito sulla sinistra, al civico numero 2, troviamo l'ingresso della Villa Atzori, dove abita la seconda delle due famiglie che rinnovano, dal '43, l'accoglienza dei pellegrini durante la processione di Sant'Efisio. Il 4 maggio, la processione, di ritorno da Pula verso Cagliari, fa una seconda tappa a Villa San Pietro. Il Santo, sul cocchio di campagna, fa il giro della villa Atzori, ed indossa un mantello d'oro della famiglia, prima di riprendere il suo cammino verso Cagliari.

La fermata della processione di Sant'Efisio nella Villa Atzori

Villa San Pietro-Arrivo della processione di Sant'Efisio in Villa AtzoriQuesta sosta nella Villa Atzori si ripete dal 1943, quando Sant'Efisio vi arriva la notte del primo maggio sul camioncino che lo aveva portato da Cagliari bombardata, guidato da Mario Atzori, scampato a un attacco di un aereo inglese poco prima a Villa d'Orrì. Egli spolvera il Santo dato che è pieno di calcinacci essendo stato raccolto da terra, e lo porta a casa sua. Poco dopo, la casa è piena di migliaia di persone accorse per accogliere il simulacro di Sant'Efisio. Così Mario, in piena guerra, contribuisce al perpetuarsi del voto del 1656, facendo sì che il Santo, che proviene da Cagliari, arrivi a Villa San Pietro, e qui si è fermato, dato che sarebbe troppo pericoloso portarlo sotto i bombardamenti fino a Nora.

La nuova Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo

La vecchia Chiesa, ormai in disuso, è stata sostituita da una Chiesa nuova, fin troppo grande per una cittadina chiamata neanche 2.000 abitanti, edificata in un ampio spazio. Si dice che questa Chiesa nuova sia stata riempita solo per il funerale dei tre giovani di Villa San Pietro morti nell'incidente nella raffineria di Sarroch nel 2009. Per raggiungerla, continuiamo lungo il corso Vittorio Emanuele per un centinaio di metri dopo l'imbocco della via Guglielmo Marconi, poi prendiamo a destra il viale Cagliari, e, dopo duecento metri, troviamo alla destra della strada l'ampio spazio nel quale si trova la nuova Chiesa, situata al civico numero 7.

Villa San Pietro-La nuova Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo Villa San Pietro-La nuova Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo Villa San Pietro-La nuova Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo: interno

Il 29 giugno nel paese chiamato Villa San Pietro si celebra la Festa del patrono San Pietro, oltre ai riti religiosi vengono organizzati i festeggiamenti civili e religiosis, pettacoli folkloristici, gare poetiche e sportive. In particolare, oltre alla processione del simulacro del Santo per le vie del paese, è possibile assistere gratuitamente a spettacoli di artisti locali e di valenza regionale. È ormai tradizione far esibire il coro parrocchiale, composto in specie da ragazzi, in una gara canora a partecipazione libera.

Presso questa Chiesa l'1 settembre si svolge la Festa di Sant'Isidoro Agricoltore, con la messa presso la Chiesa nuova, ed, al termine della Messa, si svolge la processione con il simulacro di Sant'Isidoro per le vie del paese.

Il Campo Sportivo di Villa San Pietro

Dal viale Cagliari, arrivati all'ampio spazio davanti alla Chiesa parrocchiale, prendiamo a sinistra la via Nuoro, che, in duecento metri, ci porta al Campo Sportivo di Villa San Pietro, che si trova alla destra della strada.

Il Cimitero comunale di Villa San Pietro

Dal viale Cagliari, arrivati all'ampio spazio davanti alla Chiesa parrocchiale, prendiamo a sinistra la via Nuoro, dopo un centinaio di metri prendiamo a sinistra il viale del Cimitero, che, in un altro centinaio di metri, ci porta di fronte all'ingresso del Cimitero comunale di Villa San Pietro.

Visualizza la mappa Nei dintorni di Villa San Pietro

Sono pochi i resti archeologici che si trovano nei dintorni di Villa San Pietro, dato che nei suoi dintorni sono stati portati alla luce solo i resti delle Tombe di giganti Cuccumeu, Perda 'e Accuzzai, Su Lilloni I, Su Lilloni II, Su Lilloni III.

Resti della Tomba di giganti di Perda 'e Accuzzai

Villa San Pietro-La Tomba di giganti di Perda 'e AccuzzaiUsciamo da Villa San Pietro verso ovest con la via Camillo Benso Conte di Cavour, dopo trecento metri arriviamo a una rotonda, alla quale prendiamo la prima uscita ed imbocchiamo la via Pedemontana che si dirige verso nord ovest. Percorsi circa tre chilometri e mezzo prendiamo a destra, e, dopo duecentocinquanta metri, a sinistra. Dopo poche decine di metri, un sentiero nella boscaglia, non segnalato, porta alla Tomba di giganti di Perda 'e Accuzzai, la meglio conservata tra le Tombe di giganti che si trovano in territorio di Villa San Pietro. É difficlmente raggiungibile.

Ai confini con il territorio di Sarroch

Al confine tra il territorio di Villa San Pietro e quello di Sarroch si trova il Nuraghe Mereu, che appartiene al Comune di Sarroch, mentre sulla costa si trova la bella spiaggia di Perd'e Sali, facilmente raggiungibile all'abitato di Villa San Pietro anche se appartiene anch'essa al territorio di Sarroch. Entrambi verranno descritti quando parleremo del Comune di Sarroch.

La prossima tappa del nostro viaggio

Nella prossima tappa del nostro viaggio, proseguiremo la visita del Sulcis Iglesiente recandoci, da Villa San Pietro, a visitare Sarroch con la sua importante area industriale. Visiteremo la cittadina con la sua costiera ed i suoi dintorni con la importante Villa d'Orrì.


pagina precedenteindice precedente

Sardegna Holiday

pagina successiva

Vota questo sito su Sardegna Top 50

Tutte le foto e riprese sono state effettuate a scopo amatoriale per uso personale senza fini di lucro. Alle nostre foto se ne aggiungono altre inviateci da amici, alcune tratte da wikipedia.org ed altre sono tratte da Internet. Alcune informazioni sulle descrizioni dei comuni sono tratte da italiapedia.it, informazioni sui siti archeologici da tharros.info, foto sono tratte da viaggioinsardegna.it, descrizoni e foto di chiese da Chiesedisardegna.weebly.com e Chiesecampestri.it, foto di stazioni ferroviarie da lestradeferrate.it, foto di impianti sportivi da sardegnasport.it, altre da siti differenti. È consentito scaricare testi, foto e riprese dell'autore per uso privato senza eliminare i riferimenti. È vietato qualsiasi utilizzo commerciale del materiale in assenza di apposita autorizzazione. Non è consentita la riproduzione delle foto e riprese di terzi, dei libri e di altro materiale non realizzato dall'autore.

© Claudio de Tisi 2002-2018 - Codice Fiscale DTSCLD44M23F132W